La guida dell'insegnante alla sadhana

Quando Santokh Khalsa iniziò a insegnare 31 anni fa, sadhana significava solo una cosa: alzarsi alle 4 del mattino, doccia fredda e più di due ore di yoga, canto e meditazione, tutti i giorni. A quel tempo, la disciplina di Khalsa derivava da una forte convinzione nel caricare frontalmente la sua pratica spirituale. "Se dai un decimo delle tue ore [al mattino], lo Spirito ti copre per il resto della giornata", dice.

Da allora, l'impegnativo programma di guarigione e insegnamento di Khalsa ha notevolmente allentato la sua pratica quotidiana: può ascoltare i mantra mentre cammina o immergersi in una meditazione profonda mentre si trova nella vasca idromassaggio. "Convalido qualsiasi cosa, a patto che la tua intenzione sia la crescita spirituale, e lo stai facendo con coscienza su base regolare", dice il formatore di insegnanti di Kundalini Yoga con sede a Los Angeles.

Perché è importante

Il valore di una pratica quotidiana è qualcosa che insegniamo ai nostri studenti, quindi è ironico che diventare un insegnante possa creare una delle sfide più formidabili alla nostra pratica. È un dato di fatto che gli istruttori hanno bisogno di una forte pratica spirituale quotidiana per mantenerli radicati in ciò che insegnano. Ma le esigenze del lavoro rendono molto più difficile mantenere una pratica quotidiana. Non è solo l'enorme quantità di tempo che l'insegnamento richiede, ma il fatto che richiede di dimostrare e praticare yoga costantemente.

Ciò significa che puoi lasciare che la tua pratica scivoli?

No, secondo Khalsa. "L'unico modo in cui puoi essere un insegnante efficace è essere totalmente lì per i tuoi studenti", dice. Questo, aggiunge, è il motivo per cui una pratica quotidiana è così importante. " Sadhana è il mezzo per lasciare andare l'ego, i programmi personali e gli attaccamenti."

Secondo Stephanie Culen, la cui lezione di Flow Yoga è entrata recentemente nella lista dei migliori della città del New York Magazine , la Sadhana ha un altro fondamento logico . "Non puoi insegnarlo", dice, "senza farlo da solo in qualche modo."

La Sadhana cambia con te

Ecco perché potresti dover essere flessibile e creativo con la tua sadhana . "È una cosa pratica", dice Culen. "Le ore della giornata sono [spese] insegnando, quindi a volte la tua pratica personale viene sacrificata per la pratica dell'insegnamento."

Non mettere in pratica ciò che insegniamo può sembrarci ipocrita. Ma in realtà, il passaggio da una sadhana fisica , piena di asana, a una più eterea è una parte naturale dell'evoluzione dell'insegnante come "studente avanzato" di yoga, suggerisce Shiva Rea.

"Non uso molto la parola 'pratica'", dice Rea. "La pratica può significare essere molto rispettosi ... e questo può diventare pesante. Non appena quel sentimento è presente su base regolare, per me è un segno che la sadhana è decisamente passata alla pratica [meccanica]."

Per Rea, il 24/7 di vivere, insegnare e crescere suo figlio è diventato la sua sadhana . "Se il surf è alto, allora sono sulla mia tavola, cantando il mantra Gaitrei . Se ho bisogno di dormire di più o mio figlio si sveglia, allora mi godrò la mia kaia [incarnata] sadhana nel corso della giornata."

Suggerimenti per la sadhana per gli insegnanti

Gli insegnanti di yoga hanno esigenze speciali e affrontano sfide uniche. Riconoscerli è la chiave per mantenere una sadhana che sia sostanziale ma sana.

Non essere un fanatico. Essere un insegnante non significa essere sovrumani. "Non restare bloccato su 'Non posso farlo perfettamente, quindi non posso farlo affatto'", dice Khalsa. "Se non puoi fare tutto, fai quello che puoi fare." Ciò significa creare una pratica personale con obiettivi realistici e rispetto dei propri limiti.

Diversifica i tuoi ritmi. Rispetta gli alti e bassi che derivano dalla vita quotidiana come insegnante. "Nei giorni di massima produttività, fai qualcosa di più semplice", dice Rea. "Negli altri giorni, devi impegnarti a fare una sadhana più completa ." Rea dice che l'idea che la sadhana debba essere la stessa cosa ogni giorno non è realistica per molti insegnanti. Nei giorni in cui doveva andare molto in giro per le lezioni private, Rea si fermava spesso a fare la sua sadhana in un parco o nel campo vuoto di squash di una vicina palestra. Stabilisci un altare interno, dice Rea, che viaggi con te.

L'insegnamento è una sadhana . Ricorda che essere un insegnante è una routine spirituale in sé. "Non sono sicuro che [insegnare] sia abbastanza da solo", dice Khalsa, "ma fa parte della tua pratica".

Dan Charnas ha insegnato Kundalini Yoga per più di un decennio e ha studiato con Gurmukh e il defunto Yogi Bhajan, Ph.D. Vive, scrive e insegna a New York City.

Raccomandato

Incenso che brucia? Potresti nuocere alla tua salute
Il tempo per riposare è adesso
Maestri influenti: 14 pionieri dello yoga occidentale