Makeover ayurvedico per il diabete

Con gli occhi chiusi e i muscoli che si sciolgono nel tavolo sotto di me, sono solo vagamente consapevole delle quattro mani che lavorano delicatamente olio di sesamo caldo sul mio corpo. Il movimento ritmico del massaggio culla la mia mente indaffarata e per un momento mi sento completamente soddisfatta. Emisi un profondo sospiro di resa. Questo è uno dei momenti più dolci di un panchakarma ayurvedico (un profondo processo di disintossicazione) ed è una sorta di ricompensa per le quattro settimane che ho trascorso con una dieta restrittiva e un programma di stile di vita. Ho lavorato duramente per preparare il mio corpo e la mia mente per questa settimana in un centro di guarigione ayurvedico e mi sto godendo la spontaneità dell'esperienza quando improvvisamente - senza preavviso o il solito nodo in gola - scoppio in un flusso costante di lacrime.

Tuttavia, mi sento in pace. Questo tipo di risposta all'esperienza del panchakarma, mi è stato detto in seguito, è comune ed è considerata parte del processo terapeutico che l'Ayurveda, l'approccio olistico alla medicina dell'India vecchio di 5.000 anni, incoraggia. Le lacrime portano sollievo e una sensazione di accettazione della mia storia, la storia che mi ha portato qui a Boulder, in Colorado, in cerca di guarigione.

Avevo 19 anni, al secondo anno di college a Boston, lontano dalla famiglia e dagli amici. Come molti studenti, ho studiato duro, ho lavorato diversi lavori part-time, sono rimasto alzato fino a tardi e ho vissuto al bar della caffetteria e alle cene del primo appuntamento. A metà del semestre autunnale, mi sono reso conto di essere stanco in modo allarmante. Camminare per pochi isolati è stato estenuante e salire le due rampe di scale fino alla mia stanza del dormitorio mi ha lasciato senza fiato. Qualche settimana dopo, mentre ero nell'appartamento di un amico a indossare il mio costume prima di una festa di Halloween, mi trovavo di fronte a uno specchio a figura intera per la prima volta da mesi e vidi il mormorio di una ragazza che guardava indietro.

Una diagnosi difficile

Il giorno successivo il medico della clinica del campus mi ha detto che avevo un grave caso di chetoacidosi, una condizione pericolosa per la vita ma reversibile che si verifica quando si mantiene un livello molto alto di zucchero nel sangue per diversi giorni. Da settembre mi sentivo male. Dopo aver notato che il mio livello di zucchero nel sangue misurato negli alti 600 (da 70 a 120 è considerato normale), il medico si è detto sorpreso di essere stato in grado di entrare in clinica.

Ho trascorso le settimane successive in un ospedale, dove mi è stato diagnosticato il diabete di tipo 1, una malattia autoimmune che causa la cessazione della produzione di insulina da parte del pancreas. Senza insulina, un ormone che consente al corpo di immagazzinare e utilizzare il glucosio per produrre energia, lo zucchero si accumula nel sangue. Con ciò arriva il rischio di chetoacidosi, che, prima della scoperta delle iniezioni di insulina, era inevitabilmente fatale. Anche con le iniezioni di insulina, tuttavia, i diabetici possono sopportare un lungo elenco di possibili complicazioni, come malattie renali, cecità e danni ai nervi che possono portare all'amputazione. Ero cresciuto sapendo cosa poteva fare la malattia a qualcuno. Mio padre era stato diagnosticato prima di entrare al liceo. Verso la fine degli anni '40, il suo piede sinistro dovette essere amputato, dipendeva da una dialisi bisettimanale e aveva subito un trapianto di rene.È morto per complicazioni dovute alla malattia quando avevo cinque anni.

Afferrato dal ricordo di mio padre e desideroso di accontentare tutti intorno a me, ero determinato a essere il paziente perfetto, facendo tutto ciò che i miei medici mi chiedevano: controllavo i miei zuccheri nel sangue più volte al giorno con un test con le dita, contato i carboidrati (una volta digeriti, i carboidrati si trasformano in glucosio o zucchero) e iniettato grandi quantità di insulina nelle braccia, nelle cosce, nello stomaco e nei glutei al mattino, durante i pasti e prima di andare a letto. Ma durante quei primi due anni, i miei livelli di zucchero nel sangue sono rimbalzati su e giù in modo irregolare, e presto è diventato chiaro che i miei medici stavano semplicemente indovinando quanto grandi o piccole dovevano essere le mie dosi. Troppa insulina prima dello yoga, ad esempio, ei miei zuccheri sarebbero pericolosamente toccati dal fondo a livelli di coma quasi ipoglicemici, lasciandomi pallido, fradicio di sudore, spasmi e vicino allo svenimento.Un rapido sorso di succo d'arancia avrebbe riportato i miei zuccheri nel sangue in 10 minuti, ma spesso mi ritrovavo a bere troppo e gli zuccheri erano di nuovo alti. Inoltre, i miei medici hanno insistito sul fatto che avrei potuto fare meglio di quanto stavo.

In poco tempo, ho rinunciato. Ho smesso di cercare di farlo bene e ho smesso del tutto di parlare di diabete, cambiando rapidamente argomento se qualcuno me lo chiedesse. Mi sono liberato dal mio corpo fuori controllo e mi sono abituato a occasionali alti livelli di zucchero nel sangue, che sono spesso accompagnati da forti sbalzi d'umore, sudorazione, mancanza di concentrazione e vertigini. Ho fatto un test con la puntura delle dita forse a giorni alterni, ho lasciato scorrere la maggior parte dei colpi di insulina e ho soddisfatto la mia voglia di dolci ogni giorno. Per un po ', la malattia è scivolata nella parte posteriore della mia mente e mi sono sentito di nuovo normale.

Quando la luna di miele è finita

Ignorare il diabete era in realtà abbastanza facile in quel momento. Da allora ho imparato che probabilmente ero in quella che viene chiamata una fase di luna di miele, durante la quale il pancreas continua a produrre una piccola quantità di insulina. Ma sotto la mia profonda negazione della malattia, soffrivo di depressione. Nessuno sembrava accorgersi di nulla durante quei primi tre anni di luna di miele, e anche i miei esami del sangue trimestrali sembravano relativamente normali. (Chiamato A1C, questo test misura i livelli medi di glucosio nel sangue di una persona, non le costanti oscillazioni tra alti e bassi di zucchero.)

E poi, senza preavviso, qualche tempo dopo essermi laureato e trasferito a San Francisco, la luna di miele era finita: improvvisamente i miei A1C mostravano medie di zucchero nel sangue sempre più alte. A malincuore ho ricominciato a sottopormi a test regolari con la puntura delle dita ea iniezioni multiple, fino a 10 colpi di insulina al giorno. Ma i miei zuccheri nel sangue e il mio umore continuavano a essere yo-yo. Sapevo che se questo fosse continuato, in pochi anni mi sarei ritrovato a soffrire di molte delle complicazioni che mio padre ha dovuto affrontare. Avevo bisogno di aiuto.

Più o meno in questo periodo, ho iniziato a leggere dell'Ayurveda, della scienza sorella dello yoga e di un sistema di guarigione che esamina la natura fisica, emotiva e spirituale di una persona per curare l'intero sé. Era ovvio che quello che stavo facendo non funzionava e l'idea di curare il diabete in modo olistico sembrava allettante. Quindi con un respiro profondo - e dopo altri due anni di procrastinazione - ho fatto il grande passo. Sapevo di dover cambiare dall'interno verso l'esterno. Avevo bisogno di un restyling ayurvedico che guarisse l'anima, cambiasse l'abitudine e trasformasse la vita.

Divulgazione completa: per quanto fossi motivato, probabilmente non sarei andato per un trattamento ayurvedico completo se non mi fossi unito allo staff di Yoga Journal e non avessi ricevuto l'incarico di scrivere questa storia. L'incarico ha pagato per il trattamento e mi ha dato il tempo di cui avevo bisogno per farlo. Sapendo ora come ha cambiato la mia vita, non posso credere di non averla resa una priorità prima.

Dopo essermi consultato con il mio endocrinologo e aver ottenuto il suo OK, ho intervistato vari professionisti prima di scegliere di lavorare con John Douillard, un medico ayurvedico che ha ricevuto la sua formazione in India, ha conseguito un dottorato di ricerca in medicina ayurvedica presso la Open International University e ha co-diretto Deepak Chopra Centro ayurvedico per otto anni, prima di aprire la sua LifeSpa a Boulder.

Credenziali a parte, mi sono fidato di Douillard dopo averlo incontrato e ho sentito che gli importava veramente di me, dei miei obiettivi e del mio benessere emotivo. Questo mi ha permesso di rilassarmi e di dare risposte oneste alle domande che ha posto mentre metteva insieme un profilo comportamentale, mentale, emotivo, fisico e prestazionale per determinare la mia prakriti (costituzione). (Quando ti rivolgi a un consulto ayurvedico, aspettati che il medico ti chieda tutto, dal tuo programma di sonno e dieta a come gestisci le situazioni difficili e il tempo che ti piace di più.) Perché mi fidavo di lui e sentivo che mi capiva, mi fidavo la sua analisi della mia costituzione: kapha-pitta .

Senza giusta causa

Nessuno sa esattamente perché una persona sviluppa il diabete di tipo 1 e un'altra no. Avere una predisposizione genetica, come me, potrebbe avere qualcosa a che fare con essa. Secondo l'American Diabetes Association, un uomo con diabete di tipo 1 ha 1 possibilità su 17 di trasmetterlo a suo figlio; una donna con diabete di tipo 1 ha 1 possibilità su 25 di trasmetterlo a suo figlio se il bambino nasce prima che la donna compia 25 anni. Dopodiché, il rischio è di 1 su 100. La maggior parte concorda, tuttavia, che è impossibile prevenire, a differenza del più dilagante diabete di tipo 2, che spesso può essere prevenuto o addirittura invertito con l'esercizio, la riduzione dello stress e l'apporto calorico ridotto.

La causa alla base del tipo 1, secondo il pensiero ayurvedico, è uno squilibrio kapha . Kapha è uno dei tre dosha , o elementi, che compongono la tua costituzione: vata (associato all'aria e al fresco); pitta (associata al fuoco e al calore); kapha(associato a terra, acqua e stabilità). "Il diabete di tipo 1 di solito inizia come uno squilibrio kapha durante l'infanzia, che è il periodo della vita kapha", dice Douillard. "Se la dieta è cattiva e un bambino mangia molti cibi che producono kapha come lo zucchero, l'energia kapha può accumularsi nello stomaco, il che mette molto stress sul pancreas. Inoltre congela il dotto biliare, dove il pancreas secerne insulina. Quando ciò accade, si verifica uno squilibrio secondario nel dosha pitta. "

La pitta sbilanciata, dice Douillard, compromette il fegato, esercita una maggiore pressione sui reni e dirige il kapha nel dotto biliare, causando nuovamente il malfunzionamento del pancreas. Tutto questo può andare avanti per anni ed è spesso esacerbato dallo stress che inizia nell'infanzia. "In Ayurveda, si pensa che lo stress sia la causa dell'80% delle malattie", afferma Douillard. "Quando sono sotto stress, le ghiandole surrenali producono un eccesso di ormoni che combattono lo stress che sono tossici, acidi e compromettono il drenaggio linfatico. Senza un buon drenaggio, kapha sostiene nello stomaco, nell'intestino tenue, nei reni e, infine, nel pancreas". Le tossine vengono infine immagazzinate nel grasso e portano a malattie, come il diabete.

I componenti chiave in un regime ayurvedico di tipo 1, quindi, sono la riduzione dello stress e il trattamento degli squilibri dei dosha, con l'obiettivo di stabilizzare gli zuccheri nel sangue e minimizzare le complicanze. "In Ayurveda, stiamo cercando di svelare i fattori di stress presenti nel corpo", dice Douillard. "Eliminando lo stress, speriamo di resettare le cellule del pancreas".

In buone mani

John Douillard mi ha avvertito subito che seguire la via ayurvedica non sarebbe stata una soluzione rapida. Ha progettato un aggressivo piano di sei mesi che includeva un mese di trattamento chiamato purvakarma , o azioni preparatorie, per prepararmi per una settimana di disintossicazione e ripristino chiamato panchakarma , o cinque azioni, alla LifeSpa di Douillard. Quando Douillard fece il suo primo consulto, notò che tutti e tre i miei dosha erano sbilanciati. Vata era il più significativamente sbilanciato in quel momento, quindi l'abbiamo affrontato prima di trattare i componenti pitta e kapha del diabete.

Il purvakarma è iniziato con alcuni semplici primi passi che includevano un nuovo programma di sonno che mi ha fatto andare a letto entro le 22:00 e svegliarmi all'alba, prendere erbe (amalaki, gurmar e neem) ad ogni pasto e seguire semplici linee guida dietetiche che mi richiedevano mangiare cibi integrali di stagione. Ogni pochi giorni mi collegavo a Douillard per telefono e tramite e-mail per vedere se era necessario apportare modifiche o aggiustamenti.

Ho ingoiato diligentemente le erbe, anche se all'inizio mi hanno fatto venire la nausea. (Dopo due settimane, il mio corpo si è abituato a loro.) Di certo si sono dimostrati utili: ho monitorato attentamente i miei zuccheri nel sangue e li ho visti diventare incredibilmente stabili (senza alti o bassi estremi) nei primi 10 giorni. Dopo due settimane, sapevamo che le erbe stavano funzionando, quindi Douillard ne aggiunse altre, oltre ad alcune nuove linee guida dietetiche: Sfrutta al massimo tre pasti quadrati, senza spuntini tra i pasti, impiegando 20 minuti per mangiare a un tavolo in un modo distratto. Cenare a orari regolari; evitare zucchero, riso e patate; e mangia più verdure a foglia verde, fieno greco e curcuma con latte bollito. Goditi il ​​dessert e piccole porzioni di pesce o carne rossa magra a pranzo, ma con moderazione.

Questi cambiamenti erano un po 'più difficili da incorporare. Stavo già seguendo una dieta ben bilanciata, ma non bevevo un bicchiere di latte da anni, non sono mai stato un grande fan di quella roba. Forse la sfida più grande è stata quella di sedersi a un pasto tranquillo, privo di musica, giornali o televisione. All'inizio era semplicemente noioso, ma alla fine ho trovato gioia nel gustare e assaporare davvero ogni boccone con l'idea che fosse medicina. Nelle due settimane successive, ho visto i miei zuccheri non solo stabilizzarsi ma anche diminuire, in media, di circa 50 punti. Ciò significava che potevo abbassare le mie dosi di insulina di circa il 25 percento. Ero euforico. Ero così soddisfatto di questi risultati che non vedevo l'ora che arrivassero le erbe e mangiavo felicemente secondo la ricetta di Douillard. E per la prima voltaHo davvero iniziato a sintonizzarmi e sentire i sottili cambiamenti che si verificano nel mio corpo.

Anche i miei stati d'animo, ho notato, sembravano stabilizzarsi, il che ha reso più facile rispondere alle domande dei miei amici, familiari e colleghi su tutte queste erbe, saltare i pasticcini mattutini e questa cosa chiamata Ayurveda. Rispondere alle loro domande mi ha fatto parlare di nuovo del diabete. Per la prima volta non stavo cercando di scappare dalla mia malattia. Era presente una nuova sensazione di pace e accettazione.

Abitudini che guariscono

La quarta settimana del mio purvakarma includeva un programma di pulizia a casa per prepararmi al panchakarma a Boulder. Mi sono alzato prima dell'alba, facendo un massaggio con olio di sesamo prima della doccia chiamato abhyanga e grattandomi la lingua per rimuovere ogni ama(materiale parzialmente digerito che si accumula durante la notte ed è considerato tossico). La colazione è iniziata con qualche cucchiaio di ghee (burro chiarificato), la mia miscela di tisane e cibi di una lunga lista che mi ha dato Douillard. Mangiavo principalmente farina d'avena, kitchari (riso e lenticchie) e sostanziose zuppe di verdure. Ad eccezione del burro chiarificato mattutino, la dieta era priva di grassi, il che mi faceva sentire affamato e stanco. Douillard mi ha suggerito di bere molta acqua calda durante il giorno, ma avevo ancora voglia di grassi e proteine. Probabilmente è stata la parte più severa e frustrante dell'intera esperienza e ho dovuto continuare a ricordare a me stesso che questo regime non sarebbe durato per sempre. Entro il quinto giorno, la mia pelle era notevolmente più luminosa e, in qualche modo, la mia fame se ne andò. La notte prima del mio volo per il Colorado, ho preso l'olio di ricino consigliato per purificare il mio sistema digestivo,e partì per l'aeroporto subito dopo che l'effetto lassativo era svanito.

Quando sono atterrato, mi sentivo debole. Ma non vedevo l'ora che arrivassero i miei trattamenti: molto olio caldo, bagni di vapore e massaggi. Fatto bene, dice Douillard, il panchakarma è il pulsante di riavvio definitivo: disintossica e brucia i grassi, rilasciando così le tossine e le emozioni immagazzinate e determinando uno stato di chiarezza e calma. "Consente al corpo e alla mente di cadere in un profondo rilassamento", afferma Douillard. "A questo livello, possiamo purificare le tossine immagazzinate nei tessuti del corpo come grasso, per rilasciare lo stress profondamente trattenuto".

Il che mi riporta alle lacrime. Mentre giacevo coperto d'olio sul tavolo durante il mio primo giorno a LifeSpa, godendomi lo shirodhara che seguì l'abhyanga a quattro mani, la mia mente girò intorno ai ricordi di quanto fossero stati difficili gli ultimi anni. Alcuni dei pensieri che sono emersi avevano a che fare con il diabete; altri, con la mia famiglia e gli amici. Quando finì, ero esausto ma ottimista e pronto a dirigermi verso il letto grande che mi aspettava all'hotel in fondo alla strada.

L'autoindagine è una parte importante del panchakarma. A metà del secondo giorno - dopo più olio, più vapore, più massaggi - stavo scrivendo come una pazza. Le emozioni si stavano liberando e ho pianto molto. Per fortuna, ho incontrato Douillard quasi ogni giorno per aggiustare le mie erbe, fare una diagnosi del polso e parlare di ciò che stava accadendo durante i miei trattamenti, nel mio diario e nei miei sogni.

Una notte, a circa metà settimana, ho sognato mio padre, il primo per me. Non era niente di speciale - solo pochi minuti di lui che scherzava con un me adulto e mi consegnava i suoi oggetti preferiti dalla sua vecchia cassetta degli attrezzi. È una relazione che ho sempre immaginato, persino fantasticato, ma che non ho mai sperimentato. Quando mi sono svegliato, ho pianto e la perdita che mi stavo portando in giro è stata notevolmente più leggera. Nel pomeriggio, Douillard mi ha rassicurato che lo sfogo emotivo era abbastanza comune durante il panchakarma. È stato durante le nostre sessioni che ho potuto comprendere queste intense emozioni e le storie ad esse associate come parte del mio dolore e poi, abbastanza naturalmente, lasciarle andare. Stavo cominciando a sentirmi di nuovo integro.

Trovare la completezza

Per il resto della settimana, sono stato coperto dall'olio di sesamo che il personale di Douillard applicava al mio corpo ogni giorno. Ho indossato una bandana sui capelli e ho indossato un vecchio pigiama che non avrebbe sofferto di macchie di olio. Mi svegliavo tutti i giorni intorno alle 7 del mattino, ancora ricoperta d'olio, per eseguire la sequenza di asana, Pranayama e meditazione prescritta da Douillard. Ho continuato la mia dieta prevalentemente kitchari e, dopo i trattamenti mattutini, tornavo direttamente in hotel per un diario e, ancora una volta, facevo le pratiche di yoga per diverse ore fino a cena. Poi ho fatto un bagno e un clistere chiamato basti, ho resistito all'accensione della TV e mi sono addormentato prima delle 21:00, ogni singolo giorno.

Dire che le mie giornate erano ripetitive è un eufemismo. Avrei potuto facilmente impazzire, ma, per la maggior parte, mi sono ritrovato tranquillo e contento di essere nella mia stanza, accanto al fuoco, godendomi solo l'idea che il mio unico lavoro per questa settimana fosse prendermi cura di me stesso . Emozioni e ricordi continuavano ad andare e venire. Ho sentito, ho osservato, e ho lasciato andare i sentimenti, specialmente quelli di rimorso e risentimento per la mia malattia. La mia mente divenne molto calma e chiara, come un lago di montagna, e c'era la sensazione di ricominciare da capo. Il quinto giorno, sono stato davvero felice di tutto. Feci una breve passeggiata e quasi scoppiai di gioia quando mi fermai a parlare con un uomo e il suo cane sul marciapiede.

Durante i miei ultimi giorni di panchakarma, mi sentivo incredibilmente eccitato, entusiasta di tornare a casa e tornare alla vita di tutti i giorni. Douillard ha detto che questa ansia era tipica, ma che le successive 48 ore sono state cruciali per completare la disintossicazione e stimolare il movimento linfatico. Così ho aspettato pazientemente ancora un po ', rimanendo rilassato e aperto ai trattamenti finali.

Il ritorno alla vita normale è stato stridente. Mentre ero grato di incorporare grassi e proteine ​​nella mia dieta, ho trovato il mondo intorno a me vertiginoso e rumoroso, specialmente nell'aeroporto di Denver, dove i viaggiatori urlavano nei telefoni cellulari e gli schermi piatti facevano esplodere le notizie del mondo da cui mi stavo ritirando . Ma dal mio quarto giorno intero a casa, è entrato un nuovo ritmo, uno più lento di prima e da allora non è cambiato molto.

Quando sono tornato a casa dopo il panchakarma, i miei livelli di zucchero nel sangue hanno continuato a normalizzarsi. Due successivi test A1C hanno rivelato che la mia media del glucosio nel sangue è scesa di quasi 100 punti e ora sono fuori dalla zona di pericolo. Potresti anche chiamarmi sano. Quando il mio endocrinologo ha visto i risultati, mi ha abbracciato. Certo, i numeri potrebbero sempre essere migliori ei miei livelli di zucchero nel sangue non sono ancora perfetti, ma ho imparato a lasciar perdere anche quello. Invece, sono stabili, sotto stretto controllo, e ora ho bisogno della metà dell'insulina che stavo assumendo prima di iniziare il mio restyling ayurvedico.

Un buon equilibrio

È passato quasi un anno dal mio panchakarma. I miei zuccheri si sono stabilizzati drasticamente, rendendo più facile per me e il mio endocrinologo determinare le mie dosi di insulina. E sono più consapevole degli alti e bassi dello zucchero, nonché dei sentimenti che sorgono intorno alla mia relazione con il diabete. Le erbe sono più un affare settimanale per mantenere la mia digestione sana, a volte accendo la TV o la radio durante la cena e mi lascio dormire la maggior parte dei fine settimana e delle occasioni speciali. Ma ho continuato con le raccomandazioni dietetiche, la meditazione, gli asana, le pratiche di pranayama e alcuni trattamenti di auto-cura di Douillard. Facciamo il check-in ogni tanto via e-mail e spero di fare un altro panchakarma un giorno. Dopotutto, l'Ayurveda è qualcosa in cui ti impegni e in cui vivi per una buona salute.

Ho anche perso un po 'di peso. Lo noto non perché intendessi farlo, ma perché mi sento più forte che mai. Penso che questo potrebbe essere solo il mio peso ideale per usare l'insulina per elaborare l'energia. Mi sento anche più leggero energeticamente ed emotivamente. La mia pratica yoga è diventata gustosa; il mio ciclo mestruale è ora regolato; e sono riuscito a evitare la maggior parte dei raffreddori e delle influenze da quando sono tornato.

Ma soprattutto, ho trovato l'equilibrio in tutta la mia vita, il che ha anche reso molto più facile continuare con uno stile di vita ayurvedico. È stato un lieto fine per questo capitolo della mia storia. Prima, quando si trattava del diabete - e di molte altre cose personali - avevo paura di guardare direttamente il presente e sicuramente evitavo di guardare nel futuro, temendo quello che avrei potuto trovare in serbo. Invece, mi sono soffermato sul mio passato personale e medico e su tutto lo stress che ne derivava. Oggi, ora libero da quello stress, ho una sorta di coraggio che mi ha permesso di rimanere presente con qualsiasi cosa si presenti: occasionalmente bassi livelli di zucchero nel sangue, i colpi di insulina giornalieri e qualsiasi altra cosa che avrebbe potuto farmi fare un giro prima .

Inoltre, l'idea di essere normali non ha più lo stesso peso di una volta. Invece, c'è una celebrazione della mia natura unica, che sembra includere il diabete. Detto questo, sono una donna più calma, molto più a suo agio che è meglio attrezzata, fisicamente ed emotivamente, per gestire qualsiasi trama si svolga dopo. E di certo non vedo l'ora.

Lauren Ladoceour è l'editore associato di Yoga Journal. Dopo aver scritto questo articolo, ha controllato il suo livello di zucchero nel sangue; era un sano 116.

Raccomandato

Tantra Rising
Le migliori pillole di cannella
3 modi per migliorare la posa del ceppo di fuoco