Comprendere la connessione mente-corpo

Per il bene di una completa rivelazione, devo dire che non mi piacciono troppo i termini "connessione mente-corpo" e "medicina mente-corpo". Da quello che ho visto, la maggior parte delle persone che usano la frase "mente-corpo" sembrano intendere il modo in cui la tua mente, principalmente i tuoi pensieri, possono influenzare il funzionamento del corpo. Anche se una volta quell'idea può essere sembrata radicale, per lo yogi è piuttosto ovvia. Nello yoga, tuttavia, apprendiamo che questo aspetto della connessione mente-corpo è in realtà solo una parte della storia.

La connessione mente-corpo: come la tua mente influenza il tuo corpo

Ho sentito insegnanti di yoga descrivere la connessione mente-corpo come qualcosa di sfuggente, un legame che speriamo di creare con la nostra pratica yoga. In realtà, la connessione mente-corpo è sempre presente, nel bene e nel male, che noi oi nostri studenti ne siamo consapevoli o meno. Considera alcuni esempi.

Se ti viene l'acquolina in bocca al pensiero di un piatto che ami, stai sperimentando la connessione mente-corpo. Se hai mai sentito le farfalle nella bocca dello stomaco mentre ti preparavi a fare una presentazione, hai sentito come i tuoi pensieri influenzano il funzionamento del tuo intestino. Un atleta che "soffoca" in un momento importante di una competizione, ottenendo prestazioni peggiori del solito, sta analogamente vedendo i risultati di uno stato d'animo di paura sulla sua capacità di coordinare le azioni muscolari.

Sperimentare la connessione mente-corpo è un evento di routine, non qualcosa che solo lo yogi avanzato può ottenere. Il problema - e il motivo per cui abbiamo il concetto di medicina mente-corpo - è che spesso la connessione è fin troppo reale e causa problemi. Potresti avere studenti che sono così ansiosi o stressati da non riuscire a dormire bene o concentrarsi sul loro lavoro. Altri potrebbero portare in giro così tanta rabbia da prepararsi a ulcere sanguinanti o attacchi di cuore.

Quello che facciamo quando insegniamo ai nostri studenti tecniche come pratyahara (la svolta dei sensi verso l'interno) e dhyana (meditazione) è togliere loro di mezzo la mente. Senza l'interferenza dei loro soliti pensieri ansiosi o arrabbiati, il sistema di risposta allo stress si rilassa e il corpo può fare un lavoro migliore per guarire se stesso. Si potrebbe dire, in un certo senso, che la medicina mente-corpo agisce interrompendo la connessione mente-corpo, almeno per un po '.

All'istituto di medicina mente-corpo della Harvard Medical School, il dottor Herbert Benson e colleghi insegnano una tecnica che chiamano Relaxation Response, che è un sistema di meditazione demistificato, modellato direttamente sulla Meditazione Trascendentale (TM), un tipo di meditazione yogica del mantra. Numerosi studi hanno dimostrato che quando si calma la mente con queste tecniche, si ottengono una varietà di risposte fisiologiche benefiche, tra cui riduzione del battito cardiaco, frequenza respiratoria, pressione sanguigna e livelli di ormoni dello stress, a vantaggio delle condizioni che vanno dall'emicrania all'ipertensione fino all'infertilità.

Sebbene la maggior parte delle pratiche yogiche non siano state studiate tanto quanto la Meditazione Trascendentale e la Risposta di Rilassamento, ha senso che un'ampia varietà di strumenti yogici, dal canto alle pratiche Pranayama come Ujjayi (Respiro Vittorioso) e Bhramari (Respiro Buzzing Bee) ad altre tecniche di meditazione, tutto ciò che coltiva il pratyahara e calma la mente, avrebbe benefici per la salute simili. E molti yogi credono che ci siano ulteriori vantaggi dalla combinazione di pratiche diverse, ad esempio facendo pranayama come preludio alla meditazione.

La connessione corpo-mente: come il tuo corpo influenza la tua mente

Il pezzo che a volte trovo mancante nelle discussioni sulla medicina mente-corpo, tuttavia, è il modo in cui il tuo corpo può influenzare lo stato della tua mente. Anche questo non è una sorpresa per lo yogi, né per chiunque altro stia prestando attenzione.

La maggior parte delle persone ha scoperto che l'esercizio, sia che si tratti di una passeggiata o di una vigorosa lezione di yoga, può sollevare il loro umore. Un massaggio o un bagno caldo possono alleviare lo stress. Funziona anche in un altro modo: gli utenti regolari potrebbero sentirsi scontrosi se gli viene negato il loro solito sfogo fisico per diversi giorni consecutivi.

La malattia fisica può anche avere effetti diretti sulla tua prospettiva mentale. In diverse occasioni nel corso degli anni, mi sono sentito depresso senza motivo che potessi apprendere. Solo la mattina dopo, quando erano comparsi mal di gola, congestione nasale e altri sintomi influenzali, mi sono reso conto che il mio umore acido era stato il modo in cui la mia mente stava reagendo alla malattia imminente (e la risposta del mio corpo ad essa), anche se Non ne avevo consapevolezza cosciente. Potresti chiamare questo pezzo del puzzle la connessione corpo-mente.

"Fai un respiro profondo", la semplice ingiunzione comunemente data quando qualcuno è arrabbiato o stressato, è un riconoscimento della connessione corpo-mente. E questo è, ovviamente, il principio di cui stiamo approfittando in particolare nella pratica degli asana. Gli yogi hanno scoperto che alcune pose, come i piegamenti all'indietro e gli allungamenti laterali, tendono a stimolare la mente, mentre altre, come le piegature in avanti e le inversioni, tendono a promuovere uno stato più tranquillo e più introspettivo.

Nella Parte 2, discuteremo pratiche individuali e sequenze di pratiche progettate per suscitare effetti specifici sulla mente (che a sua volta influisce sul corpo).

Il dottor Timothy McCall è uno specialista certificato dal consiglio di amministrazione in medicina interna, Editor medico di Yoga Journal e autore del libro Yoga as Medicine: The Yogic Prescription for Health and Healing (Bantam). Può essere trovato sul Web all'indirizzo www.DrMcCall.com.

Raccomandato

Sigillo di saluto
I migliori tappetini da cucina anti-fatica
I migliori infusori per tè in acciaio inossidabile