3 straordinarie storie di guarigione attraverso lo yoga

Lasciati ispirare da queste storie sul potere dello yoga di curare le ferite di dolore, disabilità fisica, traumi emotivi e malattie.

Una verità lapalissiana spesso dibattuta sulla natura del dolore dice che "tutta la sofferenza è uguale". Per molti, l'idea che fame, tortura e ansia siano sullo stesso piano può sembrare offensiva. Secondo la rinomata insegnante di yoga, Tiffany Cruikshank, fondatrice di Yoga Medicine, “Tutta la sofferenza è simile. Che si tratti di un trauma relazionale o di un dolore lombare, questo si ripercuote sulla nostra coscienza in modo simile ". Entra in qualsiasi studio di yoga in tutto il mondo e probabilmente scoprirai che molte persone nella stanza sono venute allo yoga perché avevano bisogno di guarire in qualche modo. Ballerini riformati, amministratori delegati ansiosi e mamme single si uniscono per respirare all'unisono e crescere attraverso la pratica.

Le seguenti storie provengono da persone che hanno usato lo yoga per curare ferite di dolore, disabilità fisica, traumi emotivi e malattie. Come dice Cruikshank, "Lo yoga non può curare tutto, ma può aiutare molto con il processo". Siamo solidali con questi e altri esseri sofferenti, che scelgono di lavorare per la guarigione e si dedicano al processo, per quanto incerto e doloroso possa essere il percorso.

Acacia: "Mi dava fastidio che ci fossero alcune cose che non avrei mai fatto"

Ho iniziato a fare yoga circa 10 anni fa per aiutarmi con la mia postura. Sono nato senza la mano sinistra dal gomito in giù e ho avuto molto dolore alla schiena per la mancanza di equilibrio. Essendo una persona con un corpo diverso dalle altre persone, non mi sono mai sentita abbastanza a mio agio in [ambienti di classe] dove sembrava che parte dell'obiettivo fosse essere la più carina. Mi sento fortunato ad avere molti insegnanti di yoga nella mia famiglia. La mia pratica ha iniziato davvero a diventare più regolare e coerente quando ho viaggiato in India dopo il liceo e ho iniziato a imparare Ashtanga. Non c'era ego nella stanza.

Fare yoga con una mano può essere difficile e spesso ho bisogno di usare oggetti di scena o una posa alternativa per ottenere lo stesso allungamento se non sono fisicamente in grado di eseguire la posa. Negli ultimi anni c'è stato un cambiamento nella mia pratica e nel mio approccio ad esso. Mi infastidiva molto il fatto che c'erano alcune cose che non avrei mai fatto. Vedevo foto di yogi famosi in piedi sexy e pensavo che se non potevo essere quello, allora non ero veramente uno yogi. È stato allora che ho iniziato a imparare di più sulla filosofia dello yoga e ad arrivare a capire la mia pratica in relazione a me stesso, non agli altri. Ci sono cose che non posso e non dovrei fare; farli significherebbe solo dire che l'ho fatto o dimostrare che posso, quando non è davvero il modo giusto per me di praticare. Ho imparato che non importa quello che fanno gli altri. Posso fare un centinaio di lezioni di yoga,ma se non respiro coscientemente e non mi connetto con il mio centro di forza, sto solo lavorando.

Qualcosa che ho sempre voluto fare ma ho pensato che non avrei mai fatto è un qualsiasi tipo di bilanciamento del braccio di inversione. Nessun corvo, nessuna verticale. Ma la scorsa settimana ho fatto il mio primo appoggio per avambraccio! Ci sono voluti solo 10 anni per costruire la forza di base, il supporto di un insegnante straordinario e la pazienza per essere d'accordo con quello che sono.

Original text


Dayton: "Non sono mai andato a un corso di yoga fino al suo ultimo anno di vita"

Ciò di cui parla veramente la mia storia è un tappetino da yoga, il tappetino da yoga viola di mia moglie. Quando aveva 35 anni le fu diagnosticato un cancro al seno in stadio quattro. Ha iniziato a cercare modi per sconfiggere il cancro al di fuori della medicina occidentale. Dopo che uno dei suoi medici alternativi ha consigliato lo yoga, ha iniziato una pratica coerente. Si esercitava su questo tappetino viola, sul quale incideva il suo nome con un pennarello di magia nera. Mia moglie, Ali, ha combattuto contro il cancro per 12 anni, senza mai andare in remissione. Mi ha sempre detto quanto lo yoga l'aiutasse, ma non sono mai andato a una lezione fino al suo ultimo anno di vita, quando ho sentito il bisogno di praticare. Sebbene avessi sempre praticato la preghiera, non ho mai creduto molto negli elementi spirituali della pratica, fino alla fine della vita di Ali. Un giorno eravamo in ospedale quando mi disse che non aveva più paura della morte.Il giorno in cui Ali è morta, sono andata al suo lettuccio, in uno studio locale. Ho detto all'insegnante di yoga, che era un mio amico, della mia perdita. All'inizio della lezione, ha detto agli altri yogi nella stanza della mia perdita. Man mano che la lezione andava avanti, mi sentivo sempre più autorizzata, più forte che mai. Dopo la lezione il mio insegnante mi ha aiutato a capire che la forza che sentivo era l'energia collettiva degli yogi intorno a me. Tutti i miei dubbi precedenti sull'energia eterea si sono dissipati, e ora ... ci credo. C'è davvero così tanta energia che è presente quando si pratica lo yoga in comunità.Dopo la lezione il mio insegnante mi ha aiutato a capire che la forza che sentivo era l'energia collettiva degli yogi intorno a me. Tutti i miei dubbi precedenti sull'energia eterea si sono dissipati, e ora ... ci credo. C'è davvero così tanta energia che è presente quando si pratica lo yoga in comunità.Dopo la lezione il mio insegnante mi ha aiutato a capire che la forza che sentivo era l'energia collettiva degli yogi intorno a me. Tutti i miei dubbi precedenti sull'energia eterea si sono dissipati, e ora ... ci credo. C'è davvero così tanta energia che è presente quando si pratica lo yoga in comunità.

E ora, all'età di 53 anni, ho la forza della mia pratica yoga che non avrei mai immaginato di avere. Non c'è alcun pulsante di pausa sulla pratica dolorosa, ma ora, per tutto questo tempo dopo, salgo sul tappeto viola di mia moglie, che non ha segni di disintegrazione. Sebbene l'indicatore del suo nome non sia più presente, sento la sua energia sul tappeto.

Vedi anche Perché non posso praticare lo yoga da solo?

Angela: "Più pazienti affetti da Lupus meritano di ascoltare grandi notizie come le mie"

Dopo 18 anni di lotta contro il lupus (LES), l'emicrania e la fibromialgia, ero diventato frustrato dal vivere in un dolore costante. Incoraggiato dai medici per quasi due decenni a fare solo esercizi leggeri, mi sono aggrappato alla paura che se avessi esagerato con qualsiasi attività, sarei rimasto bloccato con una dolorosa riacutizzazione. Così ho smesso di muovermi, un bambino che ballava una volta ora congelato in posizioni sicure nella speranza di prolungare la mia vita ed evitare ulteriori dolori.

Con l'aiuto di cari amici che mi hanno incoraggiato a provare lo yoga anni fa, ora posso alleviare i momenti dolorosi con maggiore concentrazione e consapevolezza e sono stato curato da ciò che la maggior parte ritiene impossibile. Lo yoga ha continuato a essere un'ancora di salvezza delicata, mantenendo il mio corpo flessibile anche con le forti crepe e schiocchi emanati dalle mie articolazioni doloranti. Mi ha dato abbastanza forza per liberarmi dal ciclo del dolore una notte di gennaio, quando ho combinato una festa di ballo solista delle 3 del mattino nel mio bagno con un defaticamento di lunghi tratti di yoga. L'ora di spingere intensamente attraverso il dolore mi ha dato alcune ore di sollievo dalla mia emicrania e dal dolore del corpo, e sono stato agganciato. Una routine regolare di due allenamenti quotidiani tra cui danza, yoga e skateboard ora tiene sotto controllo la maggior parte del mio dolore. Se ora sto male, la prima cosa che faccio è allungarmi in Downward Dog, torcere le mie braccia in Eagle Pose,o semplicemente "bambola di pezza" fino a quando il mio livello di dolore non scende e posso muovermi più in profondità nelle pose. Poi la mia determinazione interiore di sentire grandi calci dentro, e mi sforzo per il bruciore nei miei muscoli, respiri più profondi e il fuoco calmante del mio sangue che pompa. Sentirsi senza dolore dopo l'allenamento è una vera benedizione ogni volta.

Due mesi fa, il mio medico mi ha dato una notizia incredibile: ora sono guarito dal lupus! Completamente guarito! L'attività fisica quotidiana come lo yoga combinata con un percorso di medicina più naturale ha sicuramente avuto un ruolo in questo. Più pazienti affetti da lupus meritano di ascoltare grandi notizie come la mia e di vivere le loro vite nel modo più completo possibile. Con un corpo guarito e libero da una condanna a morte per malattia "incurabile", sono sulla buona strada per realizzare sogni come navigare in giro per il mondo con mio marito e insegnare ai miei figli a fare surf un giorno.

Vedi anche Prova questa incredibile soluzione per la lombalgia

Per storie più sorprendenti di yogi che guariscono da dipendenza, cancro, depressione e altre condizioni che cambiano la vita, continua a leggere su Sonima.com.

IL NOSTRO PARTNER

Sonima.com è un nuovo sito web sul benessere dedicato ad aiutare le persone a migliorare la propria vita attraverso yoga, allenamenti, meditazioni guidate, ricette sane, tecniche di prevenzione del dolore e consigli di vita. Il nostro approccio equilibrato al benessere integra saggezza tradizionale e intuizioni moderne per supportare una vita vivace e significativa.

Raccomandato

Buzzed: Yoga and Alcohol
Di quale olio essenziale ha bisogno il tuo chakra? Rispondi al nostro quiz!
12 pose per mantenere la calma quest'estate