Vedere per credere

Quando ho iniziato il mio viaggio spirituale, non ho mai pensato di cercare l'illuminazione. Se me quello che avevo chiesto stavo cercando, probabilmente avrei detto, "Per ottenere po 'di pace, di avere un certo controllo sui miei pensieri." Se pressato ulteriormente, avrei potuto ammettere che volevo essere più felice. Oppure avrei potuto confidare di aver avuto esperienze in cui mi sentivo connesso a tutti e tutto, che questo stato di connessione si sentiva meglio di qualsiasi altra cosa e che volevo trovare un modo per vivere lì.

Forse la stessa cosa è vera per te. Forse hai avuto degli scorci di qualcosa di più che ordinario che sono davvero scorci di uno stato che i saggi chiamerebbero illuminato.

Tuttavia, sono passati anni prima che mi rendessi conto che la mia ricerca di pace, felicità e connessione equivaleva effettivamente a una ricerca di illuminazione, l'unico stato in cui la felicità, la pace e la sensazione di essere connessi non se ne vanno. Pensavo all'illuminazione, ammesso che ci pensassi, come a uno stato esotico accessibile solo ai mistici e a simili creature ultraterrene.

Alcuni mesi fa, ho ricevuto una lettera da qualcuno che affermava di aver fatto di più che intravedere l'illuminazione. Stava praticando una tecnica in cui focalizzi la tua attenzione sull'energia nel tuo corpo per sperimentare la presenza interiore che si trova oltre il pensiero. Improvvisamente, la sua visione cambiò e "vide" che tutto ciò che lo circondava e tutto ciò a cui poteva pensare faceva parte di un tessuto e che il tessuto dell'universo era il tessuto della sua stessa coscienza. Questo cambiamento di visione è stato accompagnato da un senso di totale relax e pace. Questa nuova visione, scrisse, non era scomparsa.

La sua domanda era: se questo potesse accadergli dopo alcuni anni di pratica di tecniche che chiunque può ritirare da un tascabile in una libreria dell'aeroporto, significa che l'illuminazione è molto più accessibile di quanto la gente pensi. Quindi, si chiese, perché più persone non sono illuminate?

Sebbene l'esperienza di quest'uomo possa sembrare drammatica, la maggior parte di noi, specialmente nella comunità dello yoga, ha intravisto sfaccettature dello stato illuminato. Se ti sei allontanato dalla tua mente e sei diventato il testimone della tua esperienza, o ti sei sentito amorevole verso qualcuno che normalmente non ti piace, o sei rimasto nella natura e hai percepito l'interconnessione di ogni cosa, hai toccato uno dei sapori di lo stato illuminato. Se ti sei mai perso completamente in un compito, nell'estasi sessuale, nel ballo o nella musica, o hai sentito la pura felicità o compassione sgorgare senza motivo, hai toccato l'illuminazione.

Naturalmente, gli esseri umani hanno vissuto tali esperienze per sempre. E la piena illuminazione - che definirei come la realizzazione che c'è un'energia nell'universo e che tutti noi ne facciamo parte - non è qualcosa che arriva facilmente. Richiede sforzo, impegno e grazia.

Eppure, sicuramente il nostro è il primo momento nella storia in cui un numero enorme di persone comuni ha un contesto in cui comprendere le loro esperienze di connessione più profonda e avere accesso a pratiche che possono aiutarle a renderle una parte normale della vita: puoi acquistare libri dal Dalai Lama ed Eckhart Tolle sul web; puoi ascoltare pratiche esoteriche di illuminazione su CD; puoi noleggiare film famosi come The Matrix e What the Bleep Do We Know !? Considera tutto questo, e la domanda di quest'uomo ha molto senso. Perché più persone non fanno dell'illuminazione un obiettivo?

Apriti all'illuminazione

La risposta più ovvia è che la maggior parte di noi non si rende conto che lo stato di illuminazione è possibile o desiderabile. Potresti credere che richieda un livello di eroismo e sacrificio che è al di là di te, che è riservato alle persone che, come il Buddha, rinunciano a tutto, che lasciano il lavoro, la casa e la famiglia per passare anni a praticare temibili austerità, meditando per lunghe ore , tagliandosi fuori dalla vita ordinaria.

Questa nozione di illuminazione tutto o niente è profondamente radicata e insidiosa. Spesso ricevo domande da studenti che sperimentano un'espansione della coscienza e poi mi preoccupo: "Ma se continuo a farlo, dovrò rinunciare alla mia famiglia? Perderò la mia personalità?" Se pensiamo che perseguire stati di coscienza elevati significhi rinunciare ad altri aspetti della vita, non sembrerà un'opzione attraente. D'altro canto, potremmo essere attratti dall'idea dell'illuminazione, ma immaginiamo che sia un modo per aggirare le sfide e le irritazioni ordinarie, e quindi potremmo scoraggiarci se non sperimentiamo una trasformazione immediata, o ci sentiamo frustrati quando non siamo miracolosamente oltre le esigenze quotidiane del lavoro e dei rapporti familiari.

Un altro malinteso sull'illuminazione è che è solo per i tipi santi. Ci guardiamo e diciamo: "Beh, non potrei mai essere illuminato perché divento un disastro psicotico prima del ciclo, e anche se ho 30 anni non riesco ad andare d'accordo con mia madre e mi piace molto fare festa ed è difficile per me passare molto tempo da solo, e inoltre, penso che potrei essere dipendente dallo shopping ". Non possiamo immaginare come qualcuno come noi, con tutte le nostre debolezze, avversioni e desideri, possa mai entrare in uno stato così elevato.

La verità è che possiamo e dovremmo. L'illuminazione, secondo le tradizioni yogiche, è uno dei quattro obiettivi legittimi dell'esistenza umana e, nonostante secoli di propaganda contraria, è qualcosa che può essere cercato - e praticato - nel contesto di una cosiddetta vita normale. Inoltre, quando consideri l'illuminazione come una possibilità e pratichi atteggiamenti illuminati, crei una spaziosità nella tua mente e nella tua vita che è potentemente positiva. In breve, praticare atteggiamenti illuminati probabilmente ti farà sentire meglio.

Usa la tua immaginazione

Per me è stato abbastanza radicale rendermi conto che potevo effettivamente praticare l'illuminazione. Come la maggior parte delle altre persone, ho trovato l'idea incredibilmente lontana e irrealistica quando l'ho incontrata per la prima volta. Due cose hanno cambiato il mio punto di vista. Uno era stare vicino al mio insegnante, che dava ogni indicazione di essere illuminato e che, insieme a irradiare correnti elettriche di amore e compassione, sembrava divertirsi molto.

Ma altrettanto importante è stata la mia scoperta della tradizione yoga-tantra chiamata bhavana, una pratica in cui usi la mente e l'immaginazione per creare un'esperienza interiore di unità, o per contemplare una reazione illuminata a un oggetto del desiderio, diciamo, o a un nemico. L'idea è che usando la tua mente per mantenere idee illuminate e usando la tua immaginazione per "fingere" l'illuminazione, inizi a creare un'esperienza interiore di questi stati.

Ho usato una serie di affermazioni basate sul Vijnana Bhairava, un testo di meditazione sanscrito reso popolare in Occidente in un libro intitolato Zen Flesh, Zen Bones , di Paul Reps (Shambala, 1994). "Tutto ciò che è dentro e fuori è un aspetto del divino", pensavo. "Tutto questo - il computer, il tappeto, il suono della TV della porta accanto - è una manifestazione della mia coscienza" o "Tutto è il mio Sé".

Queste pratiche, scoprii presto, facevano una differenza palpabile nel mio stato d'animo. Il miglior antidoto per sentirsi annoiati, insicuri o infelici era passare alcuni minuti a pensare attivamente: "Ognuno è un aspetto della mia coscienza". Non solo questo ha appianato il mio ambiente interno, ma sembrava anche cambiare il comportamento delle altre persone.

Forse l'esperienza più drammatica di questo è accaduta un giorno al lavoro. Mi aspettavo una disputa con un collega che stava facendo tutto il possibile per annullare uno dei miei progetti. È stata la prima persona che ho visto quando sono entrata in ufficio. L'ho guardata, ho notato la mia reazione negativa automatica e l'ho contrastata con il pensiero: "Questa persona fa parte della mia coscienza. È un aspetto del mio Sé. Siamo uno".

Mentre trattenevo il pensiero, ho sentito un ammorbidimento interiore. All'improvviso, i nostri occhi si sono incrociati ed entrambi abbiamo sorriso. Poi ha detto: "Ho pensato a qualcosa che potrebbe far funzionare il tuo progetto". Più tardi, mi ha detto che non aveva intenzione di condividere la sua idea con me, ma quando i nostri occhi si sono incontrati ha sentito un'ondata di affetto inaspettata per me e ha dovuto dirmi la sua idea.

Da quando ho fatto queste pratiche, ho avuto questa esperienza ancora e ancora. Quando mi fermo a ricordare l'unità, i nodi e le difficoltà tendono a scomparire. Il computer recalcitrante e l'impiegato di negozio irascibile diventano più utili quando ricordo che fanno parte del mio Sé. Le persone sono più gentili. Sono più gentile. Questa semplice applicazione della coscienza illuminata dissipa la negatività come quasi nient'altro. E poi ci sono i momenti - a volte per ore o addirittura giorni - in cui ricordare l'unità smette di essere una pratica e diventa una consapevolezza naturale che infonde la mia vita.

Chiama il tuo saggio

Il modo in cui tieni la mente determina il modo in cui vivi il mondo. A un livello questo è molto ovvio: quasi certamente hai sperimentato il cattivo umore e l'attrazione di persone e situazioni fastidiose. Se segui questa intuizione fino alla sua conclusione logica, puoi trarre vantaggio dalla straordinaria creatività della tua mente e immaginarti in stati coerenti di libertà e gioia.

Pensare a te stesso in uno stato illuminato è un modo particolarmente intelligente per contrastare le tendenze negative della mente; fingere che l'illuminazione vada dritta al centro dei tuoi sentimenti contratti. La causa principale della paura, della rabbia o della dipendenza è la sensazione di essere soli o isolati e separati da tutto il resto. Ogni volta che puoi spostare quel punto di vista, elimini uno o due strati di paura e rabbia. Più riesci a fare, più sposti i percorsi neuronali che creano tutti i "nemici" della tua felicità.

Praticare l'illuminazione è un esercizio sofisticato per "fingere finché non ce la fai". Certo, funziona solo quando lo fai per se stesso, non perché stai cercando di impressionare le persone e sicuramente non per rivendicare una maestria che non possiedi. Lo fai per la stessa ragione per cui i bambini fingono di fare cose da adulti, perché ti abitua al sé maturo che un giorno diventerai.

La verità è che tu tieni dentro di te un modello per l'illuminazione. Che tu lo chiami il Sé o la natura di Buddha, c'è nel tuo nucleo qualcosa , un'essenza, che è senza sforzo gioiosa, libera e completamente connessa a tutto ciò che è.

Ogni volta che ricordi l'unità, ti avvicini di un passo all'esperienza di quel Sé centrale. È un po 'come invocare il saggio illuminato che vive dentro di te. Il saggio è davvero lì, insieme a tutte le altre sub-personalità: l'incantatore, il preoccupato, lo yogi dal calcio in culo. Più ti allinei con il saggio, più la facilità e la libertà che il tuo saggio interiore possiede coloreranno la tua vita.

Vivi e sii illuminato

Nella tradizione indiana, si dice che la vita abbia quattro obiettivi: ricchezza, piacere, condotta etica o bontà e illuminazione, e sono pensati per essere tenuti in equilibrio. Come sarebbe la tua vita se coltivassi ciascuno di:

    Ricchezza: risorse che sostengono la tua vita: competenze, istruzione, lavoro, denaro, alloggio, cibo, vestiario

    Piacere: ogni forma di sano godimento: sport; sesso; teatro, letteratura, musica e arte; praticare la propria forma di espressione creativa

    Condotta etica: guadagnarsi da vivere onestamente, prendersi cura delle responsabilità, agire moralmente e secondo i propri valori più alti, aiutare gli altri

    Illuminazione: realizzare la tua natura più profonda; riconoscere l'unicità di tutto; perseguire pratiche come yoga, meditazione e studio spirituale per renderlo possibile

    Sally Kempton, conosciuta anche come Durgananda, è un'autrice, un'insegnante di meditazione e la fondatrice del Dharana Institute.

    Raccomandato

    Finanziamento della formazione degli insegnanti
    Domande e risposte con Guru Jagat sul Kundalini Yoga
    Marichyasana II (posa dedicata al saggio Marichi II)