Cos'è Anjali Mudra?

Anjali significa "offerta" e in India questo mudra è spesso accompagnato dalla parola "namaste".

Se hai frequentato anche una sola lezione di yoga, è un gesto familiare: avvicinare i palmi al cuore. Il tuo insegnante può unire le mani mentre dice "Namaste" all'inizio o alla fine di una lezione. Puoi trovare questo gesto all'interno di certe asana —— in Tadasana (Posizione della Montagna), prima di iniziare i Saluti al Sole, o in pose di equilibrio come Vrksasana (Posizione dell'Albero). Questa posizione sacra della mano, chiamata anjali mudra (AHN-jah-lee MOO-dra), si trova in tutta l'Asia ed è diventata sinonimo delle nostre immagini dell'Est, dal volto sorridente del Dalai Lama che scruta sopra le sue dita alle immagini dei devoti davanti a un altare indù o buddista.

Il significato di Anjali Mudra

In Occidente, traduciamo questo gesto come una posizione di preghiera. Poiché siamo cresciuti con questo gesto come parte della nostra cultura, ognuno di noi probabilmente ha la propria connessione personale con questo mudra, positivo o negativo. Alcuni di noi potrebbero trovare una resistenza inconscia a unire le mani come se fosse un segno di sottomissione. Tuttavia, la bellezza di questo gesto, che ci posiziona proprio al centro del nostro essere, è senza tempo e universale. Conosco un bambino di 3 anni che è felicissimo di salutare le persone in questo modo e un attore che si prepara con questo gesto prima di entrare in scena. Mentre esploriamo il significato e il potenziale di questo mudra, sii aperto alla tua esperienza e ai modi in cui questa posizione della mano semplice ma potente può essere uno strumento pratico nella tua pratica e nella vita quotidiana. 

In sanscrito, mudra significa "sigillo" o "segno" e si riferisce non solo ai gesti sacri delle mani ma anche a posizioni dell'intero corpo che suscitano un certo stato interiore o simboleggiano un significato particolare. Anjali mudra non è che uno dei migliaia di tipi di mudra utilizzati nei rituali indù, nella danza classica e nello yoga. Anjali stesso significa "offerta" e in India questo mudra è spesso accompagnato dalla parola "namaste" (o "namaskar", a seconda del dialetto). Come consumato saluto indiano, come un sacro saluto, namaste è spesso tradotto come "Mi inchino alla divinità dentro di te dalla divinità dentro di me". Questo saluto è l'essenza della pratica yogica di vedere il Divino in tutta la creazione. Quindi, questo gesto è offerto allo stesso modo alle divinità del tempio, agli insegnanti, alla famiglia, agli amici, agli estranei,e davanti a fiumi e alberi sacri. 

Anjali mudra è usato come una posizione di compostezza, di ritorno al proprio cuore, sia che tu stia salutando qualcuno o dicendo addio, iniziando o completando un'azione. Quando unisci le mani al centro, stai letteralmente collegando gli emisferi destro e sinistro del tuo cervello. Questo è il processo yogico di unificazione, il giogo della nostra natura attiva e ricettiva. Nella visione yogica del corpo, il cuore energetico o spirituale è visualizzato come un loto al centro del petto. Anjali mudra nutre questo cuore di loto con consapevolezza, incoraggiandolo dolcemente ad aprirsi come l'acqua e la luce fanno un fiore.

Vedi anche  la meditazione in 7 fasi di Deepak Chopra per aprire il tuo cuore

Prova Anjali Mudra

Inizia assumendo una posizione seduta comoda come Sukhasana (Easy Pose). Allunga la colonna vertebrale fuori dal bacino ed estendi la parte posteriore del collo facendo cadere leggermente il mento verso l'interno. Ora, con i palmi aperti, avvicina lentamente le mani al centro del petto come per raccogliere tutte le tue risorse nel tuo cuore. Ripeti quel movimento più volte, contemplando le tue metafore per portare il lato destro e sinistro di te stesso - maschile e femminile, logica e intuizione, forza e tenerezza - nella totalità. Ora, per rivelare quanto possa essere potente il posizionamento delle tue mani sul tuo cuore, prova a spostare le mani da un lato o dall'altro della linea mediana e fermati lì per un momento. Non ti senti leggermente fuori posto? Ora torna al centro e nota quanto è soddisfacente la linea centrale, come un magnete che ti attira nel tuo nucleo.Tocca delicatamente i pollici nello sterno (la placca ossea al centro della gabbia toracica) come se stessi suonando il campanello per aprire la porta del tuo cuore. Allarga le scapole per aprire il petto dall'interno. Senti lo spazio sotto le ascelle mentre porti i gomiti in allineamento con i polsi. Rimani qui per un po 'di tempo e goditi la tua esperienza. Quali cambiamenti iniziali di coscienza sperimentate? C'è un cambiamento nel tuo umore?Quali cambiamenti iniziali di coscienza sperimentate? C'è un cambiamento nel tuo umore?Quali cambiamenti iniziali di coscienza sperimentate? C'è un cambiamento nel tuo umore?

Anjali Mudra nella tua pratica yoga

Ora immagina di iniziare la tua pratica yoga, o qualsiasi attività in cui vuoi essere centrato e consapevole di come il tuo stato interiore influenzerà il risultato della tua esperienza. Prendi di nuovo anjali mudra, ma questa volta separa leggermente i palmi delle mani come per fare una tazza, in modo che le tue mani assomiglino al bocciolo di un fiore di loto. A seconda del tuo orientamento spirituale, puoi metaforicamente piantare una preghiera seme, un'affermazione o una qualità come "pace", "chiarezza" o "vitalità" nel tuo anjali mudra. Abbassa il mento verso il petto e risveglia un senso di umiltà e soggezione con cui iniziare la pratica, come se aspettassi di ricevere una benedizione di cose buone a venire. È importante che questo anjali o offerta sia fedele al tuo Sé poiché sarà il più efficace ed edificante per te. Tradizionalmente,gli yogi potrebbero visualizzare il loroishta devata, o connessione personale a Dio all'interno del santuario delle loro mani. Per alcune persone questa potrebbe essere una montagna sacra, per altri, Gesù, Krishna o la Dea Madre. Allinea la tua mente (consapevolezza), sentimenti (cuore) e azioni (corpo) all'interno di questo gesto. Quando senti che la tua invocazione è completa, porta la punta delle dita al centro della fronte, ajna chakra, e fermati lì per sentire l'effetto calmante del tuo tocco. Riporta le mani al centro per radicare la tua intenzione nel tuo cuore.

Da qui puoi iniziare le tue asana yoga, la meditazione o qualsiasi attività da un luogo di connessione. Nota quanto è più facile essere presente e gioioso con qualunque cosa tu stia facendo. Cerca altre volte per integrare anjali mudra nella tua pratica e vita. Oltre all'inizio e alla fine delle tue sessioni di yoga, anjali mudra può essere utilizzato all'interno dei Saluti al Sole e molti altri asana come un modo per tornare e mantenere il tuo centro. Quando le tue mani si uniscono sopra la testa in Virabhadrasana I (Guerriero I) o in Posizione dell'albero, questo è ancora anjali mudra. Connettere consapevolmente questo movimento verso l'alto delle tue mani attraverso una linea invisibile di energia al tuo cuore aiuterà la tua postura e il tuo atteggiamento interiore.

Nella vita quotidiana, questo gesto di preghiera può essere usato come un modo per collegare l'esperienza interiore ed esteriore, quando si dice la grazia prima dei pasti, si comunica la nostra verità all'interno di una relazione o come mezzo per raffreddare il fuoco dello stress quando ci si sente affrettati o reazionari. Anjali mudra è un mezzo antico per aiutare gli esseri umani a ricordare il dono della vita e ad usarlo con saggezza.

Vedi anche  Una meditazione per aprire il chakra del cuore

A PROPOSITO DI SHIVA REA

Shiva Rea insegna yoga basato sul flusso (vinyasa) che integra allineamento e intuizione, forza e fluidità, meditazione e saggezza in azione presso Yoga Works a Santa Monica, California, e il World Arts and Cultures Program dell'UCLA. È autrice del CD di pratica domestica, Yoga Sanctuary (Sounds True), e conduce workshop e ritiri di avventura in tutto il mondo.

Raccomandato

Incenso che brucia? Potresti nuocere alla tua salute
Il tempo per riposare è adesso
Maestri influenti: 14 pionieri dello yoga occidentale