Le basi scientifiche della terapia yoga

Uno degli sviluppi più eccitanti negli ultimi decenni è la fecondazione incrociata della scienza occidentale con idee provenienti da antichi sistemi di saggezza orientale come lo yoga. Con crescente precisione, gli scienziati sono in grado di guardare il cervello e il corpo e rilevare i cambiamenti a volte sottili che subiscono i praticanti di yoga e mediazione. Anni fa, pochi studi sullo yoga sono stati condotti in Occidente e la maggior parte degli scienziati ha respinto la ricerca indiana sullo yoga a causa di problemi metodologici, come la mancanza di gruppi di controllo negli studi. Ora la metodologia è molto migliore, e si potrebbe sostenere che molti studi indiani sullo yoga sono superiori alla maggior parte di quelli fatti in Occidente.

Man mano che lo yoga diventa sempre più mainstream e mentre i dollari per la ricerca per sistemi sanitari alternativi e complementari continuano a crescere, gli studi sullo yoga non solo stanno migliorando ma anche più numerosi sia in India che negli Stati Uniti. Solo negli ultimi anni, la ricerca ha documentato l'efficacia dello yoga per condizioni come il mal di schiena, la sclerosi multipla, l'insonnia, il cancro, le malattie cardiache e persino la tubercolosi. Gli studi documentano anche sempre più come funziona lo yoga. Tra i suoi numerosi effetti benefici, lo yoga ha dimostrato di aumentare la forza, la flessibilità e l'equilibrio; migliorare la funzione immunitaria; abbassare i livelli di zucchero nel sangue e colesterolo; e migliorare il benessere psicologico. Uno degli effetti più importanti dello yoga, ovviamente, è la riduzione dello stress.

Stress e sistema nervoso autonomo

Sebbene lo yoga sia molto più di un metodo di riduzione dello stress, lo stress influisce negativamente su un'ampia gamma di condizioni di salute e lo yoga è probabilmente l'approccio più completo per combattere lo stress mai inventato. Lo stress non è solo un fattore in condizioni comunemente etichettate come "legate allo stress", come emicranie, ulcere e sindrome dell'intestino irritabile, ma sembra contribuire a tali principali killer come attacchi di cuore, diabete e osteoporosi.

Persino malattie come il cancro, per le quali ci sono sorprendentemente poche prove che lo stress sia un fattore causale, sono estremamente stressanti una volta che una persona è stata diagnosticata e inizia il trattamento. Lo yoga può migliorare non solo la qualità della vita dopo la diagnosi, ma sembra diminuire gli effetti collaterali di interventi chirurgici, radiazioni, chemioterapia e altri trattamenti e può aumentare le probabilità di sopravvivenza.

Per apprezzare il ruolo dello stress nella malattia e del rilassamento nella prevenzione e nel recupero, è importante comprendere la funzione del sistema nervoso autonomo (ANS), che controlla la funzione di cuore, fegato, intestino e altri organi interni. L'ANS ha due rami che lavorano insieme: il sistema nervoso simpatico (SNS) e il sistema nervoso parasimpatico (PNS). In generale, quando l'attività è elevata nel SNS, è inferiore nel PNS e viceversa.

Il SNS, in combinazione con tali ormoni dello stress come l'adrenalina e il cortisolo, avvia una serie di cambiamenti nel corpo, tra cui l'aumento della pressione sanguigna, della frequenza cardiaca e dei livelli di zucchero nel sangue. Questi cambiamenti aiutano una persona ad affrontare una situazione di crisi. Significano più energia e più sangue e ossigeno che fluiscono ai grandi muscoli del tronco, delle braccia e delle gambe, consentendo alla persona di scappare dal pericolo o di combattere (la cosiddetta risposta "lotta o fuga").

Il PNS, al contrario, tende a rallentare il cuore e ad abbassare la pressione sanguigna, permettendo il recupero dopo un evento stressante. Ritorna il flusso sanguigno deviato dall'intestino e dagli organi riproduttivi, la cui funzione non è essenziale in caso di emergenza. In contrasto con la lotta o la fuga, queste funzioni più riparatrici possono essere pensate come "riposo e digestione". A volte sono anche soprannominati la risposta di rilassamento.

Molte pratiche yoga, tra cui asana silenziose, respiro lento, meditazione e immagini guidate, aumentano l'attivazione del PNS e portano al rilassamento mentale. Tuttavia, le tecniche di yoga non sono solo relax. Pratiche come i vigorosi saluti al sole, la respirazione kaphalabhati e la ritenzione del respiro attivano effettivamente il SNS. Uno dei segreti dello yoga, documentato nella ricerca della Swami Vivekananda Yoga Research Foundation vicino a Bangalore, è che le pratiche più attive seguite da quelle rilassanti portano a un rilassamento più profondo rispetto alle sole pratiche rilassanti.

Neuroplasticità

Credo che alcuni degli effetti più profondi dello yoga sulla salute abbiano a che fare con la sua capacità di alterare comportamenti disfunzionali di vecchia data. Le persone spesso hanno abitudini malsane di pensieri e azioni che minano la loro salute, abitudini che possono riconoscere ma non sono state in grado di cambiare. Oltre ai benefici per la salute diretti di asana, pranayama, meditazione e altre pratiche yoga, non è raro che i praticanti regolari inizino a mangiare meglio, riducano la caffeina o l'alcol, abbandonino il lavoro con richieste irragionevoli o trascorrano più tempo in natura. Una volta che le persone diventano più sensibili agli effetti delle diverse azioni sui loro corpi e le menti (se si sta praticando respirazione a narici alternate o mangiare enormi, cibi grassi), che sempre più vogliono fare quello che li fa sentire meglio.

La comprensione moderna del cervello è che invece di essere una struttura statica (come mi è stato insegnato alla facoltà di medicina), questo organo si rimodella costantemente, un fenomeno che gli scienziati chiamano neuroplasticità. Pensieri e azioni ripetuti possono ricablare il tuo cervello e più fai qualcosa, più forti diventano quelle nuove reti neurali. Quasi 2.000 anni fa, Patanjali era su questo quando suggerì che la chiave del successo nello yoga è una pratica dedicata e ininterrotta per un lungo periodo di tempo. Le reti neurali risultanti - o samskara, come le chiamano gli yogi - diventano sempre più forti man mano che rimani nella pratica. Lentamente ma inesorabilmente, questi sani solchi di pensiero e azione aiutano a guidare le persone fuori dai solchi in cui sono state bloccate.

Il dott. Timothy McCall è un internista certificato dal consiglio, redattore medico di Yoga Journal e autore del libro di prossima uscita Yoga as Medicine (Bantam Dell, estate 2007). Può essere trovato sul Web all'indirizzo www.DrMcCall.com.

Raccomandato

Top pantaloni da yoga
Meditazione in movimento a mani lente
D + A: Perché gli apripista fanno così bene?