Allevia i problemi di stomaco intestinale con lo yoga

Se soffri di sindrome dell'intestino irritabile, lo yoga può aiutare ad alleviare i sintomi e tenere sotto controllo lo stress.

Prima o poi, tutti hanno mangiato qualcosa che "non sta bene". Ma per gli oltre 30 milioni di adulti negli Stati Uniti che soffrono di sindrome dell'intestino irritabile (IBS), due terzi dei quali sono donne, quella sensazione orribile è una lotta continua.

I sintomi dell'IBS possono includere disagio addominale da diarrea, costipazione e gonfiore o vari gradi di gas. A volte un particolare alimento o un'allergia innesca un episodio, ma generalmente nessun fattore può essere incolpato. L'IBS è stata spesso liquidata come psicosomatica, ma recentemente è stata ridefinita come "un disturbo con sintomi variabili con possibili radici neurologiche, immunologiche o psico-emotive", afferma Gary Kraftsow, fondatore dell'American Viniyoga Institute e autore di Yoga for Transformation ( Penguin USA, 2002).

Senza alcuna causa organica nota o cura per l'IBS, il trattamento si concentra principalmente sul sollievo dai sintomi. Farmaci come antidiarroici, antispastici o antidepressivi triciclici possono essere utili quando i sintomi sono schiaccianti. Tuttavia la ricerca ha suggerito che le modifiche allo stile di vita possono anche essere un metodo efficace per alleviare il dolore. Uno studio della Mayo Clinic sull'American Journal of Gastroenterology (febbraio 1998) ha dimostrato che l'esercizio, la dieta e la gestione dello stress riducono i sintomi dell'IBS. "Lo studio Mayo mostra che le persone ottengono risultati migliori se utilizzano strategie di coping attive e positive per il dolore", afferma Bruce Naliboff, Ph.D., specialista in disturbi funzionali e dolore presso l'UCLA Center for Integrative Medicine e West Los Angeles VA Health Care Center .

Questo è il motivo per cui molti esperti raccomandano una riduzione regolare dello stress e l'esercizio fisico come lo yoga come un modo più efficace per prevenire le recidive a lungo termine. "Con IBS l'obiettivo è ridurre i sintomi e ripristinare un funzionamento efficiente del sistema", afferma Kraftsow. "E alcune posizioni yoga possono essere riparatrici, indipendentemente da dove si trovano i sintomi".

La respirazione addominale in particolare si è dimostrata utile nei malati di IBS, dice Naliboff, e le inalazioni e le espirazioni profonde possono giovare a coloro che respirano superficialmente quando stressati o ingoiano aria mentre mangiano o parlano, intrappolando aria nello stomaco.

I malati di IBS spesso combattono le abitudini intestinali che sono dolorose e imprevedibili. Durante una riacutizzazione, Kraftsow consiglia di concentrarsi su posture che forniscono un effetto calmante. Suggerisce piegamenti in avanti e semplici torsioni addominali come Jathara Parivrtti (una torsione ruotata) e Apanasana (una posa dal ginocchio al petto), che possono aiutare a lenire un intestino iperattivo o stimolarne uno pigro.

Per la stitichezza, puoi stimolare la digestione lavorando con più forza l'addome in Uttanasana (Standing Forward Bend) o Parivrtta Trikonasana (Revolved Triangle Pose); basta spostarsi nelle posture con la pancia trattenuta dopo aver rilasciato un'espirazione.

Ma lo yoga è solo una delle componenti per combattere l'IBS. Quando i sintomi si ripresentano, gli esperti hanno scoperto che l'IBS risponde meglio a un piano di cura che incorpora sollievo dall'ansia, esercizio fisico e una dieta che elimina cibi aggravanti e include integratori nutrizionali o a base di erbe, o come dice Kraftsow, "trattamento che rispetta l'intera persona".

Raccomandato

Diario Yoga: benvenuti a casa
9 ritiri di yoga ultra lussuosi di cui possiamo almeno sognare
I migliori impacchi freddi grandi