Come "scegliere la pace" nella vita quotidiana

Segna il tuo calendario: potresti voler essere un po 'più gentile con i tuoi simili questo fine settimana.

Domenica 21 settembre, le Nazioni Unite invitano tutte le nazioni e le persone a onorare una "cessazione delle ostilità" durante l'annuale Giornata internazionale della pace, una giornata dedicata al rafforzamento degli ideali di pace nel mondo. Ma come possiamo, come yogi, diffondere la pace su base quotidiana, con ogni interazione?

Nel suo nuovo libro con John Kinyon, Choosing Peace: New Ways to Communicate to Reduce Stress, Create Connection, and Resolve Conflict , programmato per essere pubblicato durante la Giornata internazionale della pace, Ike Lasater, co-fondatore della società di formazione Mediate Your Life con Kinyon e co-fondatore di Yoga Journal, fornisce strumenti per scegliere la pace (ed evitare stress e violenza) nei nostri conflitti quotidiani. In effetti, con l'aiuto del consiglio di Lasater e Kinyon, potresti non essere affatto coinvolto in molti "conflitti".

"Noi umani abbiamo solo un modo in cui il nostro corpo risponde a una sfida percepita, sia che si tratti di una minaccia per la nostra vita da parte di un leone nell'antica savana o di una parola ostile di un collega. Questa risposta 'combatti o fuggi' innesca il rilascio di adrenalina e cortisolo nel nostro flusso sanguigno ", spiega Lasater. "Non solo la risposta di lotta o fuga è fisicamente dannosa quando non rispondiamo agli attacchi fisici effettivi in ​​cui dobbiamo combattere o fuggire (poiché aumenta la nostra suscettibilità alle malattie legate allo stress), è dannosa in un altro modo: invece di essendo in grado di agire in linea con i nostri valori, cadiamo al livello delle risposte abituali ", dice. In altre parole, inizi a pensare a un'altra persona come a un "nemico" o "cattivo", in opposizione a un'altra persona che affronta le proprie sfide.

Quindi come puoi evitare di rispondere al tuo capo o al tuo coniuge come se fosse, diciamo, un leone enorme e affamato e scegliere invece un'interazione pacifica? Nel suo programma Mediate Your Life, che aiuta le persone a portare più pace nelle loro relazioni, Lasater insegna Self-Connection, un processo mediante il quale sviluppi la tua capacità di consapevolezza, presenza e scelta focalizzando l'attenzione sul tuo respiro, sulle sensazioni del corpo e bisogni umani.

"Sia la scienza che le tradizioni spirituali hanno indicato i vantaggi di concentrarsi sul respiro e sull'esperienza corporea", dice. "Piuttosto che recitare schemi abituali, diventi consapevole della reazione, sei presente con essa e scegli di connetterti con la fonte dei tuoi pensieri, sentimenti e azioni - bisogni umani che ci connettono a un'umanità condivisa e un senso della vita più ampio . "

Ecco altri 3 modi per scegliere la pace durante la Giornata internazionale della pace e ogni giorno, secondo Lasater:

1. Cerca di essere grato . La ricerca mostra che se identifichi regolarmente ciò per cui sei grato, migliorerai sia la tua salute mentale che fisica, nonché la tua visione della vita. Grazie al neurotrasmettitore dopamina, la gratitudine produce una cascata di buoni sentimenti. A loro volta, questi buoni sentimenti incoraggiano relazioni più armoniose. La grande notizia è che un po 'di gratitudine fa molto. Inizia creando un diario della gratitudine. Inizia ogni giornata scrivendo almeno una cosa per cui sei grato. Scoprirai che nel tempo questa consapevolezza diventerà abituale e che comunicare la tua gratitudine aumenterà la tua pace personale.

2. Fai amicizia con te stesso. Abbiamo tutti voci diverse dentro di noi e troppo spesso queste voci sono in conflitto. Quando i nostri "sé" sono in conflitto, ci sentiamo bloccati, confusi e poco chiari. Possiamo iniziare a creare la pace tra quelle voci conducendo una "mediazione interna". Chiedi ai tuoi due sé in conflitto di parlarsi (letteralmente) ad alta voce. Metti due sedie di fronte l'una di fronte all'altra e cambia posto mentre esprimi la tua voce. Probabilmente scoprirai che entrambi questi sé stanno lavorando per conto della stessa persona, anche se con esigenze e strategie contrastanti. Questa comprensione promuoverà la collaborazione tra voi stessi, che si spera impareranno a connettersi e, insieme, troveranno strategie per soddisfare entrambe le esigenze.

3. Pratica l'empatia. La connessione è la porta per fare pace con gli altri e il primo e più potente strumento di connessione è l'empatia. L'aspetto chiave dell'empatia è capire un'altra persona. A volte questo può essere semplice come le parole che scegli. Esempio: vedi il tuo collega sbadigliare. Invece di dire "Sembri stanco. Stai sbadigliando, facciamo una pausa. " Dici: "Ti vedo sbadigliare - sei stanco?" Questo semplice cambiamento di linguaggio aumenta la probabilità che l'altra persona percepisca la tua risposta al suo sbadiglio come premurosa.

Scegliere la pace: nuovi modi per comunicare per ridurre lo stress, creare connessioni e risolvere i conflitti è disponibile su Amazon.com. 

Raccomandato

Le migliori bande di bottino
I migliori integratori CLA
7 passaggi per sfidare la gravità e l'equilibrio in verticale