Gli effetti energetici del pranayama

La respirazione è una funzione eccezionale del corpo in quanto è normalmente regolata automaticamente dal Sistema Nervoso Autonomo, ma può essere consapevolmente modificata. Per questo motivo, può agire come una porta tra gli aspetti consci e inconsci del sé. Naturalmente, la tradizione yogica afferma che tutte le funzioni del corpo controllate dal Sistema Nervoso Autonomo possono, con la pratica, diventare volontarie, anche il battito del cuore. Ma finché lo yogi non raggiunge quel livello, praticare il controllo del respiro è il modo più accessibile per creare un ponte.

Per guidare i tuoi studenti lungo questo percorso, è utile avere una certa comprensione del funzionamento fisiologico di base del respiro. Ecco come ne viene influenzato il corpo: mentre inspiriamo, il diaframma in contrazione (il muscolo respiratorio primario, che è come la pelle di un tamburo che separa la cavità toracica dalla cavità addominale) scende sugli organi sottostanti, creando pressione. Di conseguenza, la cavità toracica si espande e la cavità addominale si contrae leggermente. Mentre espiriamo, accade il contrario: il diaframma si rilassa e si rilascia verso l'alto mentre la gabbia toracica si rilassa verso l'interno, consentendo una spaziosità contro-intuitiva nell'addome. Questa sensazione di spazio nell'addome può essere difficile da avvertire in un individuo con qualche restrizione nella respirazione libera naturale, ma è facilmente misurabile nei neonati. Durante l'inalazione profonda e prolungata,si crea una pressione nella cavità toracica che stimola diversi effetti del sistema nervoso simpatico (il ramo del sistema nervoso autonomo che crea la "risposta di lotta o fuga"), i più notevoli dei quali sono aumenti temporanei della frequenza cardiaca e della pressione sanguigna. L'espirazione profonda e prolungata tende ad attivare il ramo opposto del Sistema Nervoso Autonomo - il Parasimpatico - che ha ancora molti effetti, incluso il temporaneo - ma immediato! - calo sia della frequenza cardiaca che della pressione sanguigna.L'espirazione profonda e prolungata tende ad attivare il ramo opposto del Sistema Nervoso Autonomo - il Parasimpatico - che ha ancora molti effetti, incluso il temporaneo - ma immediato! - calo sia della frequenza cardiaca che della pressione sanguigna.L'espirazione profonda e prolungata tende ad attivare il ramo opposto del Sistema Nervoso Autonomo - il Parasimpatico - che ha ancora molti effetti, tra cui il temporaneo - ma immediato! - calo sia della frequenza cardiaca che della pressione sanguigna.

Questo si avverte facilmente: siediti in silenzio per un po ', allungando consapevolmente il respiro il più comodamente possibile e lasciandolo arrotondare in modo che l'inspirazione fluisca direttamente nell'espirazione. Una volta stabilito il ritmo di una respirazione lunga e regolare, posiziona due dita a lato della laringe e senti il ​​polso. Se il tuo respiro non è forzato e lungo, dovresti essere in grado di misurare l'aumento del battito cardiaco mentre inspiri e la diminuzione mentre espiri.

Lo yoga, in termini molto generali, è una pratica per bilanciare gli opposti. Spesso nella nostra pratica e insegnamento miriamo a bilanciare l'inspirazione e l'espirazione, che ha un effetto neutralizzante sulle correnti dei due rami del Sistema Nervoso Autonomico. A seconda dell'effetto desiderato, tuttavia, modificare il focus verso l'inspirazione o l'espirazione sposterà notevolmente il risultato energetico di una pratica Yoga.

L'inalazione, sebbene spesso pensata come un respiro espansivo, crea effettivamente una pressione intorno al cuore, che sposta il sistema - almeno durante il ciclo respiratorio - nel sistema Simpatico. L'espirazione profonda tende a spostarla nella direzione opposta. Pertanto, nella pratica personale, se si ha la tendenza all'ansia e si cerca di rilasciare lo stress, sarà più utile un rapporto di respiro che enfatizzi l'espirazione. D'altra parte, in un individuo che tende alla depressione o alla letargia, lo stesso rapporto di respiro rafforzerà queste difficoltà.

In termini più semplici, brevi trattenute del respiro alla fine dei cicli del respiro (alla fine dell'inspirazione o dell'espirazione) tenderanno a rafforzare l'effetto del respiro precedente. Ci sono, ovviamente, modi più sottili e complessi di guardare agli effetti energetici dei quattro elementi del ciclo respiratorio. Per informazioni più approfondite sui vari prana e su come si relazionano a livelli più sottili di pratica, vedere Yoga e Ayurveda di David Frawley e la traduzione di Swami Muktibodhananda dell'Hatha Yoga Pradipika. In ogni caso, le trattenute del respiro sono pratiche estremamente potenti ed è importante avere un'esperienza personale di ciò su cui stai lavorando prima di iniziare a insegnarle, soprattutto perché non tutti i presenti potrebbero avere le stesse esigenze.La modifica dei ritmi del respiro cosciente al di fuori di un rapporto uguale (dove l'inalazione è esattamente uguale all'espirazione) o l'uso di ritenzione può avere effetti straordinari, e ciò che può essere utile per un praticante in un particolare giorno può essere dannoso in un altro corpo o in un altro momento.

Se hai deciso di essere pronto per utilizzare il controllo del respiro per creare effetti energetici distinti in classe, ecco come iniziare. Prima dell'inizio della lezione, valuta l'energia della stanza. Se i tuoi studenti sono particolarmente irrequieti e loquaci e sembrano avere problemi ad ambientarsi in una pratica yoga, potrebbe essere una buona idea provare espirazioni più lunghe (o, per studenti particolarmente esperti, trattenute esterne molto brevi) all'inizio della lezione. Se insegni una pratica in stile Vinyasa, questo può essere facilmente fatto durante i Saluti al Sole semplicemente lasciando un po 'più di tempo per i movimenti eseguiti durante l'espirazione o parlando agli studenti attraverso brevi ritenzione alla fine di ogni espirazione, durante le quali mantengono ogni posa momentaneamente. In altre forme di yoga,puoi ottenere lo stesso effetto semplicemente chiedendo ai tuoi studenti di sedersi o sdraiarsi in meditazione mentre praticano l'Ujjayi Pranayama (Respiro Vittorioso). Qualunque sia il tuo stile di insegnamento, se prendi dai dieci ai quindici minuti all'inizio della lezione per enfatizzare l'espirazione (e forse aggiungi una ritenzione alla fine di ogni espirazione), noterai un calmante visibile per il resto della lezione. Più conosci i tuoi studenti, più questo sarà ovvio per te. Potrebbe anche essere profondamente sorprendente vedere studenti che si agitano costantemente solo riposando in silenzio, anche in pose impegnative!noterai un visibile calmante per il resto della classe. Più conosci i tuoi studenti, più questo sarà ovvio per te. Potrebbe anche essere profondamente sorprendente vedere studenti che si agitano costantemente solo riposando in silenzio, anche in pose impegnative!noterai un visibile calmante per il resto della classe. Più conosci i tuoi studenti, più questo sarà ovvio per te. Potrebbe anche essere profondamente sorprendente vedere studenti che si agitano costantemente solo riposando in silenzio, anche in pose impegnative!

Il prolungamento dell'inspirazione, invece, tenderà ad avere un effetto energizzante. Questo è utile fino a un certo punto, ma se è eccessivo può portare a una lezione molto rumorosa, o addirittura sovraccaricare i sistemi dei tuoi studenti con più energia di quanta ne sappiano fare! Un rapporto di inspirazione prolungata (possibilmente aggiungendo trattenute dopo ogni inspirazione) tenderà ad aiutare con una classe che sembra affaticata, ma è importante osservare, attentamente, che il livello di energia della classe aumenta di fatto man mano che insegni a respirare per di qua. Funzionerà solo fino a un certo punto. C'è un limite al modo in cui il corpo può essere "energizzato" - sebbene possa cambiare durante la pratica! - ed è importante non forzare l'inspirazione in modo violento. Tale forzatura crea ansia e stress invece della calma energia che è il tuo obiettivo. Idealmente,assicurati che i tuoi studenti si sentano a proprio agio con le espirazioni complete prima di introdurre un rapporto più profondo o una ritenzione nell'inspirazione, poiché è attraverso l'espirazione, indipendentemente dal rapporto, che l'eccesso viene rilasciato. Anche a livello fisiologico, il sistema respiratorio umano sembra porre più enfasi sulla rimozione dell'anidride carbonica che sull'ispirazione dell'ossigeno!

Una volta che avrai praticato tu stesso questi strumenti e sperimentato come usarli in classe, ti renderai conto che il respiro può essere uno strumento profondo e potente nel plasmare la tua classe come qualsiasi asana o sequenza particolare.

Jamie Lindsay insegna Hatha Yoga in varie forme dal 1996. Ha studiato con molti insegnanti senior di Ashtanga e ha trascorso due anni nel Programma di studi avanzati presso l'Istituto Iyengar Yoga di San Francisco. Gli scritti della Bihar School of Yoga e le tecniche di Univeral Yoga hanno influenzato i suoi studi, e il suo attuale insegnante è Andrey Lappa.

Raccomandato

Finanziamento della formazione degli insegnanti
Domande e risposte con Guru Jagat sul Kundalini Yoga
Marichyasana II (posa dedicata al saggio Marichi II)