Introduzione al canto, al mantra e al japa

 Cos'è il Japa?

La recitazione del mantra è nota come japa, che letteralmente significa "mormorare, sussurrare". Secondo le scuole, come Hatha Yoga e Mantra Yoga, l'universo è creato per mezzo del suono e tutti i suoni, sia sottili che udibili, provengono da una fonte trascendente e "senza suono" chiamata "suono supremo" o "voce suprema "( shabda-brahman o para-vac ). Mentre tutti i suoni possiedono un certo grado di forza creativa di shabda-brahman, i suoni dei mantra sono molto più potenti di altri suoni.

Come pratica, il japa ha migliaia di anni. All'inizio, i mantra erano tratti solo dalle migliaia di versi del Rig-Veda, la scrittura più antica e sacra dell'induismo. Dopo un po 'di tempo, i mantra furono presi anche da fonti non vediche, come i numerosi testi associati alle scuole del tantra indù, o quelli rivelati ai veggenti ( rishi ) in meditazione. Il Mantra Yoga come scuola formale è uno sviluppo relativamente recente, sebbene "recente" negli anni dello yoga significhi tra dodici e quindici secoli. I manuali di istruzione elencano comunemente sedici "arti" ( anga ) della pratica. Molti di loro, come gli asana, la respirazione cosciente e la meditazione, sono condivisi con altre scuole di yoga.

Gli elementi costitutivi di tutti i mantra sono le 50 lettere dell'alfabeto sanscrito. I mantra possono essere costituiti da una singola lettera, una sillaba o una stringa di sillabe, una parola o un'intera frase. Etimologicamente, la parola "mantra" deriva dal verbo "uomo", che significa "pensare", e dal suffisso "tra", che denota strumentalità. Un mantra è quindi letteralmente uno "strumento di pensiero" che concentra, intensifica, e spiritualizza la nostra coscienza.

Vedi anche il Morning Mantra Practice di Kathryn Budig

Lo scopo del mantra

Il mantra tradizionalmente ha due scopi, che possono essere definiti mondani e spirituali. Di solito pensiamo al mantra esclusivamente come uno strumento di auto-trasformazione. Ma nei tempi antichi il mantra era usato anche per scopi banali e non necessariamente positivi, come comunicare e placare fantasmi e antenati, esorcismo o allontanare le forze del male, rimedi per malattie, controllo dei pensieri o azioni di altre persone e l'acquisizione di poteri ( siddha ) o abilità magiche. Per quanto riguarda il suo scopo spirituale, si dice che il mantra calma le fluttuazioni abituali della nostra coscienza e quindi guida la coscienza verso la sua fonte nel Sé.

Vedi anche Pratiche yoga per veterinari: Mantra di guarigione "IO SONO"

Diverse categorie di mantra

Gli yogi classificano anche i mantra come "significativi" o "privi di significato". I mantra nella categoria "significativo" hanno un significato superficiale evidente insieme a quello esoterico. Esempi di mantra significativi sono i "grandi detti" ( maha-vakya ) tratti dai testi conosciuti come Upanishad, come "Io sono l'Assoluto" ( aham brahma asmi ) e "Tu sei Quello" ( tat tvam asi ). I mantra significativi hanno due funzioni: instillare nel recitatore una particolare dottrina spirituale e servire da veicolo per la meditazione.

È piuttosto fuorviante definire "priva di significato" la seconda categoria di mantra. I mantra privi di significato lo sono solo apparentemente per i non iniziati, che non possiedono la chiave per la loro comprensione. Coloro che sanno, che hanno subito una corretta iniziazione, comprendono perfettamente il mantra. Inoltre, lo scopo di questi mantra non è quello di impartire una particolare dottrina, ma di influenzare un certo stato di coscienza nel recitatore.

Vedi anche Un mantra per il tuo cuore: prova la meditazione Hamsa

Le chiavi per insegnare il japa

Ci sono alcune cose importanti da ricordare quando si insegna il japa. Dovrai comunicare ai tuoi studenti la velocità, il ritmo, la pronuncia, lo scopo e il significato esoterico appropriati del mantra. Si sostiene che un mantra pronunciato male e usato in modo inappropriato sia "addormentato" o totalmente inefficace. Si raccomanda inoltre di praticare il japa alla stessa ora ogni giorno e in luogo ogni giorno, rivolto a nord o ad est. L'ora più propizia è chiamata "ora di Brahma" ( brahma-muhurta ), che è fissata in tempi diversi da insegnanti diversi, comunemente all'alba o un'ora prima. Ovviamente, a seconda del momento in cui insegni, questo potrebbe non essere sempre possibile, quindi in qualsiasi momento e luogo andrà bene, a condizione che incoraggi i tuoi studenti a esercitarsi regolarmente.

Se sei convinto ora che il canto aumenterà l'esperienza dei tuoi studenti in classe ma non sei sicuro di quale canto usare o come pronunciare le loro parole, la nostra Guida ai canti comuni, che include traduzioni, informazioni storiche e clip audio.

Richard Rosen scrive per Yoga Journal dagli anni '70.

Raccomandato

Hot Stuff: il libro Bikram Yoga di Bikram Choudhury
The Top Peanut Balance Balls
Fare amicizia con il corpo: trovare pace e sollievo dai disturbi autoimmuni attraverso lo yoga