Padroneggiare l'Om: una guida per principianti

Ti senti ansioso ogni volta che canti Om? Impara dall'esperienza della scrittrice Yelena Moroz Alpert con questa guida e video dimostrativo.

All'inizio della mia pratica yoga, spesso rinunciavo a suonare l'Om. Saltarlo aveva perfettamente senso: le mie deboli corde vocali lo facevano suonare come un piagnucolio patetico e piagnucoloso. Non riuscivo mai a trovare il momento giusto o a prendere abbastanza fiato. Semplicemente non l'ho sentito.

È stato solo anni dopo, quando ho iniziato ad Ashtanga, che ho iniziato ad aspettare con ansia il mantraat all'inizio e alla fine della lezione, sebbene il mio suono fosse ancora alterato e mi sentissi impacciato nelle classi più piccole.

Vedi anche  To Om o Not To Om? 

Che cos'è "Om"?

"Om" è più di un semplice invito per iniziare la tua pratica. Si dice che sia il suono primordiale nato con l'universo. Mentre espiriamo l'AUM, la sua vibrazione ci collega alla fonte originale della creazione. Se eseguito correttamente, il suono riverbera dal pavimento pelvico verso l'alto attraverso la sommità della testa, riempiendo il corpo di energia pulsante che allo stesso tempo rafforza e irradia tranquillità.

Quest for Comfort Chanting Om

Determinato a trovare questa energia cosmica, ho viaggiato per 2.000 miglia e mi sono iscritto a ogni seminario Om-centric al Sedona Yoga Festival.

Ho iniziato con Yoga Om, che si è svolto nel cuore della contea di Red Rock. Circondato da un magnifico sfondo di un paesaggio preistorico color ruggine, il nostro piccolo gruppo si è riunito sull'orlo di un abisso a forma di ciotola per scoprire la nostra energia interiore. Proprio come perfezionare le asana giocando con l'equilibrio e l'allineamento, calibrare l'Om richiede pratica. Prima che abbia la possibilità di aprire bocca, Roxanne Wessel, istruttrice del workshop e leader dell'escursionismo per Sedona Spirit Yoga & Hiking, mi dice di aprire la schiena, che ospita l'inconscio. "Aprendo la schiena con l'inspirazione, stai accogliendo il respiro come un dono e fornendo spazio", dice. "In questo modo eliminerai i luoghi oscuri e le tensioni all'interno". Mentre prendo l'aria arida dell'Arizona, la mia schiena si espande, mi sento immediatamente più alto, più potente. Quindi procediamo a suonare le scale: do, re, mi, fa, so, la,ti, do - per risvegliare i chakra. Questo impianto idraulico mi prepara per ciò che viene dopo: isolare le vibrazioni all'interno. Mentre canto "vam-vam-vam", il mio stomaco risponde silenziosamente; "Yam-yam-yam" e il mio petto si riempie di tamburi tribali. Le mie corde vocali sono corde tese con ogni "prosciutto-prosciutto". "Invia la tua energia su e fuori", dice Wessel. Sento una potente vibrazione, come una campana tibetana, rullare nella mia testa mentre suono il "ing-ing-ing" nasale.Sento una potente vibrazione, come una campana tibetana, rullare nella mia testa mentre suono il "ing-ing-ing" nasale.Sento una potente vibrazione, come una campana tibetana, rullare nella mia testa mentre suono il "ing-ing-ing" nasale.

Sorpreso dal fatto che il mio corpo stia effettivamente lavorando in tandem con la mia voce, mi rendo conto che questa è la prima volta che non cerco di emulare il suono sfuggente: io sono il suono.

Vedi anche  A Higher Hum: Breath and Mantra Meditation

How To Om: un tutorial

Armato di ritrovata fiducia, mi dirigo a un seminario tenuto dal venerabile Rama Jyoti Vernon, che scompone la sillaba Om per sillaba - a-ā-u-ū-m- (ng) - (silenzio). L'Om di Rama è diverso da tutto ciò che ho sentito prima. Questa donna dalla voce pacata diventa un megafono per la vibrazione finale che riecheggia nella stanza.

Il suo tutorial è abbastanza semplice: per suonare le prime due sillabe, apri la bocca come se volessi assaporare la pienezza dell'universo. Increspare le labbra insieme aiuta ad allungare le due sillabe successive. "È come se entrambi i lati del cervello si unissero per formare una freccia che viene emessa con una messa a fuoco nitida", dice. Posiziona la punta della lingua sul tetto della bocca per suonare le ultime due sillabe, me ng, che simboleggiano la fine del ciclo di creazione. Lascia che il silenzio ti avvolga prima di inspirare di nuovo.

Al di là della fonetica, la lezione più importante che mi insegna è questa: "L'espirazione è uno stato senza ego", dice. "Non sto facendo l'Om, l'Om è fatto tramite me."

Guarda il suo video dimostrativo >>

Trovare il tuo Om

Ho messo tutto questo in pratica nella classe di Saul David Raye, Power of Om, dove cantiamo collettivamente per 20 minuti. Penso agli esercizi Red Rock e respiro profondamente dalla schiena, assaporando ogni sillaba e vibrazione che mi attraversa. Arie magiche mi avvolgono e mi sommergono mentre mi sintonizzo sul mio Om. Non ho più paura della mia voce e invece visualizzo una sorgente gorgogliante alla bocca dello stomaco, aumentando la velocità mentre esplora il mio petto, la gola e infine esce dalla sommità della mia testa come una fontana, poi gocciola dolcemente in una pozza al mio bacino.

"La fonte è dentro di te", dice Raye. Non potrei essere più d'accordo.

Vedi anche  Guida per principianti a canti comuni + mantra

Raccomandato

10 cose che solo Pitta capiranno
Triphala: tonico per la pancia dell'Ayurveda
Talking Shop con David Swenson