'Central Park Jogger' Trisha Meili parla di come lo yoga e la consapevolezza l'hanno aiutata a guarire

Trisha Meili, la donna che divenne nota come "la jogger di Central Park" dopo essere stata brutalmente picchiata e violentata a New York City nel 1989, dice che lo yoga e la consapevolezza l'hanno aiutata a riprendersi dalla lesione cerebrale traumatica subita a seguito dell'attacco. .

In questo video, Meili ricorda come è andata a correre dopo il lavoro a Central Park la notte in cui è stata legata, imbavagliata, picchiata e considerata morta. "Da quel pestaggio ho subito una lesione cerebrale traumatica che mi ha lasciato con una disfunzione fisica e cognitiva estesa. Non riuscivo a camminare o pensare o parlare chiaramente", spiega.

Diversi anni dopo l'attacco, Meili è andata a una lezione di yoga su consiglio di un'amica che ha visto che aveva ancora problemi di equilibrio. Qui, Meili spiega come lo yoga e la consapevolezza l'hanno aiutata a vivere nel presente, ad affrontare l'ansia, a diventare più centrata e "a sentirsi come una sopravvissuta, non una vittima".

Raccomandato

Essere uno yogi ti rende un attivista politico (che ti piaccia o no)
3 modi per modificare la posizione dell'addome ruotato
Sequenza Yoga per il cambiamento: 5 passaggi per Parivrtta Paschimottanasana