Yoga: il percorso verso l'essere universale

"AUM TAT SAT è dichiarato essere la triplice designazione dell'assoluto ... Gli atti di sacrificio, carità e austerità prescritti dai testi sacri iniziano sempre con l'enunciazione della parola 'AUM' da parte di quelle anime nobili a cui è dato recitare il Canti vedici. Con l'idea che tutto gli appartenga (TAT), i vari atti di sacrificio, penitenza e dono vengono eseguiti da cercatori di liberazione senza desiderare alcun frutto in cambio. Il nome divino "SAT" è impiegato nel senso di verità e bontà; anche così, Arjuna, il termine "SAT" è usato nel senso di un atto lodevole. La costanza nel sacrificio, nella penitenza e nel dono è anche designata come "SAT" e, in verità, l'azione per amore di Lui è definita come "SAT". "

- Bhagavad Gita, cap. 17 Vv. 23 - 27.

Uno dei modi migliori in cui possiamo aiutare i nostri studenti a coltivare una maggiore consapevolezza e collegare il piccolo sé al Sé superiore è attraverso l'uso del mantra. I mantra hanno il potere di risvegliare la coscienza. Uno dei grandi mantra usati per ottenere questo risultato è spesso usato come saluto in India. Invece di dire semplicemente "ciao" o "come stai?" gli yogi diranno spesso Hari Om o Hari Om Tat Sat.

Hari significa "il cosmo manifesto," AUM "il regno invisibile non manifesto," Tat significa "quello" e Sat significa "la realtà ultima". Pertanto, questo saluto ci aiuta a risvegliarci alla nostra vera natura. Ricordiamo a noi stessi e agli altri che siamo molto più di un semplice corpo e mente. Manteniamo nella nostra consapevolezza la verità che siamo sia un essere individuale che anche una coscienza superiore; che c'è una vasta coscienza assoluta che è sia invisibile che al centro di tutte le forme manifestate. Non dovremmo mai dimenticarlo; è l'essenza dello yoga.

Lo yoga ci insegna a svilupparci come esseri individuali e come esseri universali. Questo articolo ci aiuterà a sviluppare una visione più chiara della differenza tra coscienza ed esistenza individuali e coscienza ed esistenza universali. È solo quando manteniamo questa comprensione nella nostra consapevolezza che possiamo indirizzare la nostra pratica yoga in modo da connettere veramente queste due parti di noi stessi. Quando lo facciamo, possiamo aiutare i nostri studenti a fare lo stesso.

Il viaggio dalla coscienza individuale a quella universale

La personalità individuale è composta da un corpo-mente e da una coscienza individuale e localizzata. La coscienza individuale è localizzata in un frammento di tempo e spazio, una piccola identità. La sua vera natura è la coscienza non localizzata, ma solo un frammento della nostra coscienza è risvegliato. Il resto è addormentato o incosciente. Questo è il motivo per cui sperimentiamo noi stessi come individui: la nostra coscienza è come una piccola fiamma di candela in una notte senza luna. Non ha ancora il potere di un sole che può illuminare tutto lo spazio. E così non possiamo sperimentare la vasta parte trascendente di noi stessi che, secondo le Upanishad, brilla come un milione di soli.

Poiché la nostra consapevolezza è limitata, possiamo sentire solo una piccola parte di noi stessi. Pertanto, sviluppiamo una piccola personalità che si identifica con quella piccola parte di noi stessi. Ci sentiamo separati dal mondo che ci circonda e cerchiamo lo "yoga": l'unione con la vita, con qualcosa di più grande di ciò che pensiamo e sentiamo di essere. Ciò con cui miriamo a unirci è la coscienza universale, con il nostro vero Sé. Siamo come pesci che nuotano in un oceano, ma non sappiamo che vaste acque li circondano. Allo stesso modo, siamo una coscienza limitata in una vasta coscienza universale ma siamo inconsapevoli della sua esistenza; non possiamo sentirlo o sperimentarlo.

La coscienza universale è la totalità del nostro essere. È coscienza non localizzata. La coscienza universale non è bloccata in un posto ma è contenuta all'interno e trascende anche lo spazio e il tempo. Il mantra che significa coscienza universale è AUM.

Le filosofie yogiche e tantriche ci insegnano che la coscienza universale ha due aspetti di coscienza cosmica ed energia / materia cosmica. Questi aspetti di energia / materia e coscienza si compenetrano a vicenda e non possono essere separati nello stesso modo in cui la luce e il calore non possono essere separati dal sole. C'è un mondo di forma che è l'esistenza manifesta e c'è un mondo che è privo di forma, un regno di pura coscienza. Il processo di studio di questi due poli del nostro essere è un viaggio veramente potente, gioioso e maestoso in quanto è un'indagine sulla nostra essenza e l'essenza dell'universo.

Il percorso yogico

Il viaggio yogico inizia con la personalità individuale che cerca di comprendere e coltivare se stessa. Impariamo come avere un corpo sano e una mente forte e calma, e come relazionarci al mondo con maggiore abilità e consapevolezza. Questa prima fase di esplorazione yogica è finalizzata allo sviluppo di una personalità individuale equilibrata, sana e integrata.

La seconda fase dello studio yogico sviluppa la nostra relazione e connessione con gli aspetti superiori e più universali di noi stessi. Questo processo può realmente avvenire solo in un senso incarnato ed esperienziale quando abbiamo completato un lavoro preliminare sul piccolo corpo-mente. Prima di questo, il sé universale è solo un concetto intellettuale, non una presenza vissuta.

La terza fase dello studio yogico ci conduce all'obiettivo finale dello yoga, in cui ci fondiamo con la parte assoluta e illimitata di noi stessi e ci rendiamo conto che siamo sia il pesce che l'oceano. Questo è il massimo conseguimento nello yoga e arriva solo dopo aver svolto molto lavoro su noi stessi. Tuttavia, è importante ricordare che questo obiettivo esiste.

Consapevolezza-consapevolezza ed energia

La personalità umana individuale ha due aspetti fondamentali: consapevolezza ed energia. La consapevolezza è sinonimo di coscienza. È l'aspetto eterno, immutabile, immateriale, invisibile dell'essere. Non ha personalità o caratteristiche ed è la nostra vera natura ed essenza. È ciò con cui lo yogi desidera unirsi.

L'energia, d'altra parte, è l'aspetto in eterno mutamento che ha infinite caratteristiche e forme. È l'energia che crea, modella e guida il nostro corpo-mente - la parte visibile e tangibile di noi stessi. L'energia è equivalente alla materia ed è la fonte di tutte le manifestazioni. Dall'universo invisibile non manifesto arriva l'universo visibile, l'universo dei nomi e delle forme. Le forme viventi sono veicoli che trasportano la coscienza individuale. La coscienza individuale è sveglia, sognante o addormentata.

Lo yoga ha due divisioni principali dell'insegnamento. La prima divisione è la coltivazione della consapevolezza e la seconda è lo sviluppo delle abilità interiori, della forza e dell'intelligenza creativa che ci consente di manipolare e padroneggiare il corpo-mente. Più siamo consapevoli, più possiamo accedere alla nostra intelligenza e intuizione innate. Più siamo consapevoli e intelligenti, più abilmente possiamo eseguire le varie tecniche yogiche in modo da apportare cambiamenti positivi, potenti, creativi e duraturi, cambiamenti che migliorano la nostra vita e quella degli altri.

Da un punto di vista pratico, lo yoga è il sistema che ci permette di collocare la nostra consapevolezza nei sistemi energetici del corpo-mente in modo da poter sentire parti di noi stessi che sono diventate inconsce, che sono state tagliate fuori dal sentire. La consapevolezza ci permette di sentirci di più e di sentirci connessi. Meno consapevolezza abbiamo, più ci sentiamo isolati e scollegati. L'intero processo crea salute e forza mentale come sottoprodotto.

Come insegnanti di yoga, una delle cose migliori che possiamo fare è rafforzare continuamente la consapevolezza di ciò che stiamo facendo piuttosto che la tecnica idealizzata e perfezionata. Rafforzando la consapevolezza, gli studenti possono diventare più consapevoli dei propri processi e applicare meglio la propria intelligenza creativa e intuizione alla pratica dello yoga. Questo coltiva abilità, creatività e gioia.

Vedendo noi stessi

Lo yoga allena il nostro corpo, mente e spirito, trasformando il nostro sistema nervoso e la mente in modo che possiamo raggiungere, mantenere e sostenere una maggiore consapevolezza. Non è facile diventare un essere più cosciente; ci sono parti di noi che preferiremmo non vedere. Tuttavia, uno degli obiettivi dello yoga è riconnettersi a ciò che è invisibile dentro di noi, e man mano che diventiamo più consapevoli vedremo, sentiremo e sperimenteremo sicuramente di più di noi stessi, inclusi i "pezzi buoni" e i "pezzi cattivi" ; l'oscurità e la luce coesistono all'interno.

Più consapevolezza abbiamo, maggiore è la luce che risplendiamo nel nostro essere, illuminando ciò che è stato tenuto nell'oscurità. Se non affrontiamo questi aspetti di noi stessi, rimangono inconsci ma continuano ad agire. Se lasciate all'oscuro, queste forze diventano "demoniache", rivoltandosi contro di noi e facendoci fare cose che preferiremmo non fare e sentire cose che preferiremmo non sentire. Ad esempio, potremmo sviluppare dipendenze e dipendenze da cibo, droghe o persone.

Lo yoga fornisce gli strumenti per sviluppare il nostro corpo-mente, per gestire la nostra energia e forza vitale e per coltivare la consapevolezza. Ci dà gli strumenti per risvegliare la consapevolezza in modo che possiamo sentire di più di noi stessi e ci dà anche gli strumenti per gestire qualsiasi debolezza che troviamo. In questo modo, non ci sentiamo impotenti e incapaci di gestire le forze interne del corpo-mente, i pensieri e le emozioni indisciplinati. Il lato filosofico dello yoga ci fornisce anche strumenti sotto forma di obiettivi più elevati e principi più elevati che possono guidare le nostre vite in modo che possiamo sviluppare una relazione profonda e duratura con forze superiori e coscienza superiore. Dobbiamo solo sapere come applicare questi strumenti. In definitiva questi strumenti sono il percorso verso l'auto-realizzazione.

Hari AUM Tat Sat

Il dottor Swami Shankardev Saraswati è un eminente insegnante di yoga, autore, medico e terapista dello yoga. Dopo aver incontrato il suo Guru, Swami Satyananda Saraswati, nel 1974 in India, ha vissuto con lui per 10 anni e ora insegna yoga, meditazione e tantra da più di 30 anni. Swami Shankardev è un Acharya (autorità) nel lignaggio Satyananda e insegna in tutto il mondo, inclusi Australia, India, Stati Uniti ed Europa. Le tecniche di yoga e meditazione sono alla base della sua pratica di yoga terapia, medicina, ayurvedica e psicoterapia da oltre 30 anni. È una guida compassionevole e illuminante, dedita ad alleviare la sofferenza dei suoi simili. Puoi contattarlo e leggere di più sul suo lavoro su www.bigshakti.com.

Original text


Raccomandato

Buzzed: Yoga and Alcohol
Di quale olio essenziale ha bisogno il tuo chakra? Rispondi al nostro quiz!
12 pose per mantenere la calma quest'estate