Talking Shop con Gabriella Giubilaro

Gabriella Giubilaro combina il calore, la terra e il buon umore della sua patria italiana con la precisione e l'amore per i dettagli che l'hanno condotta attraverso la laurea e la laurea magistrale in fisica. Dal 1977 insegna yoga in stile Iyengar a Firenze, in Italia, e in seminari in tutto il mondo.

Yoga Journal: come hai scoperto lo yoga?

Gabriella Giubilaro: È stato solo un caso. Ho incontrato un amico che stava andando a una lezione di yoga, quindi mi sono unito a lui. Era il 1973 a Firenze, con Dona Holleman. Mi è piaciuto fin dall'inizio, quindi sono rimasto. Ho studiato con Dona e l'ho assistita per 16 anni.

YJ: Chi altro ti ha influenzato?

GG: BKS Iyengar è stata la mia più grande influenza. Sono andato in India per la prima volta nel 1983 e da allora quasi ogni anno studio con lui e sua figlia Gita. La cosa più importante che mi ha trasmesso non è solo la conoscenza; sono gli strumenti di come lavorare su me stesso, come capire la saggezza del corpo. Il corpo ha una sua intelligenza: i modi in cui dovrebbe muoversi; il giusto rapporto del corpo esterno con gli organi e con la mente. L'intelligenza del corpo è sempre la stessa, non importa se pratichiamo piegamenti in avanti, piegamenti all'indietro, colpi di scena.

YJ: Pensi che ci sia qualcosa di tipicamente italiano nel tuo approccio all'insegnamento dello yoga?

GG: Beh, gli italiani usano molto le mani quando parlano, sì? Quindi, quando insegno in una classe, lo faccio. A volte sembra molto divertente agli studenti americani.

YJ: Insegni molto sia in Europa che in America. Gli studenti sono diversi in luoghi diversi?

GG: Una differenza maggiore è tra gli europei del sud e del nord o dell'est. Gli italiani, quando fanno yoga, non puoi mai impedirgli di parlare. Li prendo in giro; Dico che il loro asana preferito è "Talkasana". E la cosa di cui parlano è il cibo. A volte cercherò di fare qualcosa di serio in classe, e qualcuno mi interromperà: "Vuoi una nuova ricetta per i carciofi?" o "Hai provato questa torta di mele?" Le persone dei paesi orientali come la Polonia e la Russia, lavorano così duramente e non vogliono mai smettere. Sono molto seri.

YJ: Quindi non sei un tipico yogi italiano?

GG: No, no, no, sono molto più simile a un russo!

YJ: Qual è la tua pratica quotidiana?

GG: Al mattino, faccio prima meditazione, poi Pranayama, poi asana. Nel pomeriggio, eseguo le pose riparatrici - Bilanciamento della testa, Bilanciamento delle spalle - per tacere.

YJ: Molti studenti potrebbero non vedere la posizione sulla testa e sulle spalle come riparatrici, poiché devono lavorare sodo per farle.

GG: Ah, sì, ma è perché quando stai appena iniziando a fare una posa e stai lottando con i tuoi muscoli, allora ti senti stanco e pensi che la posa non sia riparatrice. Ma quando impari a fare la posa con meno sforzo dei muscoli, puoi iniziare a sentire l'effetto che l'asana ha sugli organi e sulla mente.

YJ: Stabilisci degli obiettivi nella tua pratica?

GG: Quando ho iniziato a fare pratica, il mio sogno era quello di fare Head Balance al centro della stanza. Poi il mio sogno era quello di fare Padmasana [Lotus Pose], specialmente in Head Balance. Poi ho pensato che dovevo diventare flessibile e mi ci sono voluti 10 anni per imparare che il modo non era diventare flessibili ma diventare forti. In questo momento ho un obiettivo molto alto: passare da Full Arm Balance [Handstand] a Bakasana [Crane Pose]. Ma non mi interessa se ci arrivo. Ci lavoro perché mi sta insegnando ad essere leggera e forte allo stesso tempo.

YJ: Hai mai inventato una posa yoga?

GG: Mi piace fare yoga quando guido la mia grande Vespa. A volte faccio cose molto divertenti e le persone si girano e guardano. So che è un po 'pericoloso, ma dobbiamo divertirci, no? Vieni a Firenze un giorno, ti porto a fare un giro!

Raccomandato

Apri il tuo cuore: una playlist di yoga di 60 minuti per l'Anahata Chakra
Risveglia la tua pratica yoga con la consapevolezza del respiro
Sandali da meditazione delle migliori donne