L'intervista a YJ: Steve Ross

Un chitarrista che una volta registrò e andò in tour con band come Fleetwood Mac, i Beach Boys e Men at Work, Steve Ross meditava mentre le altre rock star stavano, beh, festeggiando come rock star. Fare yoga e seguire una dieta vegana cruda lo rendeva felice. Dopo aver studiato varie tradizioni e persino vissuto come monaco, è tornato a Los Angeles e ha aperto il Maha Yoga a Tony Brentwood, insegnando lezioni con la musica pompata. L'autore di Happy Yoga , Ross dice che il suo scopo è aiutare gli studenti a godersi lo yoga e divertirsi. Ha due album di canto e si esibisce spesso con Krishna Das.

Yoga Journal: come sei stato introdotto allo yoga?

Steve Ross: Mio padre mi ha insegnato le posture quando avevo 11 anni, pieno di loto e cose del genere. Successivamente è stato menzionato in Be Here Now [di Ram Dass], che ho letto. L'ho fatto da solo e ho cercato insegnanti. Quando avevo 18 anni ed ero in tour, mi esercitavo regolarmente. Tutti gli altri bevevano e facevano quello che stavano facendo, e io meditavo e mangiavo puro. Allora non c'era molto là fuori. Era principalmente basato su Sivananda, non Iyengar o Ashtanga. Ma ho continuato a cercare insegnanti.

YJ: Chi erano i tuoi insegnanti più influenti?

SR: Ganga White e David Williams e altri. asana è fantastico, ma meditare, studiare e cantare sono importanti. Le persone non sono così interessate agli studi scritturali. Fortunatamente, ho incontrato un guru indiano in Australia che mi ha dato un colpetto sulla testa. Ho avuto una forte esperienza di stato alterato e ho pensato "Whoa". Così l'ho seguito - Swami Muktananda - per anni in India e negli Stati Uniti. Ho vissuto come monaco nella tradizione vedica, studiando l'Hatha Yoga Pradipika, lo Yoga Sutra e altro ancora. Mi ha detto di tornare nel mondo e condividere ciò che avevo imparato. Non volevo. Tornare in un mondo follemente disfunzionale è stato come ricevere un pugno in faccia. Ma ho mantenuto il mio stato gioioso.

YJ: Cosa vorresti che più studenti sapessero?

SR: Puoi essere sincero e intenso senza prendere lo yoga così sul serio. Non deve essere come la chiesa: rigida o fondamentalista. Chiediti perché ti alleni. Quindi puoi dire: "Ho spinto il mio mignolo perfettamente verso il basso"? Per ottenere l'approvazione esterna dall'insegnante? Per modellare le cosce o aumentare la tua autostima? Qualsiasi approccio funziona. Fare asana apre le nadi. Ma combinalo con Pranayama, meditazione e filosofia, e lo yoga è un incredibile sistema che cambia la vita. Puoi librarti e fonderti con l'infinito. Lo yoga è qui per produrre amore e gioia.

YJ: Quindi la musica aiuta?

SR: Il mio approccio al Malibu Yoga a metà degli anni '80 consisteva nell'usare la musica moderna. I puristi che pensavano che non fosse tradizionale mi hanno criticato. Ma se sei tradizionale, non usi oggetti di scena, la tua dieta è limitata, non fai sesso e insegni solo sessioni private. Cos'è tradizionale? Ho iniziato a suonare musica per renderlo più divertente. Perché imporre l'infelicità quando può essere così felice? L'aggiunta di musica porta lo yoga a un diverso livello emotivo. Voglio solo ispirare le persone ad essere felici. Quindi è quello che faccio. E lo amo.

Raccomandato

Affrontare la rabbia attraverso la comprensione e il controllo
Lo yoga del denaro: porta la saggezza dal tappeto alle tue finanze
Lo yoga mi ha trasformato dopo l'amputazione