Abbraccia la realtà: Meditazione dei cinque ricordi

Quando neghi la realtà della vita, la apprezzi di meno. Medita sui cinque ricordi del Buddha e riscopri la magia della vita così com'è.

L'ignoranza, o avidya, è una causa principale della sofferenza, secondo lo Yoga Sutra di Patanjali (II.5). Ma l'ignoranza a cui si riferisce Patanjali è meno una mancanza di conoscenza che un'ignoranza quasi volontaria della realtà. Oggi lo chiamiamo negazione. Ad esempio, possiamo sapere intellettualmente che tutte le cose cambiano, eppure neghiamo disperatamente questa verità e mdash: una negazione che porta ad ansia, paura e confusione.

In una conferenza precedente, ho guidato un gruppo di seminaristi interreligiosi nella contemplazione delle Cinque Rimembranze, l'insegnamento del Buddha su impermanenza, invecchiamento, salute, cambiamento e morte. In seguito, uno degli studenti ha chiesto: "Non è solo un pensiero negativo?" Al contrario, le Cinque Rimembranze sono ciò che il Buddha offre per svegliarti dalla negazione, per coltivare gratitudine e apprezzamento per la vita che ti è stata data e per insegnarti il ​​non attaccamento e l'equanimità.

Se la pensi in questo modo, la meditazione non è un elenco desolante e deprimente di cose che perderai, ma un promemoria della meraviglia e del miracolo della vita così com'è: perfetta e intera, senza nulla. Quando accetti l'impermanenza come qualcosa di più di un concetto filosofico, puoi vederne la verità mentre si manifesta nella tua mente, nel tuo corpo, nel tuo ambiente e nelle tue relazioni, e non dai più nulla per scontato.

Una volta che accetti la realtà dell'impermanenza, inizi a realizzare che l'attaccamento e l'attaccamento sono sofferenza, così come le cause della sofferenza, e con quella realizzazione puoi lasciar andare e celebrare la vita. Il problema non è che le cose cambiano, ma che cerchi di vivere come se non lo facessero.

Libera la tua mente

Per lavorare con i Cinque Ricordi (vedi tabella, alla fine dell'articolo), aiuta a memorizzarli e ripeterli quotidianamente. Ditele lentamente e lasciate che le parole penetrino, senza analizzarle o interpretarle o la vostra esperienza. Nota solo le tue reazioni. Lasciateli riposare finché non si spostano e muoiono, come tutte le cose, essendo impermanenti. Resta con il tuo respiro e osserva le sensazioni sotto tutti i tuoi pensieri. Potresti provare un enorme sollievo poiché l'energia che hai speso negando e nascondendoti dalla verità viene liberata per muoversi liberamente attraverso il tuo corpo.

Alcuni ricordi sono più facili da accettare di altri. Per me, è più facile considerare che sto invecchiando e morirò, piuttosto che avere il potenziale per problemi di salute. Ho una costituzione forte e raramente sono malato; Ho sempre creduto che se la mia pratica fosse "abbastanza buona", non mi sarei ammalato. Quindi, in quei rari giorni in cui ero malato, spesso mi rimproveravo di essere malato ed ero una persona piuttosto irritabile con cui stare. Ma con l'aiuto del Secondo Ricordo, accetto di più la malattia e ora posso provare un profondo senso di agio e persino gratitudine (per la mia solita buona salute) al di sotto di essa.

Un altro modo di praticare le Cinque Rimembranze è attraverso qualcosa che il maestro buddista Thich Nhat Hanh chiama meditazione dell'abbraccio. Quando il tuo partner oi tuoi figli escono per andare al lavoro oa scuola, abbracciati per tre respiri pieni e ricorda a te stesso il Quarto Ricordo: "Tutto ciò che mi è caro e tutte le persone che amo hanno la natura di cambiare. Non c'è modo di farlo. scappare dall'essere separati da loro ". Se hai un disaccordo con qualcuno, ricorda a te stesso, prima di lasciarti travolgere dalle emozioni accese, il Quinto Ricordo: "Le mie azioni sono le mie uniche vere cose. Non posso sfuggire alle conseguenze delle mie azioni. Le mie azioni sono alla base quale io sto. " Niente di tutto questo significa che dovresti essere passivo o riluttante a sostenere le tue opinioni.Invece la meditazione ti aiuta a rispondere più abilmente con la consapevolezza di come stanno veramente le cose piuttosto che con reazioni condizionate.

Puoi anche abituarti al concetto di impermanenza elencando le cose che sono cambiate nella tua vita negli ultimi mesi o due. Forse una postura difficile è diventata più facile, o una postura facile ora è una sfida. Forse un problema con un membro della famiglia si è risolto o è diventato più complicato. Ti sarà difficile trovare qualcosa che non sia cambiato!

Entra nel presente

Di nuovo, affrontare la verità dell'impermanenza non dovrebbe deprimerti; dovrebbe liberarti di essere pienamente presente. Dovrebbe aiutarti a capire che la libertà e la pace interiore che cerchi sono già qui. Quando vedi davvero che tutte le cose cambiano, il tuo aggrapparsi e aggrapparsi svanisce sotto la luce brillante della consapevolezza, come le macchie su un panno bianco sbiancato dal sole.

Se il non attaccamento suona freddo e poco attraente, potresti scambiarlo per indifferenza. È l'esperienza dell'attaccamento, basata sulla negazione del cambiamento incessante, che è senza vita. La vita senza cambiamento è una contraddizione in termini. Quando sei attaccato a qualcosa, vuoi che rimanga lo stesso per sempre. Questo tentativo di "congelare" elementi della tua vita ne spreme la vitalità. La pratica del non attaccamento ti consente di goderti la vita con tutto il cuore nel suo stesso passaggio.

Attraverso i tuoi attaccamenti crei manette mentali che ti legano alla visione limitata che la vita è la tua vita, il tuo corpo, il tuo amante, la tua famiglia, i tuoi beni. Man mano che la tua visione dell'impermanenza si approfondisce, inizi a vedere la verità del "non-sé-separato". Quando puoi estenderti oltre i limiti che hai creato, vedi che la tua vita non è realmente "tua", ma tutta la vita stessa che si manifesta attraverso di te.

Come ci dice il Buddha: "Quando si percepisce l'impermanenza, la percezione del non-sé è stabilita. Con la percezione del non-sé, la presunzione di 'io' viene eliminata, e questo è il nirvana qui e ora".

I cinque ricordi

Mi piace questa versione delle Cinque Rimembranze del Buddha, offerta da Thich Nhat Hanh in The Plum Village Chanting Book.

Sono della natura per invecchiare. Non c'è modo di sfuggire all'invecchiamento.

Sono della natura per avere cattiva salute. Non c'è modo di sfuggire alla cattiva salute.

Sono della natura per morire. Non c'è modo di sfuggire alla morte.

Tutto ciò che mi è caro e tutte le persone che amo hanno la natura di cambiare. Non c'è modo di sfuggire alla separazione da loro.

Le mie azioni sono le mie uniche vere cose. Non posso sfuggire alle conseguenze delle mie azioni. Le mie azioni sono il terreno su cui mi trovo.

Frank Jude Boccio è l'autore di Mindfulness Yoga. Insegna yoga a New Paltz, New York, e conduce sessioni di Mindfulness Yoga in tutto il Nord America.

Raccomandato

Lo yoga è pericoloso per le donne?
3 pose preparatorie per l'equilibrio dell'avambraccio (Pincha Mayurasana)
Solleva il tuo spirito con questi oli essenziali equilibranti Dosha