Guida con il cuore: come praticare il Bhakti Yoga

Per Laura Cornell, il crollo del suo matrimonio è stato come un fulmine a ciel sereno: definirlo uno shock sarebbe un eufemismo. Poi una studentessa laureata che perseguiva un dottorato in religione e filosofia presso il California Institute of Integral Studies, Cornell aveva viaggiato per alcune settimane, completando le ricerche per la sua tesi, frequentando un ritiro con i suoi colleghi insegnanti di Kripalu Yoga e poi assistendo il padre malato tornare a casa nel Missouri. Alla fine del suo viaggio, Cornell era ansiosa di tornare al suo amore, la separazione le aveva davvero fatto crescere il cuore.

Ma tornato a casa, pronto a riconnettersi, Cornell ha scoperto che il suo partner era a un passo dalla porta. "È stato orribile", ricorda, sette anni dopo. "C'era così tanto dolore emotivo e molta sensazione fisica - sentivo che un pezzo di me era stato strappato via."

Il crepacuore produceva il suo solito tributo, privando Cornell del sonno e dell'appetito, riempiendole sporadicamente la mente di "pensieri oscuri e incolpevoli". Ma invece di arrendersi e mettersi sul divano, Cornell, fondatrice della Green Yoga Association, ha trovato soccorso nella sua pratica. Nei suoi giri di saluti al sole quotidiani e pose di radicamento - il tutto offerto con gratitudine a Madre Terra - ha riacquistato una connessione con ciò che pensava di aver perso per sempre: l'amore.

"Anche nel bel mezzo del primo mese dopo la separazione, ricordo di essermi sentita quasi estatica quando facevo pratica", dice. "Quando in seguito ho fatto una passeggiata consapevole all'aria aperta, sono stato in grado di trovare conforto nelle maree, nelle stelle e negli alberi. Ho sentito la beatitudine in ogni cellula del mio essere. Ho capito che l'amore è tutto intorno a me, mio ​​da ricevere e tornare . "

L'esperienza di Cornell potrebbe suonare dolorosamente familiare se hai mai sentito il cuore spezzato, e chi di noi non l'ha fatto? Non è solo l'amore romantico andato storto che può farti sentire privo, ovviamente. I momenti difficili, a causa di una malattia, della perdita di una persona cara o della perdita di un lavoro, possono riempirti di tristezza e dolore. Ma la guarigione di Cornell offre la speranza di essere di nuovo felice. Ha trasformato il suo dolore aggiungendo un elemento di bhakti alla sua pratica yoga. Puoi farlo anche tu.

Cos'è il Bhakti Yoga?

Il bhakti yoga è definito classicamente come il percorso della devozione e viene spesso definito lo yoga dell'amore. La Bhakti è uno dei tre percorsi principali verso l'illuminazione tracciati da Krishna nella Bhagavad Gita (gli altri due percorsi sono jnana, il sentiero della conoscenza, e karma, il sentiero dell'azione, spesso interpretato come servizio agli altri). David Frawley, il direttore dell'American Institute of Vedic Studies, definisce la bhakti "il più dolce degli approcci yoga" nel suo libro Yoga: The Greater Tradition. Descrive la pratica come quella di concentrare la propria mente, emozioni e sensi sul Divino per fondersi nella realtà dell'amore divino.

Essenzialmente, il bhakti yoga è la coltivazione dell'amore spirituale incondizionato. Tradizionalmente si tratta di devozione a un guru o una divinità o divinità, anche se Frawley sottolinea che lo yoga insegna che ci sono infinite forme del Divino: "Lo Yoga ci dà la libertà di adorare il Divino in qualunque forma ci piace, o in quanto informe". Sia che tu dirigi il tuo amore e la tua devozione a un dio, a un guru o al Divino in tutte le cose, mentre coltivi un senso di amore, gratitudine e devozione per qualcosa apparentemente al di fuori di te stesso, essenzialmente ti riempi d'amore. Nell'atto di dare amore, lo ricevi. Il rimedio bhakti per quando soffri di un cuore spezzato, in altre parole, è riempire le crepe con un amore che è più permanente e trascendente. Pratica abbastanza a lungo e la relazione d'amore soggetto-oggetto (sia con un guru,una divinità, o il Divino in qualche altra forma) scompare e tu diventi completamente immerso nell'amore che stai dando e ricevendo.

"Proprio come possiamo allungare i nostri corpi con gli asana e il nostro respiro con il Pranayama, possiamo allungare la nostra capacità di sentire ed espandere la nostra capacità di amare con il bhakti yoga", afferma Sean Johnson, il musicista principale di Sean Johnson e della Wild Lotus Band e fondatore dello studio Wild Lotus Yoga a New Orleans. Johnson ha scoperto il bhakti yoga quando aveva vent'anni quando il suo primo amore è finito con una delusione.

"Innamorarsi per la prima volta è stata un'epifania e ha aperto possibilità incredibili che non ero stato in grado di vedere prima", ricorda Johnson. "Quando ci siamo lasciati, ero devastato. Ma ho pensato tra me e me: posso sedermi qui e dispiacermi per me stesso, oppure posso canalizzare l'incredibile amore che lei ha risvegliato in me nel resto della mia vita".

"Bhakti lavora con il carburante delle nostre emozioni e ci insegna come avere una storia d'amore con la vita stessa, piuttosto che con una sola persona", dice Johnson. "Ti concentri semplicemente sul prendere le azioni che nutrono e nutrono il cuore".

Ha scelto quest'ultima opzione e ha dedicato la sua vita all'insegnamento del bhakti yoga e ad aiutare gli altri a stabilire la stessa connessione con questo tipo di amore più ampio e stabile. "Bhakti lavora con il carburante delle nostre emozioni e ci insegna come avere una storia d'amore con la vita stessa, piuttosto che con una sola persona", dice Johnson. "Ti concentri semplicemente sul prendere le azioni che nutrono e nutrono il cuore".

Per quanto possa sembrare attraente (chi non vuole più amore?), Il bhakti yoga non è esattamente una piacevole passeggiata nel parco, suggerisce Douglas Brooks, studioso di induismo e professore di religione all'Università di Rochester. "Sì, la parola sanscrita bhakti significa intimità e devozione", spiega. "Ma significa anche separazione e divisione".

In superficie, la definizione è un paradosso. Guarda più da vicino, suggerisce Brooks, e vedrai la vera interconnessione tra amore e perdita. "Non puoi davvero sperimentare la connessione se non hai anche il senso di separazione", dice. "Il crepacuore fa parte della condizione umana - se viene fuori dal tavolo, anche l'amore stesso. La vulnerabilità è ciò che rende la vita degna di essere vissuta; senza di essa ci mancherebbero significato e scopo."

Questo non vuol dire, ovviamente, che dovremmo cercare il dolore. Piuttosto, la pratica del bhakti yoga richiede la coltivazione attiva di emozioni positive come gioia e gratitudine e la volontà di ampliare i parametri del tuo cuore attraverso la pratica.

Vedi anche  Il sentiero della devozione: Bhakti Yoga

Come praticare il Bhakti Yoga

I Beatles avevano ragione quando cantavano "l'amore che prendi è uguale all'amore che fai". La Bhakti significa fare più amore, metterlo nel mondo, non solo in linea di principio ma anche in pratica. Non esiste un modo "giusto" per farlo, ma il bhakti yoga offre una serie di strumenti per indirizzare il cuore nella giusta direzione.

Una delle pratiche tradizionali più conosciute del bhakti yoga è il kirtan, il canto devozionale dei nomi di Dio. Altri metodi indù classici si concentrano sulla preghiera, sul japa (ripetizione del mantra) e sulla devozione al Divino: nella società, nella natura, nel Sé con la S maiuscola e in tutta la creazione. Il percorso sarà diverso per ogni essere che lo percorre, dice il cantautore Jai Uttal, che ha creato il programma audio di bhakti yoga 101 Kirtan! L'arte e la pratica del canto estatico.

"È così individuale, ed è questo che è così bello", dice. "Ogni persona ha un diverso panorama emotivo, e nel bhakti yoga possiamo lasciare che le nostre emozioni siano la nostra bussola interna. Nessuno può dirci come o chi adorare, ma possiamo attingere a tecniche che agiscono come chiavi per aprire i nostri cuori".

Qual è l'ultima pratica della bhakti per quando hai subito una perdita, romantica o meno? Brooks ha una risposta pronta: sii disposto a farlo di nuovo. "Innamorati di nuovo e non fermarti mai. Bhakti non è un gioco a somma zero. Non finisci mai l'amore. Devi aspettarti di ritrovare l'amore, e anche se trovi più angoscia, ci sarà sempre più amore . "

Questo è stato certamente il caso di Cornell. "Sono andata in India per sei settimane dopo la mia rottura, e durante quel periodo ho invitato un senso di pienezza a riempire la mia solitudine immaginando una vita in cui ero amata e innamorata", dice. "Avevo iniziato a frequentarmi, ma in qualche modo sapevo di dover resistere per quello che volevo veramente in un partner. Due mesi dopo essere tornato a casa, l'ho trovato."

Sposata nel 2009, Cornell attribuisce alla sua precedente rottura l'apertura e la compassione di cui aveva bisogno per trovare una relazione più duratura. "Credere nell'amore ha dato uno scopo sacro al dolore che stavo attraversando", dice.

È come dovrebbe essere, dice Brooks. Dal momento che non puoi trascendere il dolore, dovresti abbracciarlo. "Siamo stati tutti creati per amore, ma nati nella separazione nel momento in cui il cavo è stato tagliato", dice. "Questo è ciò che significa essere umani. Il crepacuore non è la fine dell'amore. È l'inizio."

Connettiti con il Divino

Nella sua traduzione più letterale, il bhakti yoga richiede una devozione fedele al Divino. Questo non significa che devi adorare una divinità specifica, ma semplicemente che identifichi una fonte di ispirazione spirituale da riverire e invocare conforto e amore. "Bhakti riguarda la creazione di un'eterna relazione d'amore con la fonte divina", dice Gaura Vani, una rinomata musicista di mantra e membro della band di kirtan Hanumen.

"Non importa da quale tradizione vieni, cantare il nome di Dio apre un processo di guarigione e purificazione del cuore", dice Vani. "I Veda dicono che ci sono tanti nomi per Dio quante sono le onde sull'oceano. Noi lo chiamiamo Krishna; i cristiani lo chiamano Gesù; gli ebrei lo chiamano Yahweh; i sufi lo chiamano Khuda. In ogni caso, lascia che il bel nome di il Signore ti ricorda che sei più amato di quanto tu possa immaginare ".

Se ti capita di avere già una pratica spirituale incentrata su una particolare entità divina o guida spirituale, recita quel nome per riempire il tuo cuore di amore e chiedi aiuto per guarire il tuo cuore, dice Vani. In caso contrario, prova a chiedere aiuto al tuo Sé superiore con la S maiuscola. In ogni caso, chiama con intenzione, concentrandoti sulla qualità piuttosto che sulla quantità e sull'apertura del tuo cuore all'amore e all'intervento divino.

Dire "Namaste" è Bhakti Yoga

Quasi tutti coloro che hanno seguito una lezione di yoga hanno familiarità con il rituale di chiusura della lezione di dire Namaste accompagnato da Anjali Mudra (Sigillo di saluto) e un piccolo inchino della testa. Il significato, che è qualcosa sulla falsariga di "la luce dentro di me saluta la luce dentro di te", è un bel modo per praticare la bhakti anche fuori dalle lezioni e per portare più amore nella tua vita.

Significa quello che dici

Ogni volta che prendi congedo da un amico, da una persona cara o da un conoscente, scegli parole di commiato intrise di benedizione o connessione - "prenditi cura", "stai bene" o "vaya con dios" funzionano tutte - e dille con intenzione genuina. Anche se dici semplicemente "arrivederci", prenditi un momento per riempire la parola di significato.

Dice Vani: "Namaste significa 'Mi inchino e mi umilio davanti a te perché mi riconosco come un amorevole servitore del Divino e ti riconosco come un tempio vivente'". Questo è qualcosa che puoi fare ogni volta che lo spirito ti commuove, anche silenziosamente, dice Vani. "Prenditi semplicemente un secondo per vedere che tutte le persone con cui entri in contatto sono un'espressione della coscienza divina", suggerisce. Presto realizzerai la verità: l'amore è tutto intorno a te, sia che tu stia facendo il check-out al supermercato, in fila per un film o seduto al volante nel traffico.

Impara ad amare globalmente

Praticare il bhakti yoga significa vedere tutti e ogni cosa come una creazione di Dio. Le relazioni interpersonali (incluso il tipo romantico) sono un aspetto di questo tipo di devozione, ma un buon modo per lenire i morsi del crepacuore è espandere il regno di chi e cosa è amato. Quando ti senti privo, prova ad amare tutti, ovunque.

Nischala Joy Devi, autrice di The Secret Power of Yoga, suggerisce una semplice pratica da seduti per inviare il tuo amore nel mondo. "Immagina di diffondere una sottile nebbia di energia curativa in tutto il mondo", dice. "Puoi indirizzare i tuoi pensieri al mondo in generale o concentrarti su aree che sai essere afflitte da disordini, guerre o carestie. Tienili nei tuoi pensieri e invia loro un po 'della tua luce."

Questa è la base della pratica buddista della meditazione tonglen ("invio"): portare la sofferenza degli altri (e di te stesso) nel tuo cuore e poi rimandare la compassione amorevole a tutti coloro che soffrono. Quando mandi il tuo amore nel mondo in questo modo, gli effetti possono essere drammatici sia per il mittente che per il destinatario, dice Devi. "Le vittime del recente terremoto in America Centrale hanno riferito di aver sentito le preghiere di persone in tutto il mondo e che le preghiere hanno alleviato le loro sofferenze", dice. "Ha anche un grande effetto su di te in quanto ti fa uscire dalla testa e torna nel tuo cuore."

Pratica l'amore per te stesso e la devozione

Negli spasimi più profondi della disperazione, può essere difficile prodigarsi d'amore. La pratica degli asana è un ottimo modo per mostrare devozione al tuo Sé, e quando ti senti immobilizzato dalla tristezza, può aiutarti a riportarti nel tuo corpo, dice Mark Whitwell, autore di Yoga of Heart e The Promise of Love, Sex, and Intimità. "Quando le persone sono depresse, interrompono la pratica degli asana", dice, "ma è allora che ne hanno davvero bisogno!"

Whitwell vede l'asana come un ponte per aiutarti a riconnetterti a uno stato di benessere che era a tua disposizione prima della tua esperienza di perdita. Ma è anche un modo, dice, per realizzare gli ideali della bhakti così come sei qui e ora - cuore spezzato e tutto il resto. "Una pratica quotidiana coerente è il tuo modo per riconnetterti direttamente con l'intimità che è la vita", spiega. "È una preghiera per tutto il corpo, una celebrazione di ciò che batte il cuore e muove il respiro".

Se non ti senti in grado di fare la tua solita pratica, prova qualche gatto-mucca e un lento saluto al sole, rimanendo consapevole del corpo e del respiro. "Quando pratichi, ti connetti con una fonte d'amore più profonda e diventi parte del contesto in cui nascono tutte le relazioni", dice Whitwell. Da questa prospettiva più ampia, aggiunge, "è più facile accettare la perdita".

Se il tuo cuore si sente bloccato dal dolore, considera l'aggiunta di un elemento di bhakti yoga alla tua pratica quotidiana. Qui, alcuni moderni maestri di bhakti offrono modi per esercitare i muscoli dell'amore e riempire il tuo cuore fino a traboccare.

Sii nutrito dalla natura

La natura è un potente riflesso della divinità, dice Sara Ivanhoe, un'insegnante di yoga di Los Angeles che ha recentemente partecipato alla realizzazione del film Women of Bhakti. "Quando soffriamo di crepacuore, abbiamo tutto questo amore che ci portiamo dietro e un intenso desiderio di metterlo da qualche parte", dice. "Darlo al pianeta ha senso, soprattutto se sei uno yogi."

Gli antichi yogi offrivano amore incondizionato a tutto ciò che era intorno a loro, dice Ivanhoe, adorando ed emulando il sole, la luna, le piante, gli animali. Puoi fare lo stesso, dice, semplicemente uscendo all'aperto e aprendo i tuoi sensi e il tuo cuore alla natura: alberi, erba e piante se sei in campagna; aria, luce solare e vento se sei in città. Montagne, fili d'erba e le stelle di notte funzionano altrettanto bene come fonti di ispirazione e, sì, amore. "Lo yoga è stato creato per aiutare a legare la nostra coscienza alla natura, che ci nutre", dice. "Quando sei in grado di farlo, hai un enorme supporto".

Ivanhoe suggerisce un semplice esercizio di diario per aiutare la natura a guarire il tuo cuore spezzato. "Quando sei consumato dal dolore, chiediti: 'Se la natura potesse consolarmi e parlarmi, cosa direbbe?'" Suggerisce. Vai all'aperto per fare questo, se vuoi, e non senti di dover creare un tema; scrivi solo quello che ti viene in mente. "La natura è piena di guida e supporto per noi", dice Ivanhoe. "Dobbiamo solo chiederlo."

Riempi il tuo cuore di canzoni

Nel bhakti yoga, dice Jai Uttal, la musica è medicina. E cantare - un mantra, un inno o il nome della tua guida spirituale - è un altro modo per trattare un cuore che soffre. "Puoi cantare i kirtan dolcemente, o cantarli ferocemente con rabbia, o cantarli con desiderio o qualunque emozione sorga in te", dice Uttal. "Se ti annoi, continua a cantare. Canta finché il canto stesso diventa parte delle tue molecole, e il tuo cuore scorre nell'oceano dell'amore divino."

Se sei timido o hai bisogno di ispirazione, inizia ascoltando kirtan o album gospel (o qualsiasi altra musica devozionale che ti commuova). Prova 10 Million Moons and As Kindred Spirits di Gaura Vani, Grace di Kundalini yogi Snatam Kaur, The Essence di Deva Premal, Devaloka di Sean Johnson e la Wild Lotus Band, o una qualsiasi delle eccellenti offerte di Uttal, compresi i suoi preferiti personali Queen of Hearts e Stazione di Shiva. Prima ascolta e poi canta insieme. Quindi fai un ulteriore passo avanti e canta tutto da solo - sotto la doccia, in macchina o in giardino - ogni volta che vuoi sentirti sollevato.

E non preoccuparti di come suona la tua voce: il kirtan riguarda il riempire il tuo cuore d'amore, non l'essere un grande cantante. "Non importa il nostro accento, la nostra capacità di portare una melodia o la nostra estetica musicale", dice Uttal, "quando cantiamo il kirtan, stiamo risvegliando i nostri cuori e guarendo vecchi traumi".

Hillari Dowdle è una collaboratrice di lunga data dello Yoga Journal e un'insegnante di yoga appena certificata che vive e scrive a Knoxville, nel Tennessee.

Raccomandato

Buzzed: Yoga and Alcohol
Di quale olio essenziale ha bisogno il tuo chakra? Rispondi al nostro quiz!
12 pose per mantenere la calma quest'estate