Rispondi alle tue preghiere

Cominciamo con la divulgazione completa: prego per i parcheggi. Forse è il bambino che c'è in me, o forse si tratta di credere nella magia, ma quando ho bisogno di qualcosa, quando voglio qualcosa, quando inizio qualsiasi tipo di progetto, prego. Alcune delle mie preghiere potrebbero essere definite spiritualmente corrette. Prego spesso per un amore più profondo. Prego per l'illuminazione; Prego per le persone in difficoltà. Prego che le mie azioni siano di beneficio a tutti gli esseri e prego per la fine della sofferenza umana.

Ma pregherò anche perché un seminario vada bene o per avere risposte a un problema che non riesco a risolvere. E, quando giro un isolato nel centro di San Francisco o New York City, prego che si apra uno spazio per me. Almeno la metà delle volte funziona.

Per lo più, però, prego perché è la pratica più diretta che conosco per comunicare intimamente con il Divino. La preghiera crea connessione, a volte con immediatezza quasi scioccante, con la presenza, la sincronicità e, sì, la grazia.

Inoltre, la preghiera è il grande nastro trasportatore per lo sviluppo spirituale, una scala su cui chiunque può salire per creare un rapporto più stretto con il potere del nutrimento divino, della rivelazione e dell'ispirazione. Ecco perché gli insegnamenti dei grandi praticanti della preghiera, come il poeta sufi Jalaluddin Rumi o la mistica cattolica Teresa d'Avila, dicono che non importa in che stato ti trovi, o anche quale sia il tuo motivo, quando inizi la preghiera - fintanto che sei disposto a provarlo. "Se non puoi pregare sinceramente, offri la tua arida, ipocrita preghiera", scrive Rumi, "perché Dio nella sua misericordia accetta monete cattive".

Una mia studentessa, Janice, descrive come funziona. "Di solito inizio in un modo totalmente meccanico. Ma se lo mantengo, c'è un momento in cui divento intensamente presente nella preghiera. Mi sembra di collegare un cavo elettrico a una presa. Posso sentire il cambiamento di energia . C'è una connettività totale. "

Questo è esattamente il punto di Rumi. Quando si tratta di preghiera, viene come sei. Non devi essere pio; non devi essere "buono". Non devi nemmeno credere che la tua preghiera funzionerà. Devi solo farlo, resisti e alla fine sarai connesso.

La preghiera, specialmente il tipo di preghiera in cui chiedi favori a Dio, ha una reputazione mista tra gli yogi. Forse è perché tendiamo ad associare la preghiera con la religione organizzata e, come ha detto recentemente un mio studente, "Amo lo yoga perché non è religioso". Alcuni di noi sospettano anche che la preghiera sia inutile, nella migliore delle ipotesi una sorta di placebo spirituale. (Numerosi studi scientifici hanno dimostrato che la preghiera ha avuto un effetto positivo sulla guarigione fisica, ma ci sono stati un numero uguale di studi che lo hanno negato.)

Ma anche se sei disposto ad accettare l'efficacia della preghiera, c'è il problema di chi ti stai rivolgendo quando preghi. La preghiera implica un'autorità divina e molti di noi hanno problemi con l'autorità. Spesso vediamo Dio come una figura con attributi simili a quelli dei nostri genitori, benevoli o indifferenti.

Nell'America del 21 ° secolo, è più probabile che abbiamo molto bagaglio attorno all'idea di Dio che desiderare una connessione più stretta. Penso che non sia un caso che lo Zen e la vipassana , con il loro stile minimalista e l'approccio non teistico alla meditazione, siano stati i percorsi spirituali preferiti da tanti intellettuali, scienziati e artisti occidentali moderni e postmoderni.

Preghiera come pratica

Allora perché uno yogi dovrebbe pregare? Per tre ragioni: primo, perché la preghiera ammorbidisce l'armatura intorno al tuo cuore e ti aiuta a ricevere sostegno dall'universo. Man mano che impari a stabilire una connessione nella preghiera, noterai sempre di più come la preghiera può spostare la tua energia dalla disperazione alla fiducia, dalla difesa alla fiducia, dall'ansia alla calma. Anche un sottile cambiamento interiore può fare la differenza nel modo in cui gestisci le situazioni esterne e forse può persino cambiare il modo in cui si svolgono.

Secondo, la preghiera ti porta in una relazione con il sacro. Quando preghi, ti presenti nello spazio sacro nel tuo modo più personale, umano e familiare. Non devi essere sofisticato, avanzato o particolarmente santo. Soprattutto, non devi comportarti in modo figo. Puoi esprimere la tua confusione, gridare aiuto, esprimere desideri, dire "Grazie" o "Wow!" o addirittura lamentarsi. Sì, puoi essere bisognoso. Rumi raccomanda persino il puro bisogno come chiave per aprire un canale tra te e Dio. "Che cos'è la taglia senza un mendicante?" lui scrive. "Che cos'è la generosità senza un ospite? Sii un mendicante, perché la bellezza è alla ricerca di uno specchio, l'acqua piange per un uomo assetato!"

La terza ragione per pregare è semplicemente perché la preghiera è una pratica , profonda e multilivello. È qualcosa che puoi fare in qualsiasi fase dello sviluppo spirituale; puoi usarlo per approfondire il tuo contatto con l'Essere stesso.

Parole di lode

La preghiera è uno dei metodi migliori per sviluppare la bhakti , una forma di yoga devozionale, perché può aprirti direttamente ai tuoi sentimenti di connessione emotiva o devozione. Nella tradizione della bhakti, la preghiera comprende la ripetizione del mantra, le invocazioni cantate all'inizio di una lezione di yoga e il canto. In effetti, le parole che cantiamo in kirtan sono fondamentalmente preghiere di lode, non così diverse nel contenuto da un grido pentecostale di "Lode al Signore!" (Prova, ad esempio, a cantare Om come preghiera e nota quanto risuona molto più profondamente.) Nella tradizione contemplativa cristiana, c'è una forma di preghiera silenziosa in cui ti concentri nel cuore e ti orienti verso il Divino. Questa forma di preghiera contemplativa è in realtà una pratica di meditazione.

La pratica tradizionale della preghiera di solito assume almeno una delle tre forme: petizione, confessione e lode. Puoi usarli separatamente o insieme. Spesso, la preghiera inizia in modo meccanico o da un luogo di separazione e dualità (dove ti vedi come un piccolo "me" che si rivolge a un grande grande Dio o universo). Con la dedizione nel tempo - e spesso in una singola sessione di pratica della preghiera - le tue preghiere possono cambiare, approfondirsi e persino portare a un risveglio, a un momento di comunione in cui riconosci l'intima connessione tra te e il Divino (chiamato darshan nel tradizione yoga). Infine, al livello più profondo, puoi pregare con la sensazione e la convinzione che il Dio a cui ti rivolgi in preghiera è il tuo Sé e che non sei separato dall'universo.

Condurre un duro affare

La maggior parte di noi, ammettiamolo, prega quando vogliamo o abbiamo bisogno di un favore. E nonostante The Secret (un recente bestseller New Age), spesso ci sentiamo in colpa per aver pregato per favori, specialmente quelli banali come una svolta nella relazione o un lavoro migliore. Non dovremmo. Non meno un'autorità yogica del grande mistico indiano Ramakrishna Paramahansa una volta rimproverò il suo discepolo Swami Vivekananda per non aver chiesto a Dio di aiutare la sua famiglia. Il santo poeta del XVII secolo Tukaram Maharaj diceva che quando abbiamo bisogno di qualcosa, la persona migliore a cui chiedere è Dio.

Certo, questi saggi, essendo rinuncianti, probabilmente non avrebbero capito il senso delle preghiere dei consumatori contemporanei che chiedevano auto più nuove e dei datari seriali che pregavano di essere invitati. Tuttavia, la preghiera di petizione, in qualche modo profondo, afferma la dignità dei bisogni e dei desideri umani, motivo per cui le culture antiche - in particolare la cultura vedica dell'India - hanno sempre intervallato i loro inni di lode con richieste di cibo, protezione e prosperità.

La metta , o gentilezza amorevole, le preghiere con cui molti di noi hanno familiarità (come "Possano tutti gli esseri essere felici") rientrano in questa categoria di preghiera di petizione - e se hai fatto una pratica di Metta, probabilmente sai che più un sentimento genuino che ne deriva, più la preghiera sembra portare risultati, almeno sotto forma di un cambiamento nel tuo stato. Incoraggio gli studenti a pregare per riconoscere il Divino in se stessi, a pregare per la grazia e la forza, o semplicemente per un'apertura più profonda all'amore.

Al livello più elementare, la preghiera di petizione a volte viene fuori come una combinazione di lusinghe, fastidi e contrattazioni, e spesso si rivolge a qualche versione della figura del Dio dei genitori. In questo stile, la tua offerta di preghiera fa parte di un accordo implicito ("Ti riconosco pregando; tu rispondi prendendoti cura di me"), sebbene potremmo anche offrire qualcosa di più concreto: un buon comportamento, forse, o qualcosa di più una specie di sacrificio, come "Se vado a Yale, farò da tutor ai bambini del centro città per tutta l'estate".

In effetti, fare accordi impliciti o espliciti nella preghiera è una vecchia tradizione, e c'è una sorta di saggezza in essa. In altre parole, quando "contratti" in preghiera, stai seguendo una delle leggi naturali del mondo invisibile. Sto parlando della legge che, in un linguaggio volgare, è chiamata regola "Nessun pranzo gratis", nel senso che per ricevere e continuare a ricevere, è necessario fare spazio regalando o lasciando andare qualcos'altro - un riconoscimento che è stato ignorato dal firmatario in una delle mie storie sufi preferite. La storia è questa: un uomo ha perso un anello prezioso. Prega che venga restituito e si offre di dare metà del valore dell'anello in beneficenza se lo riprende. Terminata la preghiera, apre gli occhi e vede l'anello davanti a sé. "Non importa, Dio", dice, "L'ho trovato io! "

La principale difficoltà nel praticare la preghiera come contrattazione è che se sei deluso dai risultati, potresti decidere di rinunciare a Dio. Quando chiedi favori all'universo, è importante rendersi conto che l'universo potrebbe dire "No." Ho uno studente che si è completamente alienato da Dio quando suo fratello minore è morto; aveva pregato duramente per lui, ma lui era morto lo stesso, e per lei questo significava che Dio non esisteva o non si curava.

Una relazione divina

Ma, in effetti, se sei seriamente intenzionato a mantenere una pratica di preghiera, un turndown cosmico può essere un segnale per portare la preghiera a un livello più profondo. Un serio praticante di petizioni-preghiera porta tutto nelle sue preghiere, perché vede la connessione con il Divino come una relazione reale. "Non mi hai mai fatto del bene", cantava Tukaram, un santo indiano. "Hai rubato a tutti la sua ultima striscia di vestiti. O teppista, non sei amico di nessuno." Teresa d'Avila, dopo una serie di disavventure, malattie e —incidenti, pregò: "Signore, se è così che tratti i tuoi amici, è un miracolo che tu ne abbia ancora!"

Preghiere come quella di Teresa - o come la "preghiera" ancora più radicale del rabbino hassidico Levi Isaac di Berdichev, che una volta dichiarò che stava processando Dio per aver permesso l'ingiustizia e la sofferenza - nascono da un profondo senso di relazione. Sono indirizzati a un potere superiore che i praticanti sentono di conoscere. Non urli a Dio se non senti che Dio è reale o se non hai una connessione emotiva genuina.

C'è una dolce storia su un devoto di Krishna che adorava e pregava davanti a una statua ogni giorno, agitando incenso e offrendo fiori. Ma qualunque cosa stesse pregando non si è mai materializzata e un giorno si è stufata. Prese Krishna, lo mise in un angolo e lo rimpiazzò con una statua di Rama.

Il giorno dopo, mentre stava offrendo incenso alla sua statua di Rama, notò del fumo che si dirigeva verso l'angolo dove aveva nascosto Krishna. Furiosa, corse all'angolo e riempì di cotone le narici della statua. "Neanche un soffio d'incenso ottieni da me!" lei pianse.

In quel momento, la statua sembrava prendere vita. "Mia cara," disse una voce, "cosa posso fare per te?"

La donna rimase a bocca aperta. "Ma ti ho pregato per anni! Perché mi stai concedendo dei doni adesso?"

Ha sentito una risatina. "Quando hai infilato del cotone nel naso della statua, quella è stata la prima volta in tutti questi anni che mi hai trattato come una persona reale. Quindi, ovviamente, ho dovuto rispondere alla tua preghiera." Questo livello più profondo di preghiera segnala una relazione intima, non solo con un dio specifico, ma con un senso di sacralità che può essere trovato ovunque ti sintonizzi su di esso. A questo livello, la preghiera smette di essere una petizione e diventa una conversazione, un modo per tenersi alla presenza di una divinità amata o semplicemente nella sacra spaziosità. La preghiera a questo livello spesso diventa riconoscente.

Grazie all'Altissimo

La preghiera di apprezzamento include ogni momento in cui dici "Grazie" per la bellezza della natura o per le benedizioni della tua vita. Include anche la preghiera tradizionale formale, dal Libro dei Salmi ai mille nomi di Allah al Rig Veda alla pratica altamente creativa del monaco Fratello Lawrence, che semplicemente trascorreva l'intera giornata a parlare con Dio. Le preghiere di lode, apprezzamento e gratitudine fanno sentire bene. Ti invitano in stati di sentimenti sacri e possono iniettare qualcosa di estatico anche in un momento più triste.

Prova a camminare con la preghiera che ha usato un santo bengalese: "Grazie, mamma, per essere diventato tutto questo!" Oppure dì "Grazie" quando vedi qualcosa di bello, quando sei in grado di essere utile, o solo perché ti sei svegliato sano questa mattina.

Man mano che la tua preghiera di apprezzamento diventa abituale, inizierai a sentirti sempre più intimo con la tua vita e le persone in essa. I tuoi amici e i tuoi cari si apriranno quando si sentiranno apprezzati. Così sarà l'universo, in modi che non puoi conoscere finché non lo vedi accadere.

Solo rimpianti

Meno gioiosa, ma altrettanto profonda come mezzo per connettersi al sacro, è la preghiera del rimorso e della confessione. Naturalmente, ogni tradizione religiosa ha una formula per dire: "Ho sbagliato tutto. Mi dispiace. Per favore, perdonami e aiutami a fare ammenda".

Le preghiere confessionali formali come queste a volte possono essere un semplice rituale, e per di più distratto. Ancora una volta, è una questione di connessione. Se puoi entrarci pienamente, un momento di confessione e contrizione può cambiare profondamente la vita.

Attualmente, la cultura dello yoga tende a trascurare il potere spirituale che il rimorso può avere, forse perché è un promemoria del peccato e del pentimento, stampo auto-castigante dei nostri antenati puritani. Per un occidentale contemporaneo con problemi di autostima, anche la parola "confessione" tende a suscitare emozioni come la vergogna e il senso di colpa, che possono essere tutt'altro che devoti. Eppure pregare per il tuo rimorso rimane una delle grandi tecnologie sacre disponibili per dissolvere le ombre che possono impedirti di sentire che meriti i tuoi doni spirituali.

Ammettere un errore - quando proviene da un luogo di sentimenti reali - è una sorta di fuoco purificatore che scioglie gli ostacoli, noti e sconosciuti, così che anche quando inizi a sentirti piccolo, bloccato ea disagio con te stesso, emergi sentendoti espansivo, rinnovato , e riunito con il tuo meglio di sé.

La confessione non deve riguardare ciò che hai fatto di sbagliato. Puoi confessare i tuoi sentimenti di separazione, o anche praticare quella che chiamo confessione di petizione, come in "Per favore, porta via questa paura, questa crudeltà, questa sensazione di indegnità!" La preghiera confessionale può essere una forma di pulizia della casa, un modo per liberare il nostro spazio interiore lasciando andare i tentacoli del rimpianto e del pensiero negativo.

Infatti, in ebraico, la parola vidoy significa "confessare e rivelare il proprio stato o condizione". Quindi una preghiera confessionale potrebbe iniziare con il tuo dire: "Eccomi! Penso di essere stato abbastanza affettuoso oggi. Ho fatto del mio meglio e sto aprendo il mio cuore alla grazia".

Amore della tua vita

Attraverso una qualsiasi di queste forme di preghiera, puoi passare dal sentire il divino come separato al sentire la comunione con esso, all'esperienza di immergerti nell'oggetto della preghiera. Questo è quando la preghiera diventa una forma di meditazione adorante.

Negli stati di preghiera più profondi, la preghiera afferma che i mistici descrivono, il senso di separazione si dissolve del tutto e ti ritrovi immerso nel cuore. Qualsiasi preghiera può condurti a quello stato. La chiave è permettere alla preghiera di svolgersi, lasciare che i pensieri estranei se ne vadano non appena ti accorgi di essere distratto e coltivare uno stato emotivo che è difficile da descrivere ma che iniziamo a riconoscere come aperto e orante.

La preghiera è, nel senso più profondo, una pratica di relazione. Più che ottenere ciò che "vuoi", più che migliorare il tuo stato emotivo, la pratica della preghiera può mostrarti quanto profondamente e pienamente sei stato curato, protetto e amato. Nella migliore delle ipotesi, la preghiera può rivelare l'amore come fondamento della tua vita.

Sally Kempton è un'insegnante di meditazione e filosofia yogica riconosciuta a livello internazionale e autrice di The Heart of Meditation.

Raccomandato

Vipassana: una semplice meditazione consapevole
Usa Asana per aiutare a riprendersi da un raffreddore
Tutti sottosopra