Guarisci te stesso dalla testa ai piedi: posizione dell'aratro

Nel tuo viaggio verso una pratica coerente di hatha yoga, incontrerai inevitabilmente ostacoli che interrompono il tuo flusso, momenti in cui lo slancio che si costruisce dentro di te - verso la salute, l'intelligenza, la forza o la flessibilità - si ferma. Trovandoti in questo posto, potresti essere tentato in un anno sabbatico a lungo termine o cadere in un atteggiamento di compiacenza o sconfitta.

Sebbene tali tempi possano portare a vari gradi di frustrazione, è utile riconoscerli come parte del processo. In tali periodi di lotta risiede un grande potenziale di crescita. Forniscono lo scenario per ribaltare modi vecchi e decaduti di fare o vedere le cose e l'opportunità di fare le basi necessarie per ciò che ci aspetta. Se il tuo atteggiamento verso la tua pratica è stato coltivato correttamente fin dall'inizio, allora vedrai queste occasioni come opportunità per affinare la tua attenzione, rivalutare le direzioni che hai preso e scoprire nuovi punti di vista.

Ci sono molti modi di guardare Halasana (Posizione dell'aratro) alla ricerca di un significato e una guida più profondi. Come per molte asana yoga, il nome di Halasana suggerisce la forma di base della posa, che ricorda gli aratri tradizionali presenti nella cultura tibetana e indiana. Simbolicamente, l'aratro è rappresentato nei miti e nelle storie tradizionali di Egitto, Cina, Tibet e India. Nel Ramayana, il re Janaka scopre una bellissima bambina mentre sta arando la terra in un terreno sacrificale. Adotta la bambina e la chiama Sita, e in seguito diventa la bellissima moglie di Rama. Questa storia racconta il potere dell'aratro come strumento per rivelare tesori nascosti.

La pratica regolare di Plough Pose nutre e ringiovanisce l'intero sistema del corpo. Halasana aiuta a nutrire le regioni toracica e lombare della colonna vertebrale aumentando la circolazione e l'elasticità, scioglie le tensioni nel collo e nella gola, allevia l'accumulo di catarro o muco nei seni e nel sistema respiratorio e aiuta gradualmente ad allungare e regolare il respiro.

Halasana ha un effetto calmante e riparatore sul sistema nervoso simpatico. Aiuta anche a bilanciare le secrezioni ghiandolari adrenalina e tiroxina, migliorando anche l'eliminazione delle tossine nel tratto digerente e urinario. Quelli con una tendenza all'ipertensione possono trovare sollievo dall'ipertensione nella posa. Nella posizione capovolta di Plough Pose, il cervello è inondato di sangue, promuovendo la chiarezza mentale e una maggiore vitalità.

Finire le cose

Tradizionalmente, Halasana è stata considerata una posa finale e di solito si trova verso la fine di una sessione di asana. Le pose finali aiutano a preparare il praticante al rilassamento, al Pranayama e alla meditazione. Come transizione da una pratica basata sul movimento a una pratica seduta, Halasana attinge ai processi naturali di rilassamento del corpo pacificando i nervi, calmando il cervello e il cuore e regolando il respiro. Questo sviluppa la calma e la vigilanza necessarie per il pranayama e la meditazione.

Ci sono molti approcci diversi alla pratica di Halasana, e i principianti spesso si chiedono se sostenere la posa con un sostegno, usando coperte piegate o imbottiture di gommapiuma sotto le spalle e le braccia, o praticare "piatto", usando solo un tappetino da yoga. Ogni approccio ha i suoi vantaggi e svantaggi. Preferisco insegnare la posa piatta perché è così che sviluppi una chiara comprensione della provenienza dell'ascensore nella posa.

Quando si tenta la versione piatta di Halasana, tuttavia, fare attenzione a non lavorare troppo e possibilmente ferire le vertebre cervicali vulnerabili. Esercitati su uno dei tappetini da yoga più rigidi e spessi ora disponibili, soprattutto quando ti alleni su pavimenti in legno. Se stai usando un tappetino più sottile, prova a piegarlo a metà per creare un doppio spessore sotto la testa, le spalle e le braccia, oppure usa due tappetini, uno sopra l'altro. In caso di gravi problemi al collo, sostenere con un supporto aggiuntivo è probabilmente la migliore alternativa.

Scendendo per alzarsi

Un prerequisito importante per praticare Halasana flat è la pazienza. Se in precedenza hai praticato con supporto aggiuntivo sotto le spalle e le braccia, è improbabile che la posizione della colonna vertebrale sia verticale quando passi alla pratica piatta. Fino a quando il corpo frontale - la gola, il torace, le spalle, il diaframma e i muscoli intercostali - non sarà allenato e disciplinato per rimanere morbido, parte della "verticalità" della colonna vertebrale nella versione appoggiata di Halasana andrà persa. Ma quando sperimenterai il rilascio verso il basso della tensione dal diaframma attraverso il petto, le spalle e la gola, acquisirai l'intelligenza necessaria per rilasciare i muscoli del collo e creare spazio nelle vertebre cervicali.

Consentire alla testa, al collo e alle spalle di appoggiarsi completamente catalizza l'azione sottile richiesta per sollevare la colonna vertebrale ed estendere le gambe verso l'alto. Come negli asana in piedi, la forza che spinge l'estensione nella colonna vertebrale si trova nella messa a terra della posa. E in Halasana, i "piedi" della posa sono la testa, il collo e le spalle.

Se sei nuovo nella versione piatta di Halasana e sei consapevole di problemi al collo o alla colonna lombare, può essere una buona idea chiedere a un insegnante qualificato di osservare la tua pratica per evitare lesioni. Se le tue circostanze lo rendono impossibile, trascorri diverse settimane lavorando quotidianamente con Adho Mukha Svanasana (cane rivolto verso il basso), Uttanasana (piegamento in avanti in piedi) e Paschimottanasana (piegamento in avanti seduto). Questi asana aiuteranno a ridurre la rigidità della colonna vertebrale e insegneranno alle spalle, alle costole e all'addome come ammorbidirsi.

Entrando in posizione

Inizia sdraiandoti sul tappetino, con le braccia lungo i fianchi, i palmi verso il basso, premendo sul pavimento. Allarga le scapole con una leggera rotazione verso l'interno delle braccia. Ciò consente ai muscoli sotto le scapole di rilasciare la presa sulla colonna vertebrale toracica. Con un'inalazione, solleva le gambe in verticale, mantenendo la colonna vertebrale piatta sul pavimento. Fai diversi respiri qui, sentendo il rilascio di qualsiasi tensione nella gola, nelle spalle e nel torace ad ogni espirazione. Con la tua successiva espirazione, porta lentamente l'ombelico verso la colonna vertebrale e solleva le gambe sopra la testa, sollevando i fianchi dal pavimento.

Se questo è difficile, spostati vicino a un muro e con le gambe verticali, piega le ginocchia a 90 gradi, premi i piedi contro il muro e esercitati a sollevare i fianchi. Quando senti una morbidezza arrivare al tuo corpo frontale, allontanati dal muro per lavorare per sollevare le gambe sopra la testa finché non sono parallele al pavimento. Tieni le gambe ferme, le ginocchia dritte ed evita di indurire i glutei.

Una volta che riesci a mantenere l'equilibrio, concentrati sull'ascesa e la caduta del respiro, riempiendo la parte posteriore dei polmoni mentre inspiri; rilascia il diaframma, il torace e la gola ad ogni espirazione. Questo creerà una leggerezza nella colonna vertebrale che genera un sollevamento dal pavimento. Quando la colonna vertebrale si solleva, le dita dei piedi affonderanno verso il pavimento. Alla fine, toccheranno. Mantieni la tua attenzione sul tuo respiro; con ogni ciclo, cerca le opportunità per rilasciare la tensione nel corpo frontale mentre sostieni l'ascensore nella parte posteriore del corpo (colonna vertebrale). Dopo 10 cicli di respirazione, piega lentamente le ginocchia e fai rotolare la colonna vertebrale verso il basso finché tutto il lato posteriore del corpo non poggia sul pavimento.

Imparare a muoversi in Halasana senza un'eccessiva forza muscolare svilupperà l'intelligenza necessaria per una pratica sicura, dove il sollevamento della colonna vertebrale deriva da un senso di flessibilità, non forza. Man mano che pratichi Halasana e coltivi questa comprensione, noterai un aumento del livello di vitalità e salute in tutti i sistemi del corpo.

Raccomandato

Coltiva Ahimsa (non dannoso) sul tappeto
Fai la tua cosa: piegare la tradizione dello yoga per adattarla alla tua vita moderna
Progetto Goddess Yoga: meditazione in 3 fasi per ispirare l'intuizione