Affrontare il senso di colpa: i 3 tipi e come lasciarli andare

Ci sono tre tipi di colpa e non vuoi portartene dietro nessuno. Impara come affrontare il senso di colpa e lasciarlo andare.

Heather era stata allontanata da uno dei suoi amici d'infanzia per diversi anni, il risultato di una lite a cui entrambi tenevano per rabbioso orgoglio. Quando ha sentito che la sua amica era malata di cancro, Heather sapeva che avevano bisogno di riconciliarsi prima che la sua amica morisse. Ma c'era, mi disse, un posto che non perdonava dentro di lei che rendeva difficile chiamare. Ha rimandato per mesi la chiamata all'amica e quando finalmente l'ha fatto, la sua amica era in coma e non poteva più parlare. Ora Heather era consumata dal senso di colpa. "Come avrei potuto lasciare che il mio amico morisse senza salutare?" lei chiese. "Non riesco proprio a lasciarlo andare. Non riesco a perdonarmi."

Sospetto che molti di noi, come Heather, abbiano passato innumerevoli ore a rivivere un ricordo bruciante e colpevole. Il senso di colpa - sentirsi male perché hai fatto qualcosa che va contro i tuoi valori - è un'emozione umana primordiale. A volte tutti si sentono in colpa. Ma alcuni di noi si sentono più in colpa di altri, e non sempre perché abbiamo fatto cose più brutte. Ecco perché è fondamentale indagare da dove proviene il tuo senso di colpa e che tipo di colpa stai provando. La colpa è un bagaglio pesante. Non vuoi portarti dietro il senso di colpa. Se riesci a distinguere da dove provengono i tuoi sentimenti di colpa, è più facile vedere come sbarazzartene, se questo significa fare ammenda per qualcosa, lavorare sul senso di colpa o semplicemente lasciarlo andare.

Ci sono tre tipi fondamentali di colpa: (1) colpa naturale o rimorso per qualcosa che hai fatto o non hai fatto; (2) senso di colpa fluttuante, o tossico, il senso di fondo di non essere una brava persona; e (3) colpa esistenziale, il sentimento negativo che nasce dall'ingiustizia che percepisci nel mondo e dai tuoi obblighi non pagati verso la vita stessa.

Vedi anche  Yoga per le mamme: lasciar andare il senso di colpa della mamma

I tre tipi di colpa

1. Trattare con senso di colpa naturale

Supponi di sentirti in colpa per qualcosa di immediato e specifico: ammaccare l'auto che il tuo amico ti ha prestato o mentire al tuo ragazzo su dove eri ieri sera. Questo è ciò che chiamo colpa naturale. Puoi dire che stai soffrendo di colpa naturale perché è locale: si riferisce alle tue azioni nel tempo presente e reale. Il senso di colpa naturale può essere terribilmente doloroso, soprattutto se sono coinvolti gravi danni. Ma anche se quello che hai fatto è stato davvero, davvero brutto, la colpa locale è riparabile. Puoi fare ammenda. Puoi chiedere perdono, pagare il debito e decidere di cambiare il tuo comportamento. E una volta riparate le cose, il senso di colpa dovrebbe dissolversi (in caso contrario, vedere la sezione "Senso di colpa").

Il senso di colpa naturale ha uno scopo funzionale e sembra essere cablato nel sistema nervoso. È un campanello d'allarme interno che ti aiuta a identificare comportamenti non etici e cambiare rotta. Il senso di colpa naturale ti spinge a chiamare tua madre o a lasciare il tuo numero di telefono quando sbatti il ​​paraurti di un'auto parcheggiata. La colpa naturale, credono alcuni scienziati sociali, deriva dalla nostra capacità di entrare in empatia con la sofferenza degli altri, ed è uno dei motivi per cui abbiamo cose come reti di sicurezza sociale e movimenti per la giustizia sociale. Quando hai un rapporto sano con il tuo senso di colpa personale, non ti tormenti per i sentimenti di colpa. Invece, li usi come segnali per cambiare il tuo comportamento.

Affronti il ​​tuo senso di colpa per non aver chiamato la tua amica malata chiamandola. Gestisci il tuo rimorso per aver speso troppo trattenendoti. Se il tuo senso di colpa deriva dal riconoscere la tua parte in qualche illecito collettivo - ingiustizia razziale o qualche altra forma di oppressione di un gruppo da parte di un altro - cerchi un modo per contribuire a realizzare il cambiamento. E se il tuo senso di colpa deriva da qualcosa per cui non puoi fare molto, come il senso di colpa della madre che lavora per non essere stata l'unica a venire a prendere suo figlio a scuola ogni giorno, ti eserciti a concederti una pausa.

Detto questo, il senso di colpa naturale ha un lato oscuro. Spesso si trasforma in un importante strumento di controllo genitoriale e sociale. Una vecchia barzelletta lo cattura perfettamente. Quante madri ebree ci vogliono per avvitare una lampadina? Nessuno: "Non preoccuparti, mi siedo qui al buio". Ma non sono solo le madri (ebree o meno) che ci manipolano attraverso il senso di colpa. Anche i coniugi e i partner lo fanno. Così fanno le religioni, i gruppi spirituali e le tribù, persino le tribù dello yoga. Sei mai stato inciampato in colpa da un amico vegano che ti ha sorpreso a mangiare salmone? In effetti, il senso di colpa naturale andato storto, cioè quando viene punito troppo duramente o usato come arma di controllo, può rapidamente diventare tossico. Quando ciò accade, ci troviamo in uno stato di continua sofferenza di basso grado che chiamo colpa tossica, che è una sensazione pervasiva di essere "sbagliato"o imperfetto in qualche modo elementare.

Vedi anche  5 modi per praticare la compassione e per migliorarti

2. Affrontare il senso di colpa tossico

Il senso di colpa tossico è ciò che accade quando il senso di colpa naturale aumenta. Si manifesta come una fastidiosa sensazione di cattiveria pervasiva ma non specifica, come se tutta la tua vita avesse qualcosa che non va. Questo tipo di colpa liberamente fluttuante è il tipo più difficile da affrontare, perché nasce da schemi persistenti, o samskara , alloggiati nel tuo subconscio. Come puoi espiare il tuo peccato o perdonarti per qualcosa quando non sai cosa hai fatto o quando credi che ciò che hai fatto è essenzialmente irreparabile?

In una certa misura, questo particolare tipo di colpa sembra essere un sottoprodotto non intenzionale della cultura giudaico-cristiana, un residuo della dottrina del peccato originale. I testi yogici come la Bhagavad Gita e lo Yoga Sutra non riconoscono la colpa aspecifica, anche se parlano abbastanza del peccato, del karma e di come evitare o purificare le trasgressioni. Ma anche se il senso di colpa tossico non è specificamente menzionato nella maggior parte degli elenchi tradizionali di ostruzioni yogiche, gli insegnamenti yogici offrono aiuto. Dobbiamo lavorare con il senso di colpa tossico non solo per alleviare il dolore che ci provoca, ma anche perché i sentimenti di colpa accumulati si accumulano e si attaccano a qualsiasi trasgressione attuale, anche molto minore, causando discorsi negativi e sentimenti negativi che sono fuori proporzionale al reato.

Le persone normalmente sperimentano un senso di colpa tossico in due modi. Primo, può semplicemente essere lì, come un sapore nella tua personalità, una sensazione miasmica che può venire spontaneamente alla coscienza in certi momenti, facendoti sentire male o indegno. Secondo, può essere attivato dall'esterno, sia per un errore che fai o per il sospetto di qualcuno. Se porti uno zaino tossico per la colpa, non ci vuole molto per attivarlo: un errore in ufficio, una lite con il tuo amante o una chiamata di tua madre possono farlo. In casi estremi, le persone si sentono come se stessero camminando sui gusci d'uovo, temendo di fare qualcosa che esponga la loro innata cattiveria. Quindi è importante imparare a riconoscere i sentimenti di colpa tossica in modo che non ti programmino più dall'interno.

Il senso di colpa tossico ha spesso radici nella prima infanzia: errori che i tuoi genitori o insegnanti hanno trattato come un problema importante, per esempio, o l'istruzione religiosa, specialmente quella che insegna il peccato originale, possono riempirci di sentimenti di colpa che non hanno alcun fondamento reale. Alcuni credenti nella dottrina della reincarnazione - l'idea che le nostre circostanze attuali siano determinate da schemi stabiliti nelle vite passate - vedono la colpa tossica come il residuo karmico delle azioni della vita passata immagazzinate nel nostro sistema sottile. Un antico testo dello yoga tibetano, chiamato The Wheel of Sharp Weapons, elenca le trasgressioni del passato da cui si sono evoluti alcuni problemi del presente e fornisce rimedi per mitigarli. Molte delle pratiche yogiche catorie puriste, specialmente il canto quotidiano e la ripetizione di mantra, il servizio disinteressato (karma yoga) e le offerte, sono considerate medicine per questi sentimenti di colpa.

Ma non c'è dubbio che il senso di colpa tossico possa anche derivare da un accumulo cumulativo di ferite specifiche e non riparate che hai causato in questa vita. Quando hai accumulato alcuni dolorosi momenti di auto-tradimento, o hai tradito un amante o due, o anche quando trascuri di chiamare i tuoi genitori o fai abbastanza esercizio fisico regolare, puoi accumulare una buona dose di colpa che scorre liberamente. Inoltre, uno yogi in via di risveglio svilupperà spesso una coscienza squisitamente scrupolosa. Una volta che inizi a mantenerti agli standard etici del percorso spirituale, diventa più difficile lasciarti andare con comportamenti insensibili o dannosi. Allo stesso tempo, potresti ancora avere alcune vecchie abitudini di disattenzione e incoscienza. Quindi, nonostante le tue migliori intenzioni, a volte fai cose che sai non esseret fa bene a te stesso o agli altri e ti senti in colpa. Ma se sei disposto a guardare più in profondità, probabilmente scoprirai che il tuo senso di colpa tossico ha ben poco a che fare con tutto ciò che hai fatto. Questo, paradossalmente, è ciò che lo rende così tossico. Quando si soffre di questo tipo di colpa pervasiva, qualsiasi infrazione in tempo reale commessa viene così caricata dal peso dei propri sentimenti di colpa immagazzinati che affrontarla può sembrare paralizzante.

Vedi anche  Alla ricerca di ispirazione? Fonte in questi 30 Yoga Sutra

3. Affrontare il senso di colpa esistenziale

Il tuo senso di colpa potrebbe anche essere sociale o politico. Questo è il senso di colpa che provi quando vedi immagini di animali in un recinto, o leggi delle sofferenze in Zimbabwe, o riconosci il privilegio radicale della tua vita rispetto a quella di molti altri. Io chiamo questo senso di colpa esistenziale. La colpa esistenziale è del tutto reale, e persino ragionevole. Perché? Perché essenzialmente non c'è modo di vivere la vita sulla terra senza avere una sorta di impatto negativo sugli altri, che si tratti dei gufi che hanno perso le loro case quando gli alberi sono stati abbattuti per il parco del tuo ufficio; o le piante che calpesti mentre cammini nella natura; o il fatto che tuo figlio abbia avuto uno spazio in una grande scuola pubblica, e molti figli dei tuoi amici no. Spesso, le risorse che usiamo per vivere, anche per vivere semplicemente, significano che quelle stesse risorse non sono disponibili per gli altri.

Anni fa, una donna bellissima e ricca disse a uno dei miei insegnanti che soffriva di forti sensi di colpa e depressione. Il mio insegnante ha risposto chiedendo: "Cosa hai fatto per la vita? Hai mai messo un bagel su un albero e te ne sei andato?" L'osservazione del mio insegnante è rimasta con me per anni, non solo per la sua qualità sorprendente e koan, ma anche per la saggezza essenziale dietro di essa. Il complesso di colpa di quella donna era in parte esistenziale, e alla colpa esistenziale si può porre rimedio solo facendo offerte incondizionate alla vita. Come quella donna, la maggior parte di noi che legge questa rivista vive in un ambiente privilegiato, utilizzando risorse negate al 95 per cento delle persone sul pianeta. È facile capire perché una persona possa provare un peso di colpa esistenziale. I saggi vedici, la cui saggezza è alla radice di tutte le tradizioni yogiche,ha insegnato che abbiamo alcuni debiti fondamentali: verso i nostri antenati, verso la terra, verso i nostri insegnanti, verso Dio e verso tutti coloro che ci hanno aiutato. Quando non paghiamo quei debiti, soffriamo di colpa esistenziale.

La moderna società liberale, con il suo intenso individualismo, le famiglie distrutte e l'atteggiamento consumistico verso la spiritualità, invita al senso di colpa esistenziale, semplicemente perché a tanti di noi non è stato insegnato a compiere i gesti fondamentali che onorano la rete della vita. Non parlo solo di pratiche ambientali consapevoli, ma anche di pratiche cardiache come invitare gli ospiti a tavola; condividere il cibo con i poveri, gli animali e, sì, gli spiriti locali; dare servizio alla comunità e donare parte del proprio reddito; prendersi cura degli anziani.

A complicare le cose, quando il nostro senso di colpa tossico si confonde con il nostro senso di colpa esistenziale, spesso soffriremo della sensazione di essere responsabili del dolore di tutti gli altri. La mia amica Ellen è un esempio. È cresciuta con una madre arrabbiata, che era solita dirigere la sua rabbia verso la sorella di Ellen. Ellen si immedesimava profondamente con sua sorella, ma si sentiva incapace di fermare il capro espiatorio di sua madre nei confronti della sorella. La sua impotenza e frustrazione si trasformarono in un travolgente sentimento di responsabilità per qualsiasi dolore, ovunque, una sorta di colpa del sopravvissuto. Ellen si ritrovò a consentire agli amici depressi, a dare soldi a ciarlatani spirituali e a spezzarle il cuore per la sua incapacità di salvare tutti quelli che era all'altezza dei nostri valori.

Per Ellen, il processo per imparare a discriminare tra la vera compassione e l'inutile sacrificio di sé doveva iniziare controllando i suoi sentimenti di colpa quando si manifestavano, chiedendosi se il suo dolore nel non aggiustare qualcosa fosse correlato al presente o il passato. Dopo averlo fatto, il lavoro che ha svolto per aiutare gli altri è stato liberato dai suoi residui appiccicosi. E, non sorprende, è diventato anche molto più efficace. Come Ellen, siamo spesso confusi sul tipo di colpa che stiamo provando. Una volta che siamo in grado di riconoscere un sentimento doloroso come senso di colpa e di identificarne il tipo, diventa più facile lavorarci. Alcuni sensi di colpa hanno bisogno di essere riparati, perché il senso di colpa indica l'incapacità di essere all'altezza dei nostri valori. È meglio lasciar andare altri sensi di colpa.

Vedi anche  A Sequence + Meditation for Setting Healthy Boundaries

Come lasciar andare il senso di colpa

Ed è qui che la filosofia dello yoga offre uno dei suoi doni più preziosi e che cambiano la vita. La tradizione dello yoga ha molti rimedi specifici per i sensi di colpa (vedere la Guida dello Yogi al perdono di sé per i dettagli). Ma il più grande atteggiamento anti-colpa che la tradizione yogica ci offre è il riconoscimento radicale della nostra bontà essenziale. Le tradizioni tantriche in particolare sono note per guardare il mondo attraverso una lente che vede tutta la vita come fondamentalmente divina. Il tuo atteggiamento verso la tua colpa subirà un enorme cambiamento quando inizi a seguire un insegnamento spirituale che, invece di presumere che gli esseri umani siano intrinsecamente imperfetti, ti insegna a guardare oltre i tuoi difetti e ti aiuta a conoscere la tua perfezione più profonda.

Il mio insegnante, Swami Muktananda, raccontava una storia che penso illumini chiaramente la differenza tra questi due modi di vedere noi stessi. C'erano una volta due monasteri, ognuno situato vicino a una grande città. In un monastero, agli studenti è stato detto che gli esseri umani erano peccatori e che un'intensa vigilanza e penitenza erano gli unici modi in cui gli studenti potevano evitare le loro tendenze peccaminose. Nell'altro monastero, gli studenti sono stati incoraggiati a credere nella loro bontà fondamentale e ad avere fiducia nel loro cuore. Un giorno, un giovane in ciascuno di questi monasteri ha deciso che aveva bisogno di una tregua dalla vita monastica. Ogni ragazzo è sgattaiolato fuori dalla finestra del suo dormitorio, ha chiesto un passaggio per la città vicina, ha trovato una festa e ha finito per passare la notte con una prostituta. La mattina dopo, il ragazzo del "peccatore"monastero fu sopraffatto da un rimorso punitivo. Pensò: "Sono caduto irrevocabilmente dal sentiero. Non ha senso tornare indietro". Non tornò al suo monastero e presto divenne parte di una banda di strada.

Anche il secondo ragazzo si è svegliato con i postumi di una sbornia. Ma la sua risposta alla situazione è stata molto diversa. "Non è stato così soddisfacente come immaginavo", pensò. "Non credo che lo rifarò presto." Quindi tornò al suo monastero, salì alla finestra e fu ammonito per essere sgattaiolato fuori di notte. Il mio insegnante direbbe che quando crediamo di essere peccatori, un piccolissimo errore può farci precipitare in uno schema di azione autodistruttiva. Ma quando sappiamo, come ci dicono i saggi dello yoga, che siamo fondamentalmente divini, che siamo tutti Buddha, è molto più facile perdonare noi stessi per le cose cattive o non abili che facciamo. È anche più facile cambiare il nostro comportamento. Quindi la vera soluzione ai nostri sentimenti di colpa problematici è riconoscere, ancora e ancora, la luce di Dio 's amore che illumina il nostro cuore.

Vedi anche  Meditazione per rilasciare blocchi emotivi e Coltivare Santosha

Circa l'autore

Sally Kempton è un'insegnante di meditazione e filosofia yogica riconosciuta a livello internazionale e autrice di The Heart of Meditation.

Raccomandato

Lo yoga è pericoloso per le donne?
3 pose preparatorie per l'equilibrio dell'avambraccio (Pincha Mayurasana)
Solleva il tuo spirito con questi oli essenziali equilibranti Dosha