La guida per principianti ai canti yoga comuni

1. Aum

Il Primal Shabda

Om, in realtà pronunciato "Aum", è un'affermazione della Presenza Divina che è l'universo ed è simile all'ebraico "Amen". Ci sono molti modi per cantare l'Aum, ma questo è un approccio che ti inizierà come Shabda Yogi, colui che persegue il sentiero del suono verso la totalità e gli stati di coscienza più elevati.

2. Lokah Samastha

Un canto per la completezza

Lokah samastha sukhino bhavanthu.

Possa questo mondo essere stabilito con un senso di

benessere e felicità.

3. Gayatri

Essere illuminati dal suono sacro

Om bhur bhuvas svaha

Thath savithur varaynyam

Bhargo dheyvasya dhimahih

Dhyoyonah pratchodhay-yath

Adoriamo la parola (shabda) che è presente in

la terra, i cieli e ciò che è oltre. Di

meditando su questo potere glorioso che ci dà la vita,

chiediamo che la nostra mente e il nostro cuore siano illuminati.

Forse il più venerato di tutti i mantra indù, è il Gayatri Mantra, che si trova nella prima sacra scrittura vedica, il Rig-Veda (3.62.10). Gayatri significa letteralmente "canto" o "inno", ma la parola indica anche un antico metro in versi di 24 sillabe, tipicamente raggruppate in tre ottetti.

Questo mantra è indirizzato alla divinità solare Savitri, il Vivificatore (e così chiamato anche savitri-mantra); originariamente il suo motivo era quello di chiedere le benedizioni del dio. Gayatri è personificata come una dea, moglie del dio creatore Brahma e madre dei Veda, perché si ritiene che le sue sillabe abbiano dato vita e quindi incarnino l'essenza di questi testi sacri. Ogni indù (maschio) di casta superiore ripete questo mantra durante le devozioni mattutine e serali e in alcune altre occasioni speciali.

La recitazione del Gayatri Mantra inizia con la sacra sillaba Om, seguita da quelle che vengono chiamate le "espressioni": i nomi di tre dei sette mondi mitici indù, bhur, bhuvar, svah, che sono rispettivamente Terra, Regione di Mezzo e Cielo. Questi mondi simboleggiano tre stati di coscienza, dalla nostra ordinaria coscienza legata alla terra alla coscienza del Sé "celeste". Segue poi il verso stesso. Questo è stato tradotto in inglese in molti modi; come un esempio: "Contempliamo quella bellezza splendore del divino Savitri, perché possa ispirare le nostre visioni "(traduzione di Georg Feuerstein). La recitazione si conclude con un altro Om.

4. Om Namah Shivaaya

Om Namah Shivaaya, Namah Shivaaya, Nama Shiva

Mi inchino al Signore Shiva, il pacifico che è il

incarnazione di tutto ciò che è causa dell'universo.

5. Bija Mantra

Mantra dei semi

Nel "seme" (bija) mantra ogni seme è concepito come la forma-suono di una particolare divinità indù, e ogni divinità è a sua volta un aspetto particolare dell'Assoluto (Brahman). Si dice che proprio come un grande albero risiede nel seme, così un dio o una dea risiedono in ogni bija. Quando cantiamo i bija, identifichiamo ogni sillaba con l'energia divina che rappresentano.

Traduzioni per gentile concessione di The Yoga of Sound di Russill Paul.

Raccomandato

Buzzed: Yoga and Alcohol
Di quale olio essenziale ha bisogno il tuo chakra? Rispondi al nostro quiz!
12 pose per mantenere la calma quest'estate