Love at First Bite: The Aesthetics of Food

Il cibo, come uno degli elementi primari che crea e sostiene tutta la vita, ha il potenziale per essere un oggetto di grande bellezza. Dalla perfezione di una scintillante torta di lamponi, ai piaceri inebrianti di un pasto di cinque portate in un ristorante a tre stelle, il cibo può rivelare la meraviglia e lo stupore della vita. Ma cosa ti fa percepire un alimento come bello? Anche se "la bellezza è negli occhi di chi guarda", perché quello che trovo bello potresti trovare terribilmente brutto? La torta di mousse al cioccolato decorata ad arte che pensi sia da morire potrebbe spontaneamente farmi pensare "Preferirei morire piuttosto che mangiarlo!"

Perché trovi qualcosa di attraente o ripugnante, bello o brutto, delizioso o disgustoso, ha a che fare con la tua estetica personale o il tuo senso del gusto. Un senso estetico di base è qualcosa che tutti possiedono: tutti abbiamo una serie di preferenze. Con il cibo, questo va ben oltre i gusti che percepisci con la lingua. Prima ancora di aver preso un boccone, sei attratto da alcuni cibi piuttosto che da altri, fortemente attratto da questa "prelibatezza" o respinto da quella "spazzatura". Ma l'estetica è qualcosa di più della semplice preferenza.

Il saggio indiano Abhinavagupta ha proposto che l'estetica fosse una qualità innata che esplode, come un seme che giace dormiente finché non prende vita quando incontra la verità o la bellezza. Questo scoppio o sphota è la sensazione interna che ti fa sapere che sei in presenza della vera bellezza.

La parola estetica, che significa "essere sensibili o apprezzare ciò che è bello o piacevole per i sensi", deriva dalla parola sanscrita avis, che significa "davanti agli occhi, apertamente, manifestamente, evidentemente". La trasformazione della parola dal sanscrito all'uso moderno rivela molto sulla differenza tra l'idea occidentale di estetica come ciò che è piacevole per i sensi e un'idea più yogica dell'estetica come percezione di ciò che è evidente. Questo ideale yogico dell'estetica può essere applicato al modo in cui ti avvicini sia al cibo che alla pratica degli asana.

Mangiare yogico

Con asana, la tua impresa è incontrare ogni momento della tua pratica come qualcosa di completamente nuovo e sconosciuto: ogni posa e ogni movimento all'interno di ogni posa devono ancora essere scoperti. Senza un'idea preconcetta di quale dovrebbe essere la posa, o un'aspettativa di ciò che un dato momento della tua pratica dovrebbe produrre, vivi direttamente il momento presente - "manifestamente, apertamente, davanti agli occhi".

Vedere i cibi in questo modo significa scoprirli di nuovo ogni volta che mangi. Considera quanto diversamente ti avvicini a un cibo che non hai mai mangiato prima rispetto ai cibi che mangi spesso. Quando qualcosa è nuovo, tutti i tuoi sensi sono intensificati, mentre determini se ti piace o meno un cibo. Noti tutto di esso: come odora, si sente e guarda. Al primo morso, ti fermi a valutare i sapori prima di decidere se mangiarlo di più o non mangiarlo affatto.

Questa meraviglia e scoperta del cibo mentre lo mangi nel momento presente è il modo in cui misuri il cibo rispetto alla tua estetica alimentare interiore. Ma quando hai già mangiato un cibo o assapori cibi che hai etichettato - gourmet, ingrassante, dietetico, peccaminoso - tenderai a mangiare per abitudine. Ti perdi la verità del cibo mentre si manifesta nel momento presente.

Un esercizio interessante è assaggiare un cibo che non hai mai mangiato prima, prestando attenzione e annotando le complessità dell'esperienza. Quindi, quando hai un cibo familiare, cerca di ricordare la meraviglia e la concentrazione con cui ti sei avvicinato al nuovo cibo e applicalo al tuo ben noto preferito. Quello che scoprirai è che ogni mela, fetta di pane tostato o pasto nel tuo ristorante preferito ha le sue qualità uniche e sottili che spesso passano inosservate quando mangi abitualmente o in uno stato d'animo distratto. Se riesci a riportarti al momento presente solo per un istante e fermarti per vedere come qualunque cosa stai mangiando si allinea con te nel profondo del tuo nucleo, scoprirai di avere uno strumento immancabile per sapere cosa è veramente salutare e soddisfacente per te.

Ciclo di vita del cibo

Quando mangi, prendi qualcosa dall'esterno, lo metti in bocca, mastichi e, attraverso il miracoloso processo di digestione, diventa parte di te. Come ogni cellula del tuo corpo, questo cibo alla fine torna indietro, come rifiuto o infine nella morte, per diventare parte del resto del mondo. Questo ciclo dimostra quanto sei profondamente connesso al tuo cibo. In questa luce, non si può negare il fatto che siamo tutti parte di un tutto più grande unificato.

In termini di selezione, preparazione e consumo di cibi, ciò significa che se riesci a rimanere consapevole durante il processo alimentare, scoprirai che gli alimenti che selezioni e mangi sono parti di vitale importanza di un quadro molto più ampio della tua gratificazione personale o della tua salute . Se consideri questo ciclo di vita, sarai meno propenso a determinare cosa mangiare se questa torta di mele è più in voga di quella torta, o se questo sacchetto di patatine è più ingrassante dell'altro.

Siamo bombardati da messaggi dei media, dei medici e delle diete più recenti su ciò che dovremmo o non dovremmo trovare attraente da mangiare. L'immagine di come dovrebbe apparire un piatto di cibo elegante spesso supera l'importanza del gusto nei ristoranti di lusso. Queste nozioni si basano sui capricci attuali di qualunque cosa gli "esperti" di cibo dicano sia di buon gusto o meno. Queste immagini di cibi "giusti" sono presentate in modo così entusiasta come verità che molte persone si avvicinano al cibo come una dichiarazione di moda o una formula scientifica, piuttosto che un mezzo intimo per connettersi alla propria estetica personale.

Il cibo non è semplicemente carburante per farti andare avanti, una dichiarazione di moda gourmet, o un nemico, pronto a trasformare le tue cosce in grumi di grasso o intasare le tue arterie. C'è il potenziale per una congiunzione di verità e soddisfazione estetica in cui l'essenza di ogni cibo si interseca con la tua essenza interiore. Questa congiunzione è anche l'obiettivo della pratica dello yoga.

Raccomandato

Buzzed: Yoga and Alcohol
Di quale olio essenziale ha bisogno il tuo chakra? Rispondi al nostro quiz!
12 pose per mantenere la calma quest'estate