"Pratica e tutto sta arrivando."

Grande Yogi, Piccolo Yogi

Nel 1972 il collega yogi Norman Allen e io abbiamo visto Manju Jois dimostrare la prima serie a Pondicherry. Mi ha sbalordito! Come un detective che cerca in India lo yoga definitivo, l'avevo trovato, ma il mio visto stava scadendo. Il padre di Manju, Guruji K. Pattabhi Jois, e il fratello minore, Ramesh, hanno iniziato a insegnarmi nel 1973, fino a quando ho imparato l'intero programma. Guruji mi ha presentato una targa di bronzo di Shiva, incoraggiandomi a insegnare con le parole: "Metti questo alla tua porta e chiama la tua scuola Ashtanga Yoga Nilayam". Vedo quella targa, un ricordo quotidiano del dono della conoscenza dello yoga di Guruji.

Nancy Gilgoff e io portammo Manju e Guruji a Encinitas, in California, nel 1975. L'ultima sera eravamo in cucina a chiacchierare e Manju traduceva.

"Guruji," ho detto. "Hai visto la mia vita, incontrato i miei amici. Da grande yogi a piccolo yogi, hai qualche consiglio per me?"

"Sì", ha risposto. "Ogni mattina, svegliati. Fai tutto lo yoga che vuoi. Forse mangerai, forse digiunerai. Forse dormirai in casa, forse dormirai all'aperto. La mattina dopo, svegliati. . Fai tutto lo yoga che vuoi. Forse mangerai, forse digiunerai. Forse dormirai in casa, forse dormirai all'aperto. Pratica yoga, e tutto sta arrivando! "

"Grazie, Guruji," dissi. "Altri adulti mi dicono di farmi tagliare i capelli e un lavoro. Mi dici di praticare lo yoga e tutto sta arrivando!"

Le parole di Guruji mi hanno dato la libertà di "arrendermi allo yoga". Se potevo digiunare e dormire all'aperto, la posizione era importante. Nancy e io abbiamo i biglietti di sola andata per Maui. Guruji tornò in India; Manju rimase in California. Abbiamo insegnato la pratica quotidiana dell'Ashtanga Yoga a migliaia di persone e loro hanno insegnato ad altri. Sono passati decenni e la pratica dell'Ashtanga è mondiale. Guruji mi ha dato due doni: conoscenza e libertà. Con questi doni, ho continuato la pratica quotidiana senza interruzioni per quasi 40 anni e, in effetti, "Tutto sta arrivando".

—David Williams

Luce guida

K. Pattabhi Jois ci citava dalla Bhagavad Gita . Diceva che i corpi vanno e vengono, gettati via come una vecchia stoffa, ma l'anima non nasce mai, né muore. Tuttavia, a differenza di una vecchia stoffa, i rapporti che abbiamo stabilito con lui erano intensamente amorevoli e personali. Anche se non ho bisogno di piangere per la sua anima imperitura, mi mancherà il gentiluomo il cui corpo ha ospitato la sua anima per 93 anni e ha diffuso la sua luce brillante attraverso di lui. Mi mancheranno il suo sorriso e la sua curiosità infantile che lo hanno mantenuto giovane ben oltre i suoi anni. Mi mancherà il modo in cui ci ha accolto nella sua casa, nella sua vita, nel suo yoga. Mi mancherà l'assoluta intensità della sua concentrazione, la sua chiarezza di comprensione e la sua capacità di rendere complicate verità in modo semplice.

Queste sono anche le cose che servono come guida su come vivere la mia vita, perché le benedizioni di un guru non sono semplicemente in ciò che dice, ma in come vive. Per questo, Guruji è stato un brillante esempio. Amava teneramente sua moglie e la sua famiglia e li inondava del meglio che poteva dare loro. Aderì perfettamente al suo dharma come bramino, eseguendo le sue preghiere e non tralasciando mai il suo studio, l'insegnamento e le opere di beneficenza. Eppure, nonostante la purezza rituale che manteneva, era anche in grado di abbracciare, senza giudizio, diverse generazioni di occidentali che si affollavano nella sua scuola di yoga anno dopo anno, che il più delle volte, me compreso, iniziavano con lui come sfortunati quasi hippy.

Eravamo solo bambini quando siamo venuti da lui, e ci ha visto passare attraverso il dolore fisico del nostro corpo che si adattava alla sua pratica impegnativa; ci ha sposati e ha chiamato i nostri figli, ha riso con i nostri figli e li ha nutriti con il cioccolato. Abbiamo pianto con lui quando sua moglie è morta e abbiamo festeggiato con lui i suoi successi: una nuova scuola a Gokulam, il giorno del suo novantesimo compleanno. Era più di un insegnante. Era la nostra luce guida, il nostro fulgido principio; era il nostro Guruji.

—Eddie Stern

"Tu fai!"

Nel 1987 Pattabhi Jois ha insegnato in Montana, Colorado e California. Ho guidato attraverso il paese da New York per trascorrere cinque mesi di pratica quotidiana in questo "You Do Tour", come abbiamo battezzato il circuito (dopo la propensione di Jois a dire ai suoi studenti di "You do!" Durante la regia in classe).

Un pomeriggio la persona che avrebbe dovuto accompagnare Guruji a casa non si è presentata. Mi sono offerto di dare un passaggio a Guruji e sua moglie, Amma. Ma anche un sacco di altre persone avevano bisogno di un passaggio. Mi sono offerto di fare alcuni viaggi, ma Guruji ha insistito che potessimo stare tutti. Ci siamo ammassati tutti nella mia Honda Civic station wagon del 1980: due cani dietro, io alla guida, Guruji in sella al fucile e tutti gli altri in mezzo. Almeno 10 esseri erano stipati nella mia macchina. Una volta che ci siamo allontanati, Guruji si è guardato alle spalle il carico di persone, cose e animali e ha scherzato: "Oh, proprio come l'India". Siamo tutti crollati.

—Beryl Bender Birch

Scoppiare la bolla dell'ego

Per gli studenti volenterosi K. Pattabhi Jois, o Guruji come lo chiamavamo, aveva la straordinaria capacità di far scoppiare la bolla dell'ego, riportandoci nella mente di un principiante. Cambiava spesso quelle che pensavamo fossero sequenze inviolate di pose o come dovevano essere formate. Era lieto di contraddirsi da un giorno all'altro, se ci aiutava a capire e ad abbandonare la nostra rigidità e ossessione per le formule.

Un giorno mi convinse (cronicamente afflitto da molta presunzione riguardo alla mia conoscenza) che potevo arrendermi per tenere le ginocchia, senza alcun riscaldamento. Sapevo che doveva essere impossibile con qualsiasi calcolo, ma mi convinse brevemente che nessuno di questi - il corpo, la posa, la sequenza, la formula - era quello che pensavo fossero. Mi ha messo in posa senza pensarci due volte. Era sempre una sorpresa, un allegro imbroglione, tagliando via la nostra presunzione. Forse il momento più dolce per i suoi studenti era quando li ammoniva con "cattiva signora" o "uomo cattivo" (a volte usava "brava signora" o "brav'uomo"). Questi nomi affettuosi ci hanno sempre salvato dall'essere esperti stanchi e ci hanno riportato allo stato di principianti entusiasti.

—Richard Freeman

"Stai sorridendo, io sto sorridendo."

Un giorno, durante il mio primo viaggio a Mysore nel 1991, Guruji pensava che stessi praticando troppo lentamente. "Perché vai così piano!" Il commento sembrava un attacco. Ho afferrato il mio materassino, sono corso di sopra e ho singhiozzato per diversi minuti finché non mi è stato detto che Guruji voleva vedermi. Sono stato in lacrime per diversi minuti, ma alla fine mi sono calmato abbastanza da scendere le scale dove Guruji stava aspettando. Mi si è avvicinato molto e mi ha chiesto: "Perché piangi?" Ho detto che pensavo fosse stato cattivo con me. Disse: "Nicki, tu piangi, io sto piangendo. Tu sorridi, io sto sorridendo". Ero così commosso che ho ricominciato a piangere, questa volta con lacrime di gioia. Mi ha portato nella stanza dello yoga, si è seduto sul suo sgabello, mi ha fatto sedere sul pavimento accanto a lui e mi ha messo una mano sulla testa per molto tempo. Dopo la mia pratica quotidiana, mi metteva la mano sulla testa in questo modo.Non dimenticherò mai di aver ricevuto il suoshakti [energia].

—Nicki Doane

"Lo yoga è una pratica interna. Il resto è un circo."

"Perché dovrei stare prima della verticale?" qualcuno ha chiesto una volta. Ovviamente irritato, Guruji rispose: "Ehi! Non hai letto il mio libro Yoga Mala? "Ma quando gli è stato chiesto degli aspetti sottili dello yoga, Guruji si è fidanzato e ha cantato sutra, sloka e shastra [insegnamenti spirituali] con un bagliore scintillante negli occhi. Quando era evidente che non comprendevo completamente la sua risposta a una domanda , si sporgeva in avanti con preoccupazione, dicendo: "Tu non capisci", e poi pazientemente ri-chiariva il suo punto. Poteva staccare gli strati del tuo essere e trafiggerti fino al midollo. "C'è una posa per spezzare tutti! "rise. E ci ha spezzati lo ha fatto - la nostra ambizione, il nostro orgoglio gonfio, la nostra pigrizia e compiacenza - aprendo i nostri cuori. Ha riconosciuto i limiti del corpo fisico e ci ha incoraggiato a guardare più in profondità, dicendo:" Lo yoga è un pratica interna. Il resto è solo un circo ".L'eco del suo essere continua a risuonare alla presenza della sua famiglia e degli studenti superstiti, perpetuando gli insegnamenti a cui si è dedicato così completamente.

—Bhavani Maki

"Con lo yoga tutto è possibile."

Andare a Mysore per celebrare la vita di Pattabhi Jois era diverso da qualsiasi altra volta lì. La shala [scuola] non era aperta alle lezioni, ma conteneva solo la sua sedia, la sua fotografia e ghirlande di fiori. Ondate di emozione mi hanno invaso mentre mi inginocchiavo e assorbivo tutto ciò che questo uomo meraviglioso mi aveva insegnato. È stato edificante condividere con così tanti altri studenti, da tutto il mondo, tutte le esperienze che ci aveva dato. Ho provato amore e tristezza nel vedere la sua bellissima famiglia - Saraswathi, Manju, Sharath, Shruthi, Sharmila - che era sempre stata così devota a lui.

Il nostro Guruji, con il suo sorriso luminoso e il suo viso luminoso, mancherà a molti di noi. Quando abbiamo avuto la fortuna di essere alla sua presenza, ci ha sempre portato a un altro livello. So di parlare a nome di molti quando dico che il tempo passato con lui è stato tra i migliori della mia vita.

Mi ha lasciato così tanti bei ricordi. Ha sempre fatto sentire noi, suoi studenti, così riconosciuti, sia che ci rimproverasse o chiamasse il nostro nome in modo accattivante. La sua dedizione all'insegnamento e alla conservazione del lignaggio dell'Ashtanga Yoga è sempre stata presente.

Posso sentirlo vividamente dire: "Senza yoga, a che serve?" o "Con lo yoga tutto è possibile". Le sue parole di saggezza, semplici ma profonde. Ha creato una famiglia di individui unici con il filo conduttore del nostro amore per lui e del nostro amore per la pratica. La cosa più importante che vorrebbe dai suoi studenti è continuare a praticare lo yoga e preservare il sistema a cui aveva dedicato la sua vita, quello dell'Ashtanga Yoga.

-John Smith

Preparare il sentiero

Paragono la sua presenza a un grande e magnifico albero che cresce in una foresta. Quando questo albero cade, lascia un grande vuoto dove si trovava una volta. Quella sensazione di vuoto è il risultato più evidente della sua caduta. Mentre guardiamo più da vicino, vediamo che l'albero padre ha aperto la chioma sopra per fornire luce verso cui i giovani alberelli crescono. Il grande vecchio albero ha anche lasciato una terra fertile su cui i nuovi giovani alberi possono mettere radici profonde. In questo modo l'energia del grande e potente albero fornisce sostentamento e forza a generazioni di alberi a seguire. Sì, ci vorrà una foresta per sostituire il vuoto lasciato da K. Pattabhi Jois, ma forse questo era il piano fin dall'inizio. Questa è la benevolenza di coloro che camminano davanti a noi. Preparano la strada in modo che possiamo più facilmente percorrere il sentiero.

—David Swenson

"La pace sta arrivando, nessun problema."

Ogni giorno, Guruji si sedeva e prendeva le domande degli studenti. Un pomeriggio, quando avevo 22 anni, chiesi con voce tremante: "Guruji, dove troverò la pace interiore che dicono provenga dalla pratica dello yoga? Da dove viene comunque?"

Disse: "Pratichi molti anni, poi lo Shanti [la pace] arriverà ... nessun problema". Ricordo la profondità e la qualità della presenza di Guruji quando mi ha risposto.

Sei viaggi a Mysore dopo, quasi 10 anni dopo l'inizio del mio viaggio nell'Ashtanga Yoga, ero in una stanza 10 volte più grande della vecchia shala, con quasi 300 persone in lizza per una posizione vicino ai piedi di Guruji. "Guruji, durante il mio primo viaggio a Mysore, ti ho chiesto come avrei potuto trovare la pace interiore. La tua risposta mi ha dato ispirazione e fede per praticare", ho detto. "Ora sto insegnando questo yoga come mi hai insegnato tu. Cosa posso dire ai nuovi studenti per fare loro lo stesso dono che hai fatto a me?"

Guruji si chinò sul ginocchio per stabilire un contatto visivo diretto. Sorrise e disse, nel suo inglese stentato e stravagante: "Dite loro lo stesso."

—Kino MacGregor

Per ulteriori riflessioni sulla vita di Sri K. Pattabhi Jois di Sharon Gannon e David Life, Tias Little e altri, visita yogajournal.com/jois_tribute.

Raccomandato

Master Class con Kathryn Budig: Firefly (Tittibhasana)
The Yoga Journal Makeovers Parte II: Tales of Transformation
Wake Up and Flow: una playlist di yoga di 60 minuti per uccidere il giorno