WTF è appena successo con Alo, Cody App, Kino e la Instagram Yoga Community

Probabilmente ormai hai familiarità con questa storia: il 6 dicembre 2017, Dana Falsetti era a casa quando le sono stati notificati documenti legali da Cody Inc., una piattaforma online che vende programmi di formazione video ed era appena stata acquisita da Alo, LLC , un'azienda di abbigliamento per lo yoga. Cody ha fatto causa al 24enne insegnante di yoga, sostenitore del corpo positivo e (ora ex) istruttore Cody per violazione del contratto e diffamazione commerciale, che hanno affermato che Falsetti avesse commesso in una storia Instagram di breve durata sull'allora confidenziale Cody- Alo fusione. L'8 dicembre Alo ha anche intentato una causa contro Falsetti per diffamazione e calunnia commerciale. 

In Insta Story di Falsetti, ha criticato aspramente Alo, dicendo che il marchio "bugie", "perpetua la vergogna del corpo" e che un dirigente di Alo ha affrontato "accuse di molestie / aggressioni sessuali". i clienti in abbonamento che pubblicizzano l'abbigliamento Alo, che secondo Falsetti "ha portato i suoi studenti e follower a credere" ragionevolmente "che fosse affiliata ad Alo", facendoli esprimere "preoccupazione e delusione" per il suo nuovo rapporto con un'azienda che consideravano " antagonista alla sua difesa della salute e del benessere delle persone di corporatura robusta ". La Falsetti ha risposto per inadempimento contrattuale ed equa indennità, affermando che l'acquisizione violava il suo Talent License and Release Agreement perché ne danneggiava la reputazione.

La sua domanda riconvenzionale è stata archiviata dal tribunale l'8 marzo 2018 e le cause Cody / Alo sono state risolte in via extragiudiziale il 12 aprile, ma ciò che è seguito sui social - sia in post e commenti di sostegno che in quelli schiaccianti - continua a diffondersi nella comunità e rivelare quanto possa essere complicato il matrimonio tra attività yoga e social media.

Giustizia sociale (media)? 

Pochi mesi dopo che Cody e Alo hanno fatto causa a Falsetti, Ashtanga yogi, istruttore di Cody e la celebrità di Instagram Kino MacGregor (@kinoyoga) - con oltre 1 milione di follower - sono intervenuti per difendere Falsetti, e la comunità dello yoga ha fatto irruzione in una comunità senza precedenti, a volte cruda e aggressiva commento sulla vera natura dello yoga e dell'attività yoga. MacGregor ha scritto sul suo Insta che "Se gli yogi entrano in affari, o addirittura cercano di fare soldi con lo yoga, lo yoga dovrebbe sempre venire prima. Qualsiasi marchio o proprietario di un marchio che cerchi di catturare il cuore degli yogi sarebbe tenuto a rispettare gli standard morali ed etici della pratica stessa ". Si è collegata a un articolo di opinione su Elephant Journal a sostegno del suo collega insegnante Cody e ha lanciato una campagna di crowdfunding che ha raccolto più di $ 50.000 per aiutare con le spese legali di Falsetti.Mentre questo post ha ricevuto quasi 24k Mi piace e alcuni hanno commentato di non aver seguito e pianificato di boicottare Alo in risposta al suo messaggio, altri hanno detto che non spetta a Kino criticare gli altri per non comportarsi yogicamente, soprattutto perché anche lei ha una linea di abbigliamento e la sua attività, OMstars, una piattaforma video simile a quella di Cody. Allo stesso tempo, Falsetti (@nolatrees, 330k follower) che aveva mantenuto i dettagli della causa e i riferimenti fuori dai social media, ha ricevuto migliaia di messaggi a sostegno della sua schiettezza e lodandola come ispirazione.Falsetti (@nolatrees, 330k follower) che aveva tenuto lontani i dettagli della causa e i riferimenti dai social media, ha ricevuto migliaia di messaggi a sostegno della sua schiettezza e lodandola come ispirazione.Falsetti (@nolatrees, 330k follower) che aveva tenuto lontani i dettagli della causa e i riferimenti dai social media, ha ricevuto migliaia di messaggi a sostegno della sua schiettezza e lodandola come ispirazione.

Il schieramento di MacGregor con Falsetti derivava, in parte, dalle sue trattative con Alo. "Per me, personalmente, stava raggiungendo una situazione di stallo", dice Kino a YJ. "La linea è stata tracciata quando hanno intentato la causa contro Dana." Secondo Alo, l'acquisizione di OMstars faceva parte di quella trattativa. "Kino MacGregor stava negoziando la vendita della sua piattaforma di yoga ad Alo alla fine di ottobre per più di un milione di dollari", ha detto a YJ un portavoce di Alo. MacGregor, tuttavia, afferma di non aver mai avuto intenzione di vendere la sua azienda. “Volevo mantenere una mente aperta e ascoltare cosa stavano creando Alo e Cody. Mi hanno fatto un'offerta multimilionaria e mi hanno detto che mi avrebbero glorificato e mi avrebbero reso la loro "voce speciale". Ho detto a Paul [Javid, co-fondatore di Cody] e Marco [deGeorge, co-fondatore di Alo] grazie per l'offerta, ma no grazie.Non mi piaceva la direzione in cui stavano andando e il modo in cui pensano allo yoga, e non volevo essere affiliato con loro. Ho detto loro che gestivo OMstars e la loro offerta non prendeva in considerazione il mio canale ".

La tensione tra Alo e MacGregor potrebbe essere stata il catalizzatore di un post sul blog che ha scritto sul suo sito a dicembre che parlava di marketing subliminale e trasparenza del marchio. Nel post, MacGregor ha incoraggiato i consumatori a "votare con i vostri dollari e boicottare i loro prodotti" se vedono le grandi aziende "monopolizzare il messaggio dello yoga". Il post menzionava anche gli account Instagram @YogaInspiration, @YogaGoals e @ YogaChannel, che includono tutti immagini di yogi che indossano abiti Alo. Alo possiede tutti e tre gli account, ma solo il profilo di @ YogaInspiration menzionava Alo, e mentre @YogaGoals aveva un collegamento all'app store di Apple all'app Alo Yoga Poses, non menzionava Alo esplicitamente. Dopo che MacGregor ha pubblicato il blog, Alo le ha inviato una lettera di cessazione e cessazione. Secondo il portavoce di Alo, "Kino aveva violato i termini del suo contratto con Cody".

Poco prima che Falsetti annunciasse che le cause erano risolte in via extragiudiziale, MacGregor ricevette un mandato di comparizione - servito dopo le lezioni a Birmingham, Alabama, mentre stava parlando con gli studenti - sulla base di "informazioni reperibili" o prove che potevano essere utilizzate nella causa Alo, LLC c. Dana Falsetti. Alla nostra data di pubblicazione, MacGregor era ancora in trattative con Cody e Alo per quanto riguarda il suo contratto e l'utilizzo dei contenuti.

Valori yogici esaminati: il contraccolpo della comunità yoga sui social media

I dialoghi che hanno avuto origine con le cause legali hanno preso una brusca svolta quando i commenti su Instagram tra gli yogi hanno iniziato a riscaldarsi a livelli drammatici, sfidando uno dei principi yogici più sacri, ahimsa (non violenza, non danneggiare). Le persone, molte delle quali sono esse stesse yogi, condannarono coloro che avevano un punto di vista opposto. Non sono stati solo Falsetti e MacGregor a ricevere feedback insensibili; diversi importanti ambasciatori di Alo (che erano elencati nel pezzo di Elephant Journal ) si vergognavano per la loro collaborazione con l'azienda di abbigliamento. Ancora più preoccupante era il avanti e indietro competitivo tra estranei. "Le persone sono incoraggiate dai social media e si fanno soapboxing su piattaforme di commenti e storie", afferma Waylon Lewis, redattore capo di Elephant Journal, che ha pubblicato il pezzo di opinione di MacGregor. “Si sono divisi in lati e non vedono più il lato opposto come un buon essere umano. Tutto diventa rancoroso. È la falsa notizia dello yoga ".

Sebbene questo tipo di comportamento possa essere sorprendente, dato che sta accadendo nella comunità dello yoga, non dovrebbe esserlo. I social media prosperano su comportamenti estremi, amplificando le conversazioni con una velocità incredibile. La giustapposizione tra programmi spirituali e mercificazione - dopotutto, spendiamo tempo e denaro per tappetini per lo yoga, insegnanti, mala - può generare forti sentimenti se un conflitto mette in dubbio il proprio investimento in una pratica yoga. "Lo yoga è molte cose per molte persone", afferma Andrea Jain, professore associato di studi religiosi presso l'Indiana University-Purdue University di Indianapolis e autore di Selling Yoga: From Counterculture to Pop Culture. “Uno dei vantaggi [dei social media] è che lo yoga può essere adattato alle esigenze del pubblico individuale in modo che possano vedere se stessi nel mondo dello yoga. Lo svantaggio è che fornisce un forum in cui le persone possono rivendicare l'autenticità e la proprietà [dello yoga] e abusare verbalmente di coloro che pensano stiano deviando dalla retta via ".

Briohny Smyth (@yogawithbriohny), un ambasciatore di Alo con oltre 100.000 follower su Instagram e uno dei migliori allenatori di Cody, ha sentito in prima persona gli effetti della divisione della community. Giorni dopo l' Elephant Journal di MacGregorarticolo, le numerose richieste di DM per la sua opinione hanno spinto la Smyth ad affrontare la storia. Ha scritto: "Non ho problemi personali con nessuno in questo dramma, infatti, ho molto amore per tutti loro ... Gli affari sono affari. Dopo aver esaminato i fatti, credo che si sarebbe potuto raggiungere un accordo amichevole se le persone fossero state ragionevoli e non reattive ". Questo ha scatenato una marea di commenti: molti hanno applaudito i suoi pensieri e altrettanti hanno lanciato insulti, definendola "stupida" e "assetata di denaro". "È tempo per noi di riesaminare cosa è diventato lo yoga invece di sederci e odiarlo", dice Smyth a YJ in risposta alle reazioni ai suoi post. "Vogliamo coltivare la comunità, non creare comunità attraverso l'odio".

Quando MacGregor ha iniziato la conversazione sulle cause legali Falsetti, la sua speranza era che se le persone avessero scelto di parlare, la sua chiamata all'azione sarebbe stata gestita con maturità e responsabilità, dice a YJ. "La rabbia non è uguale all'odio", aggiunge. “Non ho mai e poi mai chiesto a nessuno di odiare o inviare messaggi di odio a nessuno. Ho il cuore spezzato per come è andata a finire. "

La lezione che tutti possiamo imparare qui è che cercare di allineare il messaggio dello yoga con una singola entità è controproducente. "Vorrei incoraggiare i praticanti di yoga a pensare allo yoga come a un sistema di grandi dimensioni", dice Jain. “Siamo spinti a rispondere impulsivamente [sui social media]. Quando vedi qualcosa che ti fa arrabbiare, siediti e rifletti e pensa in modo critico prima di formarti un'opinione o una posizione. Non si tratta necessariamente di questa figura o di quella società, ma del sistema in cui funzionano: il capitalismo ".

'Risoluzione amichevole' tra Alo, Cody App e Dana Falsetti 

Dopo che Falsetti ha raggiunto la sua risoluzione con Cody e Alo, ha pubblicato una dichiarazione pubblica tramite il suo account Instagram, ammettendo di aver commesso alcuni errori. "Se potessi tornare indietro e rifare tutto di nuovo, farei più controllo dei fatti e cercherò un percorso non reattivo per esprimere le mie preoccupazioni ..." ha scritto. "Non sono riuscito a capire completamente un contratto che ho firmato, ed è colpa mia ... Ho parlato per il desiderio di essere trasparente alla mia comunità e fedele al mio lavoro."

Sebbene i dettagli della delibera non siano stati resi pubblici, è stata affrontata la questione del contenuto di Falsetti. "I membri di Cody che hanno pagato per i contenuti di Dana possono ancora accedervi", afferma il portavoce di Alo. "Tuttavia, i suoi contenuti sono stati rimossi dalla piattaforma Cody. Siamo lieti di essere giunti a una risoluzione con Dana e le auguriamo il molto meglio."

Per quanto riguarda Falsetti, sente che almeno le sue cause legali hanno acceso il dialogo su questioni importanti (come l'immagine del corpo e il modo in cui si riflettono gli stereotipi) rilevanti per la comunità yoga ora. "Il fondamento di una pratica yoga è che dobbiamo ascoltare le esperienze che le altre persone stanno vivendo", dice a YJ. "Le persone sono pazze per la disconnessione che esiste tra lo yoga e il microcosmo del benessere [su Instagram]". La sua speranza è che questi commenti siano trasformati in conversazioni reali di persona che raggiungano le persone a un livello più profondo, portando consapevolezza a stereotipi e pregiudizi, dice.

"Per me lo yoga è giustizia sociale", afferma Falsetti. “La mia pratica yoga non è solo asana, ma edifica comunità emarginate, conversazioni dure e spesso controverse e ampliamento della consapevolezza. Se dalla pubblicità di questa situazione è emerso qualcosa di positivo, sembra che siano le conversazioni dinamiche in cui le comunità sono impegnate. Gli argomenti a portata di mano: yoga e benessere mercificati, diversità nel marketing, pubblicità trasparente, libertà di parola, pratiche etiche, intersezione del capitalismo e delle pratiche spirituali, l'abilità, il grasso pregiudizio e tanti altri sono importanti. Sono importanti. Non spegniamoli. "

Raccomandato

Buzzed: Yoga and Alcohol
Di quale olio essenziale ha bisogno il tuo chakra? Rispondi al nostro quiz!
12 pose per mantenere la calma quest'estate