Ho provato il digiuno della dopamina e mi ha aiutato ad apprezzare il presente

In una giornata normale, il mio cervello si muove velocemente. In mezzo a una pandemia, viaggia a velocità di curvatura. Ho detto al mio mentore che stavo facendo sogni di notte che mi sfrecciavano nel cervello come se fossero una videocassetta che avanzava velocemente, uno spettacolo ininterrotto di immagini ed emozioni selezionate dalla mia vita quotidiana. Quando ha sottolineato che non smetto di muovermi, che sono costantemente ossessionato dalla mia produttività e dal prossimo compito di scrittura che posso impigliare, ho capito che era possibile che la mia salute mentale stesse subendo un colpo dal mio costante bisogno di essere Via! Via! Via.

A marzo, mi sono ritirato a casa di mia madre per alcuni giorni per un funerale di famiglia, solo per ritrovarmi lì a tempo indeterminato per superare la pandemia di coronavirus che si era diffusa nel mio quartiere di Boston. Costantemente inondato da titoli tragici e immerso nei social media, ho iniziato a sentire il peso della paura e dell'ansia per la pandemia che mi tirava le spalle. Riconoscendo che avevo bisogno di purificare il mio cervello dall'elettricità statica che stava influenzando il mio benessere, ho deciso di premere il pulsante di ripristino definitivo: un veloce dopamina.

Per chi non lo sapesse, il digiuno della dopamina è una pratica per evitare comportamenti impulsivi - come scorrere i social media, fare sesso, mangiare determinati cibi e bere alcolici - che sono rinforzati da un'ondata di sostanze chimiche benefiche del cervello, l'obiettivo è migliorare gestire quei comportamenti potenzialmente dipendenza.

vedi anche  Approfondisci la tua consapevolezza di sé con questa terapia yoga olistica e pratica di meditazione

Annullare la dopamina

Cameron Sepah, Ph.D., assistente professore clinico nel dipartimento di psichiatria dell'Università della California, Scuola di Medicina di San Francisco, è la mente che ha catapultato la tendenza alla fama, grazie alla sua popolarità tra gli imprenditori tecnologici che cercano di ottimizzare la loro professionalità prestazione. Ha detto che il soprannome del fenomeno è fuorviante poiché non possiamo privarci di qualcosa che si verifica naturalmente nel nostro cervello. Ma poiché i livelli di dopamina aumentano in risposta a cose che portano piacere, mi chiedevo se ci fosse del vero nell'idea che privarsi della stimolazione potesse rendere i tuoi sentimenti futuri più vivaci. Invece di essere consumato da ogni ronzio e segnale acustico del mio telefono cellulare e assaggiare senza pensare i miei snack preferiti, speravo che evitare i miei vizi per un periodo prolungato sarebbe stato un mezzo per provare più pienamente il piacere.

Ma secondo gli esperti, questa è una vasta interpretazione errata, poiché i nostri livelli di dopamina non sono qualcosa che possiamo diminuire evitando attività eccessivamente stimolanti. La dopamina non è come un farmaco esterno per il quale possiamo sviluppare una tolleranza. Tuttavia, se un digiuno della dopamina ti incoraggia a lasciar andare lo stress e utilizzare pratiche di consapevolezza, gli esperti dicono che potrebbe essere utile. Lo stesso Sepah ha suggerito di integrare un digiuno nelle nostre vite in un modo che sia minimamente distruttivo, anche se è un'ora alla fine della giornata lavorativa. Ho optato per 12 ore, un periodo che sembrava incredibilmente lungo senza guardare il mio telefono ma anche gestibile.

Anche se un digiuno della dopamina implica evitare più del lavoro e del tempo sullo schermo, è imbarazzante ammettere che l'idea di affrontare mezza giornata senza controllare la mia posta elettronica, rispondere a messaggi o guardare Twitter è ciò che mi ha riempito di paura. Ma a causa degli ordini di blocco, non avevo più la possibilità di partecipare a una lezione di yoga caldo o prendere un caffè con gli amici, attività che mi aiutavano a decomprimermi. E così ho intrapreso questo esperimento armato della consapevolezza che non c'è davvero tempo come il presente.

vedi anche Questa sequenza di yoga ridurrà lo stress e aumenterà l'immunità

Inizia il digiuno

Ho iniziato il mio digiuno alle 10 del mattino di lunedì, sapendo che 12 ore sarebbero state terribilmente lunghe per il mio stomaco senza spuntini. Seduto alla finestra e guardando il sole, ho bevuto il mio seltzer mattutino invece di caffeinare mentre scorrevo sui social media e le e-mail (il mio processo normale), determinato a non ossessionarmi per i compiti che volevo affrontare quel giorno. Dopo circa 15 minuti, ho sentito il forte bisogno di controllare il mio Twitter, cosa che normalmente faccio circa 50 volte al giorno.

Con il passare delle ore, l'impulso di guardare il mio telefono è cresciuto. Quali titoli mi mancavano? Per combattere la sopraffazione, mi sono concentrato sulle azioni a bassa energia che un digiuno della dopamina consente, come scrivere un elenco di gratitudine o fare esercizi di stretching delicati. Ho guardato gli uccelli che precipitavano nell'aria fuori, la loro routine quotidiana non era influenzata dalla pandemia. Una sessione di meditazione di 10 minuti si è trasformata in un pisolino di due ore sul divano. Ho fatto una piacevole passeggiata per il quartiere, in genere amplificata da un podcast nelle orecchie o dall'obiettivo di monitorare il mio aumento della frequenza cardiaca sul mio smartwatch. Questa volta ho camminato solo per camminare. Essere presente con me stesso. Ho incontrato un padre e una figlia che giocavano con gioia a Hacky Sack sul loro prato mentre cercavo di essere più consapevole di ciò che stava accadendo intorno a me. La gioia nei loro volti ha riscaldato il mio cuore,ed ero felice di aver preso nota piuttosto che essere consumato dalle mie solite routine assistite dalla tecnologia.

Nel primo pomeriggio, il mio stomaco brontolava leggermente, spingendomi a rendermi conto che forse non sono sempre affamato come penso quando sto sgranocchiando senza pensare per tutto il giorno. Ho fatto una lunga e lussuosa doccia e ho acceso un fuoco nel camino di mia madre guardando ogni pezzo di fuoco mentre si accendeva. Quando le braci si arricciarono in polvere e fuliggine, mi sentii ipnotizzato, trattandolo come la mia forma di ASMR (risposta autonoma del meridiano sensoriale). Mi sono seduto in soggiorno, sfogliando i cataloghi di LL Bean e Talbots posti vicino al focolare per alimentare il fuoco. Ho passato molto tempo a leggere, studiando lentamente The Vanity Fair Diaries di Tina Brown. Mentre normalmente leggo solo per 10 o 15 minuti ogni sera prima di addormentarmi, ho divorato più di cento pagine del libro, cosa che mi avrebbe richiesto un mese per fare altrimenti.

vedi anche Criminal Justice Advocate e Yogi Steven Medeiros sta affrontando le sfide della vita con passo deciso

Quando ho raggiunto la fine del digiuno alle 22:00, ero entusiasta di godermi un pasto. Sebbene mi sentissi affamato, ho provato a mangiare lentamente, lavorando per capire la differenza tra ciò di cui ho bisogno e ciò che consumo roboticamente durante il giorno. E finalmente posso controllare il mio telefono! Ho sfogliato testi ed e-mail, rispondendo a redattori e amici che mi avevano inviato messaggi. E dopo aver esaminato tutto, mi sono reso conto di una cosa: non avevo davvero perso tutto quel valore.

Il Takeaway

Sebbene il mio digiuno fosse terminato, i giorni della chiusura si protrassero. Ma ora, ho affrontato il tempo con una prospettiva diversa, chiedendomi se potevo usare ciò che avevo imparato per migliorare la mia esperienza del mondo che mi circondava. Ancora incapace di frequentare le mie lezioni di fitness pre-pandemia come spin e barre, ho optato per passeggiate notturne di cinque miglia, completate in una serie di giri di un miglio intorno al quartiere. Ho abbracciato la ripetizione, sperando che la ridondanza della pratica avrebbe spento il mio cervello pensante nel presente e attivato il tipo di consapevolezza che ho sperimentato durante il digiuno della dopamina. Sono rimasto incantato da un bellissimo albero di magnolia rosa nel cortile di una casa fatiscente e da una coppia di cardellini americani giallo brillante appollaiati su un ramo.

Deliziato da questi semplici piaceri, ho capito che forse la vita in quarantena era, di per sé, un digiuno dopaminergico. Con settimane e settimane in cui mi veniva detto di restare a casa per proteggere me stesso e gli altri, fui costretto a trovare stimoli nel mondo naturale che mi circondava. I miei sensi andarono in overdrive. Non passare il tempo inseguendo i treni della metropolitana e lavorando per ore nei bar mi ha permesso di guardare nella vita di tutti i giorni per trovare gli strumenti di consapevolezza che mi mancavano.

Oggi non passo regolarmente 12 ore senza guardare il mio telefono, ma ho portato con me un pezzo di dopamina velocemente: ogni mattina, medito per cinque minuti all'aperto mentre bevo il mio caffè al sole.

vedi anche  Prova questa sequenza di yoga riparatrice e apripista per il massimo ringiovanimento

Raccomandato

Posa della sfida: cavalletta
5 modi per fai da te il tuo santuario yoga a casa
Come 31 giorni di meditazione in movimento hanno aiutato uno yogi a rallentare