Posa della sfida: Vashistasana B

Lo yoga è sempre stato una manifestazione fisica del mio dialogo emotivo interno. Questa settimana sono saltato sull'emozionante giro sulle montagne russe e ho visto la mia pratica cambiare con esso. Il mio programma di yoga è andato un po 'così:

Primo giorno: tutto bene. Niente che mi faccia pressione, il corpo funziona bene, il sorriso sul mio viso. La pratica era controllata, aperta e adorabile.

Secondo giorno: ho visto qualcosa appena prima di entrare nella stanza degli asana che mi ha fatto ribollire il sangue. Immediatamente ha chiesto all'insegnante un corso di disintossicazione / rilascio. Mi sono ritrovato ad aggiungere Chaturanga e inchiodare le verticali e qualsiasi altra variazione difficile che potessi raccogliere. Ero un po 'fuori controllo, ma forte come tutto. Un po 'come una banca di yoga lasciata uscire dall'inferno.

Terzo giorno: la sera prima mi sono concessa un po 'di troppe bevande per adulti e mi sono accoccolato nell'angolo posteriore della stanza sperando di disintossicare il mio sistema. Un'ora di asana sembrava un'intera vita. La posa del bambino e il respiro lento sono diventati i miei migliori amici. Così hanno fatto il mio cuscino e il barattolo dell'acqua non appena ho lasciato la lezione.

Quarto giorno: risolti problemi a lungo termine che mi hanno permesso di fare un'espirazione tanto necessaria. La pratica era forte ma non perfetta, eppure mi sono ritrovato a godere sia dei miei successi che dei singhiozzi. Tutto sembrava giusto perché tutto era esattamente come doveva essere. Ho sentito fiducia in me stesso e nella roadmap dello spirito per me.

Ti suona familiare? Trovi che la tua pratica cambi con i tuoi capricci e stati d'animo? È uno studio interessante e la morale della storia: lo yoga è sempre lì. Ti ci vorrà quando sarai forte, ci vorrà quando sarai debole. Non importa se hai mangiato erba di grano o tequilla. Non ti dispiacerà se ti siedi qualche posa e riprendi fiato. Non giudica. Ti permette di essere te stesso. Tutto buono, cattivo e brutto.

Ho scelto Vashistasana B perché è una delle posture più espressive e belle in circolazione. Incarna la gioia spensierata. Nessuna inibizione, nessun programma, solo un'enorme esplosione di beatitudine interiore e fiducia in te stesso e in tutto ciò che ti circonda. 

Detto questo, avventurati in questa posa dal tuo cuore. Raccogli la tua gioia e lascia che risplenda in questa splendida variante della plancia laterale. Se rientri nella mia categoria del giorno 2 o 3, ricorda solo che nulla è permanente, anche questo passerà e lo yoga sarà presente nel bene e nel male. 

Primo passo:

Mettersi in posa!

Inizia in Plank Pose: spalle sui polsi, dita aperte, radicando uniformemente ogni singola nocca verso il basso. Unisci i piedi e porta la mano destra al centro del tappetino. Rotola sul bordo del mignolo del piede destro impilando il piede sinistro direttamente sopra il destro. Tieni i piedi flessi. Estendi il braccio sinistro verso il soffitto impilando la spalla sinistra sulla destra. Disegna la punta inferiore della scapola destra lungo la schiena per liberare il collo. Sollevare i punti frontali dell'anca verso il cuore e allungare il coccige verso i talloni. Impila l'anca sinistra sopra la destra. Se l'equilibrio è difficile, tieni lo sguardo basso. Sfida te stesso portando lo sguardo di lato o in alto verso la punta delle dita. Fai 8 respiri. Torna a Plank e vai direttamente nel secondo lato o riposa in Child's Pose.

Passo due:

Aggiungi qualcosa in più. . .

Original text


Il prossimo passo è imparare a ruotare esternamente l'anca superiore per prepararsi all'estensione completa! Ripeti il ​​passaggio uno entrando in Full Side Plank. Mantenendo lo sguardo di lato o verso il basso per mantenere l'equilibrio, sollevare la gamba superiore da quella inferiore e piegare il ginocchio. Porta la mano in alto sul bordo dell'alluce del piede e afferra la caviglia aiutando il piede a salire sopra la rotula sull'interno della coscia. La pianta del piede atterrerà il più in alto possibile, tenendo le dita dei piedi rivolte verso il basso lungo la gamba. Spingi la parte interna della coscia della parte inferiore della gamba nella pianta del piede mentre sollevi la parte inferiore dell'anca verso il soffitto. Lavora anche per spingere l'intera pianta del piede inferiore nel terreno (vedi immagine). La combinazione di queste azioni attiverà i muscoli obliqui necessari per ottenere quello za-za-zing extra nella posa finale!

Fase tre: 

Cosa farebbe Burt. . .

Anantasana, o come la chiamo scherzosamente, Burt Reynolds-asana (se non ottieni la battuta google Burt Reynolds centerfold. Oh mamma.) È un'ottima postura per coinvolgere gli obliqui e prepararsi alla rotazione esterna. Sdraiati sulla pancia. Rotola sul lato destro e solleva la testa con la mano destra, orso

g il peso sul gomito. Vuoi essere in una linea completamente diritta, quindi se lotti con questo puoi allineare il tallone, il ginocchio, l'anca, la spalla e il gomito con il bordo posteriore del tappetino. Piega la parte superiore della gamba e posiziona la pianta del piede davanti alla parte inferiore interna della coscia in modo che le dita dei piedi puntino direttamente verso l'altro piede. Prendi la mano superiore e posizionala sulla parte interna della coscia della gamba superiore premendo indietro per incoraggiare una maggiore rotazione dell'anca. Allunga il coccige verso il tallone e solleva i punti frontali dell'anca per connettersi alla forza del core.

Afferra il tumulo dell'alluce con la mano superiore e inizia a raddrizzare la gamba verso il soffitto. Lascia che raddrizzare sia una parola chiave. Allena la gamba verso la posizione dritta o finché non senti una discreta sensazione. Fletti la parte inferiore del piede coinvolgendo l'intera lunghezza della gamba. Questo fungerà da ancora. Ora va bene se inizi a oscillare come un pesce fuor d'acqua; questo è molto comune. Sono i tuoi muscoli laterali che cercano di impegnarsi per mantenerti in equilibrio. Continua ad ancorare la gamba inferiore per aiutare il sollevamento della parte superiore. Fai respiri profondi Ujjayi e mantieni la posizione per un minuto.

Fase quattro:

Liberati!

È ora di combinare l'ancora, il nucleo laterale e l'estensione! Ripeti il ​​passaggio uno entrando in Vashistasana (Side Plank). Tieni lo sguardo più basso per mantenere l'equilibrio e piega la gamba superiore afferrando il tumulo dell'alluce con l'indice superiore, il medio e il pollice. Estendi lentamente il piede verso il soffitto lavorando verso la linea retta. Man mano che la gamba superiore diventa più alta, ancorare la gamba inferiore più in profondità: premere la pianta inferiore del piede verso il basso verso o nel tappetino, se possibile. Questa azione impegna il gluteo inferiore e obliquo per sollevare i fianchi ed elevare la gamba superiore. Radicati nel tallone della mano inferiore mentre la punta della scapola inferiore scivola lungo la schiena. Ruota lentamente il collo per guardare in alto il piede e la mano. Prova un sorriso o un'enorme esalazione di sollievo e libertà! Fai 5 respiri e rilascia di nuovo in Side Plank. Da Side Plank entra in Plank.Prendi un vinyasa e lasciati cadere in Child's Pose.

Kathryn Budig è un'insegnante di yoga, scrittrice, filantropa, Huffington Post, Elephant Journal, MindBodyGreen + Yoga Journal blogger, buongustaia e amante del suo cane. Seguila su Twitter e Facebook o sul suo sito web.

Raccomandato

Crea una lezione di yoga incentrata sul tema
3 erbe per chiarezza mentale e concentrazione
3 integratori ayurvedici che aumentano l'energia