Cos'è il Bhakti Yoga? Perché dovresti provare lo yoga della devozione

Quattro giorni alla settimana, Nancy Seitz srotola il suo tappetino da yoga per una pratica asana di 90 minuti nella tradizione dello Yoga Sivananda. Ma il suo "yoga" non finisce quando lo fa Savasana. Abbracciando ardentemente alcune delle pratiche devozionali dello yoga, Seitz, un redattore di 55 anni a Manhattan, ha sviluppato un dolce senso di connessione con il Divino che permea tutta la sua vita attraverso il Bhakti Yoga.

Ogni mattina pratica una meditazione mantra devozionale di 30 minuti. Prima di partire per il lavoro, ripete un mantra per un passaggio sicuro. Offre gratitudine prima di ogni pasto. Partecipa a una cerimonia settimanale di arati (leggera) nel suo centro di Sivananda locale. 

A casa esegue una cerimonia di puja al suo altare, offrendo latte, riso, fiori e acqua a Saraswati, la dea indù della musica, delle arti e della conoscenza, nonché ad altre divinità. Dedica la sua pratica yoga allo spirito del leader del lignaggio che segue, il defunto Swami Sivananda.

"La bhakti conferisce alla mia pratica una dimensione diversa", dice Seitz. "È davvero difficile nel mondo di tutti i giorni mantenere la consapevolezza e rimanere positivi, e questa consapevolezza del Divino aiuta". 

Come altri yogi moderni, Seitz ha scoperto che il bhakti yoga, noto come lo yoga della devozione, è un vero toccasana mentre naviga in una frenetica esistenza moderna. 

Cosa significa Bhakti Yoga?

La parola sanscrita bhakti deriva dalla radice bhaj , che significa "adorare o adorare Dio". Il bhakti yoga è stato chiamato "amore per amore" e "unione attraverso l'amore e la devozione". Il bhakti yoga, come qualsiasi altra forma di yoga, è un percorso per l'auto-realizzazione, per avere un'esperienza di unità con tutto.

"Bhakti è lo yoga di una relazione personale con Dio", dice il musicista Jai ​​Uttal, che ha imparato l'arte della devozione dal suo guru, il defunto Neem Karoli Baba. Al centro della bhakti c'è la resa, dice Uttal, che vive in California ma viaggia per il mondo conducendo kirtan e laboratori di canto.

Lo studioso di yoga David Frawley è d'accordo. Nel suo libro, Yoga: The Greater Tradition , scrive che la massima espressione del bhakti yoga è la resa al Divino come il proprio sé interiore. Il percorso, dice, consiste nel concentrare la propria mente, emozioni e sensi sul Divino.

Dove praticare il Bhakti Yoga

Con la maturazione dello yoga americano, l'interesse per il bhakti yoga è esploso. L'Esalen Institute di Big Sur, California, organizza un festival annuale di bhakti. Yoga Tree a San Francisco ha tenuto il Bhakti Yoga Sunsplash, una celebrazione con musica. E il Bhakti Fest è un altro festival di yoga che vale la pena partecipare. 

Come gli Yogi praticano il Bhakti Yoga oggi

Gli yogi occidentali di oggi non praticano necessariamente la devozione a una divinità indù, un guru o "Dio" come una figura patriarcale in vesti bianche (sebbene alcuni lo facciano). Molti occidentali che praticano il bhakti yoga tendono a connettersi con un'idea più comprensiva del Divino, dell'Amato, dello Spirito, del Sé o della Sorgente. Come dice Uttal, "Ognuno ha la propria idea o sensazione di cosa sia 'Dio'".

"Per me, bhakti significa tutto ciò che colpisce il tuo cuore con la bellezza, tutto ciò che colpisce il tuo cuore e ti ispira a sentire solo l'amore", dice Sianna Sherman, un'insegnante di Anusara Yoga.

Quando attingi a questo amore universale, sviluppi naturalmente un senso di fiducia che questo universo benevolo e saggio fornisce; rilassati; e non puoi fare a meno di generare energia positiva per gli altri.

Frawley definisce la bhakti "il più dolce degli approcci yoga" e dice che è spesso più accessibile di altre forme di yoga, il che potrebbe spiegare la sua crescente popolarità. "

All'inizio, lo yoga americano era solo una questione di fitness ", dice Carlos Pomeda, uno studioso di yoga ad Austin, in Texas." Ma vediamo sempre più persone scoprire questo intero altro mondo di amore e devozione ".

Vedi anche  Lead With Your Heart: How to Practice Bhakti Yoga

Una breve storia del Bhakti Yoga

Nella sua forma più pura, la bhakti brucia come un fuoco devozionale nel cuore. Un primo ed estremo esempio di bhakti yogi viene dal 12 ° secolo, quando una bambina di 10 anni di nome Akka Mahadevi evitò i giochi d'infanzia e divenne invece una devota di Shiva, la divinità indù conosciuta come l'aspetto delle forze distruttive. 

Mahadevi alla fine sposò un re locale. Ma scoprì che il suo amore travolgente per Shiva oscurava l'amore mortale. Ha rifiutato suo marito ed è scappata. Secondo la leggenda, ha rinunciato a tutte le ricchezze del regno, lasciando dietro di sé anche i suoi vestiti, e ha usato i suoi lunghi capelli per coprire il suo corpo. Per il resto della sua vita, Mahadevi si dedicò a Shiva, cantando le sue lodi mentre viaggiava beatamente per l'India come poeta e santa errante.

Akka Mahadevi fa parte della ricca tradizione del bhakti yoga, che, storicamente, è visto come una reazione a un approccio più ascetico all'autorealizzazione. Cinquemila anni fa, lo yoga rappresentava uno spirito di lotta, una ricerca solitaria per il superamento del corpo e della mente. Nella sua ricerca dell'illuminazione, l'archetipo dello yogi rinunciò ai vestiti in favore di un perizoma, evitò i beni materiali e prestò poca attenzione al desiderio del corpo di cibo e sesso. Rinunciando a tutti i piaceri mondani, ha cercato di calmare la sua mente e conoscere il Sé.

Ma si stava preparando anche un'altra idea, che enfatizzava l'importanza di incanalare l'amore verso Dio. Il punto di svolta nell'accettare questo nuovo sentiero fu la Bhagavad Gita, scritta da qualche parte tra il III e il II secolo aEV. 

La Gita, spesso chiamata "canzone d'amore a Dio", esprimeva l'idea che è possibile andare verso la meta più alta, quella della realizzazione spirituale, sviluppando una connessione con il cuore. "La Gita è il luogo di nascita del bhakti yoga", dice Pomeda. "È stata la prima affermazione in cui vedi la bhakti come un percorso separato e completo."

Con questa idea spalancata, gli yogi iniziarono a vedere la devozione come una via legittima per l'illuminazione. Ma la Gita non prescrive alcun dettaglio sul sentiero della bhakti. Secondo Pomeda, ci vorrebbero diversi secoli prima che una pratica sistematica di bhakti yoga si solidificasse.

Nel V secolo EV, le prime scuole devozionali della tradizione Shaiva iniziarono a sorgere nell'India meridionale. Queste scuole sostenevano la devozione: adorare e cantare mantra a divinità come Shiva, Krishna, Vishnu e Kali; cantare canti devozionali; seguendo un guru; meditando sul Divino; leggere e scrivere poesie estatiche; e l'esecuzione di rituali come le cerimonie puja e arati. La tradizione della bhakti enfatizzava l'intenso desiderio di conoscere Dio, spesso chiamato "l'Amato" nella poesia dell'epoca.

In un modo bellissimo, il bhakti yoga dà valore all'amore e alla tolleranza, che è stato rivoluzionario nel sistema delle caste convenzionale dell'India. Tradizionalmente, le donne rimanevano a casa e solo gli uomini delle caste superiori intraprendevano un serio studio spirituale. Ma i testi mostrano che tutti, di qualunque genere o classe, erano i benvenuti ad abbracciare le pratiche di bhakti. 

"Le caste inferiori e le donne non compaiono molto da nessuna parte nelle narrazioni di questo periodo, ma sono presenti nelle tradizioni bhakti in India", dice Pomeda. "Questo parla dello spirito democratico di devozione, l'universalità della devozione".

Il Bhakti Yoga è il Sentiero della Devozione

Il Bhakti Yoga è uno dei sei sistemi di yoga venerati nel corso della storia come percorsi che possono condurti alla piena consapevolezza della tua vera natura. Altri percorsi per l'auto-realizzazione sono l'hatha yoga (trasformazione della coscienza individuale attraverso una pratica che inizia nel corpo); jnana yoga (conoscenza interiore e intuizione); karma yoga (abilità in azione); kriya yoga (azione rituale); e raja yoga (il percorso in otto rami noto anche come lo yoga classico di Patanjali). Questi percorsi non si escludono a vicenda, sebbene, per molti, un percorso risuonerà più profondamente.

Il medico ayurvedico, studioso e autore Robert Svoboda illumina un modo in cui questi sistemi si sovrappongono: dice che una pratica asana (come parte dell'hatha yoga) offre l'opportunità di raccogliere e dirigere il prana (forza vitale) necessaria per seguire il rigoroso percorso di un vero bhakti yogi. 

"Solo quando avrai rimosso gli ovvi ostacoli alla circolazione del prana dal tuo kosha [guaine corporee] il prana [sarà in grado di circolare]", dice. "Quindi puoi raccoglierlo e raffinarlo e farlo scendere in profondità nel tuo midollo."

Ma mentre far circolare il tuo prana è un obiettivo degno, Svoboda pensa che non sia importante - e potenzialmente dannoso per il sentiero della bhakti - rimanere coinvolto in una complicata pratica degli asana, che potrebbe dissuaderti dal vero obiettivo di conoscere il tuo autentico Sé.

Alcuni yogi occidentali si dilettano nel bhakti yoga attraverso una preghiera occasionale o un kirtan. Ma se sei un praticante serio che cerca di trovare l'unione con il Divino, è necessaria una pratica più rigorosa. 

Svoboda dice che il sentiero della devozione implica dedizione e resa totali. Non identifica una persona, una divinità, un oggetto o un'idea a cui i bhakti yogi dovrebbero dedicarsi. Ogni individuo ha bisogno di scoprire che attraverso qualunque processo in cui crede - una preghiera a Dio o una richiesta all'universo - per chiedere una guida, dice.

 "Devi dire: 'Ho un disperato bisogno di essere guidato e chiedo indicazioni su cosa fare, chi adorare, come adorare e quando farlo. Chiedo la tua guida permanente nella mia vita'".

E potresti aver bisogno di farlo ripetutamente, dice Svoboda, fino a quando non ti arrendi davvero, non solo in modo superficiale. Dice che hai bisogno di determinazione, pazienza e una certa disperazione per arrenderti completamente al sentiero della bhakti.

 Sembra un compito arduo per gli occidentali, ma vale sicuramente la pena provarlo. "Se pratichi gli asana, pratica un po 'di bhakti ogni giorno", consiglia. Se per te funziona, dedica te stesso ad esso; la determinazione ripaga. "Devi decidere che questo percorso di devozione è ciò che farai - [che] questo è ciò che è più importante per te. Dì a te stesso che la vita è breve, che la morte è inevitabile. Dì a te stesso: 'Io no' Non voglio essere dove sono adesso quando morirò. '"

Chi è il tuo Guru o il tuo Dio?

Proprio come Akka Mahadevi si è dedicata a Shiva, alcuni bhakti moderni si dedicano a una divinità specifica. Ad esempio, Seitz si sente guidata da Saraswati e da altre divinità nel suo lavoro creativo nel campo dell'editoria di libri.

Altri ancora si dedicano a un guru, vivo o morto. Per i praticanti dello Yoga integrale, è Swami Satchidananda; Gli yogi Sivananda riveriscono Swami Sivananda; I membri del Siddha Yoga seguono Gurumayi Chidvilasananda. Ciascuna di queste tradizioni mantiene ashram o centri in cui i seguaci si riuniscono per ricevere istruzioni spirituali e per riunirsi per la meditazione e gli atti di adorazione come le cerimonie della puja.

Alcuni trovano che avere un guru sia essenziale per il sentiero della bhakti. L'insegnante di yoga della California settentrionale Thomas Fortel è stato profondamente coinvolto nella tradizione Siddha Yoga per due decenni. 

Dice che il suo insegnante, Gurumayi, lo ha fatto sentire abbastanza al sicuro da esplorare e arrendersi a Dio. Uttal dice che il suo guru, Neem Karoli Baba, lo ha aiutato a insegnargli che l'energia divina è in tutti. Ma entrambi gli studenti danno una svolta moderna alla domanda del guru. "Alla fine, si tratta di interiorizzare ciò che ho imparato e farlo mio", dice Fortel.

Uttal suggerisce che un guru indù non è essenziale. "Credo che tutti abbiano un guru. Quel guru non assume necessariamente una forma umana, ma se ne hanno bisogno, è lì", dice. "Per me, la bhakti assume una forma particolare: cantare kirtan, suonare musica, essere sposata ed essere papà. Penso che il mio bambino sia un'espressione della mia pratica bhakti tanto quanto qualsiasi mantra." 

Ma esita a dire che può dare una vera definizione di bhakti o dire cosa comporta la pratica per chiunque tranne se stesso. "Una delle cose spaventose dell'essere chiesta la definizione di bhakti è che mi apre la porta a pensare di sapere qualcosa. Per me, una delle parti più grandi della bhakti è ricordare che non so niente. Qualunque cosa faccia poiché il mio ego porta solo più ego. Tutto quello che posso iniziare a fare è offrire tutto a Dio ".

Vedi anche  Ultimate Vibration: The Power of Bhakti Yoga and Kirtan

Original text


Ampliare la definizione di "Bhakti Yoga"

Molti bhakti yogi moderni credono che "il guru" possa essere trovato in tutte le cose. La Bhakti, quindi, diventa uno stato mentale, una coscienza che implica l'abbraccio dell'Amato, in qualunque forma assume. L'insegnante di yoga di San Francisco Rusty Wells chiama il suo stile di yoga "Bhakti Flow". Per lui, la definizione di bhakti yoga può diventare inutilmente complicata: "Quello che ho sempre capito è che è un modo semplice per abbracciare l'Amato, il Divino, Dio o la connessione con altri esseri senzienti su questo pianeta", dice. . Spesso inizia la lezione incoraggiando gli studenti a offrire il loro sforzo, compassione e senso di devozione a qualcuno nella loro vita che sta lottando o soffre.

Sherman, che si basa anche su un'interpretazione contemporanea della bhakti, mira a ispirare la pratica della devozione nei suoi studenti. 

"Tutti condividono l'esperienza dell'amore, ma sembra diversa per ogni persona", dice. "Alcune persone si innamorano follemente di diversi aspetti della natura; per altri, è un modo di ballare o parlare in modo poetico. Può sembrare tante cose diverse. Non cerco di determinare cosa sia per qualcuno, ma semplicemente insegnando da quel luogo d'amore dentro di me, la mia speranza è che le persone si sentano benvenute per trovare quel posto dentro di sé ".

Vedi anche Devotion in Motion: 3 rituali per infondere significato ad Asana

Cantando la tua strada verso l'illuminazione: Kirtan

Un modo per trovare quel posto dentro di te è cantare, specialmente cantando inni a Dio. Il kirtan , o canto di chiamata e risposta, è una delle forme tradizionali di bhakti yoga; la parola significa "lode". In India le persone adorano divinità specifiche cantando loro inni di lode. Oggi puoi trovare incontri di kirtan in molti studi di yoga, sale da concerto e centri di ritiro in tutto il paese.

Uttal dice che il kirtan può aiutare a canalizzare le emozioni in modo curativo. "Noi come cultura abbiamo bisogno di guarire il cuore, condividere il cuore, esprimere il cuore. In definitiva, dobbiamo usare il cuore per guarire il mondo e connetterci a Dio. Le due cose accadono insieme".

Uttal vede l'aumento dell'interesse per il bhakti yoga sotto forma di kirtan come una cosa meravigliosa per la coscienza collettiva: "L'approccio alla spiritualità in Occidente non ha preso in considerazione tutte queste cose nel nostro cuore. Sono state asana fisiche e rigorose tecniche di meditazione che, se non comprese a fondo, possono mettere da parte il sé emotivo ". 

Cantare la tua lode per Dio, d'altra parte, tende ad aprire il tuo cuore e può creare una connessione diretta con il Divino, o almeno creare un sentimento positivo nel tuo cuore.

Svoboda concorda sul fatto che è bello cantare bhajana (inni sanscriti) per entrare in un nuovo spazio. Ma mette in guardia dal pensare che puoi davvero dedicarti al bhakti yoga unendoti occasionalmente a un kirtan. 

"Questo di per sé non sarà sufficiente per avere un effetto trasformativo che penetrerà nelle parti più profonde e oscure del tuo essere", dice. "Non credo che la maggior parte delle persone nella comunità dello yoga abbia un'idea del grado di profondità, intensità e consistenza emotiva necessarie affinché il bhakti yoga possa davvero fiorire".

Il futuro del Bhakti Yoga

Tuttavia, è una buona cosa che gli occidentali inizino a sperimentare con il bhakti yoga ed esplorino questo percorso verso la connessione con il Divino.

 "La Gita ha aperto la porta in modo che chiunque possa avere la propria relazione con Dio", dice Pomeda. Gli insegnanti di Hatha non sono molto formati nella bhakti, ma Pomeda prevede che, man mano che la pratica yoga americana si approfondisce, più istruttori lo scopriranno dentro di sé e porteranno più bhakti nella pratica per insegnare agli altri. "È fantastico", dice. "Stiamo finalmente scoprendo la ricchezza di ciò che lo yoga ha da offrire".

Sebbene questa sia un'antica tradizione, quella ricchezza si estende oltre il tappeto e persino nel ritmo veloce della vita moderna. 

Per Seitz, il sentiero della bhakti ha cambiato il modo in cui vive la vita. Nella frenesia di Manhattan, l'ha messa in contatto con una comunità di yogi che la pensano allo stesso modo che partecipano a cerimonie rituali al centro di Sivananda. Le sue pratiche devozionali la aiutano a rimanere positiva e a provare gratitudine durante le attività quotidiane della vita come mangiare un pasto o andare in metropolitana. 

"Immagino che le persone pensino di non avere tempo per il bhakti yoga", dice Seitz. "La gente pensa, 'OK, ho 5 minuti, illuminami.'" 

Ma quando ti prendi del tempo, potresti realizzare che la bhakti è solo un altro modo per andare avanti sul sentiero spirituale. Facendo eco ai sentimenti di molti, Seitz dice semplicemente che è una pratica che fa nella speranza di raggiungere l'illuminazione un giorno.

Raccomandato

Posa di pesce
Sequenza per principianti di 30 minuti per ripristinare la tua prospettiva sulla vita
Supporto sulle spalle