I rami dell'albero dello yoga

Nei tempi antichi lo yoga veniva spesso definito un albero, un'entità vivente con radici, un tronco, rami, fiori e frutti. Hatha yoga è uno dei sei rami; gli altri includono raja, karma, bhakti, jnana e tantra yoga. Ogni filiale con le sue caratteristiche e funzioni uniche rappresenta un particolare approccio alla vita. Alcune persone potrebbero trovare un ramo in particolare più invitante di un altro. Tuttavia, è importante notare che il coinvolgimento in uno di questi percorsi non preclude l'attività in nessuno degli altri, e infatti troverai molti percorsi che si sovrappongono naturalmente.

Raja Yoga

Raja significa "regale" e la meditazione è il punto focale di questo ramo dello yoga. Questo approccio implica la stretta aderenza agli otto "arti" dello yoga come delineato da Patanajli nello Yoga Sutra. Trovati anche in molti altri rami dello yoga, questi arti o stadi seguono questo ordine: standard etici, yama ; autodisciplina, niyama ; postura, asana; estensione o controllo del respiro, Pranayama; ritiro sensoriale, pratyahara ; concentrazione, dharana ; meditazione, dhyana ; ed estasi o liberazione finale, samadhi. Il raja yoga attrae persone introspettive e attratte dalla meditazione. I membri degli ordini religiosi e delle comunità spirituali si dedicano a questo ramo dello yoga. Tuttavia, anche se questo percorso suggerisce uno stile di vita monastico o contemplativo, entrare in un ashram o in un monastero non è un prerequisito per praticare il raja yoga.

Karma Yoga

Il ramo successivo è quello del karma yoga o sentiero del servizio, e nessuno di noi può sfuggire a questo sentiero. Il principio del karma yoga è che ciò che sperimentiamo oggi è creato dalle nostre azioni in passato. Consapevoli di questo, tutti i nostri sforzi attuali diventano un modo per creare consapevolmente un futuro che ci liberi dall'essere vincolati dalla negatività e dall'egoismo. Il karma è il percorso dell'azione auto-trascendente. Pratichiamo il karma yoga ogni volta che eseguiamo il nostro lavoro e viviamo le nostre vite in modo disinteressato e come un modo per servire gli altri. Fare volontariato per servire i pasti in una mensa dei poveri o iscriversi a un periodo con i Peace Corps o Habitat for Humanity sono ottimi esempi di servizio disinteressato associato al percorso del karma yoga.

Bhakti Yoga

Il Bhakti Yoga descrive il sentiero della devozione. Vedendo il divino in tutta la creazione, il bhakti yoga è un modo positivo per canalizzare le emozioni. Il sentiero della bhakti ci offre l'opportunità di coltivare l'accettazione e la tolleranza per tutti coloro con cui entriamo in contatto.

I bhakti yogi esprimono la natura devozionale del loro percorso in ogni loro pensiero, parola e azione, sia che stiano portando fuori la spazzatura o calmando la rabbia di una persona cara. Mahatma Gandhi e Martin Luther King, Jr., sono ottimi esempi di bhakti yogi. La vita e il lavoro di Madre Teresa incarnano la combinazione dei percorsi karma e bhakti yoga con aspetti devozionali della bhakti e il servizio disinteressato del karma yoga.

Jnana Yoga

Se consideriamo la bhakti come lo yoga del cuore, allora jnana yoga è lo yoga della mente, della saggezza, il sentiero del saggio o studioso. Questo percorso richiede lo sviluppo dell'intelletto attraverso lo studio delle scritture e dei testi della tradizione yogica. L'approccio jnana yoga è considerato il più difficile e allo stesso tempo il più diretto. Implica uno studio serio e si rivolge a coloro che sono più inclini intellettualmente. Nel contesto delle nostre tradizioni religiose occidentali, studiosi cabalisti, sacerdoti gesuiti e monaci benedettini incarnano gli jnana yogi.

Tantra Yoga

Probabilmente il più frainteso o frainteso di tutti gli yoga, il tantra, il sesto ramo, è il percorso del rituale, che include la sessualità consacrata. La parola chiave qui è "consacrato", che significa rendere sacro, mettere a parte come qualcosa di santo o sacro. Nella pratica tantrica sperimentiamo il Divino in tutto ciò che facciamo. Viene quindi coltivato un atteggiamento reverenziale, incoraggiando un approccio ritualistico alla vita. È divertente notare che, sebbene il tantra sia stato associato esclusivamente al rituale sessuale, la maggior parte delle scuole tantriche in realtà consiglia uno stile di vita celibe. In sostanza, il tantra è il più esoterico dei sei rami principali. Si rivolge a quegli yogi che amano le cerimonie e si relazionano al principio femminile del cosmo, che gli yogi chiamano shakti.Se vedi, e ne sei profondamente commosso, il significato che sta dietro la celebrazione e il rituale (vacanze, compleanni, anniversari e altri riti di passaggio), il tantra yoga potrebbe fare al caso tuo. Molti yogi tantrici trovano la magia in tutti i tipi di cerimonia, che si tratti di una cerimonia del tè giapponese, della consacrazione dell'Eucaristia in una messa cattolica o della conclusione di una relazione.

Combinare i percorsi

Potresti già essere coinvolto in uno o più di questi rami. Ad esempio, potresti già essere un hatha yogi o yogini che pratica le posture con un insegnante o da solo. Se sei un volontario di un ospizio per pazienti affetti da AIDS o un partecipante a un programma del Grande Fratello / Grande Sorella, stai praticando attivamente il karma yoga. Forse la lettura di questo libro stimolerà uno studio approfondito della filosofia dello yoga, mettendoti sulla via dello jnana yoga. Ricorda che non devi limitarti a una sola espressione: puoi praticare l'hatha yoga, prenderti cura del tuo corpo fisico e allo stesso tempo coltivare lo stile di vita di un bhakti yogi, esprimendo la tua compassione per tutti quelli che incontri. Abbi fiducia che qualunque sia la via di espressione yogica che attira il tuo interesse, probabilmente sarà il percorso yoga giusto per te.

Vedi anche quale stile di yoga è giusto per te? 

Raccomandato

Posa della sfida: posa completa del Signore dei pesci
I migliori set di tappetini da yoga
Hai bisogno di un buon allenamento? Queste 10 sequenze principali ti accenderanno