Le migliori posizioni yoga per i giocatori di basket

Cinque anni fa, l'istruttrice di yoga Paula Kout stava guardando i suoi amati Chicago Bulls in televisione quando chiese a suo marito Jim: "Non puoi vederli tutti in una verticale?" Sebbene non potesse visualizzarlo, le suggerì di inviare una lettera all'allenatore Phil Jackson.

Kout, direttore del White Iris Yoga a Evanston, Illinois, ha allegato un articolo sulla pratica yoga del grande NBA Kareem Abdul-Jabbar con una nota a Jackson, che è rinomato per i metodi di coaching alternativi come dedicare intere pratiche alla meditazione e richiedere ai giocatori di leggere libri che seleziona individualmente per loro. Due anni dopo, nel 1997, il suo telefono squillò. Era Jackson che le chiedeva di educare i suoi tori nei modi del cane rivolto verso il basso. "Voleva aggiungere un po 'di yin al suo yang", dice Kout.

Jackson, un buddista zen, conosceva personalmente i benefici fisici della pratica regolare; ha iniziato a praticare yoga mentre era con i New York Knicks negli anni '70 dopo aver danneggiato alcuni dischi alla schiena. Era chiaro che conosceva anche i benefici mentali dello yoga; nel suo libro del 1995, Sacred Hoops: Spiritual Lessons of a Hardwood Warrior (Hyperion, 1996), il secondo capitolo è intitolato "A Journey of a Thousand Miles Starts with One Breath".

Bull Session

Kout ha insegnato 12 sessioni durante il campo di addestramento preseason 1997-98 dei Bulls, che sono state programmate ogni giorno dopo l'allenamento. "L'idea era di gettare le basi e ispirarli a esercitarsi mentre erano in viaggio", dice Kout. Ammette che probabilmente pochi giocatori si sono messi in posa nelle loro stanze d'albergo, nonostante i nastri di base e istruttivi che ha fatto per loro (anche se la moglie di Michael Jordan apparentemente amava i nastri). Kout li ha guidati attraverso altre sei sessioni durante la stagione, ma quando si è avvicinato marzo, "tutto quello che potevano fare era pensare ai playoff", dice.

Fortunatamente, la loro mancanza di pratica yoga regolare non ha interferito con la conquista del loro terzo campionato NBA consecutivo nel 1998, e forse le sessioni occasionali hanno persino contribuito alle loro vittorie. Caso in questione: dopo aver perso la prima partita della serie del campionato contro lo Utah Jazz, Jordan apparentemente non era preoccupato. Quando gli è stato chiesto del suo comportamento da un giornalista, ha risposto: "Ho deciso di usare un po 'di Buddismo Zen e rilassarmi; invece di essere frustrato, ho semplicemente sorriso, incanalato i miei pensieri e lasciato scorrere [il gioco]".

Dice Kout: "Il solo fatto di farli vivere esperienze pacifiche nel mezzo della loro mentalità da gladiatore era potente".

Il basket è uno sport per il corpo e per la mente che richiede di essere sia fisicamente che mentalmente veloci. I giocatori di successo non solo devono sapere come dribblare, passare, prendere e tirare mentre galoppano su e giù per il campo, ma anche come tenere costantemente traccia di altri quattro compagni di squadra. Tutto questo mentre cinque avversari cercano di rubare palla. Anche un atto di base come il tiro può essere complicato: sono necessari movimenti diversi per un lay-up, un tiro libero e un tiro in sospensione. (Abbiamo menzionato il gioco in difesa quando non hai la palla?)

Nonostante il loro sfarzo e atletismo, però, molti giocatori NBA non sono gli atleti più versatili. "Il raggio di movimento dei Bulls era molto limitato", afferma Kout. "Si allenano in un corridoio molto stretto con piccoli movimenti ripetitivi". Azioni semplici come stare su tutti e quattro gli angoli dei piedi in Tadasana erano difficili da eseguire perché i giocatori sono costantemente appollaiati sugli avampiedi in una posizione pronta. "Le loro caviglie erano così strette e contratte, il solo fatto di essere in Child's Pose era estremamente doloroso per loro", dice Kout. "In realtà si sono rifiutati di farlo."

Da zero

Tuttavia, i giocatori di mentalità aperta sono ben serviti da asana come Vajrasana (Thunderbolt Pose) e Virasana (Hero Pose), che aprono le caviglie e aiutano a prevenire gli infortuni causati da arresti improvvisi e tagli rapidi. "Le caviglie sono parte integrante della tua base", afferma Kout. "Se sono inflessibili, sei vulnerabile agli infortuni".

Colpire il campo per 60 minuti, per non parlare di squat pesanti, aveva trasformato in roccia molti dei quad dei Bulls. Il rovescio della medaglia, tuttavia, era la costante tensione alle gambe, un problema comune sia per il professionista che per il weekend warrior. Per questo, Jackson voleva che Kout insegnasse loro la verticale. "Gli ho detto che non avevo abbastanza assicurazioni per farlo", dice Kout con una risata.

Tuttavia, crede fermamente nei poteri curativi degli asana invertiti e raccomanda ai principianti di appoggiare le gambe contro un muro e di lavorare fino a Salamba Sarvangasana (Spalle). La spalla è un'altra articolazione che raramente poggia sul campo. Quando non viene utilizzato per lanciare un tiro in sospensione, lancia o prende la palla o è impegnato in difesa. (Nomina un giocatore di basket che non ricorda il suo allenatore del liceo che urla costantemente: "Braccia in alto! Braccia in alto!") La maggior parte di questo lavoro sulle spalle è del tipo di movimento in avanti, quindi oltre a guidare i Bulls attraverso semplici i cerchi delle braccia (uno alla volta, lentamente), li ha seguiti attraverso pose come Prasarita Padottanasana (Diffusione in avanti in piedi) e Setu Bandha (Posizione del ponte), che aprono e allungano la parte superiore del corpo.

Sebbene il periodo di Kout con i Bulls sia finito (come lo sono i loro giorni di gloria), Jackson ha portato la sua filosofia New Age ai Los Angeles Lakers e in giugno ha portato la squadra al loro primo campionato in 12 anni. Ancora una volta, la pratica occasionale dello yoga dei Lakers è solo una parte di un programma completo, ma ha avuto un effetto immediato su almeno un giocatore.

"Abbiamo fatto yoga quindi sarò etero", ha detto Shaquille O'Neal al Los Angeles Times in riferimento a una brutta caviglia che stava guarendo rapidamente. "Sono un po 'stretto, non molto abituato allo stretching. Ma il nostro istruttore di yoga ha un bell'aspetto, quindi ne sono molto entusiasta."

Dimity McDowell è una scrittrice freelance di Brooklyn, New York.

Raccomandato

Posa della sfida: posa completa del Signore dei pesci
I migliori set di tappetini da yoga
Hai bisogno di un buon allenamento? Queste 10 sequenze principali ti accenderanno