Capire il fluido sinoviale: come lo yoga può prevenire le articolazioni infiammate

Quando i miei studenti si sentono al caldo, bene e felici dopo una lezione, chiedo scherzosamente se si sentono come se avessero appena avuto una messa a punto e un cambio d'olio. In effetti, mentre lo yoga non cambia i fluidi, fa un ottimo lavoro nel muovere i fluidi nel tuo corpo. Il tuo sangue circola nelle tue arterie e vene e la tua linfa scorre negli spazi intorno a tutte le tue cellule; entrambi i fluidi possono essere purificati dai sottoprodotti metabolici e il sangue può essere rifornito di ossigeno e sostanze nutritive. Lo yoga aiuta anche a far circolare il liquido sinoviale all'interno delle articolazioni, ma, contrariamente alla percezione comune, non riscalda né stimola la produzione di questa importante sostanza.

Allora, qual è il liquido sinoviale? E se lo yoga aiuta a spostarlo, che effetto ha sulla tua salute e mobilità?

Vedi anche 3 cose cruciali da sapere sull'anatomia della colonna vertebrale

Capire il liquido sinoviale

Il liquido sinoviale è il fluido scivoloso che riempie la maggior parte delle articolazioni del corpo. Tutte le articolazioni si verificano dove due ossa separate si intersecano o si sovrappongono, ma ce ne sono alcune che non contengono liquido sinoviale e hanno un movimento molto limitato, inclusi i dischi intervertebrali (tra le vertebre) e le due articolazioni sacroiliache sul retro del bacino. Il resto sono articolazioni sinoviali, che sono liberamente mobili e necessitano di un sistema che ammortizzi le estremità delle ossa, consentendo loro di scivolare l'una sull'altra senza attriti. Questo sistema è costituito dalla cartilagine ialina, dalla copertura liscia e biancastra alle estremità delle ossa e dal liquido sinoviale, che riempie lo spazio tra le superfici cartilaginee e facilita il movimento regolare e indolore tra le ossa. Questo è chiaroIl fluido leggermente viscoso è importante anche perché fornisce nutrienti e ossigeno alla cartilagine ialina, che, a differenza della maggior parte dei tessuti del corpo, non ha un proprio apporto di sangue. Qualsiasi movimento articolare aiuta a far circolare il liquido sinoviale, che alimenta la cartilagine; praticare posizioni yoga aiuta quindi a mantenere la cartilagine ben nutrita.

Ogni articolazione sinoviale ha una capsula fibrosa che circonda l'articolazione, che aiuta a tenere insieme le ossa, insieme ai legamenti (che uniscono l'osso all'osso) e ai tendini (che uniscono il muscolo all'osso). La capsula articolare è rivestita dalla membrana sinoviale, che produce il liquido sinoviale. Il tuo corpo produce automaticamente la quantità necessaria di questo fluido lubrificante. Sebbene l'idea che lo yoga stimoli la produzione di liquido sinoviale crea un'immagine adorabile, in realtà non c'è momento in cui il pozzo si prosciuga.

Vedi anche Anatomia 101: Capire l'articolazione sacroiliaca

Infiammazione: quanto fluido sinoviale è troppo

In effetti, l'unico problema con la quantità di liquido sinoviale si verifica quando ce n'è troppo. Questo problema fa parte del processo infiammatorio, che è definito dalla presenza di gonfiore, dolore, arrossamento e calore. L'infiammazione è la risposta del corpo alle lesioni, nonché parte del processo di artrite, che include l'usura della cartilagine ialina. (Nei casi più avanzati di artrosi - l'artrite da usura comunemente associata alla vecchiaia - e nell'artrite reumatoide - la malattia autoimmune in cui il corpo attacca i propri tessuti articolari - anche la membrana sinoviale si infiamma dolorosamente e la cartilagine può consumarsi fino a quando l'osso poggia dolorosamente sull'osso.)

Poiché l'aumento della produzione di liquido sinoviale - lo vediamo come gonfiore - è associato a lesioni e infiammazioni, non vuoi che la tua pratica yoga stimoli questa produzione. In effetti, noi insegnanti dovremmo incoraggiare gli studenti a praticare in modo tale che, nel corso dei mesi e degli anni, le loro articolazioni diventino più sane e più forti, e che evitino tensioni e lesioni. Uno dei modi migliori per evitare danni alle articolazioni è insegnare agli studenti a prestare attenzione a qualsiasi dolore all'interno o direttamente intorno a un'articolazione e modificare o cambiare l'allineamento della posa per eliminare quel dolore. Dolore dentro o intorno a un'articolazione significa una delle due cose: stai allungando eccessivamente il tessuto connettivo, come tendini e legamenti (che sono progettati per stabilizzare le articolazioni e faranno diventare un'articolazione ipermobile se allungata eccessivamente); o stai comprimendo le superfici articolari,che può contribuire all'artrite. Quindi "nessun dolore alle articolazioni" dovrebbe essere la tua regola di insegnamento. Lasciare il lavoro sulle articolazioni a professionisti sanitari qualificati che sappiano se e esattamente come migliorare la mobilità articolare senza danneggiare la cartilagine o il sistema di supporto dell'articolazione.

D'altra parte, cosa dovrebbe fare un insegnante se uno studente arriva in classe con un'articolazione già infiammata? Un esempio comune è una distorsione alla caviglia, che è dolorosa, gonfia, calda e può essere rossa. I legamenti della caviglia sono spesso eccessivamente tesi entrando in un buco o scivolando via da un tallone alto, ma qualsiasi articolazione può infiammarsi a causa di danni a un legamento o tendine. Esempi comuni sono le lacrime, che sono spesso associate a incidenti e attività atletiche, e il sovraccarico di un'articolazione oltre il suo attuale livello di condizione. Durante lo yoga può verificarsi un sovraccarico di lavoro fino all'infiammazione, magari praticando ripetutamente una posa con un allineamento errato e quindi mettendo a dura prova legamenti o tendini. Inoltre, i muscoli delle spalle gravemente decondizionati o addirittura atrofizzati, ad esempio, possono essere facilmente sovraccaricati anche da pochi Saluti al Sole.E l'artrite, ovviamente, fornisce condizioni articolari che possono essere facilmente provocate nell'infiammazione.

Come lo yoga può far circolare il liquido sinoviale 

La linea di fondo qui è che un'articolazione infiammata non dovrebbe mai essere spinta, allungata nel dolore o lavorata vigorosamente, perché il rischio di aumentare o prolungare l'infiammazione è grande. È molto meglio addestrare i tuoi studenti a rispondere all'infiammazione in un modo che promuove la salute. Usa l'esempio di una distorsione alla caviglia per guidare la tua risoluzione dei problemi. Una distorsione alla caviglia viene solitamente stabilizzata con una benda avvolgente, un tutore o, nei casi più gravi, anche un gesso. Questi stabilizzatori impediscono il movimento, consentendo ai tessuti tesi di guarire senza disturbi. Ma se, invece, ti muovi, allunghi e lavori un'articolazione infiammata, probabilmente causerai microtraumi ripetitivi, che interrompono il processo di guarigione e potrebbero effettivamente causare più danni.

Quindi, quando hai a che fare con l'infiammazione, incoraggia il tuo studente a lavorare vigorosamente su altre parti del corpo e a scegliere pose che mantengano l'articolazione infiammata relativamente tranquilla fino a quando il dolore e il gonfiore non si sono ridotti in modo significativo. Questo non vuol dire che non dovresti muovere affatto l'articolazione: movimenti lievi e non forzati aiutano il processo di guarigione facendo circolare il sangue a legamenti, tendini e muscoli e facendo circolare il liquido sinoviale alla cartilagine ialina. Tuttavia, se l'infiammazione o il dolore è grave o il problema non mostra alcun miglioramento o addirittura peggiora, esorta lo studente a consultare un medico per valutare il problema, eseguire i test necessari e prescrivere un piano di trattamento.

Vedi anche Vinyasa 101: 4 modi per evitare lesioni da yoga

Informazioni sul nostro esperto

Julie Gudmestad è un'insegnante Iyengar Yoga certificata e fisioterapista abilitata che gestisce uno studio di yoga combinato e una pratica di terapia fisica a Portland, Oregon.

Raccomandato

Rilascio dei fianchi stretti
30 Ritiri Yoga + Avventura che chiamano il tuo nome
Voglia di verticale