Come decidere se continuare a praticare yoga mentre si è malati

Ecco i dettagli su cosa fare quando ti senti giù di morale ma non vuoi altro che continuare a praticare yoga mentre sei malato.

Per quanto ci provi, non puoi sempre impedire al raffreddore e alle influenze invernali di riempirti la testa e rallentare il tuo corpo. Prima che tu te ne accorga, ti starai chiedendo se dovresti provare la tua pratica yoga regolare o rinunciare e andare a letto. Ecco cosa suggerisco.

Ascolta vicino

Controlla il tuo corpo prima dell'allenamento. Se sei distrutto, potresti peggiorare le cose spingendo attraverso la tua normale routine, quindi prova invece una pratica delicata o riparatrice e salta le tecniche di respirazione forte. Una volta che la tua energia migliora, puoi tornare gradualmente a una pratica più vigorosa anche se hai ancora la tosse o il naso è chiuso. Se ti senti peggio dopo aver praticato, è un segno che probabilmente hai fatto troppo.

Trattare voi stessi

Se senti di dover prendere qualcosa per i tuoi sintomi, evita gli antibiotici; sono inutili per il raffreddore, e anche i rimedi contro il raffreddore da banco non sono molto pratici, poiché molti contengono cinque farmaci quando tutto ciò di cui hai bisogno è uno o due. Ha più senso assumere rimedi individuali, come pastiglie di olmo scivolose per il mal di gola o paracetamolo per il dolore. Per la congestione nasale, aggiungi alcune gocce di olio di eucalipto all'acqua bollente e inala i vapori. Sebbene non sia ancora chiaro quanto possano essere efficaci l'echinacea, le pastiglie di zinco, la vitamina C e i preparati omeopatici, puoi comunque provarli, poiché sono tutti generalmente molto sicuri.

Cancella la tua testa

Un naso chiuso, sebbene non serio, può davvero mettere a dura prova la tua pratica, specialmente se fai molto Ujjayi Pranayama (Victorious Breath). Per disfarti, usa il jala neti, una tecnica di pulizia nasale yogica: metti un quarto di cucchiaino di sale non ionizzato e otto once di acqua calda in una pentola neti. In piedi sopra un lavandino, inclina la testa da un lato e inserisci il beccuccio nella narice superiore, consentendo all'acqua di fluire nel naso e drenare dall'altra narice. Ripeti sull'altro lato. Puoi provarlo più volte al giorno se hai il raffreddore. Il jala neti può essere utile subito prima del pranayama o della pratica di meditazione, o anche degli asana.

Ascolta i tuoi seni

È stato dimostrato che le vibrazioni del ronzio aprono i seni e lasciano drenare il catarro, il che può alleviare la pressione e persino aiutare a prevenire un'infezione batterica dei seni. Prova a cantare Om o, per la congestione nasale, sperimenta la pratica pranayama di Bhramari: premi le labbra e fai il suono di un'ape ronzante.

Stai dritto

Se hai la testa imbottita o ti senti stanco, modifica o salta inversioni come la verticale e la verticale. Anche la posizione sulle spalle può peggiorare la congestione nasale e la pressione della testa.

Sostieni te stesso

Anche le pose riposanti come Savasana (Corpse Pose) non sono facili quando sei congestionato, quindi invece di sdraiarti disteso, sostieni la schiena su un cuscino che corre longitudinalmente dalla colonna vertebrale inferiore alla testa, con una coperta piegata sotto la testa e il collo se necessario. Questo rende la respirazione più facile ed è più energizzante. Supta Baddha Konasana (Bound Angle Pose) può essere eseguito anche con supporto per la schiena.

Vedi anche  Chiedi all'esperto: cosa posso mangiare per scongiurare raffreddori e influenza?

Sul nostro autore

L'editore medico di YJ, Timothy McCall MD, sta scrivendo un libro sulla terapia yoga, intitolato Yoga as Medicine. Può essere trovato sul Web all'indirizzo www.drmccall.com. Verificare sempre con il proprio medico prima di seguire qualsiasi consiglio in questa colonna.

Raccomandato

Coltiva Ahimsa (non dannoso) sul tappeto
Fai la tua cosa: piegare la tradizione dello yoga per adattarla alla tua vita moderna
Progetto Goddess Yoga: meditazione in 3 fasi per ispirare l'intuizione