Come insegnare la meditazione per il radicamento

Considera l'idea di introdurre qualche forma di pratica della meditazione nelle tue lezioni di yoga. La meditazione incoraggia gli studenti ad applicare la forza e l'equilibrio generati durante la pratica degli asana per imparare a gestire le loro menti.

La mente può essere il nostro più grande amico o il nostro più grande nemico, la fonte di molti dei nostri problemi o la soluzione ai nostri problemi. Aiutare gli studenti a formare relazioni positive e consapevoli con le loro menti è un grande dono. Questa relazione positiva con la mente è la base della vera salute e felicità.

Se trascuriamo la mente, siamo scollegati dal nostro potenziale creativo e possiamo facilmente cadere preda di ansia e depressione. Questo perché la mente è una forza potente che richiede addestramento e maturità se vogliamo gestirla bene. Sfortunatamente, molte persone evitano la meditazione. La pratica degli asana dona una sensazione meravigliosamente immediata di benessere fisico, lasciandoci rinfrescati ed energizzati. Questo è uno dei motivi per cui le asana sono così popolari. La meditazione, d'altra parte, è una disciplina più scoraggiante, perché ci chiede di affrontare e allenare la nostra mente.

Esistono molte diverse forme di meditazione, ma tutte portano allo stesso obiettivo: una maggiore consapevolezza di sé. Un effetto collaterale positivo è uno stato di salute sia fisica che psicologica. La meditazione ci aiuta anche a studiare i misteri della vita e dell'esistenza, aiutandoci ad accedere a una realizzazione più profonda. In definitiva, la meditazione porta a uno stato radicato, centrato e concentrato che molti descrivono come illuminato.

Fasi della meditazione

La meditazione comprende tre fasi distinte. Il primo è l'autoregolazione , in cui insegniamo ai nostri studenti a modificare consapevolmente il funzionamento e le sensazioni del loro corpo-mente. Ad esempio, insegna ai tuoi studenti la consapevolezza del respiro con l'obiettivo dichiarato di indurre il rilassamento.

Dopo aver insegnato l'autoregolazione, la seconda fase prevede metodi di autoesplorazione , che consistono principalmente nella concentrazione combinata con l'auto-consapevolezza. Questo ci permette di prendere coscienza di parti di noi stessi che prima erano inconsce. Le tecniche di autoesplorazione sviluppano forza interiore e stabilità.

In definitiva, le tecniche di autoesplorazione aprono la porta alla ricerca dell'autoliberazione e della crescita spirituale, il collegamento della nostra consapevolezza alla coscienza superiore. Questa terza fase è chiamata padronanza di sé , che porta all'autorealizzazione.

Vedi anche  Sequenza Yoga di Deepak Chopra per raggiungere una coscienza superiore

Affrontare la mente

La maggior parte delle persone non vuole svolgere il lavoro necessario per sviluppare la consapevolezza meditativa, perché affrontare la mente è una sfida. Ha aree che ci piacciono e con cui ci sentiamo a nostro agio e aree che non ci piacciono e di cui vogliamo sbarazzarci. È del tutto naturale voler evitare di affrontare le difficoltà e la maggior parte delle persone viene alla meditazione perché vuole essere libera da problemi, ansia e dolore. Sperano che la meditazione permetta loro di sbarazzarsi dei loro problemi.

Tuttavia, la meditazione ci insegna che non possiamo sbarazzarci dei nostri problemi, che la vita è intrinsecamente problematica e stimolante. La meditazione invece ci insegna come gestire i problemi con maggiore forza, equilibrio e coraggio e come usare i problemi come trampolini di lancio verso una coscienza superiore.

È essenziale ricordare che lo scopo della meditazione è l'autocoscienza, non uno stato di beatitudine privo di problemi e ostacoli. Se cerchiamo semplicemente l'estasi e speriamo di evitare il dolore e la sofferenza, allora stiamo effettivamente cercando la perdita di noi stessi. Lo scopo ultimo della meditazione è rimanere radicati nella consapevolezza di sé in tutte le condizioni di gioia e dolore, piacere e dolore, guadagno e perdita.

Come insegnanti, quindi, dobbiamo ricordare continuamente ai nostri studenti di rimanere radicati nella consapevolezza di sé in tutte le condizioni e di non perdersi nell'esperienza, indipendentemente dallo stato che si presenta.

Sfide alla meditazione

Ci sono diverse sfide fondamentali che devono affrontare tutti coloro che meditano. Il primo è la natura stessa della mente indisciplinata. Una mente indisciplinata tende a oscillare tra due stati primari durante la meditazione: lo stato opaco, assonnato e lo stato irrequieto e dissipato. È importante che gli insegnanti rassicurino i propri studenti sul fatto che questa oscillazione è normale.

Altre sfide includono vecchi schemi mentali ed emozioni ed esperienze non digerite che emergono mentre tentiamo di calmare la mente. Quando iniziamo a rilassarci, le esperienze represse riaffiorano e abbiamo bisogno di affrontarle, gestirle e digerirle. Lo facciamo insegnando pratiche che consentono uno stato di testimonianza distaccato che ci consente di osservare la mente senza reagire.

È anche importante, come insegnanti, esaltare uno stile di vita e una dieta yogici, una semplice vita sattvica che faciliti l'esperienza meditativa. Se siamo esausti per un'esistenza stressante, allora durante i tranquilli momenti di meditazione dormiremo. Se mangiamo in modo eccessivo, ci sentiremo pesanti. Sperimenteremo nella meditazione qualunque cosa portiamo in essa.

I cambiamenti nello stile di vita sono spesso difficili anche quando sappiamo che ci renderanno più sani e più felici.

Vedi anche  Una pratica di meditazione per far entrare gioia + felicità

Affrontare la sfida della meditazione

Per raggiungere stati più elevati di consapevolezza meditativa, dobbiamo subire un processo di formazione e auto-trasformazione. Questo è difficile da ottenere da solo e di solito richiede un insegnante. Come insegnanti, ci sono una serie di cose che possiamo fare per supportare una pratica di meditazione più radicata:

1. Ispira i tuoi studenti, dando istruzioni che invocano coraggio, sincerità, impegno e determinazione. Dipingi un quadro delle possibilità in modo che gli studenti sappiano a cosa stanno mirando e quanto beneficio otterranno una volta intrapreso questo viaggio interiore di scoperta di sé.

2. Dì ai tuoi studenti di contemplare ciò che vogliono ottenere nella vita e di risolverlo. Dovrebbero usare la meditazione come parte di questo risultato.

3. Pratica asana prima della meditazione per preparare il corpo-mente, rendendo più facile sedersi senza ginocchia e schiena doloranti mentre ci concentriamo sugli elementi più sottili del nostro essere.

4. Usa il pranayama, un meraviglioso processo premeditativo che ci riempie di energia e ci dà la forza e la resistenza per fare il lavoro che dobbiamo fare con la nostra mente. Uno dei migliori esercizi di pranayama premeditativo è la respirazione a narici alternate.

5. Impegnati in un misto di pratiche meditative. Inizia con uno stile di pratica basato sulla concentrazione, come meditare usando il respiro e un mantra. Quindi entra nella pratica della consapevolezza osservando ciò che sta sorgendo. Uno dei migliori respiri da usare per rimanere radicati nella meditazione è l'Ujjayi o respirazione della gola, eseguita molto dolcemente e delicatamente.

6. Durante la meditazione guidata, chiedi ai tuoi studenti di osservare se si sentono radicati o ottusi e dissipati. Se sono ottusi o dissipati, dovrebbero meditare su quello stato per chiedersi perché potrebbe accadere. Incoraggiali a capire quali cambiamenti devono apportare nella loro vita.

7. Utilizzare tecniche di autoregolazione in modo che durante la pratica possano fare ciò di cui hanno bisogno per sentirsi più radicati. Ad esempio, usa tecniche di respirazione come Ujjayi o un mantra.

8. Un simbolo di coscienza superiore, come la fiamma di una candela, o un'immagine che attira la nostra mente a un'ispirazione superiore, è spesso uno strumento utile per stimolarci durante la pratica. Di 'ai tuoi studenti di mantenere questa immagine nel tuo cuore e nella tua mente mentre praticano.

9. Soprattutto, ricorda ai tuoi studenti che qualunque cosa sorga nelle loro menti è solo una parte di un processo mentale. Devono cercare di mantenere la loro consapevolezza su se stessi come osservatori del processo, piuttosto che rimanere coinvolti negli stati mentali stessi.

Vedi anche  10 meditazioni che vorrai tenere a portata di mano

Il dottor Swami Shankardev Saraswati è uno yogacharya, medico, psicoterapeuta, autore e docente. Ha vissuto e studiato con il suo guru, Swami Satyananda, per più di 10 anni in India (1974-1985). Tiene conferenze in tutto il mondo. Per contattarlo o leggere altri suoi lavori, vai su www.bigshakti.com.

Raccomandato

Coltiva Ahimsa (non dannoso) sul tappeto
Fai la tua cosa: piegare la tradizione dello yoga per adattarla alla tua vita moderna
Progetto Goddess Yoga: meditazione in 3 fasi per ispirare l'intuizione