Lo Psoas è:

Se hai indovinato C, hai ragione. Sepolto nel profondo del tuo corpo, lo psoas (pronunciato "so-az") influenza ogni aspetto della tua vita, dal tuo benessere fisico a chi ti senti di essere e come ti relazioni con il mondo. Un ponte che collega il tronco alle gambe, lo psoas è fondamentale per un allineamento equilibrato, una corretta rotazione articolare e una gamma completa di movimento muscolare. Nello yoga, lo psoas gioca un ruolo importante in ogni asana. Nei backbends, uno psoas rilasciato permette alla parte anteriore delle cosce di allungarsi e la gamba di muoversi indipendentemente dal bacino. Nelle pose in piedi e nelle flessioni in avanti, le cosce non possono ruotare completamente verso l'esterno a meno che lo psoas non si rilasci. Tutte le posizioni yoga sono migliorate da uno psoas rilasciato piuttosto che accorciato. (Quando inverti il ​​tuo orientamento alla gravità nelle inversioni, tuttavia,lo psoas deve essere tonificato e rilasciato per mantenere una corretta stabilità della colonna vertebrale.)

Che tu soffra di mal di schiena o ansia, di tensione al ginocchio o esaurimento, ci sono buone probabilità che un muscolo psoas ristretto possa contribuire ai tuoi guai. Entrare in contatto con questo muscolo profondamente sepolto all'inizio può essere umiliante. Potresti scoprire di aver fatto molte pose contraendo il tuo core, invece di fare affidamento sul tuo scheletro per il supporto e permettere ai tuoi muscoli più periferici di organizzarsi attorno a un centro tonico ma fluido e spazioso. Ma se perseveri, il lavoro sullo psoas può aggiungere nuove intuizioni, apertura e stabilità alla tua pratica. Sebbene il tuo psoas potrebbe non essere così facile da percepire come i tuoi bicipiti o muscoli posteriori della coscia, migliorare la tua consapevolezza di questo muscolo cruciale può migliorare notevolmente la tua salute fisica ed emotiva.

Oltre a migliorare la tua stabilità strutturale, sviluppare la consapevolezza del tuo psoas può portare alla luce paure a lungo bloccate nel corpo come tensione fisica inconscia. Intimamente coinvolto nella risposta al combattimento o al volo, lo psoas può avvolgerti in una palla fetale protettiva o fletterti per preparare i potenti muscoli della schiena e delle gambe a entrare in azione. Poiché lo psoas è così intimamente coinvolto in tali reazioni fisiche ed emotive di base, uno psoas cronicamente irrigidito segnala continuamente al tuo corpo che sei in pericolo, esaurendo alla fine le ghiandole surrenali e impoverendo il sistema immunitario. Man mano che impari ad avvicinarti al mondo senza questa tensione cronica, la consapevolezza dello psoas può aprire la porta a una sintonizzazione più sensibile ai segnali interiori del tuo corpo riguardo alla sicurezza e al pericolo, e ad un maggiore senso di pace interiore.

Incontra il tuo Psoas

Per individuare questo potente muscolo, immagina di sbucciare il tuo corpo come una cipolla. Il primo strato è la pelle; poi vengono i muscoli addominali davanti e i muscoli massicci dei lati e della schiena. Uno strato più profondo si trova l'intestino e un altro strato dei muscoli della schiena. Continua a staccare ogni strato fino a poco prima di raggiungere il tuo nucleo scheletrico: lì al centro del tuo universo interiore riposano i muscoli psoas. Uno su ciascun lato della colonna vertebrale, ciascuno funzionante in modo indipendente ma armonioso, lo psoas si attacca al lato e verso la parte anteriore della 12a vertebra toracica e ciascuna vertebra lombare. Muovendosi attraverso il bacino senza attaccarsi all'osso, lo psoas si inserisce insieme al muscolo iliaco in un tendine comune nella parte superiore del femore.

Uno psoas che funziona in modo sano fornisce un ponte sospeso sensibile tra il tronco e le gambe. Idealmente, lo psoas guida il trasferimento del peso dal tronco alle gambe e funge anche da filo di terra che guida il flusso delle energie sottili. Funzionando correttamente, lo psoas funziona come il sartiame di un tendone da circo, stabilizzando la colonna vertebrale proprio come i cavi dei tiranti aiutano a stabilizzare il palo principale del tendone.

Inoltre, lo psoas fornisce un supporto diagonale attraverso il tronco, formando una mensola per gli organi vitali del nucleo addominale. Nel camminare, uno psoas sano si muove liberamente e si unisce a un diaframma rilasciato per massaggiare continuamente la colonna vertebrale, nonché gli organi, i vasi sanguigni ei nervi del tronco. Funzionando come una pompa idraulica, uno psoas a movimento libero stimola il flusso dei fluidi in tutto il corpo. E uno psoas sciolto e fluido, combinato con un bacino stabile e portante, contribuisce alle sensazioni di sentirsi radicati e centrati.

Relazione psoas / bacino

Pensa al tuo bacino come alla base di una struttura scheletrica equilibrata. Affinché il tuo bacino fornisca questa base stabile, deve funzionare come parte del tronco piuttosto che come parte delle gambe. Molte persone pensano erroneamente che le loro gambe inizino dalla vita, forse perché tanti muscoli delle gambe principali si attaccano al bacino. Ma dal punto di vista scheletrico e strutturale, le gambe iniziano alle prese dei fianchi. Se il tuo bacino si inclina in avanti o indietro o da un lato all'altro ogni volta che muovi le gambe, le ossa non possono sopportare e trasferire il peso correttamente. Il tuo psoas sarà quindi chiamato a proteggere la colonna vertebrale stabilizzando il tuo scheletro. Poiché lo psoas può contrarsi e rilasciarsi in modo indipendente in tutti i suoi attacchi articolari, può compensare gli squilibri strutturali in molti modi. Ma se contraete costantemente lo psoas per correggere l'instabilità scheletrica,il muscolo alla fine inizia ad accorciarsi e perdere flessibilità.

L'accorciamento dello psoas porta a una serie di condizioni sfortunate. Inevitabilmente, altri gruppi muscolari vengono coinvolti nel compensare la perdita di integrità strutturale. La ciotola pelvica si inclina in avanti, riducendo la distanza tra le creste pelviche e le gambe, ei femori sono compressi nelle cavità dell'anca. Per compensare questa costrizione, i muscoli della coscia diventano eccessivamente sviluppati. Poiché la rotazione completa dei femori non può più avvenire nelle articolazioni dell'anca, gran parte della coppia rotazionale viene trasferita alle ginocchia e alla colonna lombare, una ricetta per le lesioni al ginocchio e alla parte bassa della schiena. Nella tua pratica yoga, se senti tensione alle ginocchia o alla parte bassa della schiena nelle posizioni da seduto e in piedi, il tuo corpo potrebbe dirti che devi allungare lo psoas.

Oltre ai problemi strutturali, l'accorciamento dello psoas limita lo spazio nel bacino e nell'addome, restringendo gli organi, esercitando pressione sui nervi, interferendo con il movimento dei fluidi e compromettendo la respirazione diaframmatica. Infine, limitando le tue opzioni di movimento e restringendo il tuo centro, uno psoas accorciato diminuisce sia la tua vitalità che la tua connessione con le sensazioni del tuo nucleo scheletro-muscolare ed emotivo.

Perdere il contatto con il tuo nucleo può avvenire in una miriade di modi. Potresti nascere con squilibri strutturali che alla fine ti portano a coinvolgere lo psoas per il supporto. Tutti i tipi di traumi fisici possono compromettere il funzionamento ottimale e sano del tuo psoas: lesioni al bacino o alla colonna vertebrale, interventi chirurgici, ossa rotte e lesioni alle articolazioni ai piedi e alle gambe, persino un legamento strappato a causa di uno stretching eccessivo nello yoga. Non importa quale sia la loro fonte, gli squilibri muscolari che compensano gli infortuni, i muscoli iper-sviluppati e la tensione muscolare cronica si aggiungono all'instabilità strutturale che colpisce lo psoas.

Inoltre, il nostro ambiente di vita spesso non supporta l'uso corretto dello psoas. Dai seggiolini auto agli indumenti costrittivi, dalle sedie alle scarpe che distorcono la postura, molte caratteristiche della vita moderna limitano i nostri schemi di movimento naturali. In effetti, uno psoas cronicamente stretto potrebbe risalire ai tuoi primi passi. Le scarpe per bambini che restringono il piede, ostacolano il movimento delle ossa o limitano la mobilità della caviglia possono alterare l'equilibrio scheletrico di un bambino e soffocare la vitalità dello psoas. Altri accessori per l'educazione dei bambini possono aumentare il problema. I marsupi rigidi in plastica limitano i movimenti, eliminando la protezione naturale e il dare e ricevere del corpo di una madre, e i box limitano il gattonare essenziale per la maturazione neuromuscolare e scheletrica. I camminatori danno ai bambini un falso senso di stabilità,incoraggiandoli a stare in piedi e camminare prima che le ossa siano completamente formate e pronte a sopportare il peso. Il rapido sviluppo in questo modo insegna ai bambini a fare affidamento sui muscoli psoas, piuttosto che sui loro scheletri, per il supporto.

Sia un trauma emotivo che una continua mancanza di supporto emotivo possono anche portare a uno psoas cronicamente contratto e quindi a una perdita di consapevolezza di base. Se la tua sindrome di lotta / fuga viene innescata in un'eccitazione costante, alla fine perdi il contatto con il tuo mondo interiore. Una partecipante a un seminario sullo psoas, ad esempio, ha ricordato che sua madre la ammoniva ripetutamente: "Guarda dove stai andando, signorina". Ricevere costantemente il messaggio che non ci si poteva fidare del suo corpo l'ha portata ad un'ansia cronica. Si rese conto di aver letteralmente guardato ogni passo che faceva, costringendo il suo scheletro ad abbassarsi sotto il peso di una testa cadente.

Da adulto, imparare a rilasciare consapevolmente il tuo psoas può riaccendere le energie vitali ristabilendo la connessione ai segnali interni del tuo corpo - la tua saggezza somatica istintiva. Rilasciare il tuo psoas incoraggia questo processo permettendoti di fidarti della tua stabilità scheletrica invece di tenerti su con uno sforzo muscolare. Percepire le ossa che sostengono il peso si traduce in una sensazione fisica ed emotiva di "stare in piedi da soli". Con uno psoas correttamente funzionante, le ossa sopportano il peso, i muscoli muovono le ossa e le articolazioni collegano le energie sottili del corpo. L'energia scorre attraverso le articolazioni, offrendo un senso di continuità, come il filo che scorre attraverso una collana di perle che la trasforma in qualcosa di più della somma delle sue parti. Lo psoas, conducendo energia, ci mette a terra,proprio come un filo di messa a terra previene gli urti ed elimina l'elettricità statica su una radio. Liberata e radicata, la colonna vertebrale può risvegliarsi.

Una volta che hai imparato a percepire e rilasciare il tuo psoas, puoi applicare queste lezioni alla tua pratica yoga e alla vita di tutti i giorni. Mantenere lo psoas rilasciato durante la pratica yoga libera l'attenzione precedentemente diretta verso il tuo nucleo contratto, permettendoti di percepire più chiaramente il delicato equilibrio di azione tra altri gruppi muscolari. E liberare il tuo centro crea un senso di relax e calma che può infondere tutte le tue attività. Nella sua poesia "Burnt Norton", TS Eliot ha scritto una frase che cattura perfettamente la stabilità interiore e la pace che accompagna uno psoas correttamente funzionante: "il punto fermo del mondo che gira".

Autrice di The Psoas Book , una guida al muscolo ileopsoas e ai suoi effetti su corpo, mente ed emozioni (Guinea Pig Publications; PO Box 1226, Felton, CA 95018; www.guineapigpub.com), Liz Koch ha tenuto seminari di psoas da oltre 20 anni. Vive a Felton, in California, con suo marito Jeff Oberdofer ei loro tre figli.

Raccomandato

Tantra Rising
Le migliori pillole di cannella
3 modi per migliorare la posa del ceppo di fuoco