Lezioni sulla verticale + Una sequenza per costruire una verticale sana

Una verticale può essere una posa spaventosa, ma con la giusta preparazione può anche portare libertà. Impara le lezioni di verticale e una sequenza per costruire una verticale sana.

Sono a lezione di yoga e so cosa succederà dopo. Francamente, non sono entusiasta. "Verticale", dice il mio insegnante.

Trotto diligentemente verso il muro con gli altri studenti e appoggio i miei palmi ora sudati sul materassino. Mentre mi muovo in Downward Dog e mi preparo a sollevare, sento il mio cuore iniziare a battere forte. Prendo a calci. Non mi invento. Ci riprovo, e poi altre tre volte, e ancora non mi invento.

Ecco la nuda verità: ho paura di sollevarmi in Adho Mukha Vrksasana (verticale). Ho paura di cadere. Ho paura che le mie braccia si pieghino sotto il peso del mio corpo sinuoso. E mentre la mia mente razionale sa che il muro è davvero lì, temo che una volta che sarò in volo, il muro assumerà una vita propria e tornerà indietro di qualche centimetro.

Vorrei dire che ho paura della verticale perché sono un principiante, ma pratico yoga da 14 anni. Ho provato a sollevare centinaia di volte, con più o meno gli stessi risultati. E anche se credo davvero che sia tutto incentrato sul viaggio e non sulla destinazione, è comunque imbarazzante non poter fare Handstand. Mi sento persino arrabbiato con me stesso e disilluso con la mia pratica perché non faccio la posa.

E so di non essere solo. Ho visto molte persone, come me, che hanno praticato per anni e ancora non riescono ad alzarsi. Quindi, quando il mio amico, che è editore di questa rivista, mi ha lanciato la sfida di scrivere un pezzo sulla mia paura di andare sottosopra, ho detto di sì. Anche se una parte di me (OK, una grande parte) era terrorizzata, volevo sfidare la mia idea di ciò che era possibile e forse imparare di più su me stesso nel processo.

Vedi anche il piano Get-Your-Handstand in 4 fasi di Kino MacGregor

Paura delle inversioni

Dopo aver accettato l'incarico, ho riflettuto su ciò che mi aveva trattenuto in tutti questi anni. Sono arrivato a questa realizzazione: provare a calciare in verticale mi porta direttamente nel cuore della paura, della vergogna e dell'immagine corporea negativa, a cui ho aggrappato fin dall'infanzia. Quando ero giovane, sono rimasto sbalordito quando altri bambini si sono girati sulle loro mani. Ho visto la gioia impazzita sui loro volti mentre i loro corpi solcavano l'aria con abbandono. Non sono mai stato quel bambino, non ho mai sentito quel tipo di libertà e fiducia senza vincoli.

Quando ho scoperto lo yoga, da adulto, mi sono connesso per la prima volta con la forza e la grazia intrinseche del mio corpo. Ora, a 46 anni e verso la mezza età, sono profondamente grato al mio corpo per molte cose, come sopravvivere a mesi di riposo a letto e il complicato parto dei miei bellissimi gemelli. Ma sono anche imbarazzato dalla mia carne cascante, dalle smagliature e dai 25 chili in più che ho messo durante la gravidanza. Nessuna di queste cose corrisponde alla mia immagine di come appare una donna competente e insieme. Somiglio più alla Venere di Willendorf che a una ballerina di Degas, e prendere il volo non mi viene naturale.

Questa immagine di me stesso ha inconsciamente infuso la mia pratica. Sebbene abbia raggiunto livelli ragionevoli di competenza in alcune pose, le inversioni suscitano un monologo interno che è più o meno questo: sembro ridicolo. Non sono abbastanza forte. Mi sento goffo. Non posso farlo! La verticale, mi dico, è diventata un terreno fertile per le storie negative. Si spera che affrontare la posa mi darà la possibilità di esaminare e forse anche spostare i miei limiti autoimposti. Può questa mamma legata alla terra imparare a volare? È ora di scoprirlo.

Cose da fare e da non fare in verticale

Se invertire è così difficile, perché farlo? Aadil Palkhivala, fondatore del Purna Yoga, a Bellevue, Washington, mi dice che accanto ai piegamenti all'indietro, le inversioni sono le pose più potenti. "Fisicamente, le inversioni aumentano il volume del sangue al cuore, esercitando così il cuore." Inoltre, la verticale sviluppa la forza nella parte superiore della schiena. "Poiché siamo bipedi, le nostre braccia si indeboliscono man mano che invecchiamo e i nostri fianchi si bloccano. Tutte le inversioni invertono questo processo", dice Palkhivala. Oltre ai benefici fisici, c'è una ricompensa energetica con Handstand. È come rompere la barriera del suono, mi dice. "Appena prima di sfondare, si sente un forte rumore, tremori e forti vibrazioni. Ma una volta attraversato," dice, "tutto diventa silenzioso e tu sei libero". Le sue parole mi ispirano.Posso superare tutto il rumore e trovare un senso di tranquillità?

Vedi anche 3 pose preparatorie per la verticale (Adho Mukha Vrksasana)

Nozioni di base sulla verticale

La mia immersione inversa inizia con Judith Hanson Lasater, una rinomata insegnante di yoga che ha iniziato i suoi studi di Iyengar Yoga negli anni '70. Durante il nostro tempo insieme, Lasater (che ha creato la sequenza a pagina 2) mi aiuta a costruire le basi fisiche per una sana verticale. Dopo avermi dato una volta per avere un'idea dei miei problemi fisici unici, rivede l'allineamento strutturale con me e lavoriamo sulle pose per costruire forza e flessibilità dove ne ho bisogno. Crede che avere una comprensione completa dei componenti fisici della posa crei fiducia, il che aiuta a ridurre gradualmente la paura. Mi dà una sequenza che insiste che pratico ogni giorno. "La più alta forma di disciplina è la coerenza", mi dice.

Alcune persone (beh, la maggior parte delle volte uomini) hanno bisogno di lavorare per creare più apertura nel corpo per entrare in verticale; altri (avete indovinato, molto spesso le donne) hanno bisogno di costruire più forza. Sono uno di quelli "fortunati" che devono fare entrambe le cose. La prima cosa che Lasater nota di me è la tensione nella parte centrale e superiore della schiena e nei muscoli del torace, che può essere un problema quando si calcia in verticale perché avere apertura in quelle aree è necessario per ottenere la lunghezza e il corretto allineamento nella posa.

Per creare più apertura nella parte superiore del corpo, mi fa sdraiare su un piccolo rullo di schiuma, con la mia testa appoggiata su un blocco completamente verticale. Quando porto le braccia di lato, sento un enorme allungamento nella parte superiore del corpo e nelle braccia, che scorre lungo la parte posteriore della colonna vertebrale. Mi sento come se fossi sul rack.

Successivamente, mi mostra Dolphin Pose, dicendomi di spostare le scapole lungo la schiena (lontano dalle orecchie) per raggiungere la lunghezza nella parte superiore della schiena e del collo. Quindi passiamo ai costruttori di forza: Dolphin Plank e Upward Staff Pose al muro. Mi insegna come tirare i muscoli della parte inferiore del ventre indietro verso la colonna vertebrale e verso l'alto per attivare l'uddiyana bandha (blocco addominale verso l'alto). Questo blocco mi impedirà di collassare nella parte bassa della schiena, cosa fondamentale da evitare quando mi alzo.

Dopo 30 minuti di pose preparatorie, lavoriamo per imprimere il corretto allineamento nel corpo, cioè acquisire familiarità con la configurazione, l'allineamento e il movimento della verticale. Lasater mi dice che la maggior parte degli studenti si concentra sull'appoggiare le gambe al muro, quando in realtà è più utile pensare a spostare il bacino contro il muro. Quando sfrutti il ​​tuo slancio e muovi il bacino su e indietro, l'arco di movimento è più piccolo e la posa diventa più facile ed economica.

Mi avvicino al muro e appoggio le mani sul tappetino. Metto i polsi, i gomiti e le spalle. Lasater mi dice di tenerli perfettamente dritti, per evitare che le mie braccia si pieghino. Alzo leggermente la testa e guardo i pollici: se metto a fuoco gli occhi, metto a fuoco la mia posa, il che creerà maggiore stabilità.

Avvicino le gambe al muro, mi sollevo dall'addome e, espirando, tiro un calcio. Non arrivo da nessuna parte vicino al muro. Lasater vede lo sguardo di delusione sul mio viso e dice con voce gentile: "Questa è pratica, Dayna, non un'esibizione". Dopo un breve riposo, ripeto il processo. Questa volta sono un po 'più vicino al muro. Al terzo tentativo, ancora più vicino. Dopo tutto c'è speranza nell'universo!

Incontrerò di nuovo Lasater tra due settimane. Nel frattempo, mi alleno facendo i miei Down Dogs e il mio Dolphin, impilando le mie articolazioni e scalciando. È un sacco di lavoro e, nonostante il mio desiderio che le mie gambe volassero al muro, non lo fanno. Eppure, le cose dentro iniziano a cambiare. Mi sento sempre più forte e noto che la mia perseveranza conferisce un livello di rispetto di me precedentemente sconosciuto. Mi rendo conto che, sebbene abbia praticato la posa per molti anni, non l'ho mai fatto con tanta diligenza. Mi sento leggermente deluso da me stesso, non perché non riesco a sollevarmi, ma a causa di tutta l'energia che ho speso credendo di essere qualcuno che non farà mai la posa. Credo, per la prima volta, che la mia storia potrebbe non essere così vera.

Vedi anche Come Tara Stiles si prepara a mantenere l'equilibrio in verticale

Godersi il viaggio delle verticali

Prima di rivedere Lasater, ho l'opportunità di studiare con Ana Forrest. Le dico su cosa sto lavorando e lei accetta di aiutarla, ma solo se vengo al suo corso di Gravity Surf.

Dire che sono nervoso è un eufemismo. Forrest è nota per la ferocia della sua pratica e questa classe, sull'equilibrio delle braccia, promette di essere implacabile. Ma avendo incontrato Forrest prima, so che è gentile quanto feroce, una combinazione che sento può condurmi nel mio Cuore di Tenebra e aiutarmi ad affrontare le mie paure a testa alta.

"Sei pronto per farti divertire da solo?" Forrest chiede ai suoi studenti. "Ricordi cosa ha detto la Regina Rossa in Alice nel Paese delle Meraviglie?" chiede, la sua lunga treccia nera che le sferza intorno come la coda di un cavallo. E qui, lei parla in un falsetto acuto e fantasioso: "Mi piace sempre fare sei cose impossibili prima di colazione". Non posso fare a meno di ridere e, mentre lo faccio, il mio corpo si rilassa.

Per i primi 30 minuti, riscaldiamo gli addominali e le braccia, dalle dita fino alle spalle e alla parte superiore della schiena. Forrest ci mostra un potente allungamento delle braccia in cui tieni le braccia lungo i fianchi a forma di T, pieghi le dita a pugno, le punti verso il basso e fai rotolare i polsi, tre volte in ciascuna direzione. Mentre mi allungo, sento quanto sono stretti i miei avambracci.

Ci sediamo sulle nostre stuoie in Agnistambhasana (Fire Log o Ankle-to-Knee Pose). Forrest mostra Brahmari Breath (Bee Breath), una tecnica Pranayama di respirazione e mormorio che invia energia su e giù per i chakra. La debolezza, ci dice, non è nei muscoli. Piuttosto, è nella mancanza di imparare a spostare l'energia attraverso il corpo.

Infine, eseguiamo Horse Stance (una specie di squat in piedi con le gambe divaricate) e pratichiamo Uddiyana Bandha per svegliare l'addome. Quando avremo terminato il riscaldamento, sono pronto per sdraiarmi.

Ma Forrest non lascia che la mia energia o quella di chiunque altro si alleni; lei va avanti, motivandoci. "La gravità ci abbatte", dice. "È ora di creare un rapporto diverso con esso. Esploralo, navigalo. Sii disposto a divertirti". Sorride, si guarda intorno nella stanza e dice "Handstand". Si avvicina a me e io metto le mani sul tappeto. "Uh-uh," dice, scuotendo la testa. "Verticale. Da alzarsi."

Da alzarsi? Lei è pazza? La guardo con orrore. Questo è qualcosa che fanno i ginnasti, o forse i bambini senza paura. Ma io non sono quel ragazzo! Sento una paura viscerale, un nodo alla gola e mi rendo conto di trattenere il respiro. Le mie mani, la schiena e il collo si sudano e ho voglia di gridare: "Portami via di qui!" Percependo il mio freak-out interiore, Forrest dice a bassa voce: "Non ti lascerò. Lo prometto".

Poi ricordo una cosa che mi aveva detto Lasater il giorno prima. "La pratica dello yoga non riguarda solo ciò che è bello e trascendente. Si tratta anche di lavorare con ciò di cui abbiamo paura e con ciò che evitiamo. È il praticante avanzato che guarda la sua paura e dice: 'Portalo avanti'".

Faccio così. Calpesto in verticale. Da alzarsi in piedi. E con l'aiuto di Forrest, mi capovolgo. Sono subito scoppiato a ridere. Mi sento come se avessi 6 anni, non 46, e il mondo delle inversioni improvvisamente sembra una gigantesca sandbox in cui giocare. Forrest si china, mi guarda negli occhi e dice: "Guardami". Ci provo, ma incontrare il suo sguardo è difficile. "Guardami," dice di nuovo, quindi lo faccio. E poi dice con una voce molto dolce: "Non dire mai più un'altra parola scortese a te stesso". Come fa a sapere per dirlo? Come fa a sapere che ho passato anni con un dialogo interno che lacera il mio corpo a brandelli? Le sue parole sono un magnifico dono. Sento che le mie vecchie storie iniziano ad aprirsi e disintegrarsi. "Non sono abbastanza forte! Le mie braccia non possono trattenermi! Ho troppa paura!" Nessuna di quelle voci emerge ora,perché nessuno di loro è reale. La verticale sembra improvvisamente fuori luogo e la verità di godersi il viaggio diventa chiara.

Vedi anche 4 segreti per superare la paura e uscire dalla tua zona di comfort

Innovazioni nella verticale

Due settimane dopo, sono tornato in studio con Lasater, che ha appoggiato longitudinalmente un sostegno vicino al muro. La mia testa si sente sostenuta, quindi non sono nervoso; Sono felice di provare a tirarmi su. Mi dice di premere su di essa la parte superiore della mia fronte, assicurandomi che le mie braccia siano dritte. Prendo a calci. Non mi alzo. "Prendi un impegno, Dayna," dice, dicendomi che ho ancora un piede sull'acceleratore e uno sul freno. Ha ragione, dannazione. Mi rallegro e tiro di nuovo a calci. Sono più vicino, e lei mi dice che sa che lo sto ricevendo perché mentre mi sollevo, in realtà rallento, il che mostra che sto coinvolgendo l'addome. Mi alzo una terza volta. Ancora più vicino, ma non del tutto al muro.

Quando il mio viso mostra una certa delusione, Lasater mi dice di non preoccuparmi e che ci sto riuscendo perché non ho più paura di provarci. Mentre mi preparo a calciare di nuovo, mi ricorda: "La pratica più profonda è lavorare con le nostre paure e ciò che vorremmo evitare".

Mi sento un po 'sgonfio dopo la mia seduta con Lasater. Ho lavorato sodo - rafforzando, aprendo, affrontando il mio dialogo silenzioso e autoironico - e so di essere arrivato lontano, ma non ci sono del tutto. Per capriccio, decido di prendere una lezione privata con un altro insegnante, Scott Blossom, che sembra essere il mio vicino della Bay Area. Arrivo a casa sua, pronto come non lo sarò mai.

Lezioni di volo

Blossom mi osserva in Down Dog e mi dà un'istruzione che non avevo mai sentito prima. Avvolge una cinghia intorno alle mie braccia per stabilità e mi dice di concentrarmi sugli avambracci mentre sollevo il piede, usando l'area appena sotto l'articolazione interna del gomito come punto di messa a fuoco. Quando comincio a farlo, mi consiglia di rilassare i muscoli del trapezio. Questi sono i grandi muscoli che corrono lungo i lati del collo fino alle spalle e lungo la colonna vertebrale fino al centro della schiena. Quando i muscoli del trapezio si bloccano, è più difficile impegnare il latissimus dorsi e il dentato anteriore. Questi sono due muscoli larghi che stabilizzano la parte superiore del braccio e la spalla. Hai bisogno che si impegnino mentre calci in verticale.

Mi ha fatto praticare molte volte impegnando i miei avambracci, mentre rilasso le trappole. Inoltre gira leggermente le mie mani per aiutare il rilascio delle trappole. Mi insegna a radicare le mie mani e le ossa delle braccia sulla terra, dicendo: "Il tuo potere viene dalla terra e le [tue] ossa, non i tuoi muscoli".

Mentre seguo queste istruzioni, noto che c'è un cambiamento energetico nelle mie braccia. Invece della solita pesantezza, si sentono leggeri e forti allo stesso tempo. L'energia che raccolgo dalla terra mi fa sentire estremamente stabile.

Mentre mi avvicino al muro, Blossom mi dice di lasciar cadere tutte le mie storie su ciò che penso e provo riguardo alla posa. "Quello che è successo prima non ha importanza", dice. "Il tuo ego non è la regina dello spettacolo. Non devi fare nulla di eroico. Osserva, non giudicare. Semplicemente testimone."

Metto le mani sul tappeto, connettendomi all'energia della terra. Concentro la mia attenzione sui miei avambracci. Rilasso le mie trappole. Respiro. Svuoto la mia mente. Testimonio. Prendo a calci. I miei piedi sbattono contro il muro. Sono su!

E poi, altrettanto improvvisamente, sono a terra. "L'ho fatto?" Chiedo incredulo.

"Ce l'hai fatta," dice sorridendo. "Ora facciamolo di nuovo."

Vedi anche 5 cose che lo yoga mi ha insegnato sulla paura

Asana di Judith Hanson Lasater

Ardha Adho Mukha Svanasana (posizione del cane metà rivolto verso il basso)

Benefici:

Allunga la parte superiore della schiena e le spalle

Stai di fronte a un muro, a circa 3 piedi da esso, e metti le mani sul muro un po 'più della larghezza delle spalle. Assicurati che il tuo dito medio sia rivolto verso l'alto e che le nocche dell'indice premano contro il muro. Inspirate e, mentre espirate, allontanatevi dal muro e abbassate la colonna vertebrale finché non è parallela al pavimento. Allontanati di nuovo dal muro e, mentre espiri, abbassa ancora un po 'la parte superiore della schiena. Mentre lo fai, solleva leggermente l'ombelico per evitare che la colonna lombare cada troppo verso il pavimento. Trova il punto in cui le tue spalle sono aperte e sono allungate e tienilo premuto per 3-5 respiri. Inspira mentre ti alzi, quindi ripeti la posa.

Controindicazioni:

Alta pressione sanguigna incontrollata

Vertigine

Glaucoma, malattie della retina

Condizioni infiammatorie delle braccia e delle spalle, come tendiniti, borsiti, lesioni della cuffia dei rotatori, sindrome del tunnel carpale

Gravidanza

Adho Mukha Svanasana (posa del cane rivolto verso il basso)

Benefici:

Rafforza i muscoli intorno alle articolazioni della spalla

Allunga la parte superiore della schiena e le spalle

Vieni a mani e ginocchia, mettendo le mani un po 'più larghe delle spalle, con gli indici rivolti esattamente in avanti. Durante un'espirazione, invita la pancia in alto verso la colonna vertebrale. Alla successiva espirazione naturale, raddrizza le ginocchia in modo da essere sostenuto da braccia e gambe dritte. Tieni il peso sulle mani. Ora inspira e fai un movimento di "piegamento all'indietro" o estensione con la colonna vertebrale. Alla successiva espirazione, abbassa i talloni verso il materassino e torna indietro in Downward Dog. Mantieni la posizione per 5-7 respiri. Assicurati che i talloni siano leggermente in fuori per allungare l'interno dei polpacci e che il tuo corpo si trovi in ​​una lunga linea dai palmi alle anche. Scendi e ripeti ancora, ricordando di sincronizzare il tuo respiro con i tuoi movimenti.

Adho Mukha Svanasana to Plank Pose (Cane rivolto verso il basso per Plank Pose)

Benefici:

Mobilizzatore per la parte superiore della schiena

Rinforzante per spalle e pancia

Dal cane con la testa in giù, espira e muovi la pancia verso l'interno, lascia cadere il mento sul petto e rotola in avanti nella posizione della plancia. Assicurati di espirare quando ti muovi e di sollevare e arrotondare leggermente la parte superiore della schiena mentre vai avanti. Questo modo di muoversi è progettato per rafforzare l'addome (oltre a mobilitare le spalle) in preparazione per alzarsi in verticale. Un nucleo forte facilita il sollevamento nella posa. Tieni premuto Plank per 3-5 respiri. Quindi, espirando, muovi la pancia verso l'alto per sostenere la colonna vertebrale e premi di nuovo contro il cane in basso. Riposa e ripeti. Usa l'addome per creare questo movimento; non usare solo le articolazioni dell'anca, che ti faranno piegare come un cardine.

Vedi anche 3 modi per modificare la posa del delfino con gli oggetti di scena

Posa dei delfini

Benefici:

Rafforza e mobilita le spalle e la parte alta della schiena

Rafforza l'addome

Vieni a mani e ginocchia e posiziona i gomiti direttamente sotto le articolazioni delle spalle. Intreccia le dita per creare una forma triangolare. Controlla che i tuoi palmi siano leggermente aperti e i tuoi polsi dritti. Con un'espirazione, raddrizza le gambe e sollevati sui piedi, in modo da riposare sugli avambracci e sui piedi (vedi figura a). Espira e muoviti avanti e indietro, portando il petto in basso sulle braccia in modo che il tuo corpo sia il più parallelo possibile al pavimento (vedi figura b). Muovi l'espirazione durante i movimenti sia in avanti che all'indietro. Ricorda di disegnare la pancia verso l'interno prima di iniziare ogni movimento. Ripeti 5 volte, riposa, quindi inverti l'incastro delle dita e pratica la posa altre 5 volte.

Urdhva Dandasana (posizione del bastone verso l'alto), in corrispondenza di una parete

Benefici:

Ti prepara per la verticale perché richiede un perfetto equilibrio di forza e flessibilità nelle spalle.

Posiziona il tappetino da yoga vicino al muro, con l'estremità più corta che tocca il muro. Vieni a mani e ginocchia rivolte verso il centro della stanza. Posiziona delicatamente un piede e poi l'altro sul muro; il tuo corpo dovrebbe avere la forma di una L e le anche a 90 gradi di flessione, le cosce parallele al pavimento. Assicurati che solo le punte dei piedi, e non i talloni, poggino sul muro e che le tue mani siano direttamente sotto le articolazioni delle spalle. Tieni la testa alta. Non lasciarti abbassare nella parte bassa della schiena. Invita la pancia a tirare dentro e su mentre resisti al pavimento. Concentrati sul sollevarti invece di spingere verso l'interno verso il muro. Rimani per 5 respiri e ripeti altre 2 volte. Se questa posa sembra troppo spaventosa, praticala appoggiando un piede alla volta sul muro e sollevando l'altro a circa 12 pollici dal pavimento.

Vedi anche Pose: Handstand Prep

Adho Mukha Vrksasana (verticale)

Benefici:

Crea forza nelle spalle, nella schiena e nell'addome

Migliora l'umore e aumenta la fiducia

Posiziona il tappetino da yoga vicino a un muro, con l'estremità corta che tocca il muro. Metti le mani sul pavimento, con i palmi delle mani a circa 10-12 pollici dal muro e torna alla posizione del cane rivolto verso il basso. Porta un piede in avanti di circa 12 pollici; piega il ginocchio anteriore. La gamba posteriore è la tua gamba "oscillante" e la gamba anteriore è la tua gamba "spinta". Muovi le spalle sulle mani, tieni i gomiti dritti e solleva la testa. Inspirate e mentre espirate spingete con forza con la gamba "di spinta" e spingete la gamba "oscillante" verso l'alto in modo che raggiunga per prima il muro. Tieni la testa alta finché i tuoi piedi non toccano il muro. Premi il pavimento e solleva tutto il corpo. Mantieni la posizione per 3-5 respiri, quindi scendi e riprova. Quando puoi alzarti ogni volta, esercitati con l'altra gamba che sale per prima.

Giocare alle tue paure

In verticale, come nella vita, va bene avere paura, ma la paura non deve paralizzarti. La verticale, che mi piace chiamare "fearasana", ti dà l'opportunità di trasformare la paura in eccitazione e trionfo. Inizia rendendo la posa sicura per te stesso e chiedi aiuto a un insegnante di cui ti fidi. Mentre giochi con la posa, cerca di incarnare alcuni principi:

Innanzitutto, respira profondamente e costantemente. Quando ti spaventi, è probabile che trattieni il respiro e ti irrigidisci, il che rende il tuo corpo pesante e ti fa perdere la tua intraprendenza e intelligenza. Se perdi il respiro, sei affondato, quindi impara a respirare in modo efficace.

Secondo, guida l'espirazione nella posizione (inizia a espirare mezzo secondo prima del calcio). Terzo, fai tanti piccoli calci; essere disposto a dare calci a un buon 200 volte o più.

Mentre lavori, diventa consapevole di ciò che chiamo il "dialogo sull'automutilazione". Quando non puoi fare qualcosa che pensi dovresti essere in grado di fare, ti strappi dentro te stesso? Il critico interiore non è molto perspicace ed è raramente onesto; ti fa solo a brandelli. Quando la tua mente inizia il suo schema di automutilazione, dì di no e torna al tuo respiro. Cambia il modo in cui pensi alla posa in modo che il solo fatto di essere disposto a lavorarci sopra sia una vittoria. Hai preso a calci sei volte? È una vittoria!

Infine, abbi il senso dell'umorismo riguardo alla verticale o qualsiasi altra cosa di cui hai paura. Diventa divertito (invece che depresso) quando la mente salta a conclusioni deliranti (sto per morire!) E sii affascinato e desideroso di ritagliarsi una nuova verità facendo nuove azioni.

La verticale aumenta l'autostima e la forza. Ti dà un'idea di come muoverti attraverso le sfide della vita e i tempi spettrali. I tuoi orizzonti si allargano e le possibilità diventano così eccitanti! Cosa si può chiedere di più da una posa?

Vedi anche 4 passaggi per liberarti dalla paura delle inversioni

Raccomandato

Posa della sfida: cavalletta
5 modi per fai da te il tuo santuario yoga a casa
Come 31 giorni di meditazione in movimento hanno aiutato uno yogi a rallentare