Pratica miracolosa: come lo yoga porta alla trasformazione

Lo yoga ha cambiato la tua vita? È abbastanza probabile, dal momento che quasi tutti coloro che praticano lo yoga sono stati in qualche modo toccati dal suo potere di trasformazione. Forse ti senti semplicemente meglio nel tuo corpo. Forse hai sperimentato cambiamenti più profondi nella tua vita, nelle tue relazioni e nella tua visione del mondo. Ma poiché questi cambiamenti spesso avvengono nel tempo, come parte di un processo sottile e organico, a volte può essere difficile individuare esattamente di cosa si tratta nello yoga che ti aiuta a vivere una vita migliore.

Il fondatore di ParaYoga e studioso di Tantra Rod Stryker afferma che per capire veramente perché lo yoga è così trasformativo, devi prima capire il concetto di trasformazione. L'idea che lo yoga ti trasformi in qualcuno migliore della persona che eri prima è un malinteso, dice Stryker. È più accurato dire che lo yoga ti aiuta a rimuovere gli ostacoli che oscurano chi sei veramente, che ti aiuta a raggiungere un'espressione più completa della tua vera natura. "Non ci stiamo trasformando in qualcosa a cui aspiriamo", dice. "Ci stiamo trasformando proprio nella cosa che siamo innatamente: il nostro miglior Sé".

Un modo in cui lo yoga incoraggia la trasformazione è aiutandoti a cambiare i modelli che hai sviluppato nel tempo, schemi che potrebbero essere malsani, dice Stryker. Quando metti il ​​tuo corpo in una posa estranea e ti mantieni, impari a prendere una nuova forma. Prendere questa nuova forma con il corpo può portarti a imparare come prendere una nuova forma con la mente. "Se praticato correttamente, lo yoga asana abbatte gli ostacoli psicologici, emotivi, fisici, energetici e psichici che ci impediscono di prosperare", dice Stryker.

Lo yoga ti insegna anche come prendere decisioni migliori. Tutto ciò che riguarda la pratica dello yoga implica l'intenzione: dedichi del tempo alla tua giornata per farlo, ti muovi in ​​un modo specifico, respira in un modo specifico. E quando sei consapevole e deliberato nella tua pratica yoga, crei l'opportunità di diventare più consapevole e deliberato nella tua vita. "Le persone che seguono lo yoga si rendono conto di prendere decisioni più costruttive che distruttive", afferma Stryker. "Dico spesso ai miei studenti che una di due cose accadrà dopo che farai yoga per alcuni anni: o inizierai a cambiare in meglio, o smetterai di fare yoga".

Forse la cosa più importante, la tua pratica yoga ti consente di intravedere la persona gioiosa e libera che puoi essere, dice l'insegnante di Anusara Yoga Sianna Sherman. Praticare asana, dice, ti mostra che puoi realizzare cose che non avresti mai pensato di poter fare. "In un primo momento, pensiamo, 'Non potrò mai essere in grado di fare una verticale.' E poi, a piccoli incrementi, iniziamo a guadagnare questa fiducia. E poi all'improvviso possiamo farcela ". Quando sei sdraiato in Savasana alla fine di una pratica yoga, dopo aver lavorato sodo e esserti sentito completamente presente e connesso al tuo corpo, quel senso di gioia e libertà che provi è un'espressione della tua vera natura. Anche se può essere fugace, ti mostra cosa è possibile.

Le storie seguenti sono esempi del potere trasformativo dello yoga. Sono le storie di quattro persone in circostanze insolitamente difficili che, attraverso lo yoga, sono state in grado di trovare la forza, la fiducia, la presenza e la disciplina per cambiare in meglio le loro vite. Possano ispirarti a fidarti della pratica e delle risposte che derivano dalla conoscenza del tuo Sé.

Il potere della presenza

"Se avessi pensato troppo a quello che era successo, mi sarei rattristato e arrabbiato, e non potevo perdonare gli errori che erano stati commessi. Se avessi pensato troppo al futuro, sarebbe stato troppo travolgente. Ma se avessi avuto ragione nel momento presente, potevo gestire le cose con grazia e facilità. "

Nel 2003, Julie Peoples-Clark, praticante di Ashtanga e Bikram yoga che vive a Baltimora, era al nono mese di una gravidanza sana in cui praticava yoga ogni giorno, mangiava bene e si prendeva cura di se stessa. Quando è entrata in travaglio, è andata al centro parto dove aveva intenzione di avere un parto naturale, ma niente è andato come previsto. A seguito di un travaglio difficile e degli errori commessi dal centro parto, sua figlia, Ella, è nata con paralisi cerebrale tetraplegica spastica. I medici hanno detto che non sarebbe mai stata in grado di camminare, parlare o persino stare seduta da sola. Dopo la nascita di Ella, Julie ha abbandonato la sua pratica yoga e ha trascorso i due anni successivi a lottare con rabbia e depressione. Ma riconnettendosi e approfondendo la sua pratica yoga,Julie ha imparato a lasciar andare ciò che avrebbe potuto essere ea vedere la bellezza di ciò che era effettivamente davanti a lei.

Quando Ella aveva quasi due anni, Julie la portò a un programma chiamato Yoga per il bambino speciale a Encinitas, in California, che aveva visto pubblicizzato pochi giorni dopo la nascita di Ella e finalmente si sentì pronta per esplorare. La fondatrice Sonia Sumar ha offerto alcune pratiche yoga per Ella e ha introdotto Julie al Patanjali Yoga Sutra. Su incoraggiamento di Sumar, Julie iniziò a trascorrere 15 minuti al giorno sul suo materassino, combinando una dolce pratica degli asana con la lettura dello Yoga Sutra e la meditazione. Questi piccoli blocchi di tempo hanno cambiato profondamente l'esperienza di Julie delle sue circostanze. "Il solo fatto di stare sul mio materassino, nel mio spazio sacro, e concentrarmi sul mio respiro mi ha messo nel momento presente. Se pensassi troppo a quello che era successo, mi sarei rattristato e arrabbiato, e non potevo perdonare gli errori che era stato fatto. Se pensassi troppo al futuro,era troppo travolgente. Ma se rimanessi proprio nel momento presente, potrei gestire le cose con grazia e facilità. "

Più Julie prendeva questo tempo per se stessa, più diventava presente in tutti gli aspetti della sua vita, comprese le sue interazioni con sua figlia. Ha iniziato a vedere Ella come un dono e un tesoro. "Mi sento come se avessi perso due anni della vita di mia figlia quando era piccola", dice Julie. "Ero così orientato all'obiettivo e volevo che stesse bene. Ma sedermi sul tappetino da yoga con lei mi ha fatto capire quanto fosse ricca la mia esperienza. Ho una bellissima figlia che sta ottenendo cose incredibili ogni giorno."

Ella ha ora sette anni e Julie è diventata una sostenitrice dei bambini con disabilità, nonché un'insegnante di yoga per bambini e adulti disabili. Quando ricorda ai suoi studenti di rimanere presenti con ciò che è, sta parlando da un luogo di esperienza. "Una delle cose più difficili dell'infortunio alla nascita e della disabilità di Ella era, e a volte lo è ancora, pensare a quello che avrebbe potuto essere: la mia vita con un bambino sano, feste di compleanno, lezioni di ballo, lezioni di yoga di mamma e me", dice Julie. Riconosce lo studio degli Yoga Sutra per averla aiutata a liberare l'attaccamento a ciò che avrebbe potuto essere e per averla aiutata a ottenere l'accettazione e la gratitudine per ciò che è.

"I sutra mi hanno aiutato a comprendere che il mio ego sta creando la mia sofferenza desiderando ciò che non ho", dice. "La mia vita è così incredibilmente ricca e piena di propositi. Ho un motivo per alzarmi dal letto ogni giorno. Ho un marito molto dolce e solidale e una meravigliosa rete di amici e familiari, tutti profondamente toccati da Ella. "

Life on Purpose

"Quando mantieni le pose per un po ', hai tempo per arrivare dove vuoi essere. È così che mi sento riguardo alla vita ora. Se sei lento e consapevole, tendi a essere più concentrato sui tuoi obiettivi e intenzioni."

Nel 1999, Stacy Meyrowitz era una socievole ragazza di 32 anni che viveva una vita frenetica a Manhattan, prenotando artisti e celebrità per apparire sulla rete VH1. La sua vita è cambiata dall'oggi al domani quando ha subito un'emorragia cerebrale e improvvisamente si è trovata ad affrontare un significativo deterioramento cognitivo e mesi di recupero. Lo yoga ha aiutato Stacy a riprendersi la vita e le ha insegnato il valore di vivere con intenzione.

In ospedale dopo l'emorragia, Stacy era calma e pacifica, dice. Ma quando iniziò lentamente a riacquistare la funzione cognitiva, divenne sempre più frustrata dalla sua incapacità di comprendere cose semplici. Era facilmente confusa, disorientata e un passo dietro a tutti gli altri, sia fisicamente che mentalmente.

"La mia memoria, l'equilibrio, le relazioni spaziali e la concentrazione erano tutti compromessi", dice. "Ero diventato nero e blu sbattendo contro i muri. Mi sarei perso in città - non riuscivo a capire che stavo andando in centro quando volevo davvero andare in centro. Non avevo interesse per i miei amici, per il mio carriera. Era tutto semplicemente troppo lavoro. "

Sentendosi scollegata da tutto nella sua vita precedente, Stacy è andata a un corso di Anusara Yoga. Immediatamente, è stata attratta dal modo in cui l'insegnante ha chiesto a tutti di allineare i loro tappetini. L'idea dell'ordine sembrava rassicurante, dice. L'insegnante ha continuato a dare istruzioni anatomiche specifiche che Stacy ha scoperto di poter seguire. "Desideravo quel tipo di istruzione come qualcuno che non aveva né cibo né acqua", dice Stacy. "Era roba semplice su cui potevo concentrarmi completamente e andare piano e fare".

Ha iniziato a frequentare un corso di Anusara Yoga per principianti ogni giorno nello stesso studio e ha scoperto che le istruzioni chiare e consapevoli degli asana miglioravano la sua memoria, le relazioni spaziali, la concentrazione e il senso di connessione con la mente e il corpo. Ma su scala maggiore, dice, la pratica quotidiana le ha mostrato il valore di agire deliberatamente. Ha imparato che, sul tappeto, la pazienza e l'intenzione concentrata si traducevano in maggiore precisione nelle pose; fuori dal tappeto, quelle qualità hanno portato a vivere in un modo più profondamente soddisfacente. "Quando tieni in posa per un po ', hai tempo per arrivare dove vuoi essere", dice. "È così che mi sento riguardo alla vita adesso. Se sei lento e consapevole, tendi a essere più concentrato sui tuoi obiettivi e intenzioni."

Oggi, Stacy, che ora lavora nel settore immobiliare e si prepara a fare un corso di formazione per insegnanti di yoga, vede gli effetti della sua pratica yoga in ogni parte della sua vita. Si descrive come più paziente, precisa e orientata ai dettagli di quanto non fosse prima della lesione cerebrale e in grado di prendere decisioni aziendali migliori. Le sue abitudini alimentari sono cambiate: prima dell'emorragia mangiava fast food, ma ora ama cucinare, passare lunghi periodi di tempo a fare la spesa, tagliare le verdure per la settimana e preparare il cibo da portare al lavoro. E passa più tempo ad approfondire le sue relazioni con amici di vecchia data, piuttosto che riempire il suo calendario di eventi che coinvolgono grandi gruppi di conoscenti casuali. Il filo conduttore, dice, è che vive la sua vita con un maggior senso di scopo e intenzione. In qualche modo, dice,si sente una persona completamente diversa da quella che era prima dell'emorragia. "Ma sento che questa persona doveva essere sempre stata qui."

Per il tuo bene

"Ho imparato a fare yoga per me, a disciplinarmi a mio vantaggio".

Larry Sherman era sopravvissuto molto: abuso di sostanze, un'esperienza di pre-morte come sottufficiale della marina in Desert Storm e un divorzio che gli ha lasciato la responsabilità di crescere i suoi figli. Ma nessun problema sembrava insormontabile come il suo peso, che al suo massimo superava i 540 libbre. Attraverso lo yoga, Larry ha trovato la forza interiore per cambiare la sua vita.

L'eccesso di cibo di Larry è iniziato come un modo per affrontare la solitudine, la depressione e il disturbo da stress post traumatico. "Mi sono rifiutato di tornare all'alcol, quindi il cibo era per me", dice. "E mangiavo con rabbia. Mi svegliavo la mattina e andavo al posto dei bagel, mangiavo due o tre bagel e bevevo una tazza di caffè. Tornando a casa, compravo due o tre dozzine di ciambelle. Poi Andavo direttamente al China Buffet e mangiavo lì per due ore, poi tornavo a casa e mangiavo le mie ciambelle. Ero malato e stanco e non riuscivo a respirare. Passavo ogni notte aspettando di morire ".

Larry era entrato e uscito da programmi di dipendenza da cibo nel corso degli anni e nel 2006, all'età di 47 anni, ha deciso di riprovare. "Sapevo che dovevo prendere la decisione di vivere o morire", dice. "Ho scelto di vivere." Ma sapeva che cambiare semplicemente le sue abitudini alimentari non sarebbe stato sufficiente. Un giorno a una fiera della salute, ha incontrato un insegnante di yoga che lo ha incoraggiato a provare lo yoga. Larry ha iniziato a frequentare le lezioni allo Yoga Shelter a Detroit, dove il suo insegnante e gli altri studenti hanno dovuto aiutarlo nelle pose inizialmente sostenendogli braccia e gambe. "Non riuscivo a camminare. Non riuscivo nemmeno a stare in piedi per lunghi periodi di tempo", dice. "Ed eccomi qui, 480 libbre, e facendo una Half Moon Pose." Ha continuato ad andare a lezione e, con sua incredulità, si è ritrovato a fare Pigeon Pose, e poi Boat Pose.

Le sue dimensioni rendevano le pose difficili e talvolta dolorose, ma i suoi insegnanti lo incoraggiavano a continuare a praticare. "Ogni volta che l'ho fatto, sono diventato più flessibile e mi sono stupito di quello che potevo effettivamente fare se respirassi e provassi e non mi arrendessi mai", dice. Quando l'asana divenne una parte normale della sua vita, Larry scoprì che il suo corpo era in grado di muoversi con grazia e persino di fornirgli momenti di piacere. Ha scoperto che la sua autostima stava aumentando e con essa la volontà di restare fedele al programma di dipendenza da cibo, qualcosa che non era stato in grado di fare in passato. Nei sei mesi successivi, ha perso 100 libbre. "Non vuoi abusare del tuo corpo quando sai quanto può essere bello", dice. "Quando hai sentito la magnificenza del tuo corpo in una lezione di Vinyasa o in una lezione a flusso lento, allora sai che"stai facendo una cattiva scelta quando mangi 10 pezzi di pollo fritto o mezza pizza. "

Oggi Larry pesa 180 libbre e lavora in un ospedale per la riabilitazione dalla droga e dall'alcol, dove fa da mentore ai giovani adulti. "Lo yoga ti insegna a essere genitore, a prenderti cura di te stesso", dice. "Ero nell'esercito, quindi ti insegnano ad essere disciplinato per loro. Ma ho imparato a fare yoga per me, a disciplinare me stesso a mio vantaggio."

Scopri il vero te

"Un giorno, ero seduto nella posizione del loto con gli occhi chiusi, e ho visto qualcuno seduto di fronte a me, che mi guardava. Era una donna bellissima. E ho pensato: 'Oh mio Dio, è quello che sono ? '"

A 40 anni, Rachel Eliason è un'infermiera registrata, una scrittrice in erba e l'amorevole madre di un figlio di 12 anni. Ma solo quattro anni fa viveva la sua vita come qualcuno che non era, qualcuno di nome Richard. Lo yoga e la meditazione hanno dato a Rachel l'intuizione di connettersi con la verità su chi era veramente e il coraggio di accettare di vivere la sua vita come quella persona.

Rachel era nata un maschio biologico e da adulta si era sposata e aveva avuto un figlio, ma aveva lottato per tutta la vita con la confusione sulla sua identità di genere. Dopo il divorzio cinque anni fa, ha provato a vivere la vita da gay, ma si sentiva ancora turbata. "Era ovvio che questa non era la risposta", dice. "Avevo ancora a che fare con qualcun altro. Non avevo a che fare con me."

Rachel praticava regolarmente yoga e meditazione da anni, ma iniziò a dedicare più tempo alla sua pratica, cercando risposte e cercando di connettersi con chi era. È stato durante la meditazione, dice, che è stata in grado di vedere se stessa come una donna per la prima volta. "Un giorno, ero seduta nella posizione del loto con gli occhi chiusi", dice, "e ho visto qualcuno seduto di fronte a me, che mi guardava. Era una donna bellissima. E ho pensato: 'Oh mio Dio, è quello che sono? "

La visione non fu tanto una sorpresa quanto una conferma di qualcosa che aveva sempre saputo inconsciamente, ma era la consapevolezza di cui aveva bisogno per andare avanti. "Era sempre stato nella parte posteriore della mia testa, ma era qualcosa che ho cercato di evitare consapevolmente per molto tempo", dice. "Ho capito che forse non era solo una fantasia. Forse era reale. Forse poteva accadere."

La pratica degli asana di Rachel la mantenne connessa al suo corpo e aiutò a mantenere la sua mente lucida e libera da giudizi mentre iniziava il lungo e difficile processo di transizione di genere, che all'inizio comportava il cambiamento di cose esterne, come il suo nome e il suo abbigliamento, oltre a prendere ormoni. "Ho passato troppo della mia vita cercando di aggirare un sacco di problemi essendo intellettuale su di loro, come pensare che il mio sentirsi come una donna non fosse reale. Lo yoga mi ha aiutato ad abitare il mio corpo e ad essere me stesso", ha detto. dice.

La sua pratica l'ha anche aiutata a sentirsi a proprio agio con il modo in cui il suo corpo desiderava naturalmente muoversi ed esprimersi. "Come uomo, ho sempre tenuto le mani unite quando parlavo, per evitare che si muovessero, perché sembrava femminile", dice. "Avevo imparato a controllare il modo in cui cammino perché la mia tendenza naturale è quella di avere una camminata più femminile; piuttosto che costruire un nuovo personaggio femminile, era più una questione di lasciarsi andare e permettere al mio corpo di fare ciò che sentiva fosse il massimo cosa naturale. E lo yoga è stato di grande aiuto proprio in questo. "

Oggi, mentre il processo di transizione di genere continua, Rachel sta godendo di sollievo dalla confusione che una volta la oscurava. La sua pratica yoga è un costante promemoria che il raggiungimento della più vera espressione di se stessa richiede tempo.

"Dopo aver fatto yoga per un po ', inizi a goderti il ​​processo e ti rendi conto che non si tratta solo del risultato finale", dice. "La gente pensa che un cambiamento di sesso sia qualcosa che fai. Ma noi lo chiamiamo una 'transizione', perché è un processo. Nessuno vuole passare mesi a prendere ormoni e prepararsi per un intervento chirurgico. Ma devi iniziare da dove tu sono e quello che hai. Devi essere paziente e lasciare che il processo si svolga ".

Raccomandato

Tantra Rising
Le migliori pillole di cannella
3 modi per migliorare la posa del ceppo di fuoco