L'esperimento della resa: come uno yogi ha trovato "la perfezione della vita"

Cosa succederebbe se smettessi di forzare il tuo destino e lasciassi che la vita comandasse? Michael A. Singer, autore del best-seller numero 1 del New York Times The Untethered Soul, ha tentato di scoprirlo. Finì per passare da uno yogi squattrinato nei boschi all'amministratore delegato fondatore di una società pubblica da miliardi di dollari, quasi contro la sua volontà.

Singer racconta la sua incredibile storia nel  libro The Surrender Experiment: My Journey into Life's Perfection (Harmony Books, 2 giugno 2015). Abbiamo chiesto a Singer come lo yoga e la meditazione lo aiutassero ad "arrendersi", sia internamente che esternamente, e ad aprirsi ai doni della vita.

Yoga Journal: Cos'è "The Surrender Experiment"?

Michael A. Singer: L'esperimento di resa è una sfida che mi sono data per cercare di permettere alla vita di svolgersi intorno a me senza lottare con essa. Siamo tutti abbastanza intelligenti da renderci conto che non abbiamo il controllo del 99,9% di ciò che accade intorno a noi. I nostri cuori battono, il nostro cibo digerisce e le nostre cellule si dividono, il tutto senza alcun nostro intervento. Allo stesso modo, i pianeti rimangono in orbita e l'intero resto dell'universo si svolge da solo. Non stiamo controllando nulla di tutto ciò, eppure si sta svolgendo in perfetta armonia da miliardi di anni. Se le forze della creazione possono creare e mantenere l'intero universo, ogni momento, i momenti che si svolgono davanti a me non sono forse parte di questa stessa perfezione universale?

Quando avevo poco più di vent'anni, ho dato un'occhiata a questo e ho capito che tutti i momenti della creazione fanno parte della stessa perfezione interrelata. Non hanno niente a che fare con me; appartengono alle forze che li hanno creati. Tutto ciò che accade in ogni momento è che vedo il risultato di 13,8 miliardi di anni di forze che hanno interagito insieme per creare esattamente ciò che è di fronte a me. Stando così le cose, ho deciso di sperimentare arrendendomi a quella perfezione invece di ascoltare ciò che la mia mente guidata dalle preferenze aveva da dire al riguardo. Nello specifico, quando qualcosa si presenta davanti a me, cerco di onorare e rispettare l'enormità delle sue origini, piuttosto che giudicare immediatamente se mi piaccia o no. Questo è l'esperimento della resa,e il mio nuovo libro parla di quello che è successo quando mi sono allineato con la vita invece di lottare per allineare la vita a me.

YJ: Nel libro parli molto della "voce nella tua testa". Per favore, spiega cosa intendi con questa voce.

Singer:  Questa "voce nella tua testa" era l'argomento principale del mio ultimo libro, The Untethered Soule costituisce uno degli aspetti più importanti della spiritualità. Tutto il giorno, tutto il tempo, la nostra mente crea pensieri: "Spero che sia già lì perché non mi piace aspettare", "Perché l'ha detto? Non direi mai una cosa del genere". E avanti e avanti va. Ma come fai a sapere che questi pensieri stanno accadendo nella tua testa? La risposta ovvia è perché sei lì e li senti. Che tu ci creda o no, quella risposta è la base di tutto lo yoga: sono qui e sento i pensieri. Chi c'è là dentro? Chi sta ascoltando i pensieri? E devi essere separato dai pensieri se li senti. Più di 40 anni fa, ho iniziato a riferirmi a questo come "la voce nella mia testa". Scoprire quella voce - perché parla sempre e perché dice quello che dice - è un argomento affascinante. Ma scoprendo chi seila coscienza che nota quella voce, questa rientra nella categoria della consapevolezza, della coscienza del testimone e dell'auto-realizzazione. E questo è il cuore dello yoga.

 "Non ho mai distolto lo sguardo dal percorso spirituale, nemmeno per un momento. Ogni mio respiro è yoga; il battito del mio cuore è lo yoga. Lo yoga non ha avuto un ruolo nel mio viaggio - tutto il mio viaggio è stato yoga . "

YJ: In che modo la meditazione ha placato la tua voce?

Singer:  Quando ho iniziato a meditare, non sapevo davvero cosa stavo facendo. Volevo solo far tacere quel chiacchiericcio incessante nella mia testa. Quindi ogni giorno mi prendevo il tempo per sedermi da solo in una posizione di meditazione e usare la mia volontà per respingere i pensieri o lottare per rivolgere la mia attenzione su qualcos'altro, come un mantra o la visualizzazione. Ciò creò un po 'di quiete, ma non durò, ed è stata una lotta per entrare in uno stato veramente tranquillo.

Man mano che maturavo nelle mie pratiche spirituali, iniziai ad arrendermi dentro, proprio come stavo facendo nella mia vita esteriore. Ho solo permesso a qualsiasi pensiero necessario di sorgere, sorgere, e ho semplicemente cercato di rilassarmi invece di impegnarmi con loro. Nessuna lotta, solo un profondo rilassamento, indipendentemente da quello che diceva la voce. Nel tempo, come per magia, la mia consapevolezza ha perso interesse per i pensieri e ha cessato di essere distratta da essi. Se entro in una stanza con la televisione accesa, posso notare che è lì, ma non devo guardarla davvero. Allo stesso modo, posso notare che la voce sta dicendo qualcosa, ma non devo ascoltarla effettivamente. Quella divenne la mia meditazione: rilassarmi profondamente e non impegnarmi in nulla di ciò che la voce della mente stava dicendo. Nel tempo, quando ho lasciato andare la mente chiacchierona, ho iniziato a cadere in bellissimi stati interiori,come una pace profonda o ondate di gioia e amore. Questo ha iniziato ad accadere sia durante la meditazione che durante le attività quotidiane. È interessante notare che, quando lo stato interiore diventa bello, la voce della mente ha molto meno da dire. È come se la stragrande maggioranza dei suoi discorsi riguardasse come essere OK. Se stai già bene, sia il cuore che la mente si calmano e si sciolgono nella bellezza del momento. Questo è il dono dello yoga.

Vedi anche  Meditazioni guidate

YJ: Spiega cosa intendi aprendoti al flusso della vita. Come possiamo aprirci ai doni della vita e lasciare che il "flusso della vita" sia responsabile?

Cantante:  Apri non chiudendo. Gli eventi si stanno svolgendo davanti a te e questo flusso di eventi va avanti da miliardi di anni, ovunque. Riesci a gestirlo? È davvero così semplice. Sei pronto, disposto e in grado di consentire all'universo di manifestarsi di fronte a te senza impazzire?

Il problema è che non possiamo farlo. Anche se i momenti si stanno svolgendo ovunque, e per noi va bene, quando vediamo la realtà dispiegarsi davanti a noi, la giudichiamo: "Mi piace"; "Non mi piace"; "Vorrei che stesse accadendo qualcos'altro." Abbiamo già deciso come vogliamo che sia la realtà - e ora lottiamo con la creazione, o almeno con la parte che abbiamo di fronte. Lasciare che il "flusso della vita" sia in carica significa prima mettere da parte le nostre preferenze inventate e rispettare ciò che si sta svolgendo davanti a noi. Dopotutto, è il risultato di tutto ciò che è accaduto per 13,8 miliardi di anni, e ora si presenta a te. Prima rispettalo, poi con amore e compassione elevalo mentre ti passa accanto. È così che ti apri ai doni della vita.

Vedi anche  Do-Anywhere Daily Mindfulness + Gratitude Practice

YJ: In che modo lo yoga ha avuto un ruolo nel tuo viaggio?

Cantante:  Da quando avevo 22 anni e ora ne ho 68, lo yoga è stata tutta la mia vita. Non ero un uomo d'affari che amava lo yoga, ero uno yogi che è stato portato in affari (Singer è stato il CEO fondatore della Medical Manager Corporation dal 1997 al 2000, quando la società si è fusa con WebMD). Non ero un marito con una bellissima figlia e ora tre nipoti a cui è capitato di praticare anche lo yoga. Sono uno yogi dotato di una bellissima moglie, figlia e nipoti. Non ho mai distolto lo sguardo dal sentiero spirituale, nemmeno per un momento. Ogni mio respiro è yoga; il battito del mio cuore è lo yoga. Lo yoga non ha avuto un ruolo nel mio viaggio - il mio intero viaggio è stato lo yoga.

YJ: In che modo la tua pratica ti ha aiutato a rimanere centrato (e pacifico) durante la tua straordinaria ascesa al successo come CEO fondatore di una società pubblica da miliardi di dollari e anche durante il tuo atto d'accusa per accuse di cospirazione per frode federale (che sono state successivamente ritirate)?

Cantante: Anche se ho costantemente mantenuto le pratiche quotidiane, la mia vera pratica dello yoga viene eseguita sempre all'interno. È questa pratica interiore di lasciar andare costantemente qualsiasi disturbo sorga dentro di me che mi ha permesso di rimanere centrato in queste incredibili situazioni che la vita mi ha presentato. Lo yoga è come un buon vino che migliora nel tempo. Inizi lasciando andare le piccole cose che ti irritano senza motivo, come il tempo o l'atteggiamento di qualcun altro. Qual è lo scopo di essere disturbati da cose che stanno solo passando e sono praticamente fuori dal tuo controllo? Quindi inizi la pratica per consentire ai cambiamenti nella tua energia interiore di passare solo internamente. Lo fai rilassandoti profondamente e dando loro lo spazio di cui hanno bisogno per passare. È molto simile a rilassarsi in un asana. Più ti rilassi, più facile diventa,fino a quando ad un certo punto diventa un'esperienza piacevole. Può essere lo stesso dentro se inizi a rilassarti e rilasciare abbastanza presto nel processo. Poi accade qualcosa di più grande nella vita che sfida la tua volontà di rilassarti e lasciare che il disturbo reazionario passi dentro. La tua tendenza è quella di resistere alla sensazione di disagio e controllare il tuo ambiente in modo da non dover affrontare il disturbo interiore. Ma il tuo impegno per lo yoga richiede che tu lasci andare e usi ogni situazione in cui la vita ti mette per andare oltre la tua zona di comfort. Questa è la vera pratica dello yoga e diventa il tuo modo di vivere.Poi accade qualcosa di più grande nella vita che sfida la tua volontà di rilassarti e lasciare che il disturbo reazionario passi dentro. La tua tendenza è quella di resistere alla sensazione di disagio e controllare il tuo ambiente in modo da non dover affrontare il disturbo interiore. Ma il tuo impegno per lo yoga richiede che tu lasci andare e usi ogni situazione in cui la vita ti mette per andare oltre la tua zona di comfort. Questa è la vera pratica dello yoga e diventa il tuo modo di vivere.Poi accade qualcosa di più grande nella vita che sfida la tua volontà di rilassarti e lasciare che il disturbo reazionario passi dentro. La tua tendenza è quella di resistere alla sensazione di disagio e controllare il tuo ambiente in modo da non dover affrontare il disturbo interiore. Ma il tuo impegno per lo yoga richiede che tu lasci andare e usi ogni situazione in cui la vita ti mette per andare oltre la tua zona di comfort. Questa è la vera pratica dello yoga e diventa il tuo modo di vivere.

Ma cosa succederà alla mia vita esteriore se mi impegno a lasciar andare dentro? Questo è l'argomento di The Surrender Experiment . Quello che succede è fenomenale. Inizi a vedere una perfezione tra ciò che devi lasciare andare dentro e ciò che si svolge all'esterno. Ti vengono presentate in ogni momento le situazioni perfette per far emergere i problemi che hai immagazzinato dentro, che nello yoga chiamiamo samskarae ti viene quindi data l'opportunità di lasciarli andare. Se lo fai ogni volta, raggiungerai l'obiettivo dello yoga: un flusso di energia liberato che ti bagna costantemente di amore e beatitudine mentre sale dentro di te. Quindi diventare amministratore delegato di una società pubblica ed essere accusato ingiustamente dal governo federale sono entrambi la stessa cosa: sono incredibili opportunità per lasciarsi andare a un livello molto profondo e imparare ad arrendersi alla perfezione fenomenale di una vita dedicata allo yoga.

Vedi anche  Kick Bad Habits for Good con Kundalini Yoga

Unisciti a Michael A. Singer, Yoga Journal e Harmony Books condividendo i tuoi momenti di resa sui social media utilizzando  #surrenderexperiment .

Raccomandato

10 cose che solo Pitta capiranno
Triphala: tonico per la pancia dell'Ayurveda
Talking Shop con David Swenson