Costruire una solida base per la guarigione dal cancro

Sebbene non sia una cura per il cancro, lo yoga migliora il benessere fisico ed emotivo e porta una pace che molti pazienti pensavano di aver perso per sempre.

La nebbia ammorbidisce i contorni dell'albero di alloro, i tronchi bianchi delle betulle, l'agrifoglio appuntito che si trova all'ingresso dell'Holly Tree Inn dove si tiene il Ting-Sha Cancer Retreat. Sono le 17:00 ei partecipanti si fanno strada dalla vasca idromassaggio e dalla sala massaggi, o dallo studio d'arte, o dal sentiero accanto al ruscello che si snoda nel bosco, attraverso il prato fino al bed and breakfast dalla cornice gialla. Non siamo i soliti ospiti, i vacanzieri vengono ad assaporare la pace e il piacere di questo luogo a un'ora di macchina a nord di San Francisco.

Arriviamo a casa ed entriamo nella grande sala al pianterreno: nove donne e uomini, dai 30 ai 75 anni, uno di noi da lontano come Memphis. Entriamo in silenzio e ci predisponiamo per la meditazione. Alcuni di noi, che hanno bisogno di chinarsi, mettono i cuscini dietro la schiena e sotto le ginocchia e si avvolgono nelle coperte.

Seduta di fronte a noi c'è una donna alta e dal corpo magro con grandi occhi che irradiano gentilezza dietro gli occhiali. Virginia Veach, la nostra istruttrice di yoga, è la direttrice del Ting-Sha Institute, sponsor del ritiro.

"È in questi momenti di silenzio o di rilassamento che avviene la guarigione", ci dice Virgina. "Yoga, meditazione e rilassamento sono modi per calmare le nostre menti. Il rilassamento è uno stato di apertura e prontezza. Non è né tensione né flaccidità, ma disponibilità al movimento".

Mentre ci alziamo per iniziare le posizioni yoga, guardo gli altri partecipanti. Lois, una rossa sulla trentina e madre di due figli, lotta con una rara forma di leucemia. Eileen, una musicista, si tiene con attenzione, memore del cancro alla spina dorsale. Tre delle donne hanno avuto un cancro al seno: Lucy, una donna autorevole del profondo sud; Janet di San Francisco, che ha una massa di capelli folti e un atteggiamento capriccioso e determinato che le serve bene nella sua cura completamente alternativa per il suo cancro; e Ann, una psicoterapeuta snella e affascinante e madre di figli grandi, che si muove lentamente, debilitata dalla chemioterapia che ha appena ricevuto. Arnold, il nostro membro più anziano, più energicamente vigoroso e affermatore di vita, scivola sulla sua gamba artificiale, il risultato di un giro in moto ubriaco molti anni fa.Ora affronta metastasi ossee dal cancro alla prostata. Ruth e Jake, una giovane coppia di sposi, stanno imparando come affrontare il suo linfoma e si stanno preparando per un trapianto di midollo osseo. E io, un sopravvissuto al cancro al colon, sto cercando di rimettere insieme la mia vita e capire cosa mi è successo.

Vedi anche  Affrontare il cancro con coraggio

Virginia ci guida in una posizione eretta. Rivolge la nostra attenzione al respiro, dicendo: "Alla fine della tua espirazione, senti un leggero rilascio e rilassati più profondamente nella postura".

Guardando Lois, Virginia parla di dolore. "Se sei in chemio o se hai metastasi ossee o tumori, potresti provare dolore. Per favore, non fare nulla che faccia male e non spingere nel dolore."

Ora ci chiede di sederci per terra, una gamba di lato, l'altra piegata all'inguine e, alzando le braccia, di piegarci lungo la nostra gamba tesa. "Ancora una volta, inspira ed espira, e alla fine della tua espirazione, senti che c'è un po 'di cedimento e muoviti con esso."

Lois si raddrizza, il viso angosciato.

"Che cos'è?" Chiede Virginia.

"La mia milza è ingrossata e mi sembra di schiacciarla quando mi chino".

"Fa male?"

"Sì."

"Allora non farlo. O forse prova a piegarti un po 'senza alzare le braccia. E fermati se fa male."

Lois ci riprova, aggrottando la fronte.

"Cosa sta succedendo adesso?" chiede Virginia.

"Fa male", risponde la rossa.

"Allora prova a sdraiarti e guarda cosa porterà l'apertura."

Lois sospira mentre si arrende alla sua stuoia.

Dopo pochi minuti Virginia rivolge di nuovo la sua attenzione a Lois. "Come stai respirando adesso?" lei chiede. "C'è più possibilità per una quiete interiore e riposo?"

Vedi anche  Nuovo studio: lo yoga aumenta il benessere dei sopravvissuti al cancro

Virginia ci guida in diverse posizioni più dolci, poi ci fa sdraiare sulla schiena. Viene da ogni persona e la copre con una coperta. Avvolgendo la coperta ai miei piedi, la srotola delicatamente sulle mie gambe e sul petto. Poi si china per rimboccarmi le spalle con la morbida maglia di cotone.

Mentre giacciamo sotto le nostre coperte, Virgina ci guida a sperimentare le nostre dita dei piedi, i nostri polpacci, le nostre ginocchia, sulla parte anteriore del nostro corpo, quindi lungo la schiena. Da qualche parte vicino al livello del bacino, sprofondo nel sonno.

Quando mi sveglio, i miei compatrioti ridacchiano e parlano delle "scintille" e dei formicolii che avevano sperimentato nel petto e poi in tutto il corpo durante gli esercizi di respirazione. Giro la testa e vedo Virginia Veach sorridente nella parte anteriore della stanza. "Quelle scintille sono prana" , ci dice, "energia vitale - energia di guarigione".

Cancro "negoziato"

Lo yoga è solo una delle componenti del Ting-Sha Institute Cancer Retreat, un programma di riduzione dello stress, educazione sanitaria e sostegno di gruppo per le persone malate di cancro e i loro familiari o amici intimi. Il ritiro prevede anche una deliziosa dieta vegetariana a basso contenuto di grassi; i partecipanti effettuano tre massaggi durante la settimana; sono incoraggiati a esprimere i loro sentimenti nell'arte e nella poesia; e vengono fornite informazioni che consentiranno loro di fare scelte per la loro cura. Ci riuniamo in sessioni di gruppo per esplorare le questioni sollevate da una malattia pericolosa per la vita e per costruire un sostegno reciproco nel tempo a venire.

A Ting-Sha comincio a vedere che la malattia può essere "negoziabile". Mi rendo conto che possiamo imparare nuovi modi per visualizzare, rispondere e lavorare con la nostra malattia e le terapie spesso difficili che i malati di cancro sopportano. Una brochure di Ting-Sha data ai partecipanti cita Alec Forbes, MD, del Bristol Cancer Help Center in Inghilterra, il quale afferma che attraverso i nostri sforzi e con l'aiuto di professionisti e della nostra comunità, possiamo diventare "malati di cancro", che hanno ancora il cancro, ma lo stanno combattendo da uno stato di salute molto migliore, con risultati generalmente migliori.

L'assistenza fornita a Ting-Sha e ad altri centri di assistenza contro il cancro in tutto il paese si basa su teorie sulla gestione dello stress derivate da diversi decenni di ricerca scientifica. Un solido corpo di studi sperimentali ha dimostrato che lo stress influenza il sistema immunitario e contribuisce allo sviluppo e al progresso di malattie a base immunitaria come il cancro e l'AIDS. Già nel 1962, un articolo sulla rivista Cancer Researchha riportato gli effetti benefici della riduzione dello stress su animali da laboratorio a cui è stato iniettato il cancro. Negli ultimi 35 anni, le prove empiriche si sono accumulate. Uno studio fondamentale del 1989 dello psichiatra di Stanford David Spiegel ha scoperto che le donne con carcinoma mammario metastatico che hanno partecipato a un gruppo di sostegno vivevano più a lungo di quelle che non lo facevano. Il supporto di gruppo è stato visto per proteggere o ridurre lo stress. Allo stesso modo, lo yoga, gli esercizi di respirazione e la meditazione possono ridurre lo stress e promuovere la guarigione. In effetti, anche l'American Cancer Society, sul suo sito Web (www.cancer.org), nota che lo yoga - che descrive come una "terapia complementare ... non un trattamento per nessuna malattia" - può "ridurre i livelli di stress e provocare sensazioni di rilassamento e benessere ... [e] migliorare la qualità della vita di alcuni pazienti con cancro ".

Vedi anche  Perché più medici occidentali ora prescrivono la terapia yoga

L'idea che il cancro sia "negoziabile" offre possibilità rivoluzionarie per un paziente che lotta per sopravvivere. Da questa prospettiva, una malattia pericolosa per la vita può diventare non solo qualcosa da sopportare e per cui pregare fino a quando non scompare o ci uccide, ma una sfida per prendere il controllo delle nostre vite. Invece di rimanere bloccati con poche opzioni tristi, nello strano e spaventoso territorio in cui i pazienti si trovano improvvisamente esiliati al momento della diagnosi, possiamo sviluppare alcuni modi auto-potenziati per incontrare e convivere con la malattia. E gli operatori sanitari che lavorano con i malati di cancro possono aiutarci a imparare come non scappare dal nostro cancro ma a conviverci finché dobbiamo; se addestrati nelle discipline appropriate, possono insegnarci a rafforzare il sistema immunitario in modo da ammorbidire gli effetti peggiori sia della malattia che delle cure.

Rilassati nella guarigione

Tradizionalmente, il potere dello yoga di portare liberazione dal dolore e dal dolore arriva quando lo studente impara a lavorare con i suoi sensi e il suo intelletto. Mentre le pratiche dello yoga, come codificato dal maestro indiano Patanjali secoli fa, iniziano classicamente con l'etica e l'auto-purificazione, il malato di cancro probabilmente beneficia inizialmente delle asana stesse. Queste pose sono progettate per esercitare ogni muscolo, nervo e ghiandola del corpo. Affinate nel corso dei secoli, le posture affrontano con precisione la tensione, il trattenimento e talvolta il blocco dell'energia in qualsiasi particolare articolazione o organo. Quando la tensione viene rilasciata, l'energia può fluire più facilmente nel corpo e consentire ai pazienti di provare un senso di benessere e forza, un equilibrio tra corpo, mente e spirito.

La guarigione richiede un rallentamento, un allentamento della tensione - sia la tensione e la tenuta del corpo che le incessanti preoccupazioni della mente e il pensiero avanti a possibilità spaventose. Ma questo sembra un compito quasi impossibile. Mentre lo stress acuto ha l'effetto di stimolare le cellule che proteggono il nostro sistema (se attaccato da un leone, sperimenteremmo un livello molto alto di tensione e conseguenti cambiamenti fisici che promuoverebbero le nostre possibilità di sopravvivenza), lo stress cronico, il tipo di quotidiano la preoccupazione e la pressione che un malato di cancro subisce tipicamente - deprime notevolmente la funzione delle "cellule killer" naturali che proteggono, lasciandoci così ancora più vulnerabili alla nostra malattia. È stato dimostrato che la crescita dei tumori e di altri indicatori di cancro è stata aggravata dallo stress.

La maggior parte di noi è così abituata ad essere tesa che non siamo nemmeno consapevoli della nostra tensione. Se il cancro viene rilevato nel tuo corpo, la notizia stessa aumenta enormemente il tuo livello di ansia. Quindi, in rapida successione, ci si prepara a sottoporsi a un intervento chirurgico e viene somministrato un debilitante ciclo di chemioterapia e / o radioterapia. Cosa potrebbe esserci di più spaventoso? Come possiamo rilassarci in mezzo alla cosa più stressante che ci sia mai capitata? Come possiamo aggirare l'ansia e la disperazione che ci inducono a irrigidirci e ad allontanarci dalla vita, e imparare a riconoscere e perseguire possibilità più positive?

Vedi anche  16 pose per rafforzare il tuo sistema immunitario

Come per rispondere a queste domande, Ann Getzoff, seduta in giardino al ritiro di Ting-Sha, racconta la sua esperienza con lo yoga. "Considero la lezione di yoga un salvavita. Quando ero più malato per i trattamenti, lo yoga era l'unica cosa stabile che potevo fare, non importa cosa. Quando non potevo nemmeno impegnarmi ad andare a un film perché non lo ero certo che potrei stare seduto per un'ora e mezza, comunque potrei andare a yoga e fare le posture ".

Ann convive con la malattia da un anno, si sottopone a trattamenti intensivi di radioterapia e chemioterapia per il cancro al seno in stadio IIIB, sapendo che le statistiche le danno solo una probabilità del 40% di sopravvivere nei prossimi cinque anni. Estremamente magra, i suoi capelli ricrescono appena, dice che fa molte terapie complementari a sostegno delle procedure mediche standard.

Ann faceva yoga da 20 anni, l'ultima volta in una lezione a Santa Cruz, in California, guidata da Teri Mehegan. Ma quando ha iniziato le radiazioni radicali e i trattamenti chemioterapici, la sua forza è diminuita così tanto che "a volte dovevo trascinarmi nella lezione di yoga e semplicemente sdraiarmi sul pavimento. Teri sapeva cosa stava succedendo con me e mi salutava sempre con un grande abbraccio e alcune parole affettuose. A volte, mi riconosceva verbalmente durante la lezione dicendo: "Potresti non volerlo fare, Ann" o "Potresti voler fare la postura questamodo, Ann. Quando veniva per adattare le persone, poteva accarezzarmi o aiutarmi a entrare in una posizione più facile. Poi, man mano che ogni lezione progrediva e facevo le posture, era incredibile quanto mi sentissi forte. Durante il resto della mia giornata, riuscivo a malapena a stare in piedi, a camminare a malapena, ma sarei stato in grado di mantenere la posizione del triangolo, per esempio, per tutto il tempo che tutti gli altri! L'unico modo in cui posso spiegarlo è che lo yoga ha risvegliato la mia energia, e forse stavo ricevendo energia anche dalle altre persone presenti ". Lo yoga, aggiunge," è stata una parte molto importante della mia guarigione ".

"Come pensi che avvenga la guarigione?" Chiedo.

Ann fa una pausa, poi dice: "Succede su tre livelli. Sul piano fisico, lo yoga mi dà maggiore energia; a livello psicologico, mi sento sempre riconosciuta e persino amata, soprattutto dall'istruttore ma anche dagli altri studenti ; e spiritualmente, mi dà il tempo per riflettere, per entrare ". Ann descrive il momento interiore e tranquillo alla fine della sessione - quando gli studenti giacciono immobili e Teri li guida in una breve meditazione - come inestimabile.

La mia esperienza fa eco a quella di Ann. Quando ero più malato e impoverito dai trattamenti chemioterapici, ho frequentato un corso di movimento del corpo. Sempre, non importa quanto mi fossi sentito male entrando nella sessione, me ne andavo sentendomi centrato ed energizzato. Ho cominciato a credere che non importa quanto possiamo essere malati - doloranti, nauseati, esausti, malati - c'è dentro di noi un corpo sano o un essere sano . Per molti malati di cancro, lo yoga offre tecniche che ci permettono di sostenere e risvegliare questa parte vitale di noi stessi.

Vedi anche  Aumenta l'immunità con le inversioni

Un segno scettico

Molti medici tendono a ignorare gli effetti benefici dello yoga e della meditazione, optando per rimanere all'interno dell'enclave sicura, sebbene limitata, delle pratiche mediche convenzionali. A volte è solo la crisi del proprio cancro incurabile che può portare un medico al tappetino yoga. Alcuni anni fa, il dottor William Fair era uno di questi scettici. Ma, come riportato in un articolo del New Yorker del 26 ottobre 1998 , ora incorpora terapie complementari - tra cui yoga e meditazione, vitamine e una dieta ricca di soia e povera di grassi - per aiutarlo a convivere con il suo cancro al colon incurabile.

Il dr. Fair ha lavorato presso lo Stanford Medical Center della California, la Washington University di St.Louis, e per 13 anni è stato presidente del Dipartimento di Urologia al Memorial Sloan-Kettering a New York, uno dei più prestigiosi ospedali oncologici del paese. Un chirurgo di alto livello specializzato in tumori della prostata, della vescica, dei testicoli e dei reni, in genere eseguiva diversi interventi chirurgici al giorno allo Sloan-Kettering, dirigeva progetti di ricerca e amministrava il dipartimento. Raggiunto a casa sua a Manhattan, il dottor Fair ha parlato delle pratiche alternative che ora impiega per affrontare la propria condizione.

"Lo yoga ha fatto un enorme cambiamento nella mia vita!" afferma. Esprime un caldo entusiasmo per la sua insegnante di yoga, Lisa Bennett, della Yoga Zone, che viene a casa sua una volta alla settimana per condurre lui e sua moglie in una sessione di yoga che dura un'ora o più. Altrettanto importante è la sua pratica di meditazione. Medita ogni giorno e può indicare momenti nel progresso della sua malattia in cui la meditazione gli ha dato un supporto cruciale.

Anche se poteva vedere il valore della dieta e dell'esercizio fisico, inizialmente il dottor Fair si oppose completamente alle pratiche di yoga e meditazione "permalose californiane". È stato presentato a entrambi dal Dr. Dean Ornish, il noto sostenitore dei cambiamenti nello stile di vita per i malati di cuore. Ma il dottor Fair non era convinto che lo yoga sarebbe stato utile per lui .

Dopo la sua diagnosi nel 1995, il dottor Fair è stato sottoposto a chirurgia e chemioterapia. Ha ripreso il suo programma di lavoro, ma due anni dopo il tumore si è ripresentato e gli è stato detto che le sue possibilità di sopravvivenza erano diminuite drasticamente. "Poiché le mie scelte con la terapia convenzionale sono diminuite", dice, "e ho visto che le prove scientifiche hanno mostrato un beneficio misurabile dallo yoga e dalla meditazione, quella è stata la mia spinta per iniziare". Su sollecitazione del dottor Ornish, è andato a un ritiro presso il Commonweal Cancer Help Program vicino alla città costiera della California settentrionale di Bolinas. (Il prototipo per i programmi residenziali di guarigione dal cancro, Commonweal ha generato Ting-Sha e ritiri simili in diversi stati.) Lì ha imparato dall'insegnante di yoga Waz Thomas e dal massaggiatore Jnani Chapman, e ha portato il suo nuovo regime a Manhattan.

"Adoro lo yoga", dice. "Aiuta la mia respirazione e mi dà una migliore flessibilità e più energia". Ammette che, fedele alla sua personalità di alto livello, ha iniziato cercando di riprodurre la forma perfetta di giovani istruttori di yoga flessibili e si è ritrovato frustrato. Bennett lo esortò a concentrarsi invece sul suo respiro mentre faceva le posture. Ben presto, con il suo incoraggiamento, riuscì a rilassarsi nelle pose; gradualmente si allungò e si rafforzò.

Vedi anche  Yoga per la pace interiore: sequenza oscillante per il pensiero positivo

La meditazione quotidiana del dottor Fair lo porta, dice, a "una visione completamente nuova della vita. La meditazione mi ha insegnato a tenere a mente ciò che è importante e ciò che non lo è". Quando il suo cancro si ripresentò nell'agosto 1997, gli fu offerta una chemioterapia radicale che avrebbe potuto ridurre il suo tumore ma non l'avrebbe eliminato e certamente lo avrebbe fatto ammalare gravemente.

"Quando hai il cancro", dice, "l'ansia ti mangia. Ma quando medito, sono in grado di mettere le cose in prospettiva. Nessuno vive per sempre. Il tempo che mi resta, come voglio spenderlo? Questo è quello che mi sono chiesto. " La sua pratica di yoga e meditazione, insieme al sostegno della sua famiglia, ha permesso al dottor Fair di prendere la decisione di rifiutare il trattamento convenzionale. Ora, come descritto nell'articolo del New Yorker , tratta il suo tumore con erbe cinesi e continua le sue sessioni di yoga e meditazione.

"Come te la passi?" Chiedo.

"Sto bene!" E mi dice che buona decisione è stata. "Se avessi accettato le cure chemioterapiche, avrei passato l'anno scorso malato e infelice". Invece, è andato a fare trekking in Patagonia, ha imparato a fare immersioni subacquee e ha perseguito una vita professionale e personale completa.

Sciogliere la tensione

Un'altra dimensione importante per i malati di cancro è il respiro, o Pranayama . "Molte persone che stanno attraversando l'angoscia di una malattia non respirano in modo molto efficiente", sottolinea Waz Thomas. "Ma quando ottimizziamo la respirazione, stiamo introducendo nel corpo non solo ossigeno, ma una forza molto più sottile. Prana, aria, respiro: la forza vitale essenziale. Anche se non puoi fare le posture, puoi comunque trarne beneficio pratica di respirazione. "

Il termine pranayama combina prana , respiro, con yama , che significa estensione o controllo, e descrive una pratica cruciale nello yoga. Questa "scienza del respiro" implica attenzione all'inalazione, all'espirazione e alla ritenzione o trattenimento. Attraverso il pranayama, si impara a respirare lentamente e profondamente, secondo schemi ritmici. Questi schemi rafforzano il sistema respiratorio, calmano il sistema nervoso e possono ridurre il nostro desiderio di qualcosa di più per soddisfare i nostri bisogni.

Quando siamo spaventati, tratteniamo il respiro o respiriamo in modo superficiale o irregolare. Per aprire nuovamente il torace, si possono praticare tecniche di respirazione basate sul pranayama, come la respirazione addominale, la respirazione profonda, la respirazione a mantice (con esalazioni addominali energiche) e la respirazione a narici alternate. (Poiché le pratiche respiratorie possono avere effetti potenti sul corpo, dovrebbero essere apprese da un istruttore di yoga qualificato, per motivi di sicurezza.) Se eseguite correttamente, possono dissolvere lo stress e l'eccitazione emotiva, liberando la mente dall'ansia.

Il regime di respirazione del Dr. Fair include un esercizio in cui la pancia e il torace vengono espansi, riempiendo di aria l'intero busto. In un altro esercizio innovativo che combina respiro e visualizzazione, inizia dalla base della colonna vertebrale. Mentre inspira, visualizza una luce che si muove lungo la schiena, vertebra dopo vertebra; mentre espira, vede la luce scendere lungo la parte anteriore della sua spina dorsale; e quando raggiunge il livello del suo tumore, vede il tumore andare via.

Vedi anche  7 semplici modi per trovare un po 'di calma

Le pratiche di respirazione possono avere un altro vantaggio, osserva Waz. "Il prana non solo sostiene la vita, ma agisce anche come un detergente. Con il cancro e la chemioterapia, i nostri corpi sono piuttosto inquinati. Stai introducendo tossine di forza industriale. Un modo molto semplice per aiutare il sistema di pulizia naturale del corpo è mettere di più ossigeno in esso, perché l'ossigeno entra nel flusso sanguigno e aiuta a eliminare le tossine. Quindi se qualcuno qui al Commonweal non può fare asana, gli do esercizi di respirazione. Si sentiranno meglio aprendo il torace e inspirando ".

Guarda dentro

Waz vede la meditazione come una dimensione cruciale dello yoga. Per le persone che hanno a che fare con malattie potenzialmente letali, con tutto il caos psicologico ed emotivo che provoca, la meditazione può offrire un metodo per calmare le voci terrorizzate che sussurrano nelle nostre teste. Le forme più semplici di meditazione ci chiedono di essere fisicamente fermi e di dirigere la nostra attenzione verso un oggetto. Potremmo essere portati a immaginare una scena particolare o un'immagine visiva, oppure possiamo prestare attenzione alle sensazioni nel corpo, viaggiando attraverso di essa dall'alto verso il basso; un oggetto di attenzione molto comune nella meditazione è il nostro respiro, il movimento dentro e fuori del respiro che si verifica automaticamente molte volte ogni minuto e di cui siamo raramente consapevoli.

I malati di cancro si trovano spesso in stati d'animo distratti, bombardati come sono da informazioni spaventose, a volte contraddittorie, sottoposti a procedure invasive e dolorose e cure mediche non sempre compassionevoli. Quando la nostra mente è così gravemente disturbata, potremmo trovare impossibile prendere decisioni cruciali o relazionarci in modo soddisfacente con la nostra famiglia e i nostri amici. Con le pratiche di concentrazione (Dharana) e meditazione (Dhyana) che lo yoga ci offre, un paziente può concentrarsi e lasciar andare le preoccupazioni fastidiose.

Mi viene di nuovo in mente l'esperienza del dottor Fair, forse perché la sua padronanza della meditazione è stata così faticosamente conquistata. Ha scoperto che imparare a meditare era più difficile per lui delle posture fisiche o della respirazione. All'inizio si dimenò, non sicuro di cosa stesse facendo. Ma concentrandosi sul respiro, era in grado di stabilizzare la sua mente. Poi ha imparato a concentrarsi sul "terzo occhio", un punto al centro della fronte. Come aiuto alla concentrazione, si leccò il dito e si mise una goccia di saliva sulla fronte in modo che potesse effettivamente sentirlo.

Vedi anche  Trova pace duratura con la meditazione

Ora è in grado di raggiungere la concentrazione senza questo aiuto e ha continuato ad aggiungere altre pratiche alle sue sessioni di meditazione. Se inizia a perdere la concentrazione, torna sempre a concentrarsi sul suo respiro. Il dottor Fair è così entusiasta della meditazione che ha costruito un giardino di meditazione, completo di pietre in stile giapponese e uno stagno, nella sua casa per il fine settimana di Long Island. Quando medita nella rumorosa Manhattan, mantiene nella sua mente l'immagine di questo giardino.

"I grandi insegnamenti e la vita stessa", dice Waz, "ci mostrano che la maggior parte del nostro terrore, della nostra paura, dei nostri problemi risiedono nel passato o nel futuro. Mentre in pratica, proprio qui e ora va più o meno bene". Il controllo della mente durante la meditazione può portare dal desiderare ciò che non possiamo avere, dal desiderio, dal lutto e dall'essere infelici, al solo arrivare in questo momento, dove potremmo provare una sensazione di appagamento e potremmo essere in grado di prendere decisioni migliori su le nostre cure mediche e complementari.

Raggiungi

Tra le questioni fondamentali che ci predispongono alla malattia e influenzano la nostra guarigione c'è il nostro allontanamento da noi stessi e dagli altri. Ora alcuni medici ricercatori stanno iniziando a sottolineare questa dimensione come un aspetto chiave per affrontare la malattia.

Il dottor Dean Ornish ha scritto sulle varie forme di isolamento, incluso il sociale e spirituale, e la disconnessione dal nostro stesso essere - i nostri sentimenti e sensazioni, il nostro senso interiore di noi stessi. Nella vita di tutti i giorni, tendiamo a concentrarci così a fondo sul mondo esterno - soddisfare le esigenze del lavoro e della famiglia, sperando nelle soddisfazioni della futura realizzazione - che perdiamo la consapevolezza della nostra esperienza reale, intima, momento per momento. sé fisici, mentali ed emotivi.

Le posture yoga ci richiedono di rimanere fermi e di essere consapevoli del nostro corpo. Asana, pranayama e meditazione iniziano ad abbattere quella distanza da noi stessi e ci mettono in stretto contatto con le nostre sensazioni e sentimenti. Sapendo come si sentono veramente i nostri corpi, possiamo notare quando siamo stressati e possiamo prendere decisioni sulle nostre attività e sui nostri atteggiamenti che possono cambiare la nostra relazione con la nostra guarigione dal cancro. Cioè, lo yoga può aiutarci ad aprirci a diversi modi di integrare la nostra esperienza. Ad esempio, di fronte a una procedura medica impegnativa, piuttosto che tenderci contro di essa o allontanarci mentalmente, grazie alla nostra pratica yoga potremmo essere in grado di rilassarci e accogliere la procedura, riducendo così al minimo i suoi effetti stressanti.

Eileen Hadidian, musicista professionista e professoressa di musica, ha risposto alle proprie difficili esperienze mediche esortando gli oncologi degli ospedali locali ad avvalersi dell'aiuto dei nutrizionisti per aiutare i pazienti a mitigare gli effetti dei trattamenti contro il cancro. Una donna snella, calva per la chemio, Eileen mi guarda con grandi occhi attenti. Mentre parliamo nel confortevole soggiorno del ritiro di Ting-Sha, sorride spesso. Si appoggia indietro con gratitudine sui cuscini del divano. Il suo cancro ora si infiltra nella sua spina dorsale e mi ha detto che la schiena le fa male la maggior parte del tempo. Ma lo yoga, che studia in un centro sociale vicino a casa sua, la aiuta a tollerare questo dolore.

Vedi anche  Yoga per la pace interiore: una sequenza per alleviare lo stress + Sfida pratica quotidiana

"Sono tornato a fare yoga un mese dopo l'intervento chirurgico - nodulectomia e dissezione dei linfonodi", dice. "Ero dolorante, ma entro mezz'ora dal mio ritorno alla lezione di yoga, il mio braccio è passato dall'essere in grado di arrivare così lontano" - si tiene il braccio a pochi centimetri dal suo corpo - "per salire [più in alto] E così ho detto: "Bingo!" La classe si rivolge a tutti i livelli. Quello che ho fatto è stato adattarlo a ciò che potevo fare, e poi settimana dopo settimana sono stato in grado di fare sempre di più ".

"L'istruttore era a conoscenza delle tue condizioni?" Chiedo. "Si stava fidando di te per non spingerti oltre dove dovevi andare?"

"Esatto. È stata molto brava a dirmi:" Fai quello che puoi. Segui il tuo corpo, segui il tuo intuito ". Quindi è quello che ho fatto. Ed è stato fantastico. Ho respirato attraverso le radiazioni, ho avuto effetti collaterali minimi. L'affaticamento derivante dalle radiazioni si è verificato solo durante l'ultima settimana. Quindi il mio recupero è stato relativamente facile. E attribuisco molto a questo lo yoga. Insieme a meditazione, visualizzazione, agopuntura ed erbe ".

Tre anni dopo i trattamenti con radiazioni, quando iniziò a provare un forte dolore alla schiena e scoprì che il suo cancro si era metastatizzato alla colonna vertebrale, Eileen dovette smettere di andare alla lezione di yoga. Ma poi un'esperienza casuale le ha permesso di adattare la sua pratica yoga alle sue mutate condizioni.

"Ho avuto una sessione di yoga una tantum con una donna, la madre di uno dei miei giovani studenti di musica, che si sta preparando per diventare un'insegnante di yoga. Abbiamo avuto una sessione molto delicata in cui mi ha dato circa quattro diverse posture che potevo fare Questo era quando avevo molto più dolore Mi ha sostenuto con i cuscini così quando ho fatto Child's Pose non era la normale Child's Pose, ma era supportata. Ho sempre fatto quelle posture da allora.

"Sarebbe meraviglioso se qualcuno facesse un po 'di pratica yoga itinerante e andasse in giro per le case delle persone, per le persone con sclerosi multipla, cancro, stanchezza cronica o AIDS. Dovrebbe essere qualcuno che ne sa abbastanza di fisiologia per dire' Okay , ecco alcune cose che puoi fare. " Potrebbe essere un tale servizio, perché le persone che vivono con limitazioni fisiche hanno bisogno di essere rafforzate mostrando ciò che possono fare ".

Vedi anche  Non temere: superare i molti volti della paura

Stammi bene

Un certo numero di programmi diretti da medici, come il Prostate Cancer Lifestyle Trial del Dr. Ornish e il Breast Cancer Personal Support and Lifestyle Integration Program a San Francisco, addestrano i pazienti a posture yoga, respirazione e tecniche di meditazione.

I ritiri di aiuto contro il cancro offrono contatti e supporto intensivi. Inoltre, alcuni istruttori di yoga individuali stanno adattando i loro insegnamenti per i pazienti limitati da malattia o disabilità. In questi contesti, gli insegnanti di yoga lavorano individualmente con i loro studenti malati di cancro. Hanno imparato ad essere estremamente sensibili ai bisogni speciali, a mantenere una comunicazione forte e aperta con il paziente e ad adattare in modo creativo le posture e altri elementi yogici.

Forse il motivo più convincente per cui i malati di cancro si rivolgono allo yoga è questo: ci mostra come una persona colpita da una grave malattia, invece di "scappare" dal loro corpo minacciato, può connettersi più fortemente a quel corpo e iniziare a sperimentare se stessi. empowerment e benessere. Mentre impegniamo il nostro sé fisico nei precisi gesti corporei dello yoga, le nostre menti vengono avanti, abituandosi a concentrarsi sugli affari di questo momento e lasciando dietro di sé preoccupazioni e pensieri futuri. Mentre respiriamo e meditiamo, le nostre menti diventano più chiare e salde.

I benefici fisici dello yoga sembrano evidenti a un malato di cancro. La gamma di movimento, flessibilità, forza, rilassamento e un senso di benessere corporeo sono migliorati dalla pratica delle posture. Ma c'è un ulteriore vantaggio, più mistico, dello yoga.

Waz Thomas chiama questa esperienza della propria "natura essenziale" e usa il linguaggio delle grandi tradizioni spirituali per caratterizzarla: "Una quiete, una unità, un'unità; il vuoto, il grande terreno dell'essere". Un altro terapista yoga parla della "forza vitale".

Vedi anche  4 segreti per superare la paura e uscire dalla tua zona di comfort

Gary Kraftsow, del Center for Viniyoga Studies alle Hawaii, parla di aiutare i pazienti a "connettersi con i loro cuori", raggiungendo un'unione più profonda con se stessi e qualcosa di più grande di loro stessi. Questi praticanti stanno cercando di mettere le parole in un'esperienza che è sottile ma inconfondibile e preziosa per chiunque l'abbia vissuta.

Gestire il proprio cancro può essere un compito difficile e impegnativo. Anche con il supporto costante di familiari e amici, ogni giorno può essere una lotta per valutare la propria energia in esaurimento, per cambiare o talvolta solo sopportare gli effetti collaterali spiacevoli e spesso dolorosi del trattamento, per lottare contro la depressione al pensiero di ulteriore debolezza e morte . Ricordo, nei momenti peggiori, di aver pensato che la mia energia vitale - potevo sentirla da qualche parte nel mio petto, come una piccola luce pilota - bruciava molto, molto bassa. Ero infelice. Non si può sopravvalutare il valore, per qualcuno in quelle condizioni, di un momento di agio, gioia e benessere.

Con un insegnante esperto e sensibile in un ambiente sicuro, lo yoga può darci quel dono. Può iniziare a creare un ambiente interiore che prepara il terreno per la guarigione. È come se, quando eliminiamo i detriti mentali attraverso lo yoga e la meditazione, il nostro essere tirasse un sospiro di sollievo, e l'energia residua viva in noi fosse autorizzata a crescere e fiorire. Diamo potere a questa parte più vitale ed elementare di noi stessi quando restiamo fermi, quando prestiamo attenzione. Alcuni chiamerebbero questo processo spirituale. Tutti noi, qualunque sia il nostro credo, possiamo riconoscere questo stato di grazia, questo momento di libertà. Gli insegnanti di yoga possono mostrarci come coltivare questa condizione di guarigione, darci gli strumenti fisici e mentali, anche quando siamo gravemente malati, per accedere alla nostra energia più profonda e di sostegno.

Una notte di recente sono andato a lezione di yoga in palestra. In uno studio a specchio, ho lavorato per allungare il collo in spalla e le altre mosse e consapevolezza che il giovane istruttore maschio ci ha incoraggiato a sperimentare. Dei circa 20 studenti nella stanza, potrei essere stato l'unico che aveva avuto il cancro. Probabilmente ero la persona più anziana e sono sicuro di essere quella con la pancia più rotonda. Ma forse sapevo, meglio degli altri, perché ero lì.

Per 20 anni ho fatto le stesse cinque posizioni yoga ogni mattina, senza mai sfidare me stesso. Ora voglio sviluppare la precisione, costruire la forza, sperimentare le più lontane possibilità del mio corpo. Questo aiuterà, insieme alla dieta, all'esercizio aerobico e alla meditazione, a prevenire il ripetersi del mio cancro?

Da un lato, credo che lo farà. D'altra parte, non importa, perché la vera ragione per cui faccio yoga è la sensazione che provo, quel senso viscerale di essere

Vedi anche  16 posizioni yoga per trovare calma e pace istantanee

Raccomandato

Buzzed: Yoga and Alcohol
Di quale olio essenziale ha bisogno il tuo chakra? Rispondi al nostro quiz!
12 pose per mantenere la calma quest'estate