Questo è il modo in cui un medico yogi ha usato l'Ayurveda per curare il proprio cancro

Indossando solo un perizoma di mussola, sono sdraiato su un tavolo di legno duro macchiato del colore del mogano da anni di massaggi con l'olio. Una calda brezza aleggia un sari cremisi sbiancato dal sole montato longitudinalmente sulla parete reticolata che separa la stanza dei trattamenti dal giardino e dalle palme da cocco all'esterno. Krishna Dasan, la terapista ayurvedica che lavora su di me, fa scivolare una borsa oleosa piena di foglie appena tagliate, aglio e limone con lunghi colpi dal petto alle gambe. A volte lungo la strada, rilevando un'area ostinata di rigidità muscolare, si ferma e si strofina avanti e indietro sull'area bloccata per una serie di colpi staccati prima di riprendere quelli più lunghi.

Quando il sacchetto si raffredda, Krishna lo porge al suo assistente, Shashi, che lo rimette nell'olio infuso di curcuma che ribolle su una fiamma a gas a un fornello e ne porge una calda. Dopo aver battuto la borsa una o due volte sul tavolo per raffreddarla e rimuovere l'olio in eccesso, Krishna traccia dei cerchi decisi su entrambi i lati del mio petto. L'aria è fragrante con un odore più simile al cibo che alla medicina, che ricorda vagamente la zuppa di piselli fatta in casa.

Vedi anche la  zuppa di menta verde cruda per il chakra Anahata (cuore)

Poiché è preoccupato che l'olio caldo possa causare la diffusione delle cellule tumorali metastatiche nei linfonodi del collo, Krishna massaggia quell'area solo leggermente. Pochi giorni prima che iniziassimo questi trattamenti, il suo guru, Chandukutty Vaidyar, un anziano medico ayurvedico, lo aveva avvertito di stare attento.

Normalmente, Vaidyar, il cui nome è la parola malayalam per "dottore", rifiuta di curare i malati di cancro, ma da quando sono suo studente da anni, ha fatto un'eccezione.

"Non mi aspetto che l'Ayurveda possa curare il mio cancro", dico a Krishna. Sembra sollevato. "Voglio solo essere il più riposato ed equilibrato possibile prima di sottopormi ai trattamenti pesanti."

Immagino che i massaggi e i rimedi erboristici, che mi hanno aiutato così tanto in passato, mi avrebbero almeno dato una possibilità migliore di superare ciò che stava per accadere. E sebbene non ci siano prove scientifiche a sostegno dell'idea, sospetto che possano persino aumentare le mie probabilità di guarigione.

Vedi anche 7 metodi di carrozzeria da provare

Trattamenti ayurvedici utili prima della chemioterapia

Pochi giorni dopo aver iniziato questo ciclo di trattamenti ayurvedici, noto che la mia tonsilla non è più coperta da una pellicola grigiastra ma è rosa brillante e sembra più piccola allo specchio. Quando muovo le dita sui linfonodi del collo, come ho fatto migliaia di volte sui pazienti, sembra che anche loro si restringano. Krishna è d'accordo. Nelle prossime due settimane, questa tendenza continua, con una progressiva, lieve diminuzione delle dimensioni dei tumori. Non penso che sarà sufficiente per sradicare il cancro, quindi sto ancora pianificando cure convenzionali, ma sembra una conferma che quello che sto facendo sta già facendo la differenza.

Nel decidere di andare in India per cure ayurvediche prima di iniziare la chemioradioterapia, ricordo una cosa che ho imparato alla facoltà di medicina: il cancro è potenzialmente pericoloso per la vita, ma nella maggior parte delle circostanze non è un'emergenza. Ecco perché rabbrividisco quando le persone si affrettano a sottoporsi a cure prima di aver avuto la possibilità di considerare attentamente le loro opzioni. Quando viene diagnosticato un cancro, spesso si è nascosto nel corpo per anni, a volte per un decennio o più. Questo è il motivo per cui un ritardo di alcune settimane, a meno che non ci sia una situazione critica, come un tumore che ostruisce un tubo di respirazione o compromette un'altra struttura vitale, di solito non avrà molta importanza. Ciò che è fondamentale per me è ottenere la migliore assistenza possibile, non, come ho sentito dire dai pazienti, "farmi uscire il cancro il prima possibile". Ho il lusso di non essere in emergenza,quindi sono in grado di fare ricerche approfondite, parlare con i miei cari, consultare i colleghi e ottenere una seconda opinione da altri professionisti sanitari.

Vedi anche Perché più medici occidentali ora prescrivono la terapia yoga

Yoga e Ayurveda durante la chemioterapia

Meno di un mese dopo l'India, arrivo in un importante centro medico negli Stati Uniti sudorientali per cure contro il cancro. L'aria condizionata nell'ospedale è gelida. Indosso un berretto marrone rossiccio, uno dei tanti che mia cognata, Madelyn, mi ha comprato. Prima dell'infusione del farmaco chemioterapico Cisplatino, l'infermiera porta un bicchiere di carta con due pillole anti-nausea. Uno è un potente corticosteroide chiamato Decadron. L'altra pillola è un nuovo popolare agente anti-nausea che si dice sia molto più efficace dei farmaci precedenti.

Per ogni evenienza, però, per aiutare a prevenire la nausea, non ho bevuto altro che acqua calda negli ultimi due giorni. Ho preso la decisione di rinunciare al cibo dopo aver letto un rapporto su una rivista di oncologia che ha scoperto che i pazienti che digiunavano durante i loro trattamenti di chemio riportavano poca o nessuna nausea. Seduto nel centro di infusione, mastico fette di zenzero fresco che ho portato da casa, un rimedio ayurvedico per la nausea.

Vedi anche Tè allo zenzero fresco

Mentre il contenuto giallo del sacchetto piccolo di cisplatino gocciola in un sacchetto più grande di soluzione salina che scorre in una vena del mio braccio, non lo considero un farmaco tossico, anche se so benissimo che lo è. Invece, immagino che sia un nettare curativo che scorre dentro di me e circola in tutto il mio corpo. Mi sdraio sulla sedia di vinile, guardo fuori dalla finestra i pochi alberi in questo paesaggio urbano e canto silenziosamente i mantra.

La posa yoga che si sta dimostrando più utile per me è una svolta riparatrice incline. Per entrarci, mi siedo con le ginocchia piegate sul lato destro del corpo con il piede destro cullato nell'arco della mia sinistra. Mentre porto il busto verso un sostegno cilindrico, giro la colonna vertebrale e la testa a sinistra. Appena prima che il mio petto si posi sul cuscino, giro il collo nella direzione opposta, in modo che le ginocchia e la testa siano rivolte nella stessa direzione. Il mio respiro si fa più profondo mentre affondo.

Questo è un bellissimo tratto tra il collo e la gabbia toracica, che mi aiuta a preservare il movimento minacciato dalla chemioradioterapia. E poiché questa torsione prona è una posa riparatrice, posso tenerla a lungo. Sono stato stanco e incapace di fare molta pratica yoga quasi tutti i giorni. Alcune mattine, stare in piedi e sollevare le braccia sopra la testa sembra troppo. Rimango 20 minuti nella torsione, poi vengo in posa dall'altra parte.

Ieri, Madelyn mi ha sorpreso a dormire nella posa. Potrei essere stato lì per 45 minuti. Normalmente non succede mai.

Vedi anche  Trova serenità ora con questa pratica di yoga riparatore

Un approccio integrativo al trattamento del cancro mostra i risultati

Tre mesi dopo il trattamento chemioterapico, torno in ospedale per un'altra scansione PET per valutare la mia risposta. Mi è stato detto che le aree che si sono illuminate durante i miei test iniziali sette mesi fa, indicando il cancro, sono tornate alla normalità. Nessuno dei miei medici, entrambi i quali mi esaminano attentamente, trova segni di cancro alla bocca o ai linfonodi. Ho quella che chiamano una "risposta clinica completa".

Nella mia esperienza nella pratica medica, i trattamenti contro il cancro possono essere sia abusati che eccessivamente aggressivi. Per molte neoplasie, inclusa la mia, un approccio integrativo che include il meglio della moderna medicina scientifica, ma che affronta anche le molte aree della mente, del corpo e dello spirito che il campo sistematicamente trascura, sembra offrire la migliore speranza.

Sistemi di medicina olistica come l'Ayurveda e la medicina tradizionale cinese funzionano come un giardiniere biologico che rende le piante (in questo caso il corpo) più resistenti rafforzando il terreno piuttosto che semplicemente versando sui pesticidi. Ma a volte hai bisogno di entrambi. Un aspetto di una buona assistenza olistica è che accoglie trattamenti come farmaci e interventi chirurgici quando sembrano gli strumenti giusti per il lavoro. Si potrebbe dire che il percorso integrativo che ho scelto per affrontare il pernicioso invasore che è il cancro ha incorporato le sostanze chimiche tossiche della chemioterapia insieme agli effetti di miglioramento del suolo della dieta, riduzione dello stress e delicati rimedi erboristici.

Vedi anche 18 motivi per praticare la cura di sé

Non ho scelto questa avventura contro il cancro. Ma vedo chiaramente che le mie scelte mettono in moto il karma che mi ha portato ad esso. Nel cercare di affrontarlo nel modo più abile possibile, data l'imperfetta raccolta di informazioni che avevo accumulato nel momento in cui ogni decisione doveva essere presa, ho fatto del mio meglio. E nel complesso sono contento delle scelte che ho fatto.

Tutto quello che puoi fare è il meglio che puoi fare in un dato momento e non indovinare te stesso. Questa è abilità nell'azione: la definizione di yoga della Bhagavad Gita. È anche yoga usare la tua vita e le lotte per imparare e crescere, trasformando eventi apparentemente negativi in ​​cose che ti servono. Lo yoga insegna che è possibile, attraverso le tue azioni, cambiare un karma negativo in karma buono. Ho scelto la via dell'olismo, facendo un piccolo passo alla volta e cercando di guardare ad aspetti specifici della mia situazione nella speranza di spostare il tutto in una direzione utile. Ho affrontato la mia struttura, il mio respiro, il mio sistema nervoso e la mia mente. Oltre ai trattamenti ayurvedici, ho avuto dozzine di trattamenti di agopuntura e visite regolari da un fisioterapista per il lavoro sul corpo chiamato rilascio miofasciale. E ho continuato il mio viaggio di scavo psicologico,abbandonare atteggiamenti e comportamenti che possono avermi servito nella mia infanzia difficile ma di cui non avevo più bisogno.

Per quanto abbia lavorato duramente per superare la sfida del cancro, ho anche rinunciato all'illusione di poterlo controllare. Dopo aver ricevuto la notizia che speravo al mio appuntamento di follow-up, ho appreso che c'è una probabilità dal 5 al 10% che il cancro si ripresenti nei primi tre anni. Ottimista come sono, sono consapevole che i miei sforzi potrebbero non essere stati sufficienti. Parte della mia speranza è che so che se il cancro dovesse ripresentarsi, ho gli strumenti per aiutarmi a superarlo. Per guarire anche se non posso essere curato. Per vivere comunque la vita che mi resta con gioia, contentezza e amore. E l'urgenza che la diagnosi ha portato è vivere la vita più pienamente, portare ancora più passione e disciplina nel lavoro che sento di essere stato messo sul pianeta per fare. 

Vedi anche  NOW Solutions Meditation Ritual for Self Care

Circa l'autore

Adattato da Saving My Neck: A Doctor's East / West Journey through Cancer di Timothy McCall, MD, © 2018 Timothy McCall (Whole World Publishing). McCall è l'autore di bestseller di Yoga as Medicine ed è redattore medico di Yoga Journal dal 2002. Ulteriori informazioni su drmccall.com .

Raccomandato

Buzzed: Yoga and Alcohol
Di quale olio essenziale ha bisogno il tuo chakra? Rispondi al nostro quiz!
12 pose per mantenere la calma quest'estate