Coscienza in movimento: Vinyasa

Siediti e rilassati. Prendi queste immagini e vedi se riesci a percepire lo schema sottostante: il flusso delle stagioni, il sorgere e il calare delle maree in risposta alla luna, una felce che si dispiega, un sitar raga di Ravi Shankar o il "Bolero" di Ravel creazione e dissoluzione di un mandala di sabbia tibetano, il flusso di Surya Namaskar (Saluto al Sole).

Cosa hanno in comune questi diversi fenomeni? Sono tutti vinyasa , sequenze progressive che si svolgono con un'armonia e un'intelligenza intrinseche. "Vinyasa" deriva dal termine sanscrito nyasa , che significa "posizionare", e il prefisso vi , "in un modo speciale", come nella disposizione delle note in un raga, i passi lungo un percorso verso la cima di un montagna, o il collegamento di un asana al successivo. Nel mondo dello yoga la comprensione più comune del vinyasa è come una sequenza fluida di asana specifiche coordinate con i movimenti del respiro. Le sei serie di Ashtanga Vinyasa Yoga di Pattabhi Jois sono di gran lunga le più conosciute e influenti.

L'insegnante di Jois, il grande maestro dell'India meridionale Krishnamacharya, sostenne l'approccio vinyasa come centrale nel processo di trasformazione dello yoga. Ma Krishnamacharya aveva una visione più ampia del significato di vinyasa di quanto la maggior parte degli studenti occidentali realizzino. Non solo insegnava sequenze di asana specifiche come quelle del sistema di Jois, ma vedeva anche vinyasa come un metodo che poteva essere applicato a tutti gli aspetti dello yoga. Negli insegnamenti di Krishnamacharya, il metodo vinyasa includeva la valutazione dei bisogni del singolo studente (o gruppo) e poi la costruzione di una pratica complementare passo dopo passo per soddisfare quei bisogni. Oltre a questo, Krishnamacharya ha anche enfatizzato il vinyasa come un approccio artistico alla vita, un modo per applicare l'abilità e la consapevolezza dello yoga a tutti i ritmi e le sequenze della vita, inclusa la cura di sé, le relazioni, il lavoro,e l'evoluzione personale.

Desikachar, il figlio di Krishnamacharya, un autore e un rinomato insegnante a pieno titolo, ha scritto: "Vinyasa è, credo, uno dei concetti più ricchi emersi dallo yoga per la condotta di successo delle nostre azioni e relazioni". Nel suo libro Health, Healing and Beyond, fornisce un sottile ma potente esempio di come suo padre si occupasse del vinyasa dell'insegnamento dello yoga. Krishnamacharya, con stupore dei suoi studenti privati, li salutava sempre al cancello del suo centro, li guidava attraverso la loro pratica e poi onorava il completamento del loro tempo insieme scortandoli di nuovo al cancello.

Il modo in cui ha onorato ogni fase della loro sessione - iniziando il lavoro, sostenendolo e poi raggiungendo il culmine, completandolo e integrandolo - illustra due degli insegnamenti principali del metodo vinyasa: ciascuna di queste fasi ha le sue lezioni da impartire e ciascuno si basa sul lavoro della fase precedente. Proprio come non possiamo incorniciare una casa senza una base adeguata, non possiamo costruire una buona pratica yoga a meno che non prestiamo attenzione a come iniziamo. E proprio come una casa è difettosa se gli operai non finiscono il tetto correttamente, dobbiamo portare a termine le nostre azioni per ricevere tutti i benefici dello yoga. Vinyasa yoga richiede che coltiviamo una consapevolezza che colleghi ogni azione alla successiva, un respiro alla volta.

Avvio di una linea d'azione

L'applicazione del Vinyasa nella pratica yoga e nella vita quotidiana ha molti paralleli non solo alla costruzione di una casa, ma anche alla navigazione in barca. Come la vela, muoversi nella vita richiede una sincronizzazione con le forze naturali che richiede abilità e intuizione, la capacità di impostare una rotta ma cambiare con il vento e le correnti. Se vuoi navigare, devi sapere come valutare le condizioni del tempo - burrascoso, calmo, mosso - che fluttuano costantemente, così come i nostri stati fisici, emotivi e spirituali.

Gli insegnamenti dello yoga includono una visione chiamata parinamavada, l'idea che il cambiamento costante sia parte integrante della vita. Pertanto, per procedere abilmente con qualsiasi azione, dobbiamo prima valutare da dove partiamo oggi; non possiamo presumere di essere esattamente la stessa persona che eravamo ieri. Siamo tutti inclini a ignorare le mutevoli condizioni del nostro corpo-mente; spesso distorciamo la realtà di chi siamo in base a chi pensiamo che dovremmo essere. Questo può manifestarsi sul tappetino yoga in un numero qualsiasi di scelte inappropriate: impegnarsi in una pratica calda e rigorosa quando siamo agitati o stanchi; fare una pratica riparatrice quando siamo stagnanti; andare a un corso di yoga avanzato quando un corso per principianti si adatta meglio alla nostra esperienza e abilità. Al fine di evitare tali azioni non vantaggiose, dobbiamo iniziare con una valutazione accurata del nostro stato attuale.

Quindi quali sono le osservazioni che un buon marinaio yogico dovrebbe fare prima di iniziare un vinyasa? Come controllare la barca, il vento e le onde prima di salpare, un'indagine iniziale del tuo essere può diventare un rituale istintivo. Chiediti: qual è il mio livello di energia? Non vedo l'ora di andare? Trattenere la tensione? Sto vivendo qualche piccola fitta fisica o riacutizzazioni di lesioni? Mi sento equilibrato e pronto a navigare nella mia pratica? Com'è il mio stato interno? Sono calmo, agitato, concentrato, disperso, emotivamente vulnerabile, mentalmente sovraccarico, chiaro e aperto?

Queste domande sono rilevanti per come iniziamo qualsiasi azione, non solo per la nostra pratica degli asana. Nello scegliere gli alimenti che mangiamo, quando dormiamo, le nostre conversazioni e le nostre azioni con gli altri - tutto ciò che facciamo - dobbiamo capire da dove veniamo e scegliere azioni che affrontino eventuali squilibri.

Nell'insegnare ai miei studenti il ​​Vinyasa, offro loro modi per verificare il loro stato attuale all'inizio della loro sessione. Suggerirò anche strategie specifiche per affrontare gli ostacoli che potrebbero interrompere il flusso della loro pratica. Ad esempio, a livello corporeo gli studenti possono scegliere una pratica più calmante o una che fornisce loro un'apertura più rinvigorente. Se hanno una fitta nella parte bassa della schiena, potrebbero voler modificare alcune posture, forse sostituendo Bhujangasana (posizione del cobra) con Urdhva Mukha Svanasana (posizione del cane rivolto verso l'alto). Se soffrono delle tipiche tensioni urbane al collo e alle spalle, possono usare una piccola serie di allungamenti - un mini-vinyasa, si potrebbe dire - per incoraggiare l'ammorbidimento e il rilascio. A un livello più interno, gli studenti agitati possono concentrarsi sul rilascio della tensione rilassando il viso e il respiro;se la loro energia è più letargica e diffusa, possono concentrarsi sulla lorodrishti , o sguardo, per aumentare la loro concentrazione.

La stessa intuizione che usiamo sul tappetino yoga può essere applicata al modo in cui iniziamo azioni altrove nella nostra vita. Ti senti ansioso sulla strada per un appuntamento importante? Guida più lentamente e ascolta della musica rilassante per assicurarti che questo squilibrio non si ripercuota nella riunione. Tali aggiustamenti non mostrano una riluttanza ad accettare ciò che è o un tentativo compulsivo di aggiustare tutto finché non è giusto. Piuttosto, sono la prova di una profonda consapevolezza e di una risposta adeguata alla realtà. Un marinaio yogico abbraccia i venti e le correnti mutevoli e la sfida di stabilire la rotta in armonia con il flusso e la marea della natura.

Sostenere il potere

Dopo aver valutato correttamente le condizioni e avviato l'azione, puoi concentrarti sulla fase successiva del vinyasa: aumentare il tuo potere, la tua capacità per una data azione. Il potere è la capacità del marinaio di virare con il vento, la capacità di un musicista di sostenere l'ascesa e la caduta di una melodia, la capacità di approfondimento di uno yogi di assorbimento nella meditazione.

Il metodo vinyasa ha molti insegnamenti da offrire su come costruire e sostenere la nostra capacità di azione, sia dentro che fuori dal tappeto. Uno degli insegnamenti principali è quello di allineare e avviare l'azione dal nostro respiro - la nostra forza vitale - come un modo per aprirsi al flusso naturale e al potere del prana, l'energia che ci sostiene tutti a livello cellulare. Così, in una pratica di vinyasa yoga, le azioni espansive vengono iniziate con l'inspirazione, le azioni contrattive con l'espirazione.

Prenditi qualche minuto per esplorare come ci si sente: mentre inspiri, solleva le braccia sopra la testa (espansione); mentre espiri, abbassa le braccia (contrazione). Ora prova questo: inizia a sollevare le braccia mentre espiri e inspira mentre abbassi le braccia. È probabile che il primo metodo si sia sentito intuitivamente giusto e naturale, mentre il secondo fosse controintuitivo e sottilmente "off".

Questa sensazione intuitiva di essere "fuori" è un segnale innato che ci aiuta a imparare come sostenere un'azione armonizzandoci con il flusso della natura. Proprio come una vela cadente dice a un marinaio di virare e riallineare con l'energia del vento, un calo della nostra energia mentale o fisica all'interno di un'azione è un segno che dobbiamo riallineare la nostra rotta. In un asana, quando lo sforzo muscolare di una posa crea tensione, è spesso un segnale che non ci affidiamo al supporto del nostro respiro. Quando impariamo a sostenere la potenza e lo slancio del respiro, il risultato è come la sensazione di navigare nel vento: uno sforzo senza sforzo.

Per costruire un vero cambiamento nella capacità di azione di uno studente, Krishnamacharya ha utilizzato un metodo che ha chiamato vinyasa krama ("krama" significa "stadi"). Questo processo graduale implica la conoscenza di come si costruisce, in fasi graduali, verso un "picco" all'interno di una sessione di pratica. Questa progressione può includere elementi come l'utilizzo di asana di complessità e sfida sempre maggiori o lo sviluppo graduale della propria capacità respiratoria.

Vinyasa krama è anche l'arte di sapere quando hai integrato il lavoro di un certo stadio della pratica e sei pronto per andare avanti. Vedo spesso studenti ignorare l'importanza di questa integrazione graduale. Da un lato, alcuni studenti tenderanno a passare a pose più impegnative come Pincha Mayurasana (equilibrio dell'avambraccio) prima di sviluppare la forza e la flessibilità necessarie in posture meno impegnative come Adho Mukha Svanasana (cane rivolto verso il basso), Sirsasana (verticale sulla testa) , Adho Mukha Vrksasana (Handstand) e altri più facili bilanci delle braccia. Il risultato: lottano per reggersi su, diventando frustrati e possibilmente feriti. Questi studenti di tipo A dovrebbero ricordare che la tensione è sempre un segno che l'integrazione del precedente krama non è ancora avvenuta.

D'altra parte, alcuni studenti possono congelarsi intorno al comfort di una fase iniziale e diventare stagnanti; spesso diventano totalmente eccitati quando vengono incoraggiati ad aprirsi a una nuova fase che avevano considerato al di là delle loro capacità.

L'arte del completamento

Tutti noi siamo migliori in alcune parti del ciclo di Vinyasa rispetto ad altri. Amo iniziare l'azione e catalizzare il cambiamento, ma devo coltivare consapevolmente la fase di completamento. Come spiega Desikachar, "Non è sufficiente arrampicarsi su un albero; dobbiamo essere anche in grado di scendere. Nella pratica degli asana e altrove nella vita, questo spesso richiede che sappiamo come seguire e bilanciare un'azione con un'altra. metodo vinyasa questo è noto come pratikriyasana, "compensazione", o letteralmente contrapporre - l'arte di completare e completare un'azione per creare integrazione. Riesci a immaginare di fare asana senza Savasana (posizione del cadavere) per terminare la tua pratica? In vinyasa, il modo in cui completiamo un'azione e poi effettuiamo la transizione a quella successiva è molto importante per determinare se riceveremo l'intero beneficio dell'azione. In questi giorni invito i miei studenti a completare le lezioni invocando la qualità dello yoga nei movimenti immediatamente successivi della loro vita - come camminano, guidano e parlano alle persone una volta che lasciano lo studio.

Percorsi di trasformazione

È importante ricordare che un vinyasa non è solo una sequenza di azioni qualsiasi: è una che risveglia e sostiene la coscienza. In questo modo vinyasa si collega con la pratica meditativa del nyasa all'interno delle tradizioni tantriche dello yoga. Nella pratica del nyasa, che è progettata per risvegliare la nostra intrinseca energia divina, i praticanti portano la consapevolezza in diverse parti del corpo e poi, attraverso il mantra e la visualizzazione, risvegliano i percorsi interiori per shakti (forza divina) per fluire attraverso l'intero campo del loro essere . Mentre portiamo le tecniche del Vinyasa per tutta la nostra vita, apriamo percorsi di trasformazione simili, interiore ed esteriore passo dopo passo e respiro dopo respiro.

Raccomandato

Coltiva Ahimsa (non dannoso) sul tappeto
Fai la tua cosa: piegare la tradizione dello yoga per adattarla alla tua vita moderna
Progetto Goddess Yoga: meditazione in 3 fasi per ispirare l'intuizione