Twisting di Shiva Rea + Soaring Visvamitra's Pose

Quando ho deciso di iniziare a surfare qualche mese fa, gli amici mi hanno detto: "Oh, sei uno yogini, non ci saranno problemi". Ma la prima volta che ho provato a stare sulla mia tavola, ho agitato, impazzito e spazzato via come un vero principiante. Ci sono voluti mesi per sviluppare anche un piccolo conforto lassù. Ma questo è uno dei motivi per cui amo imparare questo nuovo sport. Esplorare un regno in cui sono un principiante assoluto mi dà la possibilità di godermi il passaggio dall'imbarazzo alla grazia incarnata, dalla frammentazione alla totalità. È anche un modo esilarante per sperimentare il processo dello yoga.

Quando sono salito sulla tavola per la prima volta, dovevo concentrarmi su ogni singola azione per bilanciarmi su un'onda. Ora, il movimento inizia a venire più naturalmente e la mia coscienza è in grado di disperdersi in tutto il mio corpo. A volte posso ancora sentirmi a disagio, ma sto cominciando a sfruttare il ritmo di prendere un'onda e posso sentire lo yoga che sta accadendo.

Deepak Chopra, leader nel campo della medicina mente-corpo, descrive questo processo yogico come il passaggio da una visione locale all'intelligenza globale. È qualcosa che sperimentiamo spesso nello yoga e Visvamitrasana (la posa di Visvamitra) è una posa ideale in cui giocare con questo passaggio viscerale dalla coscienza locale a quella globale.

Prende il nome da un ambizioso re che si è trasformato in un saggio yogico, Visvamitrasana è un asana complesso: è un bilanciamento del braccio, apertura dell'anca, apertura della spalla, allungamento del tendine del ginocchio e torsione, tutto in uno. Mentre lo pratichi, noterai, proprio come ho fatto con il surf, che inizi concentrandoti su parti separate del tuo corpo, che inibiscono l'equilibrio, il ritmo e il flusso. Ma con la dedizione, tutte le parti e le azioni apparentemente separate si uniranno e l'energia dell'asana prenderà vita.

Benefici:

  • Costruisce la consapevolezza del corpo che lavora nel suo insieme
  • Apre la vita laterale e il busto
  • Rafforza la parte superiore del corpo, i polsi e le gambe
  • Allunga i fianchi esterni e i muscoli glutei profondi

Controindicazioni:

  • Lesioni al polso
  • Lesioni ai muscoli posteriori della coscia
  • Lesioni sacroiliache

Prima di iniziare

Visvamitrasana è qualcosa da salvare per il culmine della tua pratica yoga. È importante riscaldare completamente i muscoli posteriori della coscia, i fianchi, le spalle e la vita laterale prima di entrare in posa. Prova una sequenza di riscaldamento che includa quanto segue: Saluto al sole, Trikonasana (triangolo), Parsvakonasana (posa ad angolo laterale), Virabhadrasana II (posa del guerriero II), Malasana (posa della ghirlanda) e Prasarita Padottanasana (piegamento in avanti in piedi a gambe larghe ). Preparati per l'equilibrio del braccio con Tolasana (Scale Pose) e Bhujapidasana (Shoulder Pressing Pose).

Supta Visvamitrasana

In questa variazione, sperimenterai la forma della posa senza il calore e la sfida dell'equilibrio del braccio. L'ho scoperto mentre mi esercitavo a casa con il mio gatto Choochie nelle vicinanze e non dimenticherò mai il rilassamento felino che ho provato. Ma prima di iniziare, considera te stesso avvertito: questo asana ti richiede di muoverti in modi che potrebbero farti sentire come un pretzel. Sii paziente e permetti a te stesso di sviluppare la consapevolezza mente-corpo di cui hai bisogno per farlo. La posa ti darà anche un feedback sulla gamma di movimento dei muscoli posteriori della coscia, dei fianchi e del busto, quindi muoviti lentamente e rispettosamente mentre quelle aree si riscaldano.

Per prima cosa, sdraiati sulla schiena e allunga la colonna vertebrale allontanando i piedi e la sommità della testa l'uno dall'altro. Raggiungi il tallone sinistro mentre pieghi il ginocchio destro e lo sollevi verso il petto. Estendi lentamente la gamba destra verso il cielo in Supta Padangusthasana (posa reclinata mano-alluce). Se i muscoli posteriori della coscia si sentono tesi, piega leggermente il ginocchio e rimani qui nella prima fase di questa posizione.

Altrimenti, passa al secondo stadio allungando il corpo e afferrando l'esterno del piede destro con la mano sinistra. Ora, tira il braccio destro a sinistra attraverso il foro formato dal braccio sinistro e dalla gamba destra (non dire che non ti avevo avvertito di questo momento del pretzel). Rotola sul lato sinistro e posiziona la punta delle dita della mano destra sul pavimento come supporto. Per completare la forma, fai scivolare la testa sulla parte superiore del braccio sinistro, che richiederà di estendere la gamba destra di lato e in alto verso l'orecchio. Se ti senti sbilanciato, piega la gamba sinistra.

Per simulare la sensazione del Visvamitrasana completo, estendi completamente la gamba destra premendo il piede destro nella mano sinistra, ma ascolta i muscoli posteriori della coscia e non allungare eccessivamente. Ruota l'anca destra verso il basso in modo che il coccige punti verso il tallone posteriore. Tutto il tuo corpo dovrebbe essere sullo stesso piano. Mantieni l'osso sacro ampio: non dovresti sentire alcuna compressione nella parte bassa della schiena. Rilassa il peso della testa sul braccio sinistro e nota che quando il braccio preme contro il terreno, la gamba si allunga ancora di più e si estende verso la sommità della testa.

Questa posa è un incredibile antistress. L'apertura della vita laterale rilascia la tensione nei muscoli intercostali (i muscoli che collegano le costole), che spesso si contraggono quando sei sotto stress. Rilassare la testa e il collo svuota la tua "mente pensante", che spesso si agita e armeggia con idee su cosa fare con particolari parti del corpo.

Resta qui, godendoti la marea del tuo respiro. Mentre inspiri, allunga le gambe e la colonna vertebrale. Mentre espiri, lascia che il peso della testa inviti al rilassamento. Se riesci a trovare il ritmo attraverso il tuo respiro, sei sulla buona strada per attingere all'intelligenza globale, dove la coscienza si diffonde attraverso ogni cellula. Dopo 5-10 respiri, rilascia e fai questa posa sull'altro lato.

Visvamitrasana II

La sfida in questa variazione è prendere ciò che hai appena appreso e aggiungere un movimento: l'azione di pressione sulle spalle, che trovi nel bilanciamento del braccio Bhujapidasana (Posizione della pressione della spalla). Quando richiamo questo tipo di lavoro in altre pose, chiamo questa azione bhujapida (pressione delle spalle) perché crei una leva premendo la parte superiore delle cosce contro le spalle e premendo le spalle contro la parte superiore delle cosce. La leva ti aiuterà a sollevare i fianchi dal pavimento.

Inizia sedendoti in Baddha Konasana (Bound Angle Pose). Tieni la gamba sinistra così com'è e culla la gamba destra con entrambe le mani, attirandola verso il petto come se stessi tenendo in braccio un bambino. Spostandoti dall'articolazione dell'anca, non dal ginocchio, tira la gamba destra più a destra e indietro finché non riesci a far scivolare la gamba sopra la spalla destra. Appoggia la punta delle dita a terra per mantenerti stabile. Se questa è una lotta, torna a cullare la gamba destra e lavora sull'apertura dei fianchi mentre la colonna vertebrale rimane lunga.

Ora è il momento per un po 'di quell'azione bhujapida. Per aprire ulteriormente l'anca, premi la spalla destra contro il ginocchio. Ora premi la parte posteriore del ginocchio contro la spalla per stabilizzare la parte superiore della coscia. Nota come l'azione di pressione ti consente di allungare la colonna vertebrale. Ma se hai perso la tua leggerezza, rilassati e crea uno spettacolo di marionette spontaneo (e un po 'di leggerezza tanto necessaria) animando il tuo piede destro.

Ora, come hai fatto in Supta Visvamitrasana, prendi il tuo piede destro esterno con la mano sinistra ed estendi lentamente la gamba in modo che possa andare dritta senza sforzo. Quindi aggiungi una svolta: fissa le tue ossa sedute alla terra, attiva l'azione bhujapida e allunga la colonna vertebrale mentre inspiri. Mentre espiri, sposta la vita del lato destro verso l'ombelico e l'ombelico verso la vita del lato sinistro. Il tuo intero busto seguirà mentre ti giri elegantemente verso il cielo.

Mantieni stabile il tuo sacro e muoviti dalla vita. Senti come se stessi strizzando i reni e la pancia, il che stimolerà delicatamente la circolazione in quelle aree e faciliterà un rilascio più profondo attraverso le vertebre. Se riesci a combinare l'azione bhujapida con la torsione laterale, l'effetto cumulativo sembrerà un grande "Ahhhh", come aprire una finestra per portare prana fresco nel tuo corpo. Se, tuttavia, ti sembra di lottare contro un alligatore, piega la gamba destra e concentrati sul respiro, respirando dalla base del corpo fino alla sommità della testa. Dopo 5-10 respiri, rilascia e spostati sull'altro lato.

Eka Pada Koundinyasana II

Che i giochi di bilanciamento del braccio abbiano inizio. Per prepararti a questo equilibrio intermedio del braccio, esegui un affondo alto con la gamba destra in avanti e la gamba sinistra premuta all'indietro. Guarda che il tuo ginocchio destro è direttamente sopra la caviglia e che sei sull'avampiede del piede posteriore. Inspira e attira la tua consapevolezza al centro del tuo corpo, lo spazio tra l'osso pubico e l'ombelico. Espira e irradia la tua energia in avanti attraverso il ginocchio destro, indietro attraverso il tallone sinistro, giù attraverso l'anca destra e su attraverso la parte posteriore della gamba sinistra. Io chiamo questo affondo dei "quattro movimenti". Ti aiuta a diffondere la tua energia in modo uniforme attraverso la parte inferiore del corpo, un'abilità di cui avrai bisogno per l'equilibrio delle braccia.

Successivamente, aggiungerai l'azione bhujapida. Dall'affondo, piegati in avanti e porta il braccio destro sotto la gamba destra finché non puoi tenere la caviglia con entrambe le mani. Porta la spalla destra il più possibile sotto la gamba destra. (Ricordi le pose suggerite per l'apertura dei fianchi e delle spalle nella sezione "Prima di iniziare"? Se non le hai fatte, potresti volerlo fare ora.)

Metti le mani su entrambi i lati del piede destro. Ora allarga entrambi i gomiti in modo che le tue braccia siano ad angolo retto rispetto al pavimento. Premi saldamente le mani nella terra e avvia l'azione bhujapida tra la spalla destra e la coscia. Disegna isometricamente il tallone destro verso il pavimento pelvico. Sentirai il basso ventre e il pavimento pelvico sollevarsi in Mula Bandha (Root Lock), che renderà tutto il tuo corpo più leggero. Usando Mula Bandha, cerca di estendere la gamba destra. Premi le palle dei tuoi piedi anteriori e posteriori e senti l'energia estendersi attraverso il tuo corpo. Rimani galleggiante nel tuo centro per evitare di sederti sui polsi. Per la fase finale, sposta il peso in avanti e la gamba posteriore inizierà a sollevarsi da terra. Porta il peso del busto sul gomito sinistro. Amplifica l'azione bhujapida e tu 'Diventerò ancora più leggero.

Man mano che sviluppi la consapevolezza mente-corpo di cui hai bisogno per questo intenso equilibrio delle braccia, potresti ritrovarti a goderti, come ho fatto io nel surf, un totale svanimento. Se una caduta scomoda e accartocciata sembra imminente, prova a sostenere parte del peso del busto sul gomito sinistro o riporta il peso in affondo. Per uscire, torna nella posizione del cane rivolto verso il basso o fai oscillare la gamba destra nella posizione della plancia e attraversa un vinyasa. Quindi fai un passo in avanti con il piede sinistro per fare l'altro lato.

Ardha Visvamitrasana

Ora è il momento di mettere insieme i pezzi. Questo è vicino alla versione completa, tranne per il fatto che avrai il ginocchio posteriore sul pavimento per supporto. Entra nell'affondo alto, con la spalla destra sotto il ginocchio destro, come hai fatto nella preparazione per Eka Pada Koundinyasana. Porta il ginocchio sinistro a terra, mantenendo il piede sinistro in linea con il ginocchio sinistro. Applica l'azione bhujapida premendo insieme spalla e gamba. Solleva il tallone destro verso il pavimento pelvico. Prendi l'esterno del piede destro con la mano sinistra, quindi porta il busto tra le braccia, facendo rotolare in avanti le costole destre e ruotando le costole sinistre. Continua a premere insieme la spalla e la gamba per stabilizzare la leva della parte superiore delle cosce. Se la leva è ferma, puoi estenderla e ruotarla più facilmente.

A questo punto potresti iniziare ad affondare come il Titanic. Quando inizi a sollevarti, potresti sentirti barcollare o accasciato sulla gamba anteriore. In questo caso, premi la mano che ti sostiene e riattiva il sollevamento del pavimento pelvico.

Questa posa offre un'opportunità perfetta per sperimentare la tua intelligenza globale. Invece di concentrarti su tutte le singole azioni che hai imparato, percepisci l'asana come un'intera sinfonia. Non appena senti il ​​peso nei polsi, tira su l'energia dalle mani e attiva Mula Bandha. Premi il piede destro nella mano sinistra ed estendi la gamba al rallentatore in modo da poter davvero sentire cosa sta succedendo.

Una volta allungata la gamba, inizia ad attivare la torsione. Saprai di essere entrato nella posa completa quando tutto il tuo corpo si sente come se stesse lavorando insieme - non solo il corpo fisico, ma il tuo respiro, consapevolezza, sensazioni ed emozioni. Allunga il collo e guarda nella direzione della tua torsione. Dopo 5-10 respiri, riposa in Pada Hastasana (posizione del piede a mano) come contrapposizione per il polso e la torsione. Quindi ripeti sull'altro lato.

Visvamitrasana

E ora, l'intera posa. Se hai lavorato lentamente, creando nuova consapevolezza corpo-mente e rispettando i tuoi limiti, la posa completa alla fine emergerà senza sforzo. Ricordo la prima volta che ho visto una farfalla uscire dal suo bozzolo. Sono rimasto scioccato dal fatto che ci siano voluti diversi giorni perché le ali si asciugassero e la farfalla sentisse la sua nuova forma. Questo è un ottimo esempio del tipo di pazienza che puoi coltivare con Visvamitrasana. Aspetta che la posa venga da te. È un prodotto della tua stessa evoluzione e, come molte altre scoperte, spesso accade inaspettatamente, senza nessuno intorno a testimoniarlo.

Hai già praticato tutti i passaggi per consentire a questa posa di svolgersi. Il passaggio finale consiste nell'estendere la gamba posteriore invece di tenerla a terra come supporto. Dall'affondo alto, gira il piede sinistro in fuori e premi il bordo esterno verso il basso, proprio come faresti in Virabhadrasana II (Warrior Pose II). Tieni sollevata la parte interna della coscia posteriore e tira il coccige verso il piede posteriore per stabilità e sostegno. Ora aggancia i tuoi bandha e attiva l'azione bhujapida mentre afferri il piede destro con la mano sinistra. Inizia la torsione e allarga il petto verso il cielo.

Hai imparato le azioni separate, ma è ora di lasciare andare quella concentrazione e permetterti di aprirti visceralmente alla posa. Cerca di rilassarti nell'azione. Ammorbidisci la consapevolezza che hai messo sui dettagli individuali in competizione per la tua attenzione e sperimenta l'unione di intenzione, azione e grazia nel tuo corpo mentre si irradia dall'interno verso l'esterno. È questa trasformazione interiore che è lo stato dello yoga.

Raccomandato

Buzzed: Yoga and Alcohol
Di quale olio essenziale ha bisogno il tuo chakra? Rispondi al nostro quiz!
12 pose per mantenere la calma quest'estate