Partecipa a un ritiro yoga + surf

È mezzogiorno e il sole picchia sulla sonnolenta cittadina balneare messicana di Sayulita. Mentre l'insegnante di surf e il nostro gruppo si dirigono verso il punto in cui le onde iniziano a rompersi, sono grato di essere circondato dalle fresche acque del Pacifico. Guardando la distesa dell'oceano, sento un mix carico di adrenalina di fiducia e paura. Quando un'onda si avvicina e inizia a crestare, l'istruttore Israel Preciado mi fa segno di girare la tavola in modo che possa spingermi con forza nell'onda. "Pagaia, pagaia," urla. "Adesso su!" Con mio grande stupore, mi metto in posizione eretta. Seguendo le istruzioni della nostra prima lezione sulla spiaggia, tengo le ginocchia piegate, sposto il peso da un piede all'altro per controllare la mia velocità e cavalco l'onda fino a riva.

Ho viaggiato qui per dedicare un po 'di tempo alla mia pratica yoga e anche per imparare a fare surf, cosa che volevo fare da anni. Via Yoga, una società di Seattle specializzata in vacanze yoga, conduce ritiri di yoga e surf a Sayulita dal 2002. Il nostro viaggio di sette giorni si divide tra lezioni di surf giornaliere con Preciado e momenti seri sui nostri materassini. Le nostre lezioni di Ashtanga Yoga due volte al giorno enfatizzano l'equilibrio e la forza del core e delle braccia per migliorare le nostre possibilità di prendere le onde. Ma per iniziare, una delle nostre prime lezioni riguarda come bilanciare lo sforzo e la resa. Nella mia pratica yoga e nella mia vita, mi ritrovo spesso a sforzarmi più che a rilassarmi e a prosperare per la fretta che provo quando mi spingo al limite. Questo approccio, siamo avvertiti, non funzionerà per il surf. Invece questa settimana noi 'Impegneremo la pazienza e il non giudizio anche mentre facciamo il lavoro fisico necessario per salire sulla lavagna. Tornato in spiaggia, però, sono euforico. Avevo sperato che entro la fine del ritiro avrei cavalcato le onde, ma non mi sarei mai aspettato di alzarmi al primo tentativo. Gli altri cinque yogi del nostro gruppo esultano dall'acqua, dove stanno aspettando il loro turno, e io corro di nuovo nell'oceano, pronto a farlo di nuovo.

Leggere le onde

All'inizio della seconda giornata di lezioni, Preciado annuncia che non ci spingerà più tra le onde. Invece, dobbiamo aspettare nell'oceano dove le onde crollano finché non individuiamo un edificio verso la riva. Ci dice di puntare la tavola verso la spiaggia e poi di remare - velocemente. Il tempismo è fondamentale: inizia a remare troppo presto e ci stancheremo prima di costruire la velocità necessaria per salire prima della pausa. Inizia troppo tardi e l'onda rotolerà proprio sotto la tavola senza sollevarla sulla cresta. Tuttavia, se calcoliamo bene i tempi, premeremo verso l'alto dal tabellone e, se tutto va bene, resteremo in equilibrio mentre voliamo verso la spiaggia.

Sono pronto per la sfida, ma con le prime onde mi trovo a remare troppo presto; poi, diventando sempre più frustrato, lavoro sempre più furiosamente per uscire al momento giusto. Ogni volta che mi alzo, la tavola semplicemente affonda, lasciandomi sconfitto mentre guardo l'onda rotolare senza di me. "Ti alzi troppo presto", dice Preciado. "Pazienza, Elizabeth. Pazienza." Anche se sto combinando due dei miei amori - lo yoga e l'oceano - negli ambienti più pittoreschi, non mi sto godendo l'esperienza. Invece, sono infastidito dal fatto che non ho ancora imparato il surf. Tornato sulla spiaggia, guardo la distesa dell'oceano e medito sulla sua capacità di cambiare senza sforzo, da completamente calmo a ferocemente turbolento. È così vasto e potente, molto più grande di qualsiasi sforzo potrei mai fare.Allora perché non arrendermi a quel potere e lasciarmi andare per la corsa?

Acque più calme

Durante una delle gloriose colazioni a base di frutta fresca, huevos rancheros, fagioli neri e succo appena spremuto, guardo l'oceano e noto quanto sia calmo e sereno. La nostra pratica yoga mattutina si svolge in uno studio all'aperto arroccato su una collina sopra la spiaggia. L'insegnante di Ashtanga di Seattle Troy Lucero ci guida attraverso una serie di saluti al sole, pose in piedi e un sacco di Chaturanga Dandasanas (Four-Limbed Staff Poses). La mia pratica yoga è sempre stata forte e dinamica e mi diletto nell'atletismo che questa particolare classe richiede. Tuttavia, mentre mi muovo nella pratica, mi chiedo se la mia spinta, la mia voglia di affermarmi, possa essere un limite tanto quanto un vantaggio. Ripensando alle acque dell'oceano, immagino di portare più quiete al tappeto, alla tavola e alla vita in generale. Nel pomeriggio,Torno in acqua per una lezione di surf. L'oceano è ancora tranquillo e questa volta, invece di remare, fluttuo e aspetto. Guardo le palme che ondeggiano al vento, le onde che si infrangono contro le rocce frastagliate in lontananza, la luce del sole che danza sul mare liscio. E comincio a rendermi conto che questo momento di quiete, l'attesa che spesso viene liquidata come una perdita di tempo, fa parte tanto del surf quanto dell'andare a riva. Alla fine, in lontananza, vedo una piccola onda che inizia ad arco. Giro la tavola, vago con forza, senza affrettare nulla, e finalmente mi alzo in piedi. L'acqua solleva la mia tavola e faccio surf verso la spiaggia sabbiosa.la luce del sole che danza sul mare liscio. E comincio a rendermi conto che questo momento di quiete, l'attesa che spesso viene liquidata come una perdita di tempo, fa parte tanto del surf quanto dell'andare a riva. Alla fine, in lontananza, vedo una piccola onda che inizia ad arco. Giro la tavola, vago con forza, senza affrettare nulla, e finalmente mi alzo in piedi. L'acqua solleva la mia tavola e faccio surf verso la spiaggia sabbiosa.la luce del sole che danza sul mare liscio. E comincio a rendermi conto che questo momento di quiete, l'attesa che spesso viene liquidata come una perdita di tempo, fa parte tanto del surf quanto dell'andare a riva. Alla fine, in lontananza, vedo una piccola onda che inizia ad arco. Giro la tavola, vago con forza, senza affrettare nulla, e finalmente mi alzo in piedi. L'acqua solleva la mia tavola e faccio surf verso la spiaggia sabbiosa.

Quando tornerò in California, porterò con me un nuovo amore per il surf. Ma più di ogni altra cosa, avrò trovato la volontà di arrendermi ai momenti di quiete, ai tempi morti, nello yoga ea qualsiasi esperienza ricca di azione a venire.

Esci

Perchè andare? Applica gli aspetti della pratica degli asana, in particolare l'equilibrio e la forza del core, e gli elementi dello yoga

filosofia - come la resa, la pazienza e l'umiltà - a uno sport esaltante che favorisce la calma e la connessione

con la natura.

Suggerimenti: molti ritiri di yoga e surf si svolgono in località tropicali, Bali, Messico e Australia per citare a

pochi, che offrono la possibilità di godersi il caldo tutto l'anno. Se scegli un ritiro con un programma fitto di appuntamenti, potresti volerlo

per rimanere qualche giorno in più per visitare con la gente del posto ed esplorare le città vicine o le aree selvagge.

Ritiro di yoga e surf

Tramite Yoga Yoga e surf retreat si svolgono tutto l'anno. Il pacchetto include sette giorni e sei notti a Villa Amor, una villa all'aperto di fronte all'oceano a Sayulita, in Messico, due lezioni di yoga e lezioni di surf ogni giorno, colazioni e tre cene di gruppo, una gita di un giorno alla vicina Punta Mita, massaggi e trasporto dall'aeroporto .

Altro in tutto il mondo

Liquid Yoga + Surf a New York e in Costa Rica.

Lucero Surf Retreats sulla costa del Pacifico del Costa Rica.

Ritiri Milagro nella Columbia Britannica.

in Australia, Marocco e Maldive.

SwellWomen in tutte le isole hawaiane.

Elizabeth Winter è una scrittrice e insegnante di yoga.

Raccomandato

I body sono tornati: ecco come indossare la tendenza con sicurezza
3 passaggi per entrare nella svolta di Bharadvaja
Posa reclinabile da mano a alluce in 5 passaggi