Come vedere il tuo vero sé

Drgdarsana saktyoh

ekatmata iva asmita

La falsa identificazione confonde la natura del veggente o Sé con la natura dello strumento di percezione. In altre parole, la falsa identificazione avviene quando scambiamo mente, corpo o sensi per il vero Sé.

—Yoga Sutra II.6

Una delle mie studentesse è una donna di successo, in forma, attraente e felice sulla cinquantina. Recentemente mi ha detto che con il passare degli anni si è ritrovata a sentirsi sempre meno a proprio agio nella propria pelle. Ogni volta che si guardava allo specchio, si accorgeva di come la sua pelle cambiava con l'età e si sentiva infelice e scossa, quasi come se non si riconoscesse. Questa angoscia per i cambiamenti fisici che la mia studentessa stava sperimentando mentre cresceva è un esempio lampante di ciò che Patanjali descrive nello Yoga Sutra II.6 come asmita , o falsa identificazione.

A volte tradotto come "ego", asmita è la seconda delle cinque afflizioni della mente, o klesas , delineate nel secondo capitolo dello Yoga Sutra. Asmita accade quando ti identifichi con le parti di te che cambiano - tutto, dalla mente al corpo, aspetto o titolo di lavoro - invece che con il posto tranquillo dentro di te che non cambia. È quando credi erroneamente, a un certo livello, che il tuo aspetto o i tuoi sentimenti o quello che fai per vivere (o anche quanto bella o malconcia una macchina che guidi) abbia qualcosa a che fare con chi sei e che queste cose definirti, invece di riconoscere che il tuo vero Sé - chi sei nel profondo - è immutabile.

Secondo la filosofia yoga, questa parte immutabile di te è conosciuta come il "veggente" - il cit , drasta (drg) o purusa - ciò che sperimenta o "vede" il mondo attraverso la lente della mente. Come spiega Patanjali negli Yoga Sutra, la mente - che include i tuoi pensieri, le tue emozioni e persino l'input sensoriale che ricevi dal tuo corpo - è lo strumento di percezione attraverso il quale il veggente si impegna con il mondo che ti circonda.

Il veggente è ciò che potresti pensare come la tua voce interiore o guida. Viene spesso definito semplicemente come il Sé. È la tua vera essenza e lo yoga insegna che questa essenza rimane stabile indipendentemente da ciò che accade intorno a te oa te, se ti senti connesso con questa parte di te o lontano da essa.

Asmita, o falsa identificazione, è comune a tutti perché le nostre qualità esterne influenzano inevitabilmente il modo in cui ci vediamo. Puoi identificarti con il tuo genere, le tue preferenze sessuali, la tua etnia o lo stile di yoga che pratichi. Forse la tua percezione di te stesso include che sei alto, muscoloso, sensibile, bruna, tatuato, compassionevole, un genitore, un praticante di yoga e un cuoco gourmet. Queste qualità sono una parte importante di come ti vedi e di come ti vedono i tuoi cari e i tuoi amici, e apprezzarli e apprezzarli è una parte importante del modo in cui ti impegni nel mondo.

La sfida, e dove sta la lezione di questo sutra, è che mentre è bello apprezzare e valutare tutti questi aspetti di te stesso, se ti identifichi troppo strettamente con gli aspetti mutevoli di te stesso, Patanjali dice che ti prepari per la delusione e sofferenza.

Quando arriva il cambiamento, come inevitabilmente accade per una serie di ragioni, potresti sentirti a disagio, persino alla deriva, come ha fatto la mia studentessa quando ha notato come la sua pelle cambiava con l'età. (Ovviamente, non percepiamo tutti i cambiamenti come negativi, ma si applica lo stesso insegnamento: se ottieni un ottimo taglio di capelli o una grande promozione, vinci alla lotteria o perdi 100 libbre, queste cose potrebbero darti piacere e soddisfazione, ma non ti definiscono.)

Godersi gli aspetti transitori del nostro corpo fa parte della bellezza e della ricchezza dell'essere vivi. Questi aspetti del tuo Sé sono una parte importante di ciò che sei. Semplicemente non sono tutto ciò che sei. Se riesci a riconoscere che c'è qualcosa di più profondo dentro di te che è immutabile - il tuo vero, autentico Sé - e se riesci a connetterti e identificarti con quella parte di te stesso, che è molto più del tuo aspetto e dei tuoi risultati nel mondo, dice Patanjali , è probabile che tu sia meno infastidito da cambiamenti fisici (o altri cambiamenti) che sono al di fuori del tuo controllo.

True You

Quando si tratta dei cambiamenti che avvengono con l'età, come quelli che turbavano il mio studente, Patanjali non sta dicendo che non puoi piangere per questi cambiamenti. Chi non vorrebbe vivere con la pelle di 20 anni? Né direbbe che non dovresti colorare i tuoi capelli grigi se lo desideri, fare esercizio per mantenerti in forma o continuare a fare le cose che ami man mano che invecchi, purché tu capisca che niente di tutto ciò influenza chi sei il tuo core.

La chiave per l'autoaccettazione, secondo Patanjali, è che più sei connesso con l'immutabile Sé, meno soffri per gli inevitabili cambiamenti del non-Sé. Questa capacità di discernere ciò che è il tuo vero Sé da ciò che non lo è - di connetterti con quel vero, autentico Sé e di agire il più spesso possibile da quel luogo tranquillo e consapevole - è la chiave per sentirti meglio come risultato della tua pratica yoga.

Quando ho iniziato a studiare con il mio insegnante, TKV Desikachar, più di 20 anni fa, mi ha detto: "Lo yoga è una relazione". Mentre ho riflettuto sui molti strati e significati di questa definizione nel corso degli anni, ho imparato ad apprezzare che, in effetti, la relazione più importante che avrai mai è la tua relazione con il Sé.

Conoscerti, riuscire a conoscerti

Prenditi del tempo per coltivare la tua relazione con il tuo Sé. Connettersi con il Sé è la soluzione per asmita, ma quel "sé" può sembrare sfuggente e difficile da connettere, in particolare quando si è alle prese con problemi di auto-accettazione. Quando la connessione sembra difficile da stabilire, questa pratica di coltivare sentimenti di gentilezza e pazienza con te stesso può aiutare.

Trova un luogo in cui ti senti a tuo agio, nutrito e supportato e che associ al sentirti meglio di te stesso. Se non riesci a trovare un luogo così fisico, pensa a un luogo oa un ricordo che associ a questa sensazione. Potrebbe essere un posto sotto un albero che amavi da bambino o il ricordo di aver giocato a un gioco preferito o di andare in bicicletta.

Mentre rifletti su questo luogo o ricordo, cerca di connetterti con quella sensazione di chi sei al centro: come ti senti nel tuo sé più autentico.

Una volta che ti senti connesso a questo luogo in cui ti senti più te stesso, ricorda che anche se il tuo corpo e le circostanze potrebbero essere cambiati, quella stessa persona è dentro di te. Se c'è una circostanza particolare che ti preoccupa, cerca di coltivare sentimenti di compassione e amicizia verso te stesso immaginando come un amico o una persona cara potrebbe confortarti.

Trascorri alcuni respiri o minuti a connetterti con questa immagine e queste sensazioni prima di andare a letto, come prima cosa al mattino o durante una pausa della giornata. Fallo ogni giorno per diverse settimane: coltivare una relazione con il Sé richiede tempo.

Trascorri del tempo con te stesso anche in altri modi. Facendo asana, cantando,

la corsa o qualsiasi altra attività che ti piace può essere un modo per nutrire questa relazione se puoi concentrarti oltre il corpo fisico per connetterti più profondamente con te stesso.

Nel tempo e con la pratica, la tua relazione con il tuo Sé può essere rafforzata in quasi tutte le attività che scegli, e il tuo yoga diventerà davvero una pratica in azione.

Kate Holcombe è la fondatrice e presidente della Healing Yoga Foundation senza scopo di lucro a San Francisco.

Raccomandato

Buzzed: Yoga and Alcohol
Di quale olio essenziale ha bisogno il tuo chakra? Rispondi al nostro quiz!
12 pose per mantenere la calma quest'estate