Sei diversi punti di vista sulla respirazione nello yoga

YJ descrive le pratiche di pranayama di sei tradizioni yoga e trova differenze che vanno dal sottile al profondo.

Le forme eleganti e le contorsioni impressionanti delle asana possono essere l'elemento più accattivante dell'hatha yoga, ma i maestri di yoga ti diranno che non sono certo il punto di pratica. Secondo la filosofia dello yoga, le posture sono semplicemente preludi a stati di meditazione più profondi che ci conducono verso l'illuminazione, dove le nostre menti crescono perfettamente immobili e le nostre vite diventano infinitamente grandi. Ma come si fa il salto da Adho Mukha Svanasana (cane con la faccia in giù) al samadhi? Gli antichi testi di yoga ci danno una risposta chiara: respira come uno yogi.

Il pranayama, la pratica formale del controllo del respiro, è al centro dello yoga. Ha un misterioso potere di lenire e rivitalizzare un corpo stanco, uno spirito debole o una mente selvaggia. Gli antichi saggi insegnavano che il prana, la forza vitale che circola attraverso di noi, può essere coltivata e incanalata attraverso una panoplia di esercizi di respirazione. Nel processo, la mente è calma, ringiovanita e sollevata. Il pranayama funge da ponte importante tra le pratiche attive e esteriori dello yoga - come gli asana - e le pratiche interne di abbandono che ci conducono a stati di meditazione più profondi.

"Il mio primo insegnante di yoga americano, un ragazzo di nome Brad Ramsey, diceva che fare una pratica di asana senza una pratica di pranayama sviluppava quella che chiamava la sindrome di Baby Huey", dice l'insegnante di Ashtanga Tim Miller. "Baby Huey era questa grande papera dei cartoni animati che era molto forte ma un po 'stupida. Portava un pannolino. Fondamentalmente quello che Brad stava cercando di dire era che l'asana svilupperà il tuo corpo ma il pranayama svilupperà la tua mente."

Vedi anche Feel the Feels: una pratica di respirazione consapevole per emozioni dure

Come Miller, molti yogi affermati ti diranno che badare al respiro è fondamentale per la pratica dello yoga. Ma fai un giro di una dozzina di lezioni di yoga in Occidente e probabilmente scoprirai altrettanti approcci al pranayama. Potrebbero esserti insegnate tecniche complesse con nomi scoraggianti come Kapalabhati (Skull Shining) e Deergha Swasam (Three-Part Deep Breathing) prima ancora di mettere in posa la tua prima posa. Potresti trovare pratiche di respirazione mescolate con la pratica delle posture. Oppure ti potrebbe essere detto che il pranayama è così avanzato e sottile che non dovresti preoccupartene finché non sei esperto nella complessità delle inversioni e dei piegamenti in avanti.

Allora cosa deve fare uno yogi? Respirare profondamente nella pancia o in alto nel petto? Fare un suono così forte che le pareti tremano o trattenere il respiro silenzioso come un sussurro? Praticare tecniche di respirazione da soli o intrecciarle durante la pratica degli asana esistenti? Tuffati nel pranayama sin dall'inizio o aspetti di poter toccare le dita dei piedi? Per aiutare a rispondere a queste domande e ad assaggiare la gamma di respirazione yogica, abbiamo chiesto ad esperti di sei tradizioni yoga di condividere i loro approcci al pranayama.

1. Inegral: collegare il movimento con la meditazione

Nella tradizione dello yoga integrale proposta da Swami Satchidananda, il pranayama è incorporato in ogni lezione di yoga. Una tipica sessione inizia con asana, passa al pranayama e termina con la meditazione seduta. "Una lezione di hatha yoga nel sistema Integral Yoga porta sistematicamente la persona più in profondità", dice Swami Karunananda, un insegnante senior di Integral Yoga. "Asana è meditazione sul corpo, pranayama è meditazione sul respiro e correnti di energia sottile dentro di noi, e poi lavoriamo direttamente con la mente, con l'obiettivo ultimo di trascendere corpo e mente e sperimentare il Sé superiore."

Durante la pratica degli asana, agli studenti viene consigliato quando inspirare ed espirare, ma non viene introdotta alcuna manipolazione aggiuntiva del respiro. All'interno della parte di pranayama della classe, che può comprendere 15 minuti di una sessione di 90 minuti, gli studenti si siedono in una comoda postura a gambe incrociate con gli occhi chiusi.

Tre tecniche di base del pranayama vengono insegnate abitualmente ai principianti: Deergha Swasam; Kapalabhati, o respirazione diaframmatica rapida; e Nadi Suddhi, il nome dello Yoga integrale per la respirazione a narici alternate. In Deergha Swasam, gli studenti vengono istruiti a respirare lentamente e profondamente mentre immaginano di riempire i polmoni dal basso verso l'alto, prima espandendo l'addome, poi la gabbia toracica centrale e infine la parte superiore del torace. Durante l'espirazione, gli studenti immaginano lo svuotamento del respiro al contrario, dall'alto verso il basso, tirando leggermente l'addome all'estremità per svuotare completamente i polmoni.

"La respirazione profonda in tre parti è il fondamento di tutte le tecniche di respirazione yogica", dice Karunananda. "Gli studi hanno dimostrato che puoi inspirare ed espellere sette volte più aria - ciò significa sette volte più ossigeno, sette volte più prana - con un respiro profondo in tre parti che con un respiro superficiale."

Nella tradizione integrale, Kapalabhati consiste in più cicli di respirazione rapida in cui il respiro viene espulso con forza dai polmoni con una forte spinta verso l'interno dell'addome. Gli studenti potrebbero iniziare con un round di 15 respiri in rapida successione e accumulare fino a diverse centinaia di respiri in un round. Nel Nadi Suddhi, le dita e il pollice della mano destra vengono utilizzati per chiudere prima una narice e poi l'altra. Questo pranayama inizia con un'espirazione e un'inalazione attraverso la narice sinistra, seguite da un respiro completo attraverso la destra, con l'intero schema ripetuto più volte.

L'istruzione nelle pratiche di respirazione è sistemata nel sistema integrale, con ciascuna tecnica praticata per una durata specifica o un numero di round in una sessione. Man mano che gli studenti progrediscono, viene loro insegnato a incorporare rapporti respiratori specifici, ad esempio inspirando per un conteggio di 10, ad esempio, espirando per un conteggio di 20. Gli studenti passano a pratiche avanzate solo quando incontrano parametri di respirazione specifici lungo il percorso, indicando che le nadi, i sottili canali energetici del corpo, sono state sufficientemente purificate e rafforzate.

Solo a livelli più avanzati gli studenti imparano a incorporare la ritenzione, o trattenere il respiro, nel pranayama. A questo punto viene introdotto Jalandhara Bandha, il blocco del mento. Si dice che la ritenzione sia importante perché "inietta super-prana nel sistema", dice Karunananda, e "crea una straordinaria vitalità". A volte gli studenti sono anche invitati a incorporare visualizzazioni curative in questa pratica. "Mentre inspiri puoi visualizzare che stai attirando in te stesso quantità illimitate di prana - energia pura, curativa, cosmica, divina", dice Karunananda. "Puoi immaginare qualsiasi forma di energia naturale che ti attrae. Quindi, durante l'espirazione, visualizza tutto

le tossine, tutte le impurità, tutti i problemi che escono con il respiro ".

2. Kripalu: coltivare sensibilità e consapevolezza

Anche il pranayama è introdotto fin dall'inizio nella tradizione Kripalu. Qui, tuttavia, è probabile che gli esercizi di respirazione vengano offerti prima della pratica degli asana come dopo. "Inizio sempre le mie lezioni con 10-15 minuti di pranayama", afferma Yoganand Michael Carroll, ex direttore della formazione avanzata per insegnanti di yoga presso il Kripalu Center for Yoga and Health di Lenox, Massachusetts. "Ho delle persone che si siedono e fanno il pranayama finché non sono tranquille, sono sensibili. Se riusciamo a sentire di più quando entriamo nelle nostre posizioni, è più probabile che siamo consapevoli dei nostri limiti e siamo rispettosi del corpo. " Il Pranayama è quasi sempre insegnato in posizione seduta nella tradizione Kripalu, con gli occhi chiusi e con poca enfasi su particolari bandha, o blocchi energetici, fino alle fasi intermedie della pratica.Si consiglia agli studenti di seguire un approccio lento e gentile. Gli insegnanti possono fermarsi e chiedere agli studenti di annotare sensazioni, emozioni e pensieri che vengono loro in mente, per aiutarli ad assaporare aspetti più sottili della pratica.

"Nel Kripalu Yoga, una delle premesse è che sviluppando la sensibilità al corpo possiamo imparare molto di più sulle pulsioni inconsce", dice Yoganand. "La respirazione è una parte davvero integrante di questo perché inconsciamente scegliamo quanto sentiremo in base a quanto respiriamo. Quando respiriamo più profondamente, ci sentiamo di più. Quindi, quando guido il pranayama, sto principalmente incoraggiando gente a rallentare, a rilasciare costrizioni nella respirazione e concentrarsi su ciò che sentono ".

Vedi anche Happiness Toolkit: meditazione sul respiro del ventre per costruire confini

Si presta attenzione anche al respiro durante la pratica delle posture. All'inizio delle lezioni di asana, gli studenti vengono istruiti su quando inspirare ed espirare mentre entrano e rilasciano le posizioni, e semplicemente prestare attenzione al loro respiro in altri momenti. Nelle classi più avanzate, gli studenti sono incoraggiati a osservare come le diverse posture cambiano i loro schemi di respirazione e quali sentimenti sorgono con questi cambiamenti. Inoltre, gli studenti esperti sono incoraggiati a utilizzare una versione gentile di Ujjayi Pranayama (Respiro Vittorioso), una pratica in cui la gola è leggermente contratta e il respiro reso udibile dolcemente.

Nella parte pranayama della classe, i principianti di solito iniziano con un modello di respirazione profonda in tre parti simile a quello dello Yoga integrale. I principianti vengono anche introdotti al respiro Ujjayi durante il pranayama seduto, così come a Nadi Sodhana, il termine di Kripalu per la respirazione a narici alternate. Inoltre, Kapalabhati viene insegnato in modo particolarmente lento e costante. "Quando insegno questo", dice Yoganand, "di solito le persone visualizzano che stanno spegnendo una candela, e poi le faccio espirare allo stesso modo ma attraverso il naso". Gli studenti imparano ad estendere questa pratica gradualmente, iniziando con 30-40 respiri e aggiungendo ripetizioni e velocità man mano che diventano più abili.

Solo a livelli più avanzati gli studenti passano a pratiche aggiuntive di pranayama, dice Yoganand. A questo livello, gli studenti usano un manuale di yoga secolare chiamato Hatha Yoga Pradipika come guida, padroneggiando le sottigliezze delle otto pratiche formali di pranayama dettagliate in questo testo. "Il pranayama serve a renderti più sensibile", dice Yoganand. "Man mano che le persone diventano più consapevoli delle sensazioni e dei sentimenti, c'è una reale possibilità di crescita personale e integrazione".

3. Ashtanga: azione, respiro e attenzione unificanti

Partecipa a un seminario con studenti di diverse tradizioni yoga e puoi scegliere i praticanti di Ashtanga con gli occhi chiusi. Sono quelli che suonano come Darth Vader di Star Wars anche quando si trovano in Tadasana (Mountain Pose). Questo perché praticano la respirazione Ujjayi, che viene eseguita lungo tutta la vigorosa serie di posture di questa tradizione.

Gli insegnanti di Ashtanga dicono che il respiro profondo e ritmico alimenta le fiamme energetiche interiori, riscaldando e curando il corpo. Altrettanto importante, la respirazione Ujjayi mantiene la mente concentrata. Ritornando ancora e ancora al suono sottile di questo respiro, la mente è costretta a concentrarsi e diventare tranquilla. "Poiché la pratica dell'Ashtanga è molto orientata al respiro, in un certo senso stai facendo una specie di

pranayama dal momento in cui inizi la pratica ", dice Tim Miller, che insegna questo approccio allo yoga da più di due decenni.

Nella tradizione Ashtanga la respirazione Ujjayi viene insegnata in concerto con Mula Bandha (Blocco delle radici) e Uddiyana Bandha (Blocco addominale). Ciò significa che durante la respirazione, il pavimento pelvico e la pancia vengono delicatamente attratti verso l'interno e verso l'alto in modo che il respiro sia diretto nella parte superiore del torace. Durante l'inalazione, agli studenti viene chiesto di espandere prima la parte inferiore del torace, quindi la gabbia toracica centrale e infine la parte superiore del torace.

Anche le pratiche di pranayama seduti fanno parte di questa tradizione, sebbene Miller affermi che Pattabhi Jois, il padre dell'Ashtanga Yoga, non lo insegna ai gruppi dal 1992. Oggi solo una manciata di insegnanti insegna regolarmente questa serie, che comprende sei diverse tecniche di pranayama. Queste pratiche vengono apprese progressivamente, ciascuna sulla base della precedente, e vengono praticate in posizione seduta con gli occhi aperti. In genere, vengono introdotti solo dopo che gli studenti hanno praticato yoga da tre a cinque anni, dice Miller, e hanno padroneggiato almeno la serie primaria di posture di Ashtanga.

"Come dice Patanjali negli Yoga Sutra, si dovrebbe prima avere una ragionevole padronanza degli asana, il che significa che per stare seduti a praticare il pranayama è necessario sedersi comodamente", dice. "Non che le persone debbano necessariamente essere in grado di sedersi in Padmasana (Posizione del Loto) per 45 minuti, ma almeno devono essere in grado di sedersi in posizione eretta dove possono essere relativamente immobili". Nella prima tecnica, gli studenti praticano la respirazione Ujjayi aggiungendo una pausa alla fine dell'espirazione, uno schema chiamato Bahya Kumbhaka. Quindi invertono questo schema e si fermano alla fine dell'inspirazione, uno schema chiamato Antara Kumbhaka. Una volta padroneggiate, queste pratiche sono integrate in un'unica sequenza: tre respiri Ujjayi senza trattenere il respiro, tre respiri Ujjayi con ritenzione dell'espirazione,e poi tre respiri Ujjayi con ritenzione inspiratoria. Mula Bandha e Uddiyana Bandha sono impegnati dappertutto, e Jalandhara Bandha, il Chin Lock, viene aggiunto solo durante la ritenzione dell'inspirazione.

La seconda pratica nella sequenza Ashtanga combina le ritenzioni apprese nella prima sequenza in ogni ciclo respiratorio, in modo che il respiro venga trattenuto sia dopo l'inspirazione che l'espirazione. La terza sequenza si basa sulla seconda, questa volta aggiungendo la respirazione a narici alternate, e la quarta incorpora Bhastrika (Soffio a soffietto), un rapido, energico, diaframmatico

respirare è simile alla pratica che lo Yoga integrale chiama Kapalabhati. Le pratiche più avanzate si basano sulle prime quattro in schemi sempre più complicati e impegnativi.

"Penso che molte persone ne siano spaventate, eppure personalmente penso che sia la parte più importante dello yoga", dice Miller. "Le persone passano tutti questi anni a fare un 'buon posto' con la pratica degli asana. Ad un certo punto spero che lo useranno".

Vedi anche Un trucco di respirazione Kundalini per mantenere l'energia vitale

4. Iyengar: sviluppo di precisione, potenza e finezza

Come l'Ashtanga Yoga, la tradizione Iyengar prende sul serio il consiglio di Patanjali che dovrebbe essere introdotto solo dopo che uno studente è saldamente radicato nell'asana. In questo approccio, le pratiche di respirazione formale sono separate dalle asana e vengono introdotte in modo lento e metodico. Mary Dunn, che era un'insegnante senior nella tradizione Iyengar, una volta disse che gli studenti sono pronti per iniziare quando possono praticare il rilassamento profondo in Savasana (Posizione del cadavere) con una mente calma e attenta. "Devono essere davvero in grado di entrare dentro e non semplicemente addormentarsi", ha detto. "E devono avere un luogo raffinato dove possono fermarsi e semplicemente essere - non in un'azione o nell'immaginazione, ma riconoscendo il loro stato interiore".

Savasana viene introdotto in posizione reclinata, con il torace e la testa supportati, in modo che gli studenti possano concentrarsi sul respiro senza la distrazione di dover mantenere una postura corretta. Vengono fornite indicazioni precise per garantire che gli aspetti di base della respirazione yogica siano ben compresi prima che gli studenti passino a pratiche più faticose. Fedele all'approccio "Vieni a vedere" di Iyengar, non è raro vedere 40 studenti che fissano con fervore la gabbia toracica del loro insegnante, osservando l'istruttore indicare l'area precisa del torace che dovrebbe essere impegnata in una determinata fase del respiro.

Per prima cosa viene introdotta la consapevolezza della respirazione fondamentale, con gli studenti guidati per osservare il ritmo e la consistenza dell'inspirazione e dell'espirazione. Viene quindi introdotta la respirazione Ujjayi, prima estendendo il respiro durante l'espirazione e poi invertendo tale schema, allungando l'inspirazione mentre si espira normalmente. La pancia viene mantenuta passiva e vengono attivate per prime le costole inferiori, seguite dalle costole centrali e infine dalla parte superiore del torace, come se riempisse il torace dal basso verso l'alto. Anche durante l'espirazione, si pone l'accento sul mantenimento di una qualità espansiva della gabbia toracica.

Anche la pratica del Viloma (Stop-Action Breathing) viene introdotta presto. Qui, un certo numero di pause sono intervallate nel respiro: prima durante l'espirazione, poi durante l'inspirazione e infine durante entrambe. Dunn ha detto che questo insegna agli studenti come dirigere il respiro in aree specifiche del torace, assicurandosi che l'intera gabbia toracica sia completamente attivata mentre

respirando profondamente. "Viloma ti permette di lavorare su un pezzo di respiro alla volta, e ti permette anche di essere più sottile in termini di posizionamento, sviluppo di stabilità, controllo e interiorità".

Una volta che si è seduti, gli insegnanti di Iyengar si concentrano sul mantenimento di una postura equilibrata, iniziando con un Sukhasana ben supportato, o semplice postura a gambe incrociate, con i fianchi sollevati su coperte piegate. Le pratiche di respirazione specifiche vengono introdotte con lo stesso approccio metodico di quando gli studenti si sdraiano per Savasana e in una sequenza simile. Un'enfasi speciale è posta sul Jalandhara Bandha, che secondo Dunn dovrebbe essere mantenuto durante la pratica per proteggere il cuore dallo sforzo.

A livelli più avanzati di pratica, gli studenti incorporano Kumbhaka (Ritenzione del respiro) nelle tecniche Ujjayi e Viloma e vengono introdotti alla respirazione a narici alternate. Mula Bandha e Uddiyana Bandha non vengono nemmeno menzionate finché gli studenti non hanno raggiunto i livelli più avanzati di pratica. Al di fuori della pratica, l'Iyengar Yoga ha la reputazione di concentrarsi più sull'allineamento che sul respiro, e spesso in una lezione di asana per principianti non sentirai molto più di "Respira!" Ma Dunn ha detto che il sistema si occupa con attenzione del respiro durante il movimento, solo in modi un po 'sottili. Ha indicato Light on Yoga, la Bibbia per gli studenti di Iyengar, in cui BKS Iyengar offre descrizioni dettagliate sulla respirazione durante la pratica di posture specifiche. "Ci sono istruzioni sul respiro fino in fondo. È il fulcro; esso 's in ogni posa ", ha detto." Una volta che la forma e le azioni delle asana sono mature, forma e respiro si fondono ", ha aggiunto Dunn." Il respiro in tutti i suoi aspetti diventa parte integrante dell'esperienza della pratica ".

Viniyoga: creazione di una pratica personalizzata

Nell'approccio Viniyoga, introdotto da T. Krishnamacharya e suo figlio TKV Desikachar, la respirazione è il fondamento su cui sono costruite tutte le altre pratiche. "Per noi, anche a livello di asana l'attenzione è concentrata sulla relazione tra il flusso del respiro e il movimento della colonna vertebrale", afferma Gary Kraftsow, fondatore dell'American Viniyoga Institute. "Anche all'interno dell'asana stessa la nostra enfasi è capire molto tecnicamente, anche biomeccanicamente, come controllare il flusso dell'inspirazione e dell'espirazione, e come e

quando approfondire progressivamente il flusso del respiro ".

Durante la pratica degli asana gli studenti vengono istruiti a respirare in modo da supportare il movimento della colonna vertebrale: di solito inspirando durante i movimenti di flessione all'indietro, per esempio, ed espirando durante i movimenti di piegamento in avanti e torsione. A volte viene chiesto agli studenti di modificare la durata dell'espirazione rispetto all'inspirazione in una posizione particolare, o anche di trattenere brevemente il respiro. Altre volte viene chiesto loro di modificare progressivamente il proprio schema respiratorio mentre ripetono un movimento. "Diciamo che facciamo un asana sei volte", dice Kraftsow. "Possiamo fare l'espirazione di quattro secondi le prime due volte, sei secondi la seconda due volte e otto secondi le ultime due volte".

Una volta che gli studenti hanno acquisito familiarità con la qualità e il controllo del respiro durante gli asana, vengono introdotti alle pratiche di respirazione formale. Viene generalmente introdotto in una posizione seduta comoda - occasionalmente anche su una sedia - ed è adattato in posizione reclinata per coloro che non sono in grado di stare seduti per lunghi periodi di tempo. Ritenzioni lunghe e bandha non vengono introdotti fino a stadi più avanzati della pratica, dice Kraftsow, a meno che non ci siano ragioni terapeutiche per incorporarli.

Nell'approccio Viniyoga, agli studenti viene spesso insegnato a inspirare dall'alto verso il basso, enfatizzando prima un'espansione della parte superiore del torace, poi del busto medio, poi delle costole inferiori e infine dell'addome. "Il nostro punto di vista è che l'espansione dal petto alla pancia ti aiuterà effettivamente ad approfondire il flusso del respiro", dice Kraftsow. "Se cerco di espandere il torace, l'inalazione toracica lo faciliterà. Se cerco di raddrizzare la colonna vertebrale toracica, l'inalazione toracica lo faciliterà. Ma ci sono molti contesti in cui la respirazione toracica è controindicata. Se soffro di asma, la respirazione toracica potrebbe aggravare questa condizione ". In questi casi, osserva, a uno studente sarebbe stato offerto un modello di respirazione diverso, che allevia piuttosto che esacerbare la condizione.

Fedele all'approccio Viniyoga, che sostiene che le pratiche di yoga dovrebbero essere offerte in una forma personalizzata che corrisponda alle esigenze di ogni particolare studente, Kraftsow afferma che non esiste una sequenza prestabilita di tecniche una volta coltivata una consapevolezza essenziale del respiro. "La mia prima enfasi sarà l'allungamento progressivo del flusso dell'inspirazione e dell'espirazione", dice. "E poi la direzione in cui andrò dipende dai tuoi bisogni o interessi. Se ti accorgi di avere poca energia al mattino, ti suggerirei una cosa. Se sei sovrappeso o hai la pressione alta, ti suggerisco diverso."

E sebbene Viniyoga si concentri sull'adattare la pratica alle esigenze di ogni persona, questo non significa che gli studenti possano avvicinarsi al respiro in modo volenti o nolente. "Si dovrebbe stare attenti a meno che non si sia stati iniziati da qualcuno che sa cosa stanno facendo", dice Kraftsow. "Vorrei incoraggiare gli studenti a cercare un insegnante ben qualificato e altamente qualificato prima di approfondire pratiche forti".

Vedi anche Trasforma la tua pratica con una respirazione migliore

Kundalini: Combinazione di Mudra, Mantra e Respiro

Nel Kundalini Yoga, introdotto in Occidente da Yogi Bhajan, le pratiche di respirazione sono integrate in tutte le classi insieme ad asana, canto, meditazione e altre pratiche di pulizia progettate per liberare flussi di energia curativi dalla base della colonna vertebrale. Le tecniche forti sono fondamentali per questo approccio e la respirazione è data maggiore enfasi rispetto alla precisione del movimento o della tecnica. "Nel Kundalini Yoga, il respiro è importante quanto gli asana", dice l'istruttore di Kundalini Gurmukh Kaur Khalsa. "Questa è la radice, questa è la struttura: respirare in un'anima, vivere in un corpo. Tutto il resto è la glassa sulla torta."

Le tecniche di questa tradizione sono spesso intrecciate direttamente nella pratica degli asana. Ad esempio, in una classe gli studenti potrebbero mantenere una postura come Dhanurasana (Bow Pose) per cinque minuti o più respirando rapidamente, inspirando attraverso la bocca ed espirando attraverso il naso. Oppure un movimento particolare - stare in ginocchio e poi inchinarsi in Balasana (posa del bambino) - può essere ripetuto per 10 minuti circa, respirando con un ritmo particolare e cantando una frase o un mantra, a volte con la musica.

Un elemento importante del Kundalini Yoga è il Respiro di Fuoco, un rapido respiro diaframmatico simile a quello che in altre tradizioni viene chiamato Kapalabhati. Khalsa non travolge gli studenti principianti con tecniche dettagliate; invece, li incoraggia a immergersi immediatamente nella pratica. "Di solito dico solo: 'Apri la bocca e ansima come un cane'", dice Khalsa. "o, 'Fingi di essere un San Bernardo nel deserto del Mojave.'" Una volta che gli studenti hanno avuto un'idea di questo respiro frenetico, con il gonfiore della pancia durante l'inspirazione e la pressione verso la colonna vertebrale durante l'espirazione, Khalsa istruisce loro per chiudere la bocca e continuare questo respiro attraverso il naso. In una classe tipica,Breath of Fire potrebbe essere praticato per diversi minuti da solo oppure eseguito mentre ci si muove attraverso una serie ripetitiva di movimenti, come sforbiciare le gambe avanti e indietro sopra la testa mentre si è sdraiati sulla schiena.

Oltre al Breath of Fire, agli studenti vengono insegnate anche tecniche che enfatizzano la respirazione lunga e profonda, dice Khalsa, così come la respirazione a narici alternate. Kriya (pratiche di pulizia), mantra (suoni sacri) e mudra (gesti delle mani) sono combinati insieme a varie tecniche di respirazione. Khalsa afferma che la combinazione unica di queste tecniche aiuta a potenziare il respiro e favorire stati di meditazione più profondi. "Il respiro da solo è solo un esercizio fisico", dice. "Ma quando inizi ad aggiungere gli altri componenti, il cambiamento avviene molto più rapidamente che stare seduti e seguire il respiro da soli."

Anche la considerazione dei chakra, o centri energetici, è parte integrante della tradizione Kundalini. Khalsa incoraggia i suoi studenti a sentire il respiro proveniente dai tre chakra più bassi alla base del busto. "Dobbiamo produrre il prana, la forza vitale, dalla sorgente", dice. "E la fonte è davvero la madre, la Terra."

Quando non stanno praticando un particolare schema di respirazione, Khalsa incoraggia i suoi studenti a respirare in modo molto rilassato e facile, con la pancia che si gonfia durante l'inspirazione e poi rilassa verso la colonna vertebrale durante l'espirazione. A volte, se nota che la pancia di uno studente non si muove con il respiro, posiziona la colonna vertebrale di un libro nella pancia orizzontalmente e dice allo studente di premere contro di essa con l'addome in una inspirazione e quindi rilascia la pressione contro il libro su un'espirazione. "Così tante persone fanno yoga per anni e non respirano mai bene", dice Khalsa. "Il loro respiro è folle; c'è a malapena. La loro pratica potrebbe sembrare davvero buona, ma non li sta portando dove vogliono davvero andare", dice. "La maggior parte di noi inspira molto più di quanto espiri,e dobbiamo invertire la situazione in modo da restituire più di quanto prendiamo. Il respiro guarisce più di ogni altra cosa nel mondo intero ".

Trovare la propria strada

Come possono tanti esperti offrire approcci così diversi al pranayama. In parte questa varietà deriva dalla brevità dei testi antichi su cui si basano le nostre pratiche moderne. Lo Yoga Sutra di Patanjali, ad esempio, afferma che allungare l'espirazione può aiutare a ridurre i disturbi della mente, ma non offre tecniche dettagliate per farlo.

"Diverse persone vengono e interpretano questi versi molto succinti in modi diversi, e poi praticano in base alla loro interpretazione", dice Yoganand di Kripalu. "Lo yoga è così potente che le persone tendono ad ottenere un effetto quasi indipendentemente da quello che fanno. Quindi qualcuno dice: 'L'ho fatto in questo modo e ha funzionato, quindi devo avere ragione', e qualcun altro dice: 'L'ho fatto completamente diversamente, ma ha funzionato, quindi devo avere ragione. ' Dal momento che nessuno dei due può convincere l'altro e poiché entrambi hanno esperienza per sostenere le loro convinzioni, se ne vanno e generano due scuole. Ha perfettamente senso che nessuno possa essere d'accordo. L'esperienza di ognuno è diversa ".

In Occidente puoi persino trovare insegnanti che ci consigliano di entrare con cautela nelle pratiche tradizionali. Quando gli studenti non sono ben preparati, dicono, le tecniche di respirazione classica possono effettivamente distorcere i modelli di respirazione naturali e organici, costringendoci a modi di essere rigidi e controllati.

"La maggior parte delle persone inizia lo yoga con così tanti blocchi preesistenti e schemi di tenuta che introdurre subito un regime di respirazione controllata concretizza ulteriormente i blocchi", dice Donna Farhi. "Penso che sia estremamente importante rimuovere prima i blocchi e gli schemi di trattenimento, per rivelare il respiro naturale che è il nostro diritto di nascita. E poi può essere molto interessante esplorare il movimento sottile del prana attraverso il lavoro formale. Ma per la maggior parte questo controllato la pratica viene introdotta troppo presto e spesso oscura solo le forze inconsce che guidano i modelli di trattenimento del respiro ". Viste l'una accanto all'altra, queste varie prospettive ci offrono la prospettiva inquietante ma stimolante che potrebbe non esserci un modo giusto per raccogliere i doni. I nostri insegnanti ci offrono istruzioni qualificate,ma dobbiamo usare la nostra esperienza e discriminazione per discernere quale approccio funziona meglio. Ognuno di noi deve decidere da solo quale metodo ci orienta più vicino al dono finale dello yoga: la facilità, l'equilibrio e la quiete interiore che ci aiutano a vedere nel cuore stesso della vita.

Raccomandato

Guerrieri sul ghiaccio
Come coltivare un cuore coraggioso
Gli eroi, i santi e i saggi dietro i nomi delle pose yoga