I professionisti dello snowboard mantengono l'equilibrio con lo yoga

Scavare nella neve fresca sullo sfondo di un cielo blu infinito e di una frizzante aria invernale: è una scarica elettrizzante e adrenalinica che è familiare a chiunque abbia fissato gli stivali su una tavola in cima a una montagna. È per questo che lo snowboard è uno degli sport invernali più popolari, con oltre 6 milioni di snowboarder stimati solo negli Stati Uniti. È anche uno degli sport più impegnativi dal punto di vista fisico, grazie a curve che richiedono azioni a pistone nelle gambe e manovre che catturano l'aria che ti fanno esplorare l'intera gamma di movimento del tuo corpo. E poi ci sono gli incidenti. Cadere è una parte inevitabile dello sport e, proprio come nelle pose di equilibrio dello yoga, c'è una certa grazia nel cedere quando perdi l'equilibrio.

Man mano che lo snowboard guadagna popolarità, sempre più snowboarder professionisti stanno abbracciando lo yoga per l'equilibrio che fornisce. I 12 anni di carriera di Caroline Beliard-Zebrowski, nata in Francia, di gare di freestyle, slopestyle e half-pipe e di riprese video di backcountry, le hanno lasciato diversi infortuni. Sperando di riabilitare e pedalare di nuovo senza dolore, Beliard-Zebrowski ha intrapreso lo yoga vinyasa.

"Come atleta, pensavo di conoscere il mio corpo, ma lo yoga mi ha davvero aiutato a scoprirlo", dice. Beliard-Zebrowski alla fine si è ritirata dalle competizioni per diventare un'insegnante di yoga per boarder professionisti e ha anche preso suo marito, l'ex snowboarder professionista Gary Zebrowski, sul tappeto. Oggi, Zebrowski e Beliard-Zebrowski lavorano insieme per istruire surfisti e snowboarder in ritiri di yoga nel sud-ovest della Francia, della California e di Tahiti.

Oltre ad aiutare i motociclisti a riprendersi dagli infortuni, dice Gretchen Bleiler, pro halfpipe, lo yoga offre loro anche un vantaggio competitivo. Bleiler dice che la sua pratica, che include asana e meditazione, le ha fornito gli strumenti per gestire lo stress della competizione. "La chiarezza che trovo sul tappeto mi porta a vivere la mia vita con la calma e lo scopo che prendo nel mio snowboard", dice il quattro volte vincitore della medaglia d'oro agli X Games e vincitore della medaglia d'argento alle Olimpiadi del 2006. "È molto più che esercizio. Lo yoga è un sistema che mi insegna come avere equilibrio in tutta la mia vita, nelle mie relazioni e nel lavoro che svolgo". Oggi, Bleiler sta studiando per la sua certificazione di insegnante in meditazione sonora primordiale presso il Chopra Center di Carlsbad, in California.

Terje Haakonsen

Età: 39

Claim to Fame: detentore del record mondiale di Quarter-pipe e creatore del flip Haakon

"Non sarei ancora uno snowboarder professionista al livello che sono se non mi fossi preso cura del mio corpo con lo yoga", dice Terje Haakonsen, praticante di Ashtanga Yoga. "La maggior parte dei miei altri sport distrugge il mio corpo. Lo snowboard, il calcio e lo skateboard sono difficili per le articolazioni e i muscoli. Ma lo yoga costruisce il mio corpo e sveglia tutti i piccoli muscoli in modo che tutte le parti lavorino insieme come una squadra . "

Prima di salire sulle piste o esplorare il terreno fuoripista, Haakonsen fa la sua pratica mattutina di Ashtanga, che dice gli fa muovere il sangue in modo che si riscaldi prima di salire su un ascensore. "È il modo migliore per iniziare la giornata", dice.

David Carrier-Porcheron (DCP)

Età: 33

Claim to Fame: presentato in The Art of Flight e vincitore della medaglia di bronzo 2008 Quicksilver Natural Selection

Sai che ce l'hai fatta quando il mondo ti chiama con le tue iniziali. Il freestyler canadese DCP ha trascorso 14 anni gareggiando in tutto il mondo, sponsorizzato da Burton Snowboards. Durante questo periodo ha scoperto lo yoga e ha scoperto che aumentava la sua flessibilità (chiave per mosse competitive, come afferrare la tavola a mezz'aria). Oggi, il praticante di Power Yoga si interrompe in alcune pose per allungare e aprire i flessori dell'anca prima di tentare i salti e le scogliere per cui è noto.

"Lo yoga mi aiuta a connettermi con il presente in una situazione di snowboard reale, dove posso essere concentrato nel momento e guardare il mio respiro nell'aria", dice DCP, che si diverte in meditazione, Adho Mukha Svanasana (Downward-Facing Dog Pose), Vrksasana (Tree Pose) e la serie Warrior. Tale consapevolezza si estende oltre il tabellone, osserva, e ha fornito conforto quando ha perso un caro amico e suo cognato in una valanga. "Lo yoga mi rallenta e mi porta via lo stress", afferma DCP. "Sono più flessibile nel mio corpo ma anche con le circostanze della vita."

Powder Power

Alcune posizioni yoga emulano le azioni fisiche di una manovra che faresti su una tavola, dice l'insegnante di yoga e appassionato snowboarder Eoin Finn, che allena professionisti e atleti della Coppa del Mondo usando tecniche di yoga e respiro basate sull'allineamento. Le seguenti pose aiutano a rafforzare i muscoli e ad aumentare la gamma di movimento di cui hai bisogno per mantenere i tuoi movimenti sciolti e fluidi sulla montagna.

La mossa: intaglio

Richiede azioni a pistone nei quadricipiti e un nucleo forte e stabile.

The Pose: Utkatasana (Chair Pose)

Apre i muscoli del polpaccio, rinforza le gambe,

e insegna la stabilità di base.

The Move: Indy Grab

Richiede una buona mobilità per evitare lesioni alla parte bassa della schiena.

The Pose: Parivrtta Prasarita Padottanasana (Piegamento in avanti in piedi a gambe larghe con rotazione)

Allunga e rinforza gli obliqui mentre allunga i muscoli posteriori della coscia, i polpacci e anche i muscoli della schiena.

The Move: Method Grab

Richiede quadricipiti flessibili e aperti, flessori dell'anca, petto e muscoli del collo.

The Pose: Ardha Ustrasana (Half Camel Pose)

Allunga tutta la parte anteriore del corpo e, con la pratica, può aumentare la libertà di movimento.

Chanelle Sladics

Età: 29

Claim to Fame: vincitore della medaglia di bronzo agli X Games 2007 e vincitore del miglior trucco Slopestyle 2009

La pensionante divisa Chanelle Sladics ha rotto così tante ossa che ha perso il conto. Ha vissuto a lungo al limite: paracadutismo, apnea in grotta, snowboard in condizioni estreme. Circa otto anni fa, dice, si sentiva esaurita e si rese conto che i suoi sport stavano mettendo a dura prova il suo corpo. La futura insegnante di yoga è stata ispirata dalla sua pratica per cambiare la sua dieta e ha aumentato la sua flessibilità, passando da qualcuno che riusciva a malapena a toccarsi le dita dei piedi a qualcuno che non inizia la giornata senza fare stretching. "Lo yoga mi ha dato un nuovo corpo con cui cavalcare", dice Sladics. "Sono diventato un atleta più forte e più agile".

Sladics afferma che 10 minuti di pratica al giorno con un focus sugli apri dell'anca e Pigeon Pose in particolare l'hanno aiutata a cavalcare meglio e riprendersi più rapidamente. "Dopo aver guidato quattro o cinque giorni di seguito, il mio corpo è esaurito, ma torno a casa e salgo sul mio materassino", dice Sladics. "La maggior parte dei corpi può sopportare solo cinque giorni estremi al parco. Il sesto giorno, quando mi sveglio per vedere una bella polvere fuori, sono entusiasta perché non devo lasciar perdere".

Gary Zebrowski

Età: 29

Claim to Fame: membro della squadra francese ai Giochi Olimpici Invernali 2006 e 2010

Nel 2009, Gary Zebrowski era in condizioni ottimali e si stava allenando per l'half-pipe olimpico in una stazione sciistica francese quando ha subito una caduta di 12 piedi. Quando si è rialzato, il dolore al ginocchio sinistro era così intenso che ha dovuto scendere dalla montagna in sella a una motoslitta da pattuglia. Il medico ha detto a Zebrowski che avrebbe avuto bisogno di un intervento chirurgico e di almeno otto mesi di distanza da qualsiasi tipo di pensione. "Così tante domande mi giravano per la testa. Mancavano solo sette mesi alle Olimpiadi del 2010. Ero in cima, mirando a una medaglia", dice. "Avevo due scelte: sottoporsi all'intervento chirurgico e salutare le Olimpiadi, o bypassare l'operazione".

Zebrowski ha deciso di saltare l'operazione e cercare altre opzioni per riabilitare dal suo infortunio. "Ho trascorso tre mesi a Breckenridge, in Colorado, e ho stabilito il mio programma di formazione con lo yoga", dice. Ha lavorato con sua moglie, insegnante di yoga ed ex pro boarder Caroline Beliard-Zebrowski. Zebrowski ha eseguito Surya Namaskar (saluto al sole) come parte di ogni riscaldamento.

Il bilanciamento delle posture ha aiutato con la stabilità del ginocchio. Vasisthasana (Side Plank Pose) ha affrontato la stabilità del core e delle gambe, mentre Utthita Trikonasana (Extended Triangle Pose), Virabhadrasana I (Warrior Pose I) e Utthita Parsvakonasana (Extended Side Angle Pose) hanno aggiunto forza e flessibilità. Paschimottanasana (Seated Forward Bend) e Uttanasana (Standing Forward Bend) hanno lavorato i suoi muscoli posteriori della coscia. Per la preparazione mentale, praticava il pranayama e la meditazione quotidiani. Alla fine è arrivato alle Olimpiadi e, sebbene fosse ancora infortunato, è arrivato tredicesimo nel suo evento. "La pratica dello yoga mi ha davvero aiutato a trovare la mia forza più profonda per finire la competizione", dice.

Rilassati

Eoin Finn suggerisce queste tre pose dopo una giornata in montagna per allungare i muscoli tesi e decomprimere le articolazioni che si consumano e si strappano quando stai distruggendo.

1. Adho Mukha Svanasana (cane rivolto verso il basso)

Allunga la colonna vertebrale e allunga i polpacci, i muscoli posteriori della coscia e i muscoli della schiena, che si irrigidiscono alla fine di una giornata sulla tavola. Immagina di respirare lo spazio tra i tuoi dischi spinali mentre sciogli la tensione muscolare nella parte posteriore del corpo.

2. King-Arthur's Pose

Allunga l'intera parte anteriore del corpo, in particolare i quadricipiti, i flessori dell'anca, gli addominali e il torace, che si irrigidiscono a causa dell'azione di piegatura richiesta dallo snowboard. Goditi questo tratto profondo per diversi respiri.

3. Posizione supina del piccione

Allenta i muscoli tesi dell'anca, come il grande gluteo, che conferiscono potenza a praticamente tutte le mosse dello snowboard. Respira profondamente, come se gonfiassi i fianchi, fino a un minuto prima di ripetere la posa sull'altro lato.

Diane Anderson è una scrittrice che vive a San Francisco.

Raccomandato

Piegamento in avanti dalla testa al ginocchio
13 ritiri di yoga che puoi effettivamente permetterti nel 2018
8 passaggi per padroneggiare e perfezionare la posa dell'albero