Esercitarsi in sicurezza con protesi d'anca bilaterali

—Maris Edwards, Coconut Creek, Florida

La risposta di Roger Cole:

Le posture migliori e peggiori dopo la sostituzione dell'anca dipendono dall'approccio chirurgico adottato dal medico durante l'impianto dei fianchi e dal proprio livello di flessibilità e / o forza nella regione dell'anca.

Ecco alcuni principi guida per praticare lo yoga se hai subito protesi d'anca:

    • Chiedi al tuo medico quali azioni sono utili e quali evitare nel tuo caso personale. Le sue raccomandazioni possono differire dal mio consiglio generale.
      • Se hai avuto più lussazioni, potresti aver provato a fare troppo e troppo presto. Se il problema persiste, può essere necessario un intervento chirurgico correttivo.
        • Le protesi d'anca parziali sono molto meno inclini alla lussazione rispetto alle protesi totali. Si applicano le stesse precauzioni generali, ma dovresti essere in grado di fare più movimenti in sicurezza.
        • Se l'approccio chirurgico adottato dal medico per impiantare i fianchi era posteriore(dalla parte posteriore), le azioni che più probabilmente causano la lussazione sono l'adduzione (p. es., incrociare le gambe all'altezza delle ginocchia), la flessione (piegarsi in avanti sui fianchi) e la rotazione interna (girare le cosce verso l'interno). Le combinazioni di queste azioni sono peggiori di qualsiasi singola azione, quindi posture come le seguenti possono causare particolari problemi: Uttanasana (Standing Forward Bend - flessione e rotazione interna; Garudasana (posizione dell'aquila) - adduzione e flessione; Gomukhasana (Cow Face Pose) —Adduzione e flessione, e Balasana (posa del bambino) e MDASH; flessione e rotazione interna. D'altra parte, la maggior parte delle posture di flessione all'indietro dovrebbero essere OK poiché coinvolgono principalmente l'estensione, con alcuni rapimenti involontari (allargare le gambe) e rotazione esterna.Le pose a gambe aperte come Utthita Trikonasana (Triangle Pose) e Virabhadrasana II (Warrior II Pose) probabilmente non ti daranno problemi poiché richiedono anche principalmente abduction e rotazione esterna; tuttavia, nessuno dei due dovrebbe essere portato alla sua portata estrema. Un programma di yoga conservativo dopo la sostituzione dell'anca con un approccio chirurgico posteriore non includerebbe l'incrocio delle gambe per almeno 3-6 mesi e nessuna flessione oltre i 90 gradi per un anno dopo l'operazione. Trascorsi questi limiti di tempo, l'anca è ancora vulnerabile alla lussazione in queste direzioni, anche se in misura minore, quindi procedere con cautela.Un programma di yoga conservativo dopo la sostituzione dell'anca con un approccio chirurgico posteriore non includerebbe l'incrocio delle gambe per almeno 3-6 mesi e nessuna flessione oltre i 90 gradi per un anno dopo l'operazione. Trascorsi questi limiti di tempo, l'anca è ancora vulnerabile alla lussazione in queste direzioni, anche se in misura minore, quindi procedere con cautela.Un programma di yoga conservativo dopo la sostituzione dell'anca con un approccio chirurgico posteriore non includerebbe l'incrocio delle gambe per almeno 3-6 mesi e nessuna flessione oltre i 90 gradi per un anno dopo l'operazione. Trascorsi questi limiti di tempo, l'anca è ancora vulnerabile alla lussazione in queste direzioni, anche se in misura minore, quindi procedere con cautela.
        • Se l'approccio chirurgico adottato dal medico per impiantare l'anca (i) era anterolaterale(dalla parte anteriore / laterale, spesso chiamata semplicemente "anteriore"), le azioni che più probabilmente causano lussazione sono l'abduzione, l'iperestensione (flessione all'indietro dei fianchi) e la rotazione esterna (rotazione delle cosce in fuori) .Pertanto, posture come le seguenti possono causare problemi particolari: Utthita Trikonasana (Triangle Pose) —abduzione e rotazione esterna; Virabhadrasana II (Warrior II Pose) —abduzione e rotazione esterna; Virabhadrasana I (Warrior I Pose): estensione di un'anca; la maggior parte dei piegamenti all'indietro (estensione di uno o entrambi i fianchi); Baddha Konasana (Bound Angle Pose): rotazione esterna e abduzione; e qualsiasi variazione di Padmasana (Posizione del Loto): estrema rotazione esterna. D'altra parte, le pose elencate in precedenza come peggiori per coloro il cui intervento era posteriore possono essere OK per coloro che hanno subito un intervento chirurgico anteriore.Un programma di yoga conservativo dopo la sostituzione dell'anca con un approccio chirurgico anteriore eviterebbe le seguenti azioni per un anno dopo l'intervento: iperestensione dell'anca (cioè, nessuna posizione del guerriero I o piegamenti all'indietro), posture sedute che girano fortemente l'osso della coscia (nessun incrocio dalla caviglia alla coscia opposta, niente Baddha Konasana o Padmasana), e nessun ampio rapimento (niente Warrior II Pose). Dopo che questi limiti di tempo sono trascorsi, l'anca è ancora vulnerabile alla lussazione in queste direzioni, ma meno, quindi introduci queste azioni con cautela.e nessun ampio rapimento (niente Warrior II Pose). Dopo che questi limiti di tempo sono trascorsi, l'anca è ancora vulnerabile alla lussazione in queste direzioni, ma meno, quindi introduci queste azioni con cautela.e nessun ampio rapimento (niente Warrior II Pose). Dopo che questi limiti di tempo sono trascorsi, l'anca è ancora vulnerabile alla lussazione in queste direzioni, ma meno, quindi introduci queste azioni con cautela.
        • Indipendentemente dal tipo di intervento chirurgico, lavorare per stabilire la gamma di movimento funzionale, ma evitare azioni estreme dell'anca in qualsiasi direzione. Ad esempio, potrebbe essere ragionevole aspirare a flettere i fianchi abbastanza da allacciarsi le scarpe, ma non mettere il piede dietro la testa! La gamma di movimento funzionale ti aiuta a godere delle normali attività della vita quotidiana. Azioni estreme possono causare dislocazione o far urtare l'asta o la testa del femore artificiale sul bordo della cavità dell'anca, danneggiando l'articolazione. Molte posizioni yoga mettono l'anca in posizioni estreme, ma di solito puoi modificarle eseguendole solo in parte. Ad esempio, nelle posture Guerriero, tieni i piedi più vicini del solito e non piegare completamente il ginocchio.
        • Per ridurre il rischio di lussazione, è fondamentale stabilizzare l'articolazione dell'anca rafforzando i muscoli che la attraversano. Quasi tutte le posizioni in piedi vanno bene per questo, ma dovrebbero essere praticate solo in parte per evitare azioni estreme e allungamenti eccessivi e per limitare movimenti specifici che rendono più probabile la dislocazione. Posture che rafforzano i muscoli nelle regioni del tendine del ginocchio, dei glutei e dei fianchi possono essere particolarmente utili dopo un intervento chirurgico posteriore, perché questi muscoli resistono all'adduzione e alla flessione. Molti piegamenti all'indietro rafforzano i muscoli posteriori della coscia e i glutei (ad esempio, Setu Bandha Sarvangasana (Bridge Pose). Vrksasana (Tree Pose) e altre posizioni in piedi con una gamba rafforzano il fianco dell'anca. Possono essere posture che rafforzano i flessori dell'anca, gli adduttori e i rotatori mediali utile dopo un intervento chirurgico anteriore. Una di queste posizioni è Navasana (Boat Pose),personalizzato stringendo un blocco tra le cosce e sforzandosi di girare i talloni.

        Roger Cole, Ph.D., è un insegnante certificato di Iyengar Yoga e uno scienziato ricercatore specializzato nella fisiologia del rilassamento, del sonno e dei ritmi biologici. Forma insegnanti e studenti di yoga in anatomia, fisiologia e pratica di asana e pranayama. Insegna workshop in tutto il mondo. Per ulteriori informazioni, visitare //rogercoleyoga.com.

        Raccomandato

        Buzzed: Yoga and Alcohol
        Di quale olio essenziale ha bisogno il tuo chakra? Rispondi al nostro quiz!
        12 pose per mantenere la calma quest'estate