La celebrazione del riso come simbolo di sostentamento

La celebrazione del riso è stata collegata alla sua raccolta e alla sua semina. Onora il riso, in tutte le sue varietà, come fonte e simbolo di sostentamento.

Per diversi giorni alla fine di ogni anno, Wendy Kohatsu e circa 20 membri della sua famiglia si riuniscono a Los Angeles per battere 150 libbre di riso dolce secco in mochi fatti a mano . È un processo lungo, che richiede pazienza e buona conversazione mentre immergono il riso, lo cuociono a vapore e lo pestano in un impasto appiccicoso fuso che viene poi meticolosamente modellato a mano in densi gnocchi di riso. Il risultato è una sontuosa zuppa di mochi caldo che galleggia in un ricco brodo di miso.

Ma prima che inizi il pasto, la famiglia fa una pausa e dice la grazia come offerta alla natura e all'anno a venire. "Il riso simboleggia le fondamenta della vita", spiega Kohatsu, professore assistente in visita presso il Programma di medicina integrativa di Andrew Weil presso l'Università dell'Arizona. "Dire la grazia prima del riso è un modo per rendere grazie al sole e alla terra, ai contadini che coltivano la terra, ai cuochi e alle persone che ti servono. È un modo semplice ma potente e profondo di sentirsi connesso a riso e il pianeta ".

Nel corso della storia, questo grano ha significato più del semplice sostentamento; in molte culture è un elemento centrale sia nelle pratiche culinarie che spirituali. Oggi, più della metà della popolazione mondiale ne è sostenuta e in molte parti dell'Asia un pasto non è considerato un pasto a meno che non venga servito il riso. Le celebrazioni sono spesso legate al suo raccolto e alla sua semina, come il Pongal Festival nel sud dell'India, dove gli indù, in onore del nuovo raccolto, cuociono il riso in pentole finché non trabocca. Anche il culto del riso si svolge ogni giorno in luoghi come il Tibet, dove i buddisti offrono una ciotola di riso bianco come offerta quotidiana. E in Indonesia, la dea del riso, Dewi Sri, è molto venerata, così come il riso, che si crede abbia uno spirito o un'anima.

Man mano che imparo di più su questo grano abbondante e sulle culture che lo onorano, comincio a vedere come posso infondere nuove intenzioni in una ciotola di riso, fermandomi, come fa Kohatsu, per ricordare la fonte del mio pasto e per dare rispetto alla natura e tutte le persone che hanno contribuito a portarlo al mio tavolo. E a causa di tutte le diverse varietà, colori e modi di cucinare il riso, ho anche avuto l'opportunità di dare a budini, fritture e risotti, che sono già pieni di sapore e sostanze nutritive, un significato più profondo.

Vedi anche Riso, OGM, Carragenina: dovresti starne lontano?

Le varietà di riso

Si scopre che le varietà di riso disponibili sono tanto diverse quanto le persone che le mangiano. Ce ne sono 120.000, secondo l'International Rice Research Institute - marrone a grana corta, bianco giapponese, basmati profumati e gelsomino, viola scuro e rosso tra loro - e ogni tipo rappresenta la regione e la cultura che lo coltiva.

Indipendentemente dalla varietà, il riso integrale è una fonte abbondante di vitamine del gruppo B, fibre e antiossidanti come il selenio e il manganese, che aiutano a rafforzare la funzione immunitaria. Ovviamente, come qualsiasi altro cereale integrale, dice Kohatsu, che è un medico integratore ed esperto di nutrizione, il riso meno elaborato conserva più nutrienti. Se è marrone o di qualsiasi colore diverso dal bianco, il rivestimento di crusca (l'esterno) è rimasto intatto. Il riso bianco puro di qualsiasi tipo ha avuto la sua crusca levigata e alcuni dei nutrienti portati via, lasciando dietro di sé il centro ricco di carboidrati. Combina riso di qualsiasi varietà con un po 'di proteine ​​e avrai un ottimo complemento per ogni pasto. Questa potrebbe essere una novità per chiunque veda il riso principalmente come una grande ciotola di carboidrati.

"Ultimamente, il riso ha avuto un brutto colpo", dice la dietista di Los Angeles Ashley Koff. "Le persone dicono di voler evitare i carboidrati, ma evitando il riso stanno perdendo le vitamine del gruppo B e le fibre, che, una volta esaurite, possono rendere le persone lunatiche e prive di energia. Secondo me, siamo stati sopraffatti e noi potremmo utilizzare la diversità del riso nella nostra dieta, soprattutto perché è uno dei cereali meno allergenici e uno dei più facili da digerire ". Koff offre una buona ragione per rinunciare alla mia fetta mattutina di pane tostato integrale. Seguo il suo consiglio e metto un po 'di basmati marrone biologico a grani lunghi nella mia risottiera per preparare una ciotola per la colazione.

Mentre il basmati fuma, un aroma floreale muschiato riempie la casa e sono sorpreso di non aver mai notato prima la sua fragranza seducente. Mi sento stimolato quando scopro uno studio del 2007 presentato all'American Dietetic Association Food and Nutrition Conference, che ha scoperto che i mangiatori di riso hanno diete più nutrienti rispetto ai non mangiatori di riso e, poiché sono meno inclini al sovrappeso, hanno meno possibilità di sviluppare la pressione alta e il diabete. Probabilmente non è un caso che il riso sia un pilastro ayurvedico, in particolare il basmati bianco con le sue qualità sattviche ; questi aumentano la chiarezza, mantenendo il corpo leggero e la mente lucida.

Con la consapevolezza che sto mangiando un grano salutare ritenuto sacro dagli indù che lo usano in cerimonie come matrimoni e funerali e per celebrare il primo cibo solido di un bambino (riso, ovviamente), prendo la mia pagaia e ne metto un paio di misurini del mio basmati cotto in una casseruola. Aggiungo un po 'di latte, un po' di cannella, un pizzico di cardamomo e un goccio di zucchero demerara biologico. A fuoco medio mescolo il riso fino a quando la maggior parte del latte è stata assorbita. Lo finisco con una spolverata di noci e noci pecan crude tritate e mi siedo a colazione.

Vedi anche Ricetta: Fast Chipotle Veggie Skillet Rice (Plus Ayurvedic Add-Ins!)

La celebrazione del riso come atto di servizio

Mentre prendo i miei primi bocconi, mi viene in mente una conversazione che ho avuto con Rohini Kanniganti, un medico originario dell'India meridionale e ora con sede a Boulder, in Colorado. Da bambina, sentiva spesso la frase annadata sukhibhava . "Mi riempie la pancia solo a sentirlo", dice. "Significa 'Dio benedica il fornitore di cibo'". Anna si traduce come "riso", rafforzando la convinzione che servire il riso agli ospiti (specialmente ai bisognosi) sia un atto tanto sacro quanto di servizio. Kanniganti sottolinea anche che, in molte case indiane, il riso mescolato con latte e zucchero (non molto diverso dalla mia ciotola della colazione) viene spesso offerto alle divinità sugli altari domestici. Una volta che il cibo è stato benedetto, un po 'viene restituito a ciascun membro della famiglia da mangiare.

Mentre continuo con la colazione, noto che il riso è gommoso e dolce, con un sapore terroso. In definitiva, è un pasto completamente soddisfacente e abbondante. Il riso manifesta un certo terroir - la qualità del terreno in cui è cresciuto - che produce un aroma particolare e definisce il modo in cui il sapore cambia durante la masticazione del chicco.

Più tardi, quando sfoglio il corridoio del riso nel mio negozio di alimenti naturali, rimango sbalordito dal numero di varietà che posso facilmente prendere dallo scaffale. Poi comincio a pensare a una donna senegalese di nome Sarta, presente in Seductions of Rice , un libro di tradizioni e ricette del riso da tutto il mondo. Ogni mattina Sarta, come generazioni di donne prima di lei, raccoglie gambi di riso e li pesta in un grande mortaio con un pesante pestello. Martella e martella finché non riesce a vagliare via gli ultimi residui di pula e crusca e tutto ciò che resta sono minuscole perle bianche. Mentre metto alcune varietà nel carrello, prometto a me stesso che la prossima volta che farò il riso a casa ricorderò Sarta e rispetterò tutto il lavoro che è stato necessario per raccogliere questo prezioso grano.

Kohatsu in seguito suggerisce di farlo lavando consapevolmente il mio riso integrale prima che raggiunga i fornelli. In questo modo, puoi infondere lentamente e rispettosamente qualsiasi pasto con un'intenzione o un'offerta, come faresti all'inizio di una lezione di yoga. "Un lento fruscio della tua mano", dice Kohatsu, "mescolando ritmicamente i chicchi crudi in senso orario, poi in senso antiorario, risciacquando lentamente il talco che ha appannato l'acqua, poi di nuovo fruscio, risciacquo, fruscio, risciacquo, finché l'acqua non è limpida. In questo modo rendi omaggio alle generazioni che sono sopravvissute con il riso in passato e adempi il tuo karma yoga, il tuo dovere di cenare in tavola ". E così con gratitudine dico: "Annadata sukhibhava".

Vedi anche Insalata di riso selvatico con mandorle a scaglie e ribes

Circa l'autore

Stacie Stukin vive a Los Angeles e blogga per il sito web di Yoga Journal .

Raccomandato

Ottimizzazione dei chakra del nuovo anno
Sii Uno con la Terra: Energia Elementale dei Chakra
Posa della sfida: Hanumanasana