Miti alimentari sullo yoga: come mangiare per il tuo Dosha

La pratica dello yoga è intrinsecamente individuale, sperimentata direttamente all'interno dei confini solitari del paesaggio interno del corpo. E il motivo per cui scegli di praticare lo yoga è anche personale, con tanti obiettivi per lo yoga quante sono le diverse personalità e storie di vita. Ma mentre ti avvicini al tappetino appiccicoso con il tuo tipo di corpo unico, la geometria fisica, le ferite, le stranezze e le abitudini, ciò che stai cercando alla fine attraverso la pratica dello yoga è la forma universale. Lavorando con i tuoi schemi individuali all'interno della forma universale delle asana, ciò che probabilmente speri di scoprire è un luogo di equilibrio.

Mangiare può anche essere considerato una pratica in cui si cerca l'equilibrio universale. Come lo yoga, mangiare è un'attività altamente personale: impari ad adattare le tue esigenze ai molti sistemi nutrizionali e diete popolari. Sviluppare una pratica alimentare consapevole può fornire un terreno che sostiene e nutre veramente il tuo yoga.

Ma nello sviluppo di questo tipo di pratica nutrizionale di supporto, una delle gioie e delle sfide è capire che (come per tutto il resto nello yoga) non esiste una soluzione "taglia unica" per trovare i cibi giusti.

Nel bene o nel male, all'interno della comunità dello yoga ci sono infiniti (spesso contraddittori) miti, racconti popolari e leggende metropolitane che affermano quali cibi sono "buoni" o "cattivi" per una pratica yoga. Probabilmente hai già sentito almeno un po 'di questo folclore alimentare yogico: "Ti senti rigido? Mangia più burro chiarificato o più dolci, mangia solo frutta prima di esercitarti e qualunque cosa tu faccia, stai lontano da quelle patate! Se stai mangiando fuori , assolutamente non lasciare che quel garzone errante dell'autobus ti metta del ghiaccio nell'acqua e, soprattutto, ricorda che se ti alleni la mattina, non cenare prima di andare a letto! "

Vedi anche  Mettere i termini della teoria ayurvedica IRL: cosa dice veramente il tuo Dosha di te

Storia dei miti alimentari

Per comprendere il seme della verità che può trovarsi al centro di questi e altri miti del cibo che sono così diffusi nelle comunità yoga, inizia tracciando le loro radici. Molte teorie derivano dalle scritture yogiche e altre sono aberrazioni delle teorie trovate nell'Ayurveda, l'antica scienza indiana della salute preventiva e della guarigione. Per comprendere la rilevanza di questi miti del cibo yogico per la tua dieta, è essenziale esaminarli nel loro contesto originale.

Lo yoga sin dal suo primo inizio è stato integralmente legato all'Ayurveda. Al centro dell'Ayurveda è il concetto di diversi tipi di corpo, ognuno dei quali prospera con diversi tipi di alimenti.

I tipi di Vata, ad esempio, hanno bisogno di cibi a terra come oli e cereali. 

I tipi di pitta sono supportati da cibi rinfrescanti, come insalate e frutta dolce.

I tipi Kapha traggono beneficio dal riscaldamento e dagli alimenti corroboranti, come il pepe di Caienna e altri peperoncini piccanti. 

Una premessa classica dell'Ayurveda è che poche persone sono strettamente un tipo, e la maggior parte in effetti sono una miscela di almeno due tipi. Ogni individuo deve quindi trovare un equilibrio personale di alimenti che si adatti alla propria costituzione unica.

Proprio come certe posizioni yoga sono appropriate per certe persone o in momenti particolari, così è con ciò che scegli di mangiare. Il cibo dovrebbe fornire energia e chiarezza. Una dieta "buona" può sembrare molto diversa da persona a persona, ma saprai che la tua dieta funziona bene per te quando ti senti sano, dormi bene, hai una forte digestione e senti che il tuo sistema è supportato piuttosto che impoverito dal tuo pratica dello yoga.

Secondo Aadil Palkhivala dei Centri Yoga a Bellevue, Washington, i riferimenti al cibo nelle scritture e nell'Ayurveda sono intesi solo come linee guida da seguire per i praticanti, non regole scolpite nella pietra.

"I testi antichi servivano allo scopo di fornire standard esterni da seguire fino a quando il praticante di yoga non si è sensibilizzato abbastanza attraverso la pratica da sapere intuitivamente cosa era meglio per loro come individuo", spiega Palkhivala.

Teresa Bradford, MS, nutrizionista clinica e istruttrice di salute presso l'Helios Health Center di Boulder, in Colorado, ha lavorato per molti anni per aiutare gli studenti di yoga a trovare un approccio equilibrato all'alimentazione che supporti la loro pratica.

Il background di Bradford come insegnante di yoga per più di 15 anni e la sua formazione approfondita nella nutrizione occidentale e ayurvedica le danno una prospettiva unica sulla questione. "Fare affermazioni generali e trasversali su ciò che dovremmo o non dovremmo mangiare, come 'le patate ti rendono duro' è ridicolo", dice Bradford. "È tutta una questione di costituzione personale. Le patate tendono ad essere pacificanti per il pitta e ad aggravare i tipi vata e kapha, ma non sono raccomandate per le persone con condizioni infiammatorie o artritiche".

Vedi anche  10 cose che solo Kapha capirà

Bradford fa luce anche sul folclore sconcertante dell'acqua ghiacciata. "L'acqua fredda può influire su alcune costituzioni. I tipi Vata possono avere difficoltà a tollerarla e può anche amplificare i problemi di digestione pigra nei tipi Kapha. Ma i tipi Pitta potrebbero scoprire che in realtà calma i loro sistemi digestivi".

Come digiunare in sicurezza per il tuo Dosha

Stare ore senza mangiare prima di praticare è qualcosa con cui molti studenti di yoga si trovano a sperimentare. John Schumacher, direttore di Unity Woods Yoga a Bethesda, nel Maryland, ritiene che il digiuno frequente ed esteso abbia un effetto generale di indebolimento sul corpo.

"Anche se l'eccesso di cibo può sabotare la tua pratica rendendoti intontito e troppo pieno per entrare in profondità nelle posture, il digiuno e il sottoalimentare possono avere un effetto più debilitante", dice Schumacher.

Bradford è particolarmente enfatico sui miti che circondano il digiuno prima della pratica: "Quando gli studenti vengono allontanati dalla privazione del cibo, potrebbero pensare che si stanno dirigendo verso la 'grande fusione' con Dio, ma è solo che stanno camminando ipoglicemici e disidratati . " Dice che per i tipi vata o pitta, saltare un pasto può causare non solo un basso livello di zucchero nel sangue e vertigini, ma può portare a ulteriori complicazioni di salute come stitichezza, cattiva digestione e insonnia.

Allora, da dove inizi a forgiare il tuo approccio equilibrato al mangiare? Proprio come con una pratica yoga positiva, è questione di essere consapevoli e intelligenti. Quando ci si avvicina a uno yoga oa una pratica alimentare, la sperimentazione e l'attenzione vigile sono le chiavi per scoprire il proprio percorso personale di equilibrio e crescita.

Schumacher raccomanda che se trovi un sistema alimentare attraente, occidentale o orientale, provalo per vedere se è adatto.

"Mentre continui a praticare yoga, emergerà un senso intuitivo di ciò che è giusto per il tuo corpo", dice. "Proprio come modifichi una ricetta preferita per adattarla ai tuoi gusti mentre la prepari ripetutamente, così puoi adattare un sistema alimentare per supportare la tua pratica."

Palkhivala concorda sul fatto che l'intuizione e l'equilibrio sono le chiavi per trovare cibi di supporto. "Inizia cercando l'equilibrio a molti livelli nei cibi che mangi", raccomanda Palkhivala. "Seleziona gli alimenti che si sentono bene per il tuo corpo sia mentre li mangi e molto tempo dopo che il pasto è finito."

Nota i modelli di digestione, ciclo del sonno, respirazione, livello di energia e pratica degli asana dopo aver mangiato. Un diario alimentare può essere uno strumento eccellente per tracciare questi schemi. Se ti senti malsano o sbilanciato in qualsiasi momento, guarda indietro nel tuo diario e considera ciò che hai mangiato che potrebbe causare i problemi. Quindi modifica le tue abitudini alimentari fino a quando non inizi a sentirti meglio.

Alimentazione consapevole: essere consapevoli del cibo

Applica lo stesso attento livello di osservazione a come pianifichi e prepari i tuoi pasti. La chiave qui è combinare gli ingredienti in modo che si armonizzino e si completino a vicenda nel gusto, nella consistenza, nell'attrazione visiva e nell'effetto finale.

"Dobbiamo imparare a usare i nostri sei sensi, le nostre esperienze personali di tentativi ed errori", consiglia Bradford. "Il clima, le attività della giornata, i fattori di stress e i sintomi fisici sono cose che ci aiutano a determinare le scelte alimentari quotidiane. Anche noi, come parte della natura, siamo in un costante stato di flusso. Una parte importante della flessibilità che coltiviamo nello yoga è essere flessibili sulle nostre scelte alimentari, sintonizzandoci ogni giorno, a ogni pasto ".

Per aumentare la tua flessibilità alimentare, non accettare semplicemente le "regole" degli altri su cosa, quando e quanto mangiare. Interroga ed esplora da solo. Ad esempio, se ti viene detto che i praticanti di yoga non mangiano per sette ore prima di una pratica, chiedi: "Suona come una buona idea per il mio sistema? Come mi sento se vado senza mangiare così a lungo? Cosa sono i vantaggi per me? Quali sono gli svantaggi? " Essere sempre più vincolati da regole e restrizioni rigide, come le inflessibili cose da fare e da non fare, serve solo a imprigionarci ulteriormente.

Vedi anche  "Ho seguito uno stile di vita ayurvedico per un mese ed ecco cosa è successo"

Proprio come lavori in una postura yoga per allinearti e riallinearti con il tuo nucleo interiore, così puoi imparare a riconoscere di quali alimenti il ​​tuo corpo ha bisogno. Portando l'attenzione sul tuo senso interiore di ciò che è attraente e sugli effetti che i diversi cibi hanno su di te durante il processo di alimentazione e digestione, imparerai gradualmente a riconoscere esattamente ciò di cui il tuo corpo ha bisogno e quando ne hai bisogno.

Ma anche questo dovrebbe essere praticato con moderazione: diventare ossessionati dal seguire ogni sensazione può ostacolare rapidamente piuttosto che promuovere l'equilibrio.

Sia nella pratica alimentare che in quella yoga, è essenziale rimanere vivi, consapevoli e presenti nel momento. Non aderendo ciecamente a regole rigide o strutture rigide, puoi consentire al processo stesso di insegnarti il ​​modo migliore per eseguire effettivamente le pratiche.

Se sei in grado in questo modo di mantenere aperti tutti i tuoi "sistemi", attraverso la gioia dell'esplorazione e della curiosità che si manifesta, puoi riscoprire continuamente i tuoi percorsi individuali di equilibrio.

L'equilibrio è la chiave, sia nella vostra dieta personale generale, sia nella progettazione di ogni pasto. Quando sviluppi o modifichi una ricetta per adattarla ai tuoi gusti personali, devi prendere in considerazione una serie di fattori: l'equilibrio degli ingredienti nel piatto, il tempo a tua disposizione per preparare il pasto, la stagione dell'anno e come ti senti oggi.

Raccomandato

Haitian Heaven Soup
Kirtan 101: Puoi dire "Om Namah Shivaya"?
Ecco cosa è successo quando ho provato la meditazione mantra durante il mese più difficile della mia vita