Ishvara Pranidhana: la pratica della resa

Ishvara pranidhana non riguarda ciò che il tuo yoga può fare per te, ma avvicinarti alla tua pratica nello spirito dell'offerta.

Quando ero uno studente di Ashtanga a Mysore, mi piaceva camminare per diversi isolati fino alla yoga shala (scuola) di Pattabhi Jois per la pratica delle 4:30. Nella quieta oscurità prima dell'alba, le strade laterali sarebbero costellate di donne vestite di sari del quartiere inginocchiate per terra davanti alle loro case disegnando rangoli , intricati diagrammi sacri (noti anche come yantra) ottenuto setacciando la farina di riso tra le dita. A volte semplici, a volte elaborate, queste offerte a Lakshmi, la dea della fortuna e della prosperità, erano sempre vibranti e destinate a essere cancellate non appena le strade si riempivano di traffico. Sono stata ispirata dalla dedizione, dalla creatività e dalla mancanza di attaccamento delle donne alle loro bellissime creazioni. Quando sono diventato amico di alcune donne del vicinato e mi hanno insegnato alcuni semplici rangoli, ho imparato che queste offerte non sono solo un dovere o una decorazione, ma meditazioni creative che invocano una connessione con il Divino a nome di tutti. Come mi ha detto una madre con un sorriso e un gesto espansivo della mano, "Queste offerte mi ricordano il quadro generale, che mi aiuta a prendermi cura delle piccole cose con amore".

Queste offerte mattutine, come tanti rituali quotidiani in India, incarnano la pratica yoga di Ishvara pranidhana - arrendersi (pranidhana) a una fonte superiore (Ishvara). Ishvara pranidhana è una pratica yoga "quadro generale": avvia un sacro cambio di prospettiva che ci aiuta a ricordare, allinearci e ricevere la grazia di essere vivi.

Eppure a molti occidentali moderni l'idea della resa come virtù può sembrare strana. Molti di noi hanno sperimentato l'arrendersi a una fonte superiore solo come ultima risorsa, quando abbiamo affrontato problemi apparentemente insormontabili o in qualche altro modo abbiamo raggiunto il limite della nostra volontà e capacità individuali. Ma nello Yoga Sutra, Patanjali trasforma la "resa" da questa sorta di ultima risorsa, risposta di emergenza in una pratica continua essenziale. Patanjali sottolinea ripetutamente Ishvara pranidhana come uno dei cinque niyama, o pratiche interiori, del sentiero ashta-anga (otto rami) (capitolo II, versetto 32) e, insieme alla disciplina ( tapas ) e allo studio personale ( svadhyaya ), come parte del kriya yoga, il triplice yoga dell'azione (II.1).

Vedi anche  Intro to Kriya Yoga

Per Patanjali, Ishvara pranidhana è un potente metodo per dissolvere le infinite agitazioni della mente, e quindi un mezzo per il massimo stato unificato dello yoga: samadhi. Perché? Perché Ishvara pranidhana sposta la nostra prospettiva dall'ossessione per l '"io" - con le nostre ristrette preoccupazioni e prospettive individuali - che causa gran parte della distrazione della mente e crea un senso di separazione dalla nostra Fonte. Poiché Ishvara pranidhana non si concentra sull'ego ma sul terreno sacro dell'essere, ci riunisce con il nostro vero Sé. Come afferma il maestro indiano di yoga BKS Iyengar nella sua Luce sugli Yoga Sutra, "Con la resa l'ego dell'aspirante viene cancellato e ... la grazia ... si riversa su di lui come una pioggia torrenziale". Come la discesa attraverso strati di tensione per riposare nel rilascio di Savasana (Posizione del cadavere), Ishvara pranidhana fornisce un percorso attraverso gli ostacoli del nostro ego verso la nostra natura divina: grazia, pace, amore incondizionato, chiarezza e libertà.

trovare la tua connessione con l'universo

Per praticare Ishvara pranidhana, dobbiamo prima iniziare con la nostra intima connessione con l'universo. Nello yoga, questo è indicato come il tuo Ishta-Devata . Il concetto yogico di Ishta-Devata riconosce che ognuno di noi ha la propria relazione personale e il proprio gusto con il Divino e che questo serve come un potente mezzo di yoga (unificazione) per noi. Tradizionalmente, molti sadhu(i monaci) in India hanno venerato il dio Shiva nel suo ruolo di yogi archetipico. Molti altri indiani adorano Vishnu, specialmente nelle sue incarnazioni come Rama o Krishna. Altri ancora sono attratti dalle manifestazioni femminili della divinità, come Lakshmi o Kali o Durga. Ma Sri T. Krishnamacharya, probabilmente la figura più influente nella diffusione dello yoga in Occidente, sosteneva che i praticanti di yoga occidentali usassero il proprio linguaggio, immagini e nomi del sacro per approfondire la loro connessione con Ishvara.

Sono sempre stato naturalmente attratto dalla cultura indiana, ma sono sicuro di essere stato influenzato anche dalla devozione di mia nonna cattolica a Madre Maria. Quando ero bambino, trovavo spesso mia nonna rapita in preghiera, che recitava il rosario mentre era sdraiata sul letto sotto un'immagine della Madre benedetta. La tua Ishta-Devata può anche assumere una forma più astratta; mio padre, un artista, descrive la luce come il suo modo di vedere il Divino nella natura, negli occhi delle persone, nell'arte. Nello yoga, Ishvara è inteso come al di là di una forma ma espresso attraverso tutte le forme, e quindi è spesso rappresentato come la sacra sillaba Om, come pura vibrazione. La tua Ishta-Devata è la forma che la vibrazione assume nel tuo cuore.

Nello Yoga Sutra, Patanjali si riferisce a questa presenza interiore di Ishvara come il nostro principale insegnante (I.26). Attraverso l'ascolto intimo di questa voce dentro di noi, iniziamo ad avere una relazione con la guida interiore in tutti gli aspetti della nostra vita. Quando penso ai miei insegnanti più importanti, compresi i miei genitori, vedo che erano lì non solo per le grandi lezioni ma anche in mille piccoli modi, mostrandomi costantemente quando ero sul bersaglio o iniziavo a vagare fuori dal sentiero, aprendo il mio essere a nuovi panorami e ricordarmi quando mi stavo chiudendo alla vita. La mia esperienza del mio insegnante interiore è simile: man mano che la mia sintonia con questo senso interiore di direzione cresce, guida sempre più i miei pensieri, parole e azioni.

Fare offerte

Se Ishvara è la bussola interiore, pranidhana sta ricordando di rimanere connesso a quell'essenza non solo occasionalmente ma per tutto il giorno. Ishvara pranidhana è anche tradotto come "offrire i frutti delle proprie azioni al Divino". Mentre consideriamo come rendere Ishvara pranidhana una parte viva del nostro yoga, è utile guardare all'India, dove l'atto di offrire pervade la cultura. Ho scoperto che vivere lì, nonostante tutte le sue sfide, mi ha davvero aiutato a capire come Ishvara pranidhana possa essere integrato nella vita quotidiana.

In tutta l'India, le immagini del Divino sono ovunque e persone di tutte le età fanno continuamente offerte di frutta, incenso e gesti, dall'Anjali Mudra (mani unite al cuore) alle prostrazioni di tutto il corpo. Alla bancarella di frutta locale, il mercante offre il denaro della sua prima vendita all'altare sul suo carro; il tuo autista di risciò tocca i piedi di un'immagine di Krishna prima di rimpicciolire; una madre del vicinato mette il primo cucchiaio del pasto davanti all'altare della sua cucina. Mentre il maestro di Ashtanga Vinyasa Sri K.Pattabhi Jois entra nella stanza dello yoga, la sua fronte mostra sempre i segni del suo tilak , il segno che ha fatto la sua puja mattutina(offerta). Tutte queste pratiche coltivano una connessione sottostante con la Sorgente; "Io, io, io" inizia a passare in secondo piano e la vita spirituale si sposta più in primo piano e al centro.

Inizio a praticare Ishvara Pranidhana

Per gli americani, che raramente crescono con una vita rituale così costante, stabilire Ishvara pranidhana può richiedere un'attenzione extra e un ascolto interno, proprio come il processo di imparare a fare respiri lunghi, lenti e costanti negli asana. Come respirare più profondamente, Ishvara pranidhana non dovrebbe sentirsi strano oa disagio. La pratica non è davvero estranea a nessuno, anche se potrebbe sembrare un po 'poco familiare agli occidentali. Chiunque, indipendentemente dall'orientamento spirituale, può praticare Ishvara pranidhana e qualsiasi azione può essere migliorata da questa pratica. Non c'è stato interiore, emozione o ostacolo che sia al di là dell'influenza positiva di Ishvara pranidhana. Ricorda se sei una bhakti naturale Yogi (devozionale) o un completo scettico, sia che tu stia intraprendendo un atto semplice come cucinare un pasto o un compito impegnativo come una conversazione difficile, sia che il tuo stato d'animo sia gioioso o confuso, l'intero mandala della vita è il regno di Ishvara pranidhana .

Vedi anche  Il sentiero della devozione: Bhakti Yoga

Poiché l'ambito di Ishvara pranidhana è così vasto, i praticanti di yoga occidentali spesso accolgono favorevolmente alcune linee guida pratiche per aiutarli a iniziare. Ecco alcune arene in cui ho trovato Ishvara pranidhana particolarmente utile: all'inizio di qualsiasi azione, come un modo per cambiare la tua prospettiva di fronte alle difficoltà, e come un metodo per sperimentare appieno i semplici atti della vita. Il tappetino da yoga o cuscino da meditazione è un meraviglioso "spazio sicuro", un "percorso chiuso", su cui puoi provare Ishvara pranidhana. Come con qualsiasi azione nel mondo, il modo in cui inizi la tua pratica può fare un'enorme differenza nel modo in cui scorre il tuo yoga. L'ascolto interiore, l'impostazione della tua intenzione, il canto e la visualizzazione sono tutti modi formali per iniziare Ishvara pranidhana. Spesso inizio la mia pratica disteso sulla pancia in piena prostrazione,visualizzare i piedi di loto della Dea, la mia Ishta-Devata, di fronte a me. Respiro e svuoto i residui della giornata e scopro che presto sono riempito di un senso intuitivo di direzione, ispirazione e chiarezza che provo come una bussola interiore, un insegnante la cui presenza si approfondisce durante tutta la pratica. Surya namaskar (Saluto al sole) può anche essere un metodo di Ishvara pranidhana; alle sue origini, era una preghiera commovente in cui ogni respiro restituiva l'energia dello yogi al sole.Surya namaskar (Saluto al sole) può anche essere un metodo di Ishvara pranidhana; alle sue origini, era una preghiera commovente in cui ogni respiro restituiva l'energia dello yogi al sole.Surya namaskar (Saluto al sole) può anche essere un metodo di Ishvara pranidhana; alle sue origini, era una preghiera commovente in cui ogni respiro restituiva l'energia dello yogi al sole.

Mentre pratichi gli asana, puoi iniziare a trattare le posizioni yoga impegnative come microcosmi delle difficoltà della vita, e quindi grandi opportunità per praticare l'arte dell'offerta. Nella mia pratica sto diventando sempre più capace di riconoscere la tensione come un segnale; trattenere e afferrare sono segni che la mia connessione con Ishvara pranidhana sta diminuendo. Quando offro la mia tensione alla Fonte, svuotandomi e arrendendomi di nuovo, molto spesso provo un aumento di forza o un approfondimento del mio respiro e della mia flessibilità. Ancora più importante, provo un passaggio dal mio piccolo e affollato mondo interiore a un quadro generale dell'essere vivo. Quindi, come con le offerte di farina di riso delle donne Mysore, la grazia del processo rimane anche quando la posa si è dissolta.

Poiché Ishvara pranidhana collega ogni azione alla sua fonte sacra, si dice che Krishnamacharya l'abbia descritta come la pratica yoga più importante per il Kali Yuga in cui viviamo, una "Età del ferro" in cui tutta l'umanità è caduta in disgrazia. Proprio come l'impegno buddista a portare consapevolezza a ogni azione è chiamato pratica di consapevolezza, Ishvara pranidhana potrebbe essere chiamata pratica di "cordialità"; risveglia la nostra costante devozione alla Fonte della vita e mantiene i nostri cuori aperti al Divino in ogni momento, qualunque cosa sorga.

Vedi anche  Incorporare Ishvara Pranidhana nella tua pratica yoga

Raccomandato

Buzzed: Yoga and Alcohol
Di quale olio essenziale ha bisogno il tuo chakra? Rispondi al nostro quiz!
12 pose per mantenere la calma quest'estate