Un nuovo rapporto descrive decenni di abusi per mano di Yogi Bhajan

Le accuse di violenza sessuale contro Yogi Bhajan, originariamente chiamato Harbhajan Singh Khalsa Yogiji - l'uomo che ha portato il Kundalini Yoga in Occidente - sono probabilmente vere, secondo un rapporto pubblicato il 13 agosto 2020 da An Olive Branch, un'organizzazione costituita nel 2011 per rispondere alla cattiva condotta etica nelle comunità spirituali. 

Bhajan, un Sikh nato nella regione del Punjab dell'India (l'attuale Pakistan) nel 1929, si è trasferito negli Stati Uniti alla fine del 1968, dove successivamente ha costruito un impero di molteplici imprese e organizzazioni senza scopo di lucro per un valore di miliardi di dollari al momento della sua morte nel 2004.

Il rapporto è stato commissionato dalla Siri Singh Sahib Coporation (SSSC), un'organizzazione ombrello che supervisiona tutte le partecipazioni a scopo di lucro e senza scopo di lucro della proprietà di Bhajan, inclusa la Happy, Healthy, Holy Organization (3HO), che diffonde informazioni sul Kundalini Yoga come insegnato da Yogi Bhajan in tutto il mondo; il Kundalini Research Institute (KRI); Sikh Dharma International, che diffonde gli insegnamenti dei Sikh Guru; Yogi Tea; Akal Security; e molti altri. SSSC ha annunciato che avrebbe avviato un'indagine indipendente sulle accuse e assunto An Olive Branch il 9 marzo 2020.

L'ondata di accuse è stata provocata da un libro intitolato  Premka: White Bird in a Golden Cage, pubblicato alla fine del 2019, 16 anni dopo la morte di Bhajan, dall'ex segretaria del guru da oltre 20 anni, Pamela Dyson.

Il libro si apre con il ricovero di Dyson a Londra dopo un aborto fallito in India. Scrive che stava portando il figlio di Bhajan. A questo punto, Bhajan era sposato con Inderjit Kaur Uppal (sono rimasti sposati per 50 anni) e hanno avuto tre figli insieme. I voti di fedeltà al tuo coniuge sono parte integrante della fede sikh. Nel suo libro, Dyson afferma di aver subito abusi sessuali ed emotivi, coercizione e molestie da Bhajan, dalla fine degli anni '60 fino alla metà degli anni '80.

Dopo l'uscita del libro, molti altri seguaci di Yogi Bhajan hanno rotto il silenzio su un gruppo Facebook privato, ora chiamato Beyond the Cage | Il 3HO | Yogi Bhajan | Conseguenze del Kundalini Yoga. 

Risultati: abuso sessuale e spirituale

Come affermato all'inizio del rapporto e nella lettera di accompagnamento di SSSC, "gran parte della presunta condotta, è molto probabile che non si sia verificata". Il rapporto elenca le dichiarazioni di vittime e sostenitori anonimi con parole loro.

Lo scopo del rapporto si concentra esclusivamente sulle accuse di abuso sessuale e spirituale (cioè il controllo simile a una setta della comunità spirituale da parte di Bhajan), ma documenta anche segnalazioni di traffico di droga, riciclaggio di denaro e frode. Gli investigatori di An Olive Branch hanno intervistato o ricevuto dichiarazioni da 299 "giornalisti": 96 di questi identificati come vittime o "giornalisti di danni", 140 hanno confutato qualsiasi accusa di illeciti da parte di Bhajan e 63 hanno affermato una posizione o fatto commenti che non sono stati portata dell'indagine.

Ecco una ripartizione dei presunti abusi sessuali di Bhajan dettagliati nel rapporto:

  • 4 casi di stupro
  • 8 casi di lesioni fisiche durante il sesso
  • 9 casi di contatto indesiderato nelle aree intime
  • 3 casi di esposizione indesiderata alla pornografia

Il rapporto descrive anche molti dei modi in cui Bhajan è stato presumibilmente in grado di intimidire e costringere i suoi seguaci a obbedire alle sue regole, il che ha portato a un'atmosfera di paura di rappresaglie aggressive, inclusi l'ostracismo e l'esilio dalla comunità. 

Le vittime hanno anche affermato di aver diviso e compartimentato alcune fazioni all'interno della sua organizzazione per nascondere i suoi misfatti.  "Il messaggio era 'mettersi in riga o distruggeremo il tuo personaggio'", ha dichiarato Reporter 54. "È diventato un culto contro un'organizzazione spirituale".

Puoi leggere l'intero rapporto non modificato qui. (TRIGGER WARNING: contiene descrizioni grafiche della violenza sessuale.)

Vedi anche  #TimesUp: porre fine agli abusi sessuali nella comunità dello yoga

Che succede ora?

Alla fine della lettera di accompagnamento della SSSC, l'organizzazione elenca i passi che stanno compiendo per "affrontare la sfida" del processo di guarigione. In breve, sono:

  1. Riconciliazione compassionevole basata sui principi della giustizia riparativa
  2. Revisione politica interna
  3. Assumere un consulente esterno per consigliare il proprio Ufficio di etica e standard professionali
  4. Impegno a fornire ambienti sicuri e protettivi per tutti i membri della comunità e rispondere alle accuse di danno, in modo tempestivo e appropriato, andando avanti
  5. Richiedi il feedback della community tramite i forum Listening Tour

Molti nella comunità del Kundalini Yoga sono sollevati dal fatto che il rapporto abbia classificato molte accuse come probabilmente vere. "Come donna che ha parlato pubblicamente di violenza sessuale, provo davvero un senso di sollievo che il rapporto sia uscito", ha detto Karena Virginia, un'insegnante di Kundalini Yoga. "Condividere la vulnerabilità dell'aggressione sessuale può far emergere vergogna, biasimo, paura di non essere accettati, paura dell'abbandono e sentimenti di profondo tradimento. Per alcuni, raccontare la storia senza essere ascoltati o convalidati può essere più traumatizzante dell'esperienza che è stata rinchiuso profondamente nel corpo. Una volta che la chiave apre la serratura, i ricordi tornano, e se viene reso pubblico e non creduto all'interno di una cerchia ristretta o di una comunità, il bisogno di sopravvivenza può entrare in gioco.Potremmo iniziare a lavorare molto duramente per compiacere gli altri rimpicciolendoci o conformandoci o perdendoci nel nostro bisogno di approvazione e amore ".

Sukhraj Gipple, un'insegnante di Kundalini Yoga ed ex proprietaria di uno studio di Kundalini Yoga a Boulder, in Colorado, aggiunge: "L'importante per me è vedere che tutte le persone violentate, maltrattate, curate, aggredite, trascurate e che sono state separate dalle loro famiglie sono riconosciuto e preso grande cura. Non avrebbe potuto fare tutte queste cose senza la protezione di molte persone, un sistema che consente tale maltrattamento degli esseri umani. Senza un processo di giustizia riparativa pubblica in cui le persone che hanno consentito Yogi Bhajan si assumano la responsabilità, io non vedo come questa comunità possa essere di nuovo integra. "

Il rapporto di Olive Branch si conclude con questa ultima domanda: “Andando avanti, la comunità può riunirsi attorno al consiglio di Bhajan: seguire gli insegnamenti. Non l'insegnante? "

Vedi anche  After the Fall: The Ripple Effect from Accusations Against Bikram and Friend

Raccomandato

Buzzed: Yoga and Alcohol
Di quale olio essenziale ha bisogno il tuo chakra? Rispondi al nostro quiz!
12 pose per mantenere la calma quest'estate